STORIE VERE
STORIE VERE
  • 294
  • 107 437 755
  • Iscritto il giorno 23 gen 2019
STORIE VERE è una piattaforma digitale che offre alle persone la possibilità di trasformare le proprie storie personali in animazione e saranno condivise con tutto il mondo.
Che si tratti di una storia struggente o di successo, di una sfida o di un fallimento, di qualcosa di veramente serio, di triste o solo per divertimento, vogliamo che c’è l’ho racconti! L'unico criterio è che deve essere una storia vera. Le animazioni che creiamo dalle tue storie saranno visualizzate, condivise e coinvolgeranno persone online attraverso i loro computer, tablet e smartphone.
Inviaci la tua storia! Buon divertimento :)

Video
Mia Madre mi ha Lasciata con una Strana Donna ed è Sparita
Mia Madre mi ha Lasciata con una Strana Donna ed è Sparita
4 giorni fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao a tutti. Io sono Rachel e ho 12 anni. Nell’arco di tutta la mia vita ho visto mia madre solo poche volte all'anno, quindi mi è sempre mancata. Ma non credevo che il suo ritorno avrebbe reso la mia vita un vero incubo. Beh, per quel che ricordo, ho sempre vissuto con mia nonna. La mamma tornava a casa più volte all'anno, ci dava dei soldi e se ne andava per tornare a lavorare. In pratica, è sempre stata via quando c’è stato un evento importante nella mia vita, non eravamo vicine e raramente ci telefonavamo. Ma io l’amavo comunque, perché è mia madre, e si guadagnava da vivere in modo che io potessi avere una vita normale. Inoltre, avevo sempre mia nonna su cui contare. In fondo, penso di aver avuto un'infanzia abbastanza normale. Ma poi tutto è cambiato. Era un'estate molto calda e mia nonna riusciva a malapena a sopportarlo. E una mattina è successo. La nonna non si è svegliata. Voglio dire ... è morta. Tutto quello che potevo fare era chiamare un'ambulanza, ma i dottori non potevano fare nulla. Ero devastata. L'unica persona che mi era stata vicina per tutta la vita era morta. Ho chiamato mia madre per dirle tutto. E sai, penso che mi aspettassi delle parole di conforto. E invece, è stata la chiamata più breve della mia vita. Mi ha solo detto: "Ho capito. Verrò domani e ti aiuto a sistemare tutto". Basta! Nessuna parola di sostegno, nessun dolore nella sua voce. E poi, la mattina dopo, tutto è diventato chiaro. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mio Fratello è Morto e io Mi Sono Messa alla Ricerca del Figlio Illegittimo
Mio Fratello è Morto e io Mi Sono Messa alla Ricerca del Figlio Illegittimo
5 giorni fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao! Io mi chiamo Francine, presto avrò diciotto anni e subito dopo, me ne andrò via da casa dei miei genitori ... Quasi sei anni fa mio fratello più grande fece lo stesso, ma non è andata bene. È morto sei mesi fa. E solo ora sono in grado di parlarne. Ma, stranamente, “dopo la tempesta arriva la quiete” ... Ed è di questo che parla la mia storia. Mio fratello si chiamava Roy. Come ti ho già detto, è uscito di casa circa sei anni fa per andare all’università, in uno stato vicino. Roy era un bravo ragazzo, un bravo figlio e un bravo fratello ... E mi manca così tanto. I miei genitori riponevano tutte le loro speranze in lui: era autosufficiente, aveva preso una borsa di studio, e dopo le lezioni lavorava part-time per pagarsi le bollette. Certo, quando un giorno chiamò nostra madre e le chiese, con voce molto agitata, di inviargli una grossa somma di denaro, i miei genitori si preoccuparono molto e chiesero a Roy se si fosse messo nei guai. Roy non ha né ammesso né negato, ma ha confessato di avere un debito che doveva essere pagato, altrimenti si sarebbe potuto mettere nei guai. Ed era vero, ma solo parzialmente. I miei genitori ... beh, a dire il vero, sono un po’ creduloni. Altri tipi di persone sarebbero andate a trovare Roy, o avrebbero chiamato la polizia per scoprire se era in pericolo o se fosse stato coinvolto in qualche tipo di attività criminale. Ma loro non hanno fatto nulla del genere, hanno semplicemente preso i soldi dai loro risparmi e li hanno inviati a Roy. Ma io ero diversa da loro, e conoscevo meglio mio fratello. Dopotutto siamo cresciuti insieme! Ho chiamato Roy e ho chiesto una spiegazione, minacciandolo che se non mi avesse detto la verità, sarei andata da lui con i suoi migliori amici, che vivevano ancora nella nostra città. E, insieme, avremmo sicuramente fatto in modo che Roy ci dicesse cosa era successo e lo avremo fatto ragionare. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
La mia Ragazza è Malata Terminale e Voglio Lasciarla. Ma non Posso!
La mia Ragazza è Malata Terminale e Voglio Lasciarla. Ma non Posso!
7 giorni fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao a tutti! Io mi chiamo Nick. Ragazzi, siete mai stati in una relazione da cui non potevate uscire? Beh, io ci sto passando adesso. Spero che possiate darmi qualche consiglio, perché sono in un vicolo cieco. Per tutta la vita ho sempre fatto tanti sport, quindi qualche ferita e le nottate in ospedale non mi hanno mai spaventato. Sono abituato a fratture, bende, punti e altre cose simili. Ed è per questo che quando pensavo di essermi rotto il naso, dopo una partita di hockey, e sono andato dal dottore, non ero molto agitato. Ma quella volta, in ospedale, è stato totalmente diverso da tutte le altre volte. Ho visto una ragazza, e beh, voglio dire, non era la prima volta che vedevo una ragazza in ospedale, ma quando ho visto quella ragazza in particolare, con la stessa benda sul viso, e si capiva chiaramente che si era fatta male al naso, mi sentivo come se lei fosse diversa dalle altre. Ricordo come stavo lì, sdraiato, ad aspettare per i controlli, cercando di fare una battuta divertente sui nostri nasi per prendere confidenza con lei mentre aspettavo che non ci fosse nessuno in giro. Non so perché, ma l'idea di parlare con lei mi rendeva nervoso, quando, in realtà, ero ben lungi dall'essere timido. Poi l'ho sentita piangere! Era la mia occasione per dirle qualcosa. Le ho chiesto come si era fatta male e mi ha detto che stava suonando il pianoforte, ed è caduta goffamente e ha colpito il naso sulla sedia. Le ho detto che doveva essere felice di non essersi ferita le dita, dal momento che il naso non le serviva per suonare il piano. Penso che questa battuta le sia piaciuta molto, oppure ero io che ero buffo, oppure non so. Ma mi ricordo il suo sorriso e come mi ha guardato, ed è così che è cominciata la nostra storia d’amore. Tutto sembrava così perfetto, e quando ci hanno dimesso dall'ospedale, abbiamo passato, praticamente, ogni singolo minuto insieme. Andavo ai suoi concerti di musica classica e lei veniva alle mie partite. Anche se avevamo interessi totalmente diversi, ero davvero felice, e Clarissa, così si chiama, mi ha detto che era felice di stare con me. Ma poi si è ammalata. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Non ho Risposto al Messaggio di Addio da Parte del mio Fidanzato. È Stato un Errore!
Non ho Risposto al Messaggio di Addio da Parte del mio Fidanzato. È Stato un Errore!
7 giorni fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao! Io mi chiamo Ava, e ho quindici anni. Mi piacerebbe condividere una storia che parla di una mia relazione amorosa. Non c’è il lieto fine, ma spero che la mia esperienza possa essere utile ad altre ragazze che si trovano in una situazione simile. Questa storia parla di come il mio ragazzo mi ha usata per nutrire il suo ego. L'ho incontrato a una festa che la mia amica del liceo, Emma, ​​aveva organizzato. Emma è una ragazza socievole, energica e semplice, con cui mi piaceva uscire. Mi ha invitata alla sua festa di compleanno, e lì ho incontrato il mio futuro ragazzo ... tuttavia, in quel momento, era il ragazzo di Emma. Ma non l'ho rubato alla mia amica! Lei era più che felice di cedermelo. Questo ragazzo si chiama Martin. E sai, era il protagonista di quella festa! Era carino e molto spigliato. Faceva battute divertenti, facendo ridere tutti, ballava molto bene, e ha fatto lo scemo prendendo il microfono e cantando una specie di canzone al karaoke ... E dal primo momento che l’ho visto mi è piaciuto subito! Mi sono avvicinata a Emma e le ho chiesto timidamente di presentarci. Emma ridacchiò in modo strano e mi disse che era il suo ragazzo, ma se mi piaceva, potevo prendermelo e sarebbe stata più che felice di liberarsi di lui. Ho pensato che fosse uno scherzo e ho riso educatamente, ma, in realtà, le parole di Emma sembravano così strane che mi sono sentita in imbarazzo e ho deciso di lasciare la festa il più velocemente possibile. Ma non sono andata molto lontano. Ha cominciato a piovere, e mentre cercavo l’ombrello mi sono resa conto che l'avevo lasciato a casa di Emma. E sono dovuta tornare indietro. Ed è stato lì che ho assistito a una scena molto strana: Emma stava sulla soglia della porta e gridava a Martin: “Vattene! Non voglio rivederti MAI più o sentirti, lasciami in pace!”. E poi, Emma tornò in casa e Martin se ne andò. Quando mi è passato vicino, ho visto che aveva il viso tutto bagnato, ma non dalla pioggia, bensì dalle lacrime! E neanche mi ha notato! Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Il mio Fidanzato Potrebbe in Realtà Essere mio Padre. Oh mio Dio! || Le Migliori Storie Animate
Il mio Fidanzato Potrebbe in Realtà Essere mio Padre. Oh mio Dio! || Le Migliori Storie Animate
8 giorni fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao! Io sono lana! E se pensi di essere tu quella che sceglie il tipo sbagliato, allora la mia storia ti dimostrerà che sono io la più sfigata. Ho solo 18 anni, ma ho già vissuto la storia d'amore più strana che si possa immaginare, così strana che mia madre ha buttato fuori casa il mio fidanzato subito dopo un funerale. E, in questo momento, non sono pronta per una nuova relazione. Tutto è successo durante la mia prima estate dopo il diploma. Ero così felice perché i miei genitori mi avevano permesso di andare via con gli amici, a fare un viaggio in Italia, prima di iniziare l’università. Non posso negarlo, mi sono innamorata. Jonathan era lì per un viaggio d'affari. Ci siamo incontrati quando ci siamo ritrovati a cenare nello stesso locale e ... Beh, oops! Si è rivelato essere molto più grande di me, ma era così bello e si comportava come un vero gentiluomo. Mi ha corteggiato in una maniera quasi fiabesca, con i fiori, le passeggiate romantiche e tutto il resto. E anche se sembra un cliché, dubito che ci sia una sola ragazza al mondo a cui non avrebbe fatto piacere. Quindi, non ci ho messo molto a innamorarmi di lui e il mio viaggio si è rivelato qualcosa di più di una semplice pausa estiva. Ma poi mia madre ha chiamata dandomi delle notizie devastanti. Ha detto che sua madre, mia nonna, era appena morta e che dovevo correre a casa. Ovviamente, era una notizia terribile. Ho iniziato a fare le valigie non appena ho attaccato con mia madre e non riuscivo più a smettere di piangere. Era strano, ma un paio di settimane prima, quando ero arrivata, mi sentivo più adulta, e ora tutto quello che volevo era che qualcuno mi desse sostengo, per prendere tutte le decisioni a posto mio. Jonathan è stato l'unico su cui ho potuto contare. Si è preso cura dei biglietti aerei e di altre cose e mi ha persino detto che poteva essermi di sostegno durante questo periodo, e io l'ho apprezzato molto. Ma appena siamo atterrati all'aeroporto, sono successe una serie di eventi alquanto ambigui. Dunque, mio ​​padre è venuto a prenderci per riportarci a casa. E quando ha visto Jonathan, era un po’ "sorpreso per la sua età", diciamo così. Insomma, avevo detto ai miei genitori che non tornavo a casa da sola, ma immagino che si aspettassero di vedermi con un ragazzo e non qualcuno che poteva essere mio padre. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Ho Vissuto con un Dollaro al Giorno e ora Sono una Leggenda Vivente || Le Migliori Storie Animate
Ho Vissuto con un Dollaro al Giorno e ora Sono una Leggenda Vivente || Le Migliori Storie Animate
8 giorni fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao! Sai, credo che i nostri genitori vogliano solo il meglio per noi, ma a volte i loro modi di educarci sono alquanto insoliti. E questa educazione ha un impatto sul nostro futuro, indipendentemente dal fatto che lo vogliamo o no. Ma solo noi possiamo decidere come usare ciò che abbiamo imparato da loro. Ascolta questa storia su come mi hanno educato e di ciò che ne ho tratto. Io mi chiamo Elon Musk e se pensi che la tua infanzia sia stata complicata, non sei il solo! I miei genitori sono divorziati, e sono cresciuto avendo come amici i miei libri. Ebbi delle difficoltà a scuola, e lavorai in un cantiere edile. Mio padre non aveva fiducia in me, e lontano da casa, sono sopravvissuto con un dollaro al giorno e sono quasi morto di fame. Ma tutto questo non conta realmente. Quello che ho capito, è quello che fai con ciò che ti insegnano i tuoi genitori. I primi otto anni della mia vita sono stati, in qualche modo, raggianti e felici. Vivevo con mia madre, mio padre e i miei due fratelli più giovani, in una città del Sud Africa. Ed eravamo a circa un'ora di auto dalla capitale. Entrambi i miei genitori erano persone impegnate, lavoravano sodo e non li vedevo molto. Ma si assicurarono che a me, mio fratello e mia sorella non mancasse nulla. E non ci mancava niente ... tranne l’affetto, forse. Non avevamo una tata, solo una governante che era lì per assicurarsi che non rompessimo nulla. Non ho mai fatto danni in casa; di solito, ero fuori a fabbricare esplosivi, a costruire razzi e a fare cose che avrebbero potuto uccidermi. Sono ancora stupito di avere tutte le dita! Inoltre mi piaceva leggere. Una volta, la mia famiglia è andata a fare shopping quando, durante la giornata, si sono resi conto che non c’ero più. Beh, mia madre ha preso mio fratello ed è venuta a cercarmi. Mi trovarono in una libreria, e me ne stavo lì seduto sul pavimento a leggere, ignaro di tutto ciò che stava accadendo. Quando sono cresciuto e la scuola terminava alle 14:00, io andavo in libreria e rimanevo lì fino alle 18:00, quando i miei genitori tornavano a casa dal lavoro. Leggevo libri, fumetti e anche romanzi. A volte mi cacciavano via dal negozio, ma di solito mi permettevano di restare. A un certo punto, ho finito i libri da leggere nella biblioteca della scuola, nella biblioteca del quartiere, e nelle librerie, e così ho iniziato a leggere le nostre enciclopedie. Ed è stato così utile! Ho scoperto che c’era un’infinità di cose da sapere. E mi sono reso conto di quante cose potevo imparare. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Ho Trovato una Lettera in Soffitta. È stata scritta da mia Madre || Le più Belle Storie Animate
Ho Trovato una Lettera in Soffitta. È stata scritta da mia Madre || Le più Belle Storie Animate
10 giorni fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Ho Buttato Fuori Casa la mia Migliore Amica Incinta e non me ne Pento
Ho Buttato Fuori Casa la mia Migliore Amica Incinta e non me ne Pento
12 giorni fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao! Vorrei raccontarti una storia, né più né meno, di come la vita può prenderti alla sprovvista. Non sarà una storia divertente perché ti racconterò di come ho tradito la mia migliore amica. Ma è solo un punto di vista, perché io vedo tutto da una prospettiva completamente diversa. A proposito, io mi chiamo Tonya e da poco ho compiuto diciassette anni. Tutto è iniziato all'incirca dieci o, forse undici anni fa, non ricordo esattamente. Ero una bambina e vivevo con i miei genitori in una piccola e accogliente casa, nella periferia di una piccola città. E avevo una sola amica: Olive. Aveva un anno e mezzo più di me e viveva vicino casa mia. I suoi genitori erano piuttosto poveri, quindi non possedevano una casa. Vivevano in una vecchia roulotte. Ma erano persone educate e gentili, quindi mia madre non aveva problemi se ero amica con Olive. A quel tempo Olive e io eravamo così inseparabili. E abbiamo persino fatto una specie di cerimonia per rafforzare la nostra amicizia. Ora capisco che fosse ridicolo e sciocco, ma per noi bambine, era estremamente importante. C’era una vecchia quercia vicino a casa e Olive ha suggerito di scolpire le parole: "Olive e Tonya, amiche per sempre!" sulla sua corteccia. Ricordo che Olive aveva rubato un coltello dal padre, ricordo che siamo state fortunate a non tagliarci le dita mentre intagliavamo quelle lettere, e ricordo persino che il mio nome era stato scritto male. Immagino che probabilmente anche tu hai dei bei ricordi con i tuoi amici d'infanzia, non è così? Ecco perché Olive e io eravamo terribilmente sconvolte quando mio padre trovò lavoro nella capitale dello stato in cui vivevamo e ci siamo rese conto che il nostro trasloco era inevitabile. Abbiamo pianto molto, a noi sembrava che quegli stupidi adulti ci stessero separando, separavano noi che eravamo sorelle! Per rendere le cose più facili, i miei genitori mi fatto avere un indirizzo e-mail e mi hanno suggerito di farne avere uno anche a Olive, cosi che avremmo potuto scriverci e tenerci in contatto. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mia Nonna Ha Fatto Un Rito Voodoo Contro Il Mio Amico. E ha funzionato! || Storie Vere Animate
Mia Nonna Ha Fatto Un Rito Voodoo Contro Il Mio Amico. E ha funzionato! || Storie Vere Animate
14 giorni fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao a tutti! Io sono Caleb e ho sedici anni. Sono nato e cresciuto a New Orleans, e ve lo dico perché c'entra molto con la mia storia. Vi racconterò infatti di un antico rituale voodoo e di come il mio migliore amico ne è rimasto vittima. Mmm, già vedo che non mi credete. Beh, nemmeno lui ci credeva, fino a che si è trovato gli zombi sotto la finestra ogni notte! Il mio migliore amico si chiama Henry. La sua famiglia si è trasferita a new orleans dal New Jersey, circa sei mesi fa, e Henry ha cominciato a frequentare la mia scuola. È un tipo simpatico e abbiamo fatto amicizia molto velocemente, abbiamo tante cose in comune. Henry non conosceva bene la mia città, qui per lui era tutto nuovo e tutto lo incuriosiva. “Perché il quartiere francese si chiama così? Perché i turisti vanno a vedere i cimiteri? Perché nei cimiteri ci sono quelle cripte enormi e non semplici tombe?” Devo ammetterlo, ho un futuro da guida turistica. Chissà, guadagnarmi da vivere mostrando ai turisti la mia città? Ma non è questo che importa adesso. Il fatto è che la mia famiglia ha un legame molto stretto con New Orleans, e me lo hanno inculcato fin da piccolo. La mia famiglia si stabilì qui già nel diciannovesimo secolo, e da allora nessuno ha mai vissuto altrove. Ma prima di arrivare negli USA, i miei antenati vivevano ad Haiti. Ecco, ora avete capito dove voglio andare a parare? Ve lo dico subito allora, nella mia famiglia c'erano dei veri stregoni voodoo. Sì sì, quelli che parlano con gli spiriti, celebrano riti magici, fabbricano amuleti e trasformano la gente in tremendi zombi. O almeno, è così che mi hanno raccontato. Naturalmente io non sono capace di fare cose del genere. Ma mia nonna Virginia lo è eccome! Lei ha un piccolo negozio di souvenir, dove i turisti comprano amuleti e cose del genere, le chiedono del voodoo e se anche lei sa fare riti magici. Sinceramente non ho mai dato molta importanza al lavoro di mia nonna, perché quello che per i turisti è molto esotico per me era vita quotidiana. Henry invece si mostrò molto interessato e mi faceva moltissime domande sulla nonna; ma non nel modo che mi sarei aspettato. Henry non faceva nulla per nascondere il suo scetticismo verso le convinzioni di mia nonna, e si tratteneva a stento dal dire direttamente che non faceva altro che truffare i turisti. Si tratteneva solo per non litigare con me. Ma io ero comunque molto offeso dal suo atteggiamento, perciò decisi di portarlo con me nel negozio della nonna così avrebbe visto coi suoi occhi cosa sapeva fare. Henry accettò e venne al negozio di nonna Virginia portandosi dietro anche sua sorella Gill, che aveva un anno meno di lui. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
La Famiglia del mio Fidanzato mi Odia perché NON sono Incinta
La Famiglia del mio Fidanzato mi Odia perché NON sono Incinta
14 giorni fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao! Quanti anni hai? Dieci? Dodici? Quindici? Beh, io mi chiamo Ashley e di recente ho compiuto diciotto anni. E sono completamente sopraffatta da tutti questi PROBLEMI DA ADULTI! Vuoi un esempio? Bene, ad esempio, la famiglia del mio fidanzato mi odia perché non sono incinta. Che ne pensi? Quest'anno ho cominciato l’università e lì ho incontrato Kevin. Ha solo un anno più di me, ma sembra molto più maturo. É così sicuro di sé ed è un ragazzo autonomo, beh, non è un ragazzo, ma un uomo! Non ha nulla in comune con i ragazzi che conosco, ed è stata, almeno credo, la cosa che mi ha colpita di più di lui. Eh sì, mi sono innamorata. Quindi non ero affatto imbarazzata quando, dopo un paio di settimane, Kevin mi ha invitata a casa sua ... in modo da poter conoscere la sua famiglia! E mentre andavamo da loro, per circa dieci volte, credo, mi ha ripetuto che avevamo una relazione molto seria e che dovevo fare di tutto per compiacere i suoi genitori. A quel tempo non ci ho prestato molta attenzione, nemmeno al fatto che gli desse così tanta importanza, o che andava così tanto di fretta. Ora penso che stesse solo cercando di risolvere tutti i suoi problemi a mie spese. Beh, però ora voglio dirti tutto in ordine. La famiglia di Kevin era perfetta. Sembrava che i suoi genitori fossero appena usciti da un film degli anni '50, e quando parlammo fui completamente affascinata dai loro manierismi. E c'era anche la sorella minore di Kevin, Samantha, che assomigliava a una bambolina. Adoravo la loro grande e bella casa, il loro bel cane di razza e il cibo gustoso che la madre di Kevin aveva preparato. Quindi, ogni volta che Kevin mi chiedeva di rimanere per il fine settimana, accettavo ben volentieri. Inoltre, vivevano nella stessa città dove si trovava la nostra università, quindi non dovevo fare lunghi viaggi con i mezzi pubblici. E attraverso le lenti dell’amore…tutto sembrava così magnifico. In realtà, non avevo capito come mi percepivano. Ma, col passare del tempo, ho tolto quegli occhiali. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Ho Avvelenato una Torta per il Compleanno della mia Matrigna
Ho Avvelenato una Torta per il Compleanno della mia Matrigna
15 giorni fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao ragazzi! Io mi chiamo Molly e ho quattordici anni. Su questo canale ho visto molte storie che parlavano di matrigne malvagie che hanno reso infelice la vita di chi narrava. La mia storia riguarda la mia matrigna, Regina, ma c’è qualcosa che potrebbe sorprenderti e persino scioccarti! Il punto è che Regina è andata in ospedale a causa di un mio errore e la sua vita era in pericolo. Ma io non volevo che ciò accadesse! Beh, forse lo volevo ... ma non avrei mai fatto nulla per far si che accadesse, ve lo giuro. Regina è entrata nella mia vita poco più di tre anni fa. E vedete ... non ci siamo subito prese. I miei genitori sono divorziati ma non faccio parte di quel gruppo di ragazzi che non hanno sofferto per la separazione. Dopo il divorzio, sono rimasta con mio padre. Mia madre è la migliore e parlo con lei su Skype ogni giorno e trascorro quasi tutti i fine settimana con lei, ma non riesce a camminare e può spostarsi solo su una sedia a rotelle. E quando lei e mio padre si separarono, ero ancora una bambina, quindi mio padre decise che per mia madre sarebbe stato troppo difficile prendersi cura di me, quindi decisero che sarebbe stato meglio per me stare con lui. Quindi, per alcuni anni sono stata sola con mio padre, ed è stato un bel periodo. Guardavamo i cartoni animati tutte le sere, andavamo in mezzo alla natura e passavamo un po’ di tempo nel bosco, camminavamo nel parco dove giocavamo insieme a facevamo volare gli aquiloni ... Quando mio padre notò quanto mi piacesse stare all'aria aperta, mi promise un cane. Ma invece abbiamo "preso” Regina. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mia Madre Ha Cercato Nuovi Genitori Per Me Perché Ha Scoperto Che Morirà Presto
Mia Madre Ha Cercato Nuovi Genitori Per Me Perché Ha Scoperto Che Morirà Presto
15 giorni fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao! Io sono Phoebe e ho 15 anni. Non fatevi ingannare dal mio tono così allegro e ottimista. La storia che vi voglio raccontare è davvero triste, e strana. Beh sì, perché è la storia di come mia madre ha deciso di fare un vero e proprio casting... per trovarmi dei nuovi genitori. Tutto perché a mia madre resta poco tempo da vivere... Tutto è successo molto in fretta. Così, semplicemente: un brutto giorno, mia madre ha avuto un grave malore. Prima di quel giorno le capitava già spesso di sentirsi strana e debole, perciò mi ci ero abituata, non ci facevo nemmeno più caso. Era la nostra normalità. Inoltre, mia madre è sempre stata una di quelle persone diffidenti verso i medici e gli esami clinici. In altre parole, anche se stava male, molto difficilmente si rassegnava ad andare dal medico. Preferiva sempre risolvere ogni problema del genere nello stesso modo; riposandosi se era stanca, mettendosi a letto o a pisolare sul divano. Malgrado tutto però, arrivò il punto in cui mia madre non poteva continuare a far finta di nulla. Perdeva i sensi, ormai, e non soltanto a casa, ma anche a lavoro. La mamma lavora in grande ipermercato, con un'enorme quantità di roba in vendita e un vero labirinto di scaffali. Un giorno alcuni clienti diedero l'allarme, perché... avevano quasi investito mia madre col loro carrello. La mamma infatti era a terra priva di sensi, nel reparto del cibo per gli animali…il suo capo per giunta la rimproverò, e le ordinò di farsi degli esami medici completi. La mamma fece di tutto per evitarlo. Non solo perché non voleva farlo, ma anche perché non aveva mai rinnovato la sua assicurazione medica. Il suo capo però le disse che se non avesse fatto delle analisi, l'avrebbe licenziata. Perciò, non aveva più scelta, finalmente andò a farsi visitare dal medico. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mia madre mi ha costretto a fare un test di gravidanza. Non volevo che lei lo sapesse!
Mia madre mi ha costretto a fare un test di gravidanza. Non volevo che lei lo sapesse!
15 giorni fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao ragazzi. Mi chiamo Lisa, ho 16 anni e vi racconterò qualcosa di cui mi vergogno molto. Di recente ho dovuto dimostrare a mia madre che non ero incinta e per questo motivo ho dovuto rivelare un mio segreto Devo dire che non sono abituata a parlare di argomenti delicati come questo. I miei genitori sono persone molto conservatrici. Per tutta la vita, non mi è stato permesso di vestirmi come volevo, non mi è stato permesso di uscire con gli amici quanto volevo e, naturalmente, non mi è stato permesso di uscire con nessuno. Quindi, alle spalle dei miei genitori, ho iniziato a uscire con Jamie. L'ho nascosto nel miglior modo possibile, ma un giorno l'hanno scoperto. Oh, e poi ho avuto dei momenti difficili. Sono stata depressa per un mese e ogni giorno ho combattuto con i miei genitori. Ho chiesto di poter uscire con Jamie: è stato difficile, ma sono riuscita a convincerli. Abbiamo trovato un compromesso. Mi è stato permesso di vederlo, ma ho dovuto promettere di non fare nulla di stupido. Quindi Jamie e io «non abbiamo fatto niente di stupido» per un anno. Eravamo davvero vicini. Volevamo persino presentarci i nostri genitori ... Ma questa è un'altra storia triste, perché mia madre e mio padre non sopportavano i genitori di Jamie. Un'estate, i miei genitori volevano andare in vacanza e portarmi con loro. Sembrava forte, si trattava di un viaggio in Tailandia di tre settimane! Non potevo immaginare di passare quasi un mese senza Jamie, quindi abbiamo escogitato un piano geniale. Ha convinto sua madre e suo padre a trascorrere le vacanze nella stessa città e nello stesso hotel in cui eravamo! Immagina quanto siano stati sorpresi i miei genitoriquando hanno visto Jamie e la sua famiglia in hotel, eh! Ma eravamo così felici di vederci! Naturalmente mia mamma e mio papà volevano tenermi sempre d’occhio, ma volevano anche rilassarsi. Quindi sono stataspesso sotto la supervisione dei genitori di Jamie in modo che potessero riposare. Ha funzionato alla grande! Per noi è stata una vacanza da sogno. Ci siamo divertiti ogni giorno e abbiamo portato con noi tanti ricordi. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Ho preso il Telefonino del Fidanzato di mia Madre per Sbaglio. Oh. Mio. Dio.
Ho preso il Telefonino del Fidanzato di mia Madre per Sbaglio. Oh. Mio. Dio.
17 giorni fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao! Io mi chiamo Rosemary e ho sedici anni. Non ho nulla da nascondere! E ti racconterò questa storia per rivelare quale cosa terribile ha fatto mia madre... e sono sicura che pagherà, vedrai. E spero che capirai la mia situazione. Fino a poco tempo fa vivevo sola soletta con mia madre nella nostra grande casa, anche se tanto tempo fa avevo una famiglia felice. Ma cinque anni fa circa, tutto è cambiato, quando, per farla breve, mia madre ha mandato via mio padre. Beh, non ho idea di come abbiano fatto a innamorarsi l’uno dell’altro! Mia madre è sempre stata una donna autoritaria. E se qualcuno non concorda con quello che dice lei, significa che ha torto. E mio padre è completamente diverso. È gentile, attento ... ascolta sempre, ed è felice di dare il suo supporto a chi ne ha bisogno. In realtà, avrei preferito vivere con mio padre, ma vedi, mi ero abituata a questi alti standard di comfort, e mio padre ... Beh, dal punto di vista di mia madre, mio ​​padre è un rammollito e un perdente che all’età di quarantacinque anni non si è costruito nulla. Odio ammetterlo, ma in un certo qual modo mia madre ha ragione. Quando si separarono, mio ​​padre si trasferì in un quartiere umile, in una specie di ghetto, dove ha preso in affitto un minuscolo appartamento. Riesce a malapena a permettersi quel buco e deve anche condividerlo con un amico. Quindi, vivere con lui non era un'opzione. Man mano che crescevo, mia madre mi prestava sempre meno attenzione. Pensava che nel momento in cui sarei stata in grado di prepararmi la cena, lavarmi i vestiti e avere voti decenti a scuola, i suoi doveri genitoriali sarebbero stati assolti. Inoltre, mi ha insegnato la disciplina, punendomi severamente per disobbedienza ed errori, quindi la mancanza di attenzione da parte sua non era affatto male. Anche se, a volte, mi mancava parlare con lei, sai, come fanno spesso le madri e le figlie. Quasi ogni sera mi preparavo la cena e mangiavo da sola in una sala da pranzo vuota. Si, era deprimente. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
La Mamma è Entrata in Camera mia Senza Bussare. Mi Dispiace, Mamma….
La Mamma è Entrata in Camera mia Senza Bussare. Mi Dispiace, Mamma….
17 giorni fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao ragazzi! Io sono Katherine. Adesso ho 16 anni, ma sono stata costretta a lasciare casa e a trasferirmi dall’altra parte del paese. Mi sento come un’orfana, che ha ancora i genitori, ed è abbastanza pesante. Tutto è successo e a causa dell'amore, o meglio, a causa delle mie preferenze romantiche. Il fatto è che sono lesbica. In realtà, quando ho iniziato a capire che ero attratta dalle ragazze, era del tutto inaspettato e molto strano. È successo qualche anno fa, quando avevo 12 anni o giù di li. Sono andata al campo sportivo con alcune ragazze della classe di ginnastica e una di loro, che era la mia migliore amica, mi ha fatto capire che eravamo attratte l’una dall’altra. Fu scioccante e spaventoso, ma soprattutto perché, improvvisamente, capii che provavo dei sentimenti per lei. Non mi è mai piaciuta la ginnastica artistica, specialmente a livello agonistico, dove le ragazze assomigliano più a dei pali, anche se sono davvero flessibili. Allora, perché ho dedicato 8 anni della mia vita a questo sport, ti starai domandando? E la mia risposta è che mio padre ha insistito perché lo facessi. Vedi, ha sempre voluto avere un maschio per crescerlo come un atleta di successo. Ma ha avuto una femminuccia e ci è rimasto parecchio male. Tuttavia, non ha mai rinunciato al suo sogno di essere il padre di un campione olimpico. E la ginnastica era uno dei suoi sport preferiti. Papà era severo e totalitario, e io ero troppo giovane per ribellarmi, e la mamma (e lo è ancora) era troppo innamorata di mio padre per contraddirlo. Sicuramente, non ero un’atleta di talento. Ma papà continuava a dire che se ci avessi messo tutta me stessa era sicuro che, alla fine, avrei ottenuto quella medaglia d'oro. Ma sono riuscita a ottenere solo pochi premi di consolazione, un paio di fratture, il naso rotto e, qualcosa di totalmente inaspettato, la scoperta della mia sessualità. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mio Padre è Riapparso nella mia Vita dopo Tanti Anni. Ma Voleva il mio Fegato, non il mio Amore!
Mio Padre è Riapparso nella mia Vita dopo Tanti Anni. Ma Voleva il mio Fegato, non il mio Amore!
20 giorni fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao! Io sono Jennifer. E sai qual è la parte peggiore nelle relazioni? La delusione. Quando ti fidi e pensi che qualcuno è in buona fede ma poi ti rendi conto che voleva solo usarti. E quando questo accade con le persone a cui sei legato o con la tua famiglia, fa veramente male. Questa storia è successa l'anno scorso. All'epoca, avevo appena compiuto 18 anni, mi ero appena diplomata e avevo trovato un buon lavoro nel supermercato locale quando mia sorella maggiore, Stefany, mi ha chiamato per dirmi che la mamma era in ospedale. Naturalmente, ero davvero preoccupata, ma il primo pensiero che mi è venuto in mente è stato “Per favore, fa che la mamma stia BENE perché non possiamo permetterci le cure." Fammi spiegare. Mia sorella e io siamo state cresciute da una mamma single. Abbiamo avuto una vita piena di alti e bassi e la maggior parte delle volte non avevamo molti soldi. Ad essere onesti, ci potevamo permettere poche cose. So che mia madre ha sempre cercato di fare del suo meglio per mantenerci, ma fin da quando ero piccola ho sempre provato invidia verso gli altri. Ad esempio, quando tutti avevano l’ultimo modello di telefonino, io avevo solo un vecchio telefono usato. Cercavo di tenerlo sempre nascosto e di tirarlo fuori solo nei momenti di estremo bisogno. E, di tanto in tanto, acquistiamo i nostri vestiti dal negozio dell'usato. Una volta la mia compagna di classe Joana ha persino notato che portavo un suo vecchio vestito. Non si è comportata da amica quando ha detto a tutti che il mio vestito era il suo, e non sono stata così brava a negarlo. Alcune persone mi hanno creduto ma altre no, ed ero così imbarazzata. Ho dovuto anche modificarlo per poterlo rindossare. Beh, almeno so cucire. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Il mio Incubo era in Realtà una Storia Enigmatica del mio Passato ||Le Migliori Storie Animate
Il mio Incubo era in Realtà una Storia Enigmatica del mio Passato ||Le Migliori Storie Animate
24 giorni fa
Ciao, io sono Oliver, ho 15 anni e ... qualcosa di strano è successo quando ero un bambino e vorrei che tu mi aiutassi a capirlo ... Sorprendentemente, tutto è iniziato quando ho visto "Breaking Bad". Beh, si vedono molti deserti e macchine, e tutto questo ha scatenato qualcosa dentro di me ... Mi sentivo strano mentre lo guardavo, come se qualcosa di cui mi ero dimenticato ritornasse nella mia mente. Era qualcosa che riguardava un deserto ... era molto strano e ... molto confuso. E poi ho fatto un sogno. Nel mio sogno, ero molto piccolo... tipo 3 o 4 anni, ed ero sul sedile posteriore di un'auto. Fuori c’era un deserto e sul sedile anteriore della macchina ... c'erano due uomini. E stavano in silenzio. Avevo in mano un cavallo blu o era un pony. Ricordo che lo stringevo forte per sopprimere la paura. E poi mi sono svegliato e sudavo freddo, stavo stringendo il cuscino come facevo con quel cavallo. Ero così spaventato che non riuscivo nemmeno a respirare. È stato terrificante e dopo ho cercato di riaddormentarmi, ma sono rimasto lì, a fissare il soffitto per un'ora prima di riuscire ad addormentarmi. Nei giorni che seguirono ci ho pensato costantemente, perché mi sembrava così ... reale. Alla fine, me ne sono dimenticato, e poi ho fatto di nuovo lo stesso sogno. E poi una terza e quarta volta, quindi, a quel punto non c'era modo di dimenticarmene o pensare che fosse nient'altro che un sogno. Chi erano quegli uomini e quello strano cavallo blu? Ho iniziato a pensare che forse ... forse, era un ricordo di qualcosa che mi ero dimenticato. Ho chiesto ai miei genitori di questo sogno e la mamma era visibilmente confusa. Ha detto che no, niente del genere era mai successo, ma mio padre ... mio padre si comportava in modo davvero strano. Mi ha detto che non era successo niente del genere, mentre scarabocchiava qualcosa su un pezzo di carta come faceva sempre quando era nervoso. E poi ha gettato il pezzetto di carta nella spazzatura. Più tardi l'ho raccolta, perché forse c'era qualche indizio, ma non era cosi, c'era solo qualche scarabocchio. Per sapere come va a finire, guarda il video! ★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mio fratello ci ha tolto dei soldi. Gliel’ho fatta pagare!
Mio fratello ci ha tolto dei soldi. Gliel’ho fatta pagare!
24 giorni fa
Ciao! Mi chiamo Penny, ho quindici anni. La mia storia sembrerà probabilmente incredibile, persino scioccante, e sono sicura che molti di voi che la ascolteranno mi giudicheranno per quello che ho fatto. Alcuni mesi fa ho denunciato mio fratello alla polizia. Presto si è trovato ad affrontare una sentenza in tribunale e, no, non mi pento di ciò che ho fatto. Come molte altre storie, la mia è iniziata con una tragedia nella mia famiglia. Due anni fa mio padre morì in un incidente lasciando sua moglie ... mia madre, sola con due figli: io e mio fratello maggiore, Sam. Sam ha tre anni più di me e da quel giorno era l'unico uomo nellanostra famiglia. Non eravamo ricchi, nemmeno prima dell'incidente, e ora avevamoun debito significativo, quindi mia madre ha dovuto trovare un lavoro dignitoso per crescere i suoi figli e mantenere la sua casa. Il lavoro di mia madre le toglievaquasi tutto il suo tempo. E anche se capisco che stava facendo tutto per me e Sam, penso che sia stato un suo errore e che semplicemente non ci abbia prestato molta attenzione. Forse è in parte colpa sua - cosa è successo con Sam? Sam e io non eravamo mai vicini. Dopo la morte di nostro padre ci siamo allontanati ancor di più. Lui parlava a malapena con me e mia madre, ma allo stesso tempo si fece molti amici sospetti. Sembrava che a Sam non importasse di me o di mia madre. Invece di darci il suo sostegno in questo momento difficile, mio ​​fratello sembrava sentire questo tipo di libertà che rasentava il fare tutto ciò che voleva. Anche quando non aveva ancora raggiunto la maturità, dormiva spesso da qualche altra parte, a volte scompariva per diversi giorni, ma la cosapeggiore era che aveva iniziato a chiederea mee mia madre dei soldi! Quando ho perso mio padre, ho pensato aquanto sarebbe stato difficile per nostra madre, speravo che Sam potesse trovare un lavoro ediniziare ad aiutare la famiglia ... Pensavo che fosse giusto almeno fino al momento in cui la mia età mi avrebbepermesso di lavorare. Sam, invece di aiutarci, ha tolto i soldi da mia madre con la"paghetta" senza mai chiedere se lei li avesse per le spese familiari. Inoltre, non si è mai capito per cosa spendesse i soldi. Giravano voci nel vicinato che Sam frequentasse cattive compagnie. Per sapere come va a finire, guarda il video! ★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
I miei Genitori mi hanno Abbandonato, Ma sono Sopravvissuto e sono diventato una Stella
I miei Genitori mi hanno Abbandonato, Ma sono Sopravvissuto e sono diventato una Stella
24 giorni fa
Ciao a tutti!La mia infanzia potrebbe scioccarti, ma allo stesso tempo, potrebbe aiutarti a cambiare idea su come è la tua vita. Quando ti lamenti perché non hai molto, o ti senti giù, devi ricordare che ci sono tante altre persone in questo mondo che hanno molto meno di te. E che puoi comunque riuscire, se sei determinato ... e grazie anche a una piccola dose di fortuna. Beh, ascolta la mia storia. Voglio cominciare dall’inizio. Ovviamente, non me lo ricordo, ma quando l'ho saputo, ero triste e felice allo stesso tempo. Presto capirai il perché, ma lascia che ti spieghi. Vedi, la mia famiglia era così povera che quando sono nato mia madre e mio padre non potevano permettersi di pagare il dottore che ha aiutato mia madre a partorire. Riesci a credere a una cosa simile? E sai che cosa è successo dopo? Il dottore suggerì di lasciarmi con lui ... come pagamento per i suoi servizi. Posso solo immaginare che cosa che avrebbe fatto di me. Fortunatamente per me, mio ​​padre è riuscito a farsi prestare un po’ di soldi e ad ammucchiare i soldi necessari per tenermi con loro. Ero un bambino molto energico e, per sfruttare questa energia, mio ​​padre mi svegliava all'alba e praticavamo insieme le arti marziali. Praticavamo il Kung- fu e mi ha anche insegnato a fare delle semplici acrobazie come le capriole e i salti mortali. Ma quando le mie capacità di combattimento e le acrobazie iniziarono a prendere forma, le mie capacità accademiche non furono all'altezza. Ero dislessico e non riuscivo a scrivere correttamente, quindi mi sono ritrovato in prima elementare quando tutti i miei compagni di classe stavano già in terza. Così, mio padre decise di iscrivermi all’Accademia delle Arti Drammatiche in un teatro locale. Che fortuna, non è vero? Ricordo ancora quando sono entrato in quella vecchia e ammuffita scuola, stringendo forte la mano di mio padre. Le mie paure scomparvero nell’istante in cui ho visto gli occhi di dozzine di bambini che mi fissavano, alcuni avevano la mia età e altri erano più grandi, e facevano capriole e giocavano con spade e bastoni. Mi sembrava la mia versione incantata di "Disneyland". E non ci ho messo molto a lasciare la mano di mio padre e ad aggrapparmi alla mano del mio nuovo "Maestro". Per sapere come va a finire, guarda il video! ★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Ho Incontrato Una Strega E La Mia Vita è Diventata Un Film dell'Orrore
Ho Incontrato Una Strega E La Mia Vita è Diventata Un Film dell'Orrore
24 giorni fa
Ciao a tutti! Io sono Brenda e ho tredici anni. Oggi finalmente ho trovato il coraggio di raccontare a tutti la storia più strane e misteriosa che mi è mai successa. A voi è mai capitato di vivere situazioni davvero strane? Nel senso, proprio delle cose inspiegabili? Nel mio caso è cominciato tutto quando la mia famiglia si trasferì in una piccola città in Tennessee. Non vedevo l'ora di conoscere i miei nuovi compagni di scuola e di ricominciare in un posto nuovo. Sembrava un posto dove non potesse capitare nulla di brutto. E invece... I miei compagni di classe erano tutti simpatici. Mi portavano in giro per conoscere la città e fare amicizia… tutti simpatici tranne Aidan. Lui era tremendo. Stava sempre zitto, sulle sue, e mi lanciava delle occhiate che mi facevano sentire sempre a disagio. Cominciai a chiedere di lui ai miei nuovi amici, e risultò che era davvero un tipo strano. Non andava d'accordo con nessuno, ma fin qui era tutto normale. Solo che mi dissero anche che si interessava a strane cose, faceva strane collezioni che non lasciava vedere a nessuno. A dirla tutta, all'epoca ero molto interessata agli argomenti strani ed esoterici, perciò ero curiosa. Un giorno i miei compagni di classe ebbero la “grande” idea di rubare la borsa ad Aidan e scoprire finalmente cosa collezionasse. L'idea era questa: qualcuno avrebbe dovuto distrarlo, mentre io gli sottraevo la borsa. Al momento di agire, le cose però non andarono come previsto. Aidan si accorse di me e si infuriò. Cominciò a urlare come un matto, lanciandomi maledizioni! Io mi spaventai così tanto che scappai a gambe levate. Mentre correvo senza mai voltarmi lo potevo ancora sentire urlami cose tipo: "Te ne pentirai, amaramente!" poco dopo, nel momento in cui finalmente scoprimmo tutti cosa tenesse Aidan nella borsa, restammo scioccati. C'erano robe tipo sassi, piume, rami secchi e persino uccelli morti o resti di gatti morti. Io però mi sentivo mortificata, mi tenevo a distanza. Avevo davvero paura della reazione di Aidan. Poi però, il giorno dopo e quello dopo ancora filarono via lisci, perciò cominciai a lasciarmi alle spalle la storia. Per sapere come va a finire, guarda il video! ★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Ho Lasciato il mio ex e lui ha Pianificato una Terribile Vendetta
Ho Lasciato il mio ex e lui ha Pianificato una Terribile Vendetta
24 giorni fa
Ehi ragazzi! Io mi chiamo Sonya. E classificherei questa storia come una storia dalle molteplici perdite. E alcune delle perdite non sono state così importanti, per così dire. Tutto è iniziato poche settimane prima del mio diploma alla scuola superiore. Frequentavo Nick da più di un anno. Stavamo sempre insieme, sempre e ovunque: a scuola, dopo le lezioni, in palestra ... E insisteva che lo seguissi a tutti i suoi allenamenti di football e, ovviamente, non mi sono mai persa una partita. Avevo persino rinunciato a uscire con le mie amiche perché, sai, a Nick non piaceva quando andavo da qualche parte senza di lui. Ma a me non importava. Tuttavia, più si avvicinava il diploma, e meno tempo avevamo a disposizione. E anche gli esami di fine anno si stavano avvicinando. Quindi, a un certo punto, visto che stavo studiando, inviando domande alle università, trascorrendo tanto tempo a scuola per ottenere dei voti alti, non riuscivo a seguire gli allenamenti di Nick. Non stavamo più cosi tanto tempo insieme, tipo giorno e notte, e questo rendeva tutto più difficile. E cosi abbiamo iniziato a litigare. Di solito, ero io a cedere, mentre Nick continuava a comportarsi come il maschio alfa, per così dire. Una mattina sono stata svegliata da mia madre. È venuta nella mia stanza con gli occhi pieni di lacrime e ha detto che la mia bisnonna era appena stata ricoverata in ospedale per problemi di salute. Ovviamente, mi sono preoccupata molto e siamo andate subito da lei. In realtà, non era nulla di cosi soprendente, visto che aveva 95 anni. Ma la nostra famiglia amava cosi tanto Nana ed eravamo abbastanza sicuri che questo sarebbe stato il suo ultimo viaggio in ospedale. Quindi ci dovevamo preparare psicologicamente. Per sapere come va a finire, guarda il video! ★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
La mia Ragazza Ha Fatto Finta di avere Un'Amnesia per Liberarsi di Me
La mia Ragazza Ha Fatto Finta di avere Un'Amnesia per Liberarsi di Me
24 giorni fa
Ciao. Non so perché sto per raccontare questa storia. Forse solo per farti capire quanto io sia infelice. Mi chiamo Arthur e ho 16 anni. La mia storia parla di una ragazza che amo e che non ricorda nulla di quello che è successo tra di noi. E non posso farci assolutamente nulla. Beh, ascolta la mia storia. Circa un anno fa, una nuova studentessa da Hong Kong è arrivata alla nostra scuola. Gli studenti di scambio stranieri sono una cosa abbastanza comune, motivo per cui nessuno ha dato tanta importanza al nuovo volto. Tranne che per il nostro capo classe, ovviamente. Mi ha chiesto di darle una mano per un po’ e aiutarla ad adattarsi all’ambiente. Vedi, ho dei voti abbastanza decenti e una buona reputazione. E, naturalmente, non volevo che le cose cambiassero, quindi ho accettato anche prima di incontrare questa studentessa. Il nome del nuovo ospite da Hong Kong era Lin. Facile da ricordare, vero? Non conoscevo il cinese, quindi ero un po’ nervoso, ma alla fine non c'era nulla di cui preoccuparsi, perché Lin conosceva perfettamente l’inglese! E non era l'unica cosa perfetta! Lin era bella. Voglio dire ... MOLTO bella! Nessuna mi era mai piaciuta quanto lei. E dopo che ho incontrato Lin, non riuscivo più a togliermela dalla testa. Dopo la scuola l'ho portata in giro per la città. Tipo una visita guidata personale, e le ho raccontato di come si vive nel Regno Unito. Lin non aveva mai viaggiato fuori da Hong Kong e molte cose qui la colsero di sorpresa e suscitarono la sua curiosità. Ad esempio, si chiedeva perché avessimo solo pochi grattacieli in centro. E ha detto che si sentiva strana a stare con una famiglia britannica in una piccola casa unifamiliare. Lin era cresciuta al trentaduesimo piano di un grattacielo a Hong Kong! Per sapere come va a finire, guarda il video! ★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mio Padre Studia Nella Mia Università E Tutti Pensano Che Ci Frequentiamo
Mio Padre Studia Nella Mia Università E Tutti Pensano Che Ci Frequentiamo
29 giorni fa
Ciao! Mi chiamo Cassidy, sono una studentessa universitaria ... e sono solo un anno avanti rispetto a mio padre. Sì, so che non c'è nulla di sorprendente al giorno d'oggi se gli adulti tornano a scuola. Ma quando il tuo vecchio risulta essere più interessante per i tuoi coetanei del college rispetto a te, è preoccupante. Tutto è iniziato quando ero solo una matricola. All'inizio, tutto per me era come per tutti gli altri - un pò spaventoso, un pò fastidioso, ma nel complesso eccitante. Anche se mi è sempre stato difficile avvicinarmi alle persone, sono riuscita a fare amicizia con un paio di ragazze, e abbiamo persino deciso di provare ad unirci al gruppo più popolare. Ma poi ho scoperto che mia madre aveva una malattia molto grave e stava per morire. Ovviamente, volevo stare con lei durante i suoi ultimi mesi. Inoltre, mio padre aveva bisogno di aiuto. Quindi, ho dovuto abbandonare l‘università dopo aver appena completato il mio primo semestre sai, per dedicarmi a mia madre nei suoi ultimi momenti. Non voglio parlare in dettaglio di quanto sia stato difficile accettare la sua morte. L'unica cosa che ha in comune con questa storia è che mio padre era completamente devastato, al punto che non riusciva a dormire o mangiare, e alla fine ho dovuto prendermi cura di lui. E a peggiorare le cose, abbiamo avuto alcuni problemi con il pagamento del nostro mutuo, quindi ho dovuto trovare un lavoro. Quello che sto cercando di dire è che non avevo nemmeno l'opportunità di continuare i miei studi al college per il successivo anno e mezzo. Ma il tempo passava e la vita con mio padre era migliorata e ad un certo punto ha iniziato a insistere perché tornassi all’università. Devo dire che è stato ancora più difficile diventare una matricola per la seconda volta. Tutti gli altri sembravano molto giovani e molto diversi da me, anche se avevo solo due anni in più. Mi sembrava che ci fosse qualcosa, come un gap generazionale, tra me e i miei compagni di classe. Certo, c'erano alcune persone con cui parlavo durante i pranzi o il lavoro di gruppo, ma non posso dire che siamo diventati davvero amici. Ero praticamente da sola. Per sapere come va a finire, guarda il video! ★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Il mio Fidanzato non Riesce a Togliere gli Occhi da mia Madre
Il mio Fidanzato non Riesce a Togliere gli Occhi da mia Madre
29 giorni fa
Ciao, io sono Sylvia e questa storia parla di una rivalità amorosa ... tra me e mia madre! Quando avevo 17 anni, ho iniziato a uscire con Paul. Lui aveva 18 anni, era un ragazzo eccezionale e mi piaceva molto. Mi divertivo tanto a uscire con lui e dopo poco tempo, ero già innamorata. C'era solo un problema: mia madre. È una donna molto bella e sembra avere 10/20 anni in meno rispetto alla sua vera età. All'inizio, con Paul andava tutto bene, ma poi l'ho presentato a mia madre. E lui ... la guardava in modo molto strano. Sembrava come se vedesse in lei una versione più bella di me. Per tutta la sera Paul ha chiacchierato e scherzato con mia madre, e a lei piaceva la sua compagnia. E io mi sono sentita un po’ esclusa. Non mi hanno nemmeno calcolata! Dopo quella sera, Paul mi ha ripetuto più volte quanto mia madre fosse meravigliosa. E ho iniziato a diventare paranoica: “al mio ragazzo piace mia madre?” “Ma può essere?”. Ma ho deciso di non pensarci più, Paul era un bravo ragazzo e forse voleva piacere a mia madre per il mio bene. Ma OGNI VOLTA che si incontravano, cose del genere succedevano di nuovo. Parlavano a lungo, e quando accennava al fatto che era tempo di andare via, Paul rimaneva basito. Una volta, avevo programmato di guardare con Paul un film a casa mia e lui ha deciso di invitare mia madre a guardarlo insieme a noi. E io sono rimasta seduta li, mentre loro parlavano e ridevano, e mi sono strafogata di popcorn. Per sapere come va a finire, guarda il video! ★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mio Padre Voleva Liberarsi del Nostro Vecchio Cane. Ma poi Buddy gli ha Salvato la Vita
Mio Padre Voleva Liberarsi del Nostro Vecchio Cane. Ma poi Buddy gli ha Salvato la Vita
29 giorni fa
Ciao! Io mi chiamo Luna e ho quattordici anni. Abbiamo tutti sentito dire che un boomerang ritorna a chi lo lancia. Purtroppo mio padre e io abbiamo recentemente sperimentato questa cosa su noi stessi. E oggi, voglio condividere la mia storia. La mia famiglia viene dall'Iowa. Mio padre ha un'azienda agricola dove coltiva ortaggi e colture alimentari. E visto che questo è l'unico modo in cui ci guadagniamo da vivere, dobbiamo proteggere la nostra fattoria dai ladri. E per questo motivo abbiamo preso Buddy. È il cane più buono del mondo. Avevo solo quattro anni quando l'abbiamo preso, quindi sono anni che siamo inseparabili. Non è solo un bell’animale, ma è anche la migliore guardia che potessimo avere. Una notte, mi sono svegliata perché ho sentito un orribile rumore. Buddy stava abbaiando più forte che poteva. Sono corsa in camera dei miei genitori, ma mio padre era già in piedi e stava uscendo con in mano una pistola. Abbiamo aperto la porta appena in tempo per vedere che Buddy stava attaccando un ladro. Il complice era fuggito, ma non aveva preso niente. Questo è successo molto tempo fa e, da allora, Buddy è il mio eroe. Ma il tempo non è stato clemente con lui. Sono passati quasi nove anni, ed è diventato anzianotto, ma continua a tenere la fattoria al sicuro. Ho iniziato a notare che era diventato mogio e aveva perso l'appetito. Non si eccitava nemmeno quando gli portavo il suo cibo preferito. Mi stavo veramente preoccupando, ma mio padre mi ha detto che stava bene, e che era solo vecchio. A dire la verità, mio ​​padre non è mai stato un tipo molto sentimentale. Quindi, quando il cane è diventato anziano, si è arrabbiato, e questo perché pensava che Buddy non fosse più di grande aiuto. E io questa cosa non la capivo proprio! Un giorno, sono andata da Buddy e ho visto che se ne stava sdraiato lì e respirava pesantemente. Non si era nemmeno accorto della mia presenza. Sono corsa da mio padre e gli ho chiesto di portare Buddy dal veterinario. Ma si è rifiutato e ha detto che Buddy era stato un buon cane e qualcosa del genere, ma che tutto faceva parte del ciclo della vita, e che era molto più facile procurarsi un nuovo cane. Sono scoppiata in lacrime e l'ho supplicato per un'ora intera, ma non mi ha ascoltata. Poi ho detto che ci sarei andata da sola, a piedi! Soltanto allora si è arreso. Per sapere come va a finire, guarda il video! ★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Per Colazione, Pranzo e Cena Mangio Solo Hamburger
Per Colazione, Pranzo e Cena Mangio Solo Hamburger
Mese fa
Oii, ciao! Ti prego, dimmi che ti piacciono gli hamburger! Quei meravigliosi e soffici panini... quella succosa carne ... e il formaggio fuso ... mmm ... ti sta venendo l’acquolina in bocca, non è vero? Sì, anche a me piacciono gli hamburger. Ma hanno trasformato la mia vita in un inferno, e a causa loro ho commesso un crimine. Beh, io mi chiamo Stella, ho quattordici anni e questa è la mia storia. Tutto è iniziato circa tre anni fa quando avevo quasi undici anni. Sono passati solo tre anni, ma ero molto più piccola. Non solo di età ma anche per come ragionavo. E ti prego, non dare la colpa a mia madre! Mi ha dato alla luce poco dopo il diploma, e anche se ora ha circa trent'anni non aveva abbastanza esperienza per prevedere un evento simile. Accidenti, sto divagando. Allora, viviamo nella periferia di una grande città e, di solito, andiamo a fare shopping in un quartiere che non conosco molto bene. Ed è successo proprio lì. Dopo aver comprato tutto ciò di cui avevamo bisogno, mia madre è andata a prendere la macchina in modo da non dover camminare fino al parcheggio con tutte le nostre buste. Mi sono spostata dal marciapiede mentre la stavo aspettando. E poi ho visto che c'era una fermata degli autobus, e un autobus in partenza. E, improvvisamente, ho visto mia madre che saliva su quel bus! E non ho nemmeno avuto il tempo di pensare, e sono semplicemente salita, seguendola. Ed è stato solo quando ero a bordo che ho realizzato che la donna che pensavo fosse mia madre, non lo era! Le assomigliava, con gli stessi capelli e vestiti simili. Ero così scioccata che sono rimasta bloccata per qualche chilometro prima di scendere ... e mi sono trovata in un posto sconosciuto! Per sapere come va a finire, guarda il video! ★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
I miei Genitori Adottivi hanno Sacrificato me Invece della Figlia
I miei Genitori Adottivi hanno Sacrificato me Invece della Figlia
Mese fa
Ciao, io mi chiamo Sophie, e ho diciassette anni. Ti sto raccontando questa storia perché mi voglio sfogare, sperando che, in questo modo, starò meglio. Non molto tempo fa, la mia vita è stata rovinata a causa dei miei genitori. Eh, sono sicura che molti di voi pensano di aver avuto una situazione simile, ma la mia storia è un po’ più complicata. Le persone che hanno distrutto i miei sogni non sono veramente legate a me. Ma sono i miei genitori ADOTTIVI. Ora ti starai chiedendo: perché qualcuno dovrebbe adottare un estraneo nella sua famiglia e poi trattarlo male? Beh onestamente, io non lo so. Mi sono fidata di loro, ma invece ... Beh, partiamo dall’inizio…. Tutto è iniziato il giorno del mio compleanno: il primissimo! Il tutto si è svolto in un parcheggio, vicino all'entrata posteriore di un grande ospedale. Mentre la videocamera di sicurezza riprendeva la scena, si è vista una figura alta e snella, coperta da un mantello con cappuccio, che mi portava in braccio. Dopodiché, questa donna ... sembrava essere una donna, ma la videocamera non è riuscita a tirare fuori un’immagine nitida del viso, quindi non possiamo dirlo con certezza ... Tuttavia, lei mi ha posizionato con cura vicino all'ingresso e se ne è andata. Questo è quanto hanno fatto i miei genitori biologici, fine della storia. Il bambino, intendo me, è stato trovato da alcune delle infermiere che, in seguito, mi hanno dato il mio nome. E dopo è iniziata la mia vita da vagabonda, che è durata fino ai quattordici anni. In realtà, ci sono molti bambini come me, ma, come ogni altro bambino che ha perso l'amore dei suoi genitori, pensavo di essere la più infelice di tutti, o forse solo la più sfigata. È solo che nessuna delle famiglie che mi avevano in affido volevano adottarmi. Beh, tutto sommato, non rimpiango il tempo trascorso con queste famiglie ... tranne forse per una coppia che aveva uno stile di vita alquanto malsano. Sono rimasta con loro per un periodo molto breve e sono stata portata via dagli assistenti sociali, e penso che sia stata una manna dal cielo. Per sapere come va a finire, guarda il video! ★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
I Miei Genitori Mi Hanno Abbandonata In Casa Quando Avevo 6 Anni
I Miei Genitori Mi Hanno Abbandonata In Casa Quando Avevo 6 Anni
Mese fa
Ciao, io sono Amber, ho 13 anni. Vi è mai capitato di essere traditi? Spero tanto di no, ma in ogni caso capirete quanto sia doloroso quando succede... specialmente se a tradirti sono i tuoi genitori, che non ti hanno mai voluta davvero... Immaginate... aprite gli occhi al mattino, magari di notte avete avuto l'ennesimo incubo pieno di mostri spaventosi, per scoprire che a casa con voi non c'è più nessuno. Vi mettete a cercare mamma e papà, a chiamarli, ma dopo un po' iniziate a piangere perché capite che mamma e papà non sono più lì con voi, per proteggervi e calmarvi. Beh, è esattamente quello che mi è successo quando avevo solo 6 anni. È stato davvero spaventoso. Eravamo una famiglia povera, abitavamo in quartiere malfamato e in un minuscolo appartamento, ma prima di ritrovarmi da sola quel giorno, a me casa nostra sembrava sempre enorme, e piena di mostri. Mi ricordo che ogni notte piangevo al pensiero di addormentarmi. Mi svegliavo, riaprivo gli occhi, nessuno era lì con me... e chiudevo allora di nuovo gli occhi. Avevo sempre incubi pieni di mostri, che mi dicevano che nessuno mi voleva. Era così deprimente. Gli assistenti sociali per l'infanzia, o chissà chi altro, mi trovarono solo 2 giorni dopo. I nostri vicini forse mi avevano sentito piangere per tutto il tempo e alla fine li avevano chiamati. Mi portarono in un orfanotrofio, e dopo qualche giorno una signora molto alta venne da me. Mi disse che era un medico e che mi avrebbe aiutato ad accettare il fatto che i miei genitori se n'erano andati e che per un po' sarei dovuta restare a vivere lì. Quel posto non mi sembrava brutto. Mi sembrava orribile. Insomma, mi ritrovai all'improvviso a vivere insieme a tanti altri bambini, non tutti propriamente gentili con me. Un giorno, una bambina più grande, Vicky, mi accusò di averla derubata, perché trovò una barretta di cioccolata sotto al mio cuscino. Disse che quel dolcetto le era stato regalato da una signora che veniva sempre a trovarla. Io non ne sapevo niente! Ero lì soltanto da una settimana e mi era capitato di trovare quella barretta sul pavimento, così l'avevo nascosta per mangiarla dopo. Non sapevo che fosse di qualcun altro, non sapevo che non dovevo raccoglierla. Mi ritrovai in punizione per quello! Per sapere come va a finire, guarda il video! ★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Ho Rimorchiato la Ragazza del mio Migliore Amico a sua Insaputa. Infido!
Ho Rimorchiato la Ragazza del mio Migliore Amico a sua Insaputa. Infido!
Mese fa
Ciao, io sono Emmet. E il mio amore per una ragazza ha rovinato molte delle mie relazioni e, onestamente, mi sono comportato proprio male. Per tutta la mia vita ho sempre avuto un migliore amico, e lui si chiama Patrick. Siamo amici da quando andavamo all’asilo e non riesco a immaginare un amico migliore di lui. Un giorno si è fidanzato con una ragazza che si chiama Lilly. Molto spesso uscivamo tutti insieme ci siamo sempre divertiti, anche se, era strano essere in tre. La coppietta e l’amico. Dunque, che cosa pensi sia successo? Beh, mi è iniziata a piacere così tanto che mi sono innamorato di lei. Continuavo a cercare dei momenti in cui potevamo rimanere soli, anche se era solo per un minuto quando Patrick era al negozio o qualcosa del genere. E so che non dovevo esserne felice, ma c'era una ragione per cui non me ne importava. Patrick flirtava in modo spudorato con le altre e poi mi raccontava tutto. Ogni volta che vedeva una bella ragazza, le faceva un commento o cercava di flirtare con lei. E mi faceva arrabbiare il fatto che avesse una fidanzata straordinaria, ma continuava a rompere le scatole alle altre. Insomma, mi faceva arrabbiare, ma ad essere sincero, ero contento, perché l’ho vista come un'opportunità per farli lasciare. Invece di parlare con Patrick e dirgli che doveva smettere di fare quello che stava facendo, io ... lo incoraggiavo, sperando che prima o poi si lasciassero. Ogni volta che ci provava con una ragazza, gli dicevo che secondo me alla ragazza piaceva. Speravo che, a un certo punto, Lilly lo avrebbe notato, o magari avrebbe letto i suoi messaggi. Ma Lilly era una persona così dolce, si fidava completamente di Patrick e non avrebbe mai pensato male. E così mi sono deciso di farglielo vedere di persona. Una volta, io e Patrick siamo andati a una festa e c'era una ragazza. Patrick mi ha chiesto se era il caso di andarci a parlare, e io l'ho incoraggiato. Erano dieci minuti che stavano parlando. Ridevano, e lui stava in piedi accanto a lei, troppo vicino, più di quanto avrebbe dovuto, e sembrava che, da un momento all'altro, l’avrebbe baciata. E io ho colto l'occasione e ho scattato qualche foto. Per sapere come va a finire, guarda il video! ★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mia Madre Ha Cercato Di Rubarmi Il Ragazzo
Mia Madre Ha Cercato Di Rubarmi Il Ragazzo
Mese fa
Ciao a tutti! La vedete questa bella ragazza dai capelli castani? Sono io! Mi chiamo Vanessa e ho sedici anni. E questa donna accanto a me, invece? Lei è Lucinda, e ha compiuto sessanta anni poco tempo fa. Lucinda è mia madre. Fin da quando ero piccola mi ha sempre chiesto di chiamarla per nome. È non è nemmeno questa la cosa più strana. Vi dico soltanto una cosa: Lucinda mi rubò il mio primo ragazzo. Dico, ci pensate? Eppure è vero! E sapete una cosa, secondo me Lucinda voleva proprio rubarmi tutta la mia vita. E faceva paura! Quando ero piccola mi sembrava come se mia mamma fosse una specie di ragno che mi teneva prigioniera: non avevo amici intimi, perché lei mi proibiva di socializzare con i compagni di classe dopo l'orario di scuola. Lucinda pensava che se l'avessi fatto avrei soltanto sprecato il suo tempo. Perciò, invece di andare alle feste di compleanno dei miei compagni, a me toccava sorbirmi cose più “elevate” - tipo i musical, per dirne una. Tutto insieme alla mamma. Era così tanto NOIOSO! Visto che non avevo una vita sociale normale, mi restava solo il mio diario per esprimere i miei pensieri. Vecchio stile, lo capisco, ma adoravo scrivere di tutto, armata di carta e penna. Ahimé, anche quello durò poco. Lucinda non si sforzò nemmeno di nascondermi il fatto che aveva trovato il mio diario e lo leggesse regolarmente. Si permetteva addirittura di dirmi, come niente fosse, che non avevo capito nulla della vita. Che tutto quello che scrivevo nel MIO diario erano sciocchezze. Insomma, questa era mia madre. Ma immagino che ora vi stiate chiedendo, mio padre dov'era? Beh, me lo chiedevo anche io. Di lui non sapevo NIENTE. Lucinda aveva proibito anche solo di fare domande su di lui, quasi volesse convincermi che io un padre non lo avevo. Una volta cercai di rovistare nei ricordi di famiglia... sì insomma, vecchie lettere, vecchie foto, o altri ricordi che avevo scovato in certi scatoloni dimenticati in soffitta. Lucinda naturalmente lo scoprì e mi disse come sempre che stavo sprecando tempo, non avrei trovato nulla. Solo che tutti quanti hanno un padre! Sono sicura al 100% che Lucinda non mi avesse avuto con l’immacolata concezione. Ma forse chissà, si era fatta inseminare in vitro e il donatore era anonimo. Per sapere come va a finire, guarda il video! ★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Sono Innamorata del Migliore Amico di Papà ma lui ha un Terribile Segreto
Sono Innamorata del Migliore Amico di Papà ma lui ha un Terribile Segreto
Mese fa
Ciao! Allora, sei pronto per sentire una storia scioccante? Beh, adesso te la racconto. Anche se, forse, alla fine della storia riderai di me ... Dunque, io mi chiamo Maxine, ho diciassette anni, e dopo il diploma andrò all’università della mia città: non dovrò allontanarmi da casa. Inoltre, mio padre fa il professore lì. Mio padre ha un ruolo molto importante in questa storia. E lo amo moltissimo, indipendentemente da tutto quello che è successo. Ecco perché voglio che tu lo conosca meglio. È un bell'uomo sui quarant'anni. Con un eccellente senso dell'umorismo e una personalità molto dolce. Cinque anni fa lui e mia madre hanno divorziato. Molto spesso, i bambini rimangono con la madre dopo la separazione, ma non nel mio caso. Mia madre ha un grave problema con l'alcol, che è iniziato quasi subito dopo la mia nascita. Mio padre ha cercato di aiutarla con la sua dipendenza per più di dieci anni ... per il mio bene, immagino. Ma quando sono cresciuta, gli ho detto che forse era meglio se stavamo per conto nostro. Che sarebbe stato tutto più semplice. Ed è andata così. Molte persone pensano che il divorzio sia qualcosa di brutto. Che posso dire?! Ho visto mentre tutto accadeva e ho visto quanto fosse più sereno mio padre, per la prima volta in vita mia! Certo, dopo un paio d'anni, io e i suoi amici abbiamo iniziato a prenderlo in giro perché doveva trovarsi una fidanzata. Ma lui sorrideva e basta, dicendo che aveva tutto ciò che voleva! E sai, sembrava che fosse così! La sua vita era sempre piena e interessante. Gli piace andare al teatro, non perde mai una buona mostra d'arte e fa snowboard. Oltre a ciò, trascorre molto tempo con me e ci divertiamo molto a uscire insieme. Per sapere come va a finire, guarda il video! ★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Ho Ricevuto delle Orribili Minacce dopo che ho fatto Coming Out
Ho Ricevuto delle Orribili Minacce dopo che ho fatto Coming Out
Mese fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao, io sono Charles. E di recente ho fatto “coming out” e questa cosa ha portato a delle ... strane ripercussioni. Quando avevo 15 anni, avevo una ragazza, Rebecca, e mi piaceva davvero tanto, pensavo di amarla, ma mi sentivo strano, come se... qualcosa non funzionasse. Ho iniziato a notare che ... mi piacevano di più i ragazzi. E intendo che mi erano sempre piaciuti, ma non me ne ero mai reso conto ... E così ho continuato a uscire con Rebecca per un po’, anche dopo essermene reso conto, ma poi ho voluto mettere le cose in chiaro. Le ho spiegato, nel miglior modo possibile, che non era colpa sua, ma mia. Volevo ancora che fosse mia amica, perché era una persona davvero importante per me. Era dispiaciuta, ma era favorevole e comprensiva, e io ero sollevato. E dopo, l’ho detto a tutti i miei amici. Mi aspettavo che mi prendessero in giro o, che fossero sorpresi, ma era come se... a nessuno importasse, e alcuni di loro se lo aspettavano. È stato molto più facile di quanto avessi immaginato! Certo, mi aspettavo che altre persone lo sarebbero venute a sapere, ma non mi aspettavo quello che è accaduto dopo ... Un giorno, a scuola, mentre cercavo nella borsa un libro, ho trovato una ... lettera? L'ho aperta e c'erano ... ehm, beh, delle minacce? C'erano degli insulti, ma anche cose che non ripeterò qui, ma in sostanza dicevano: "trasferisciti in un'altra scuola, qui non abbiamo bisogno di persone come te". Mi sono guardato intorno, ma non c'era nessuno. Ero terrorizzato. Pensavo che uno dei miei amici mi stesse prendendo in giro, ma nessuno di loro avrebbe mai fatto una cosa simile. Poi non ci ho più pensato, ma è successo ancora. Questa volta, qualcuno mi ha scritto su Instagram, in modo anonimo, con altri insulti e minacce. Gli ho chiesto chi fosse, ma mi ha ignorato. L'unica persona con cui ho condiviso questa cosa è stata Rebecca, ed è rimasta scioccata anche lei! Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Ho Scoperto che mio Padre ha un’Altra Figlia. E ci ha Rubato Tutti i Soldi!
Ho Scoperto che mio Padre ha un’Altra Figlia. E ci ha Rubato Tutti i Soldi!
Mese fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ehi ragazzi! Io mi chiamo Megan, e ho 13 anni. Mio padre mi diceva sempre: "Un amico che ti aiuta nel momento del bisogno è un vero amico". Ma non sapeva cosa gli avrebbe fatto il suo più caro amico. E ora ti racconto cosa è successo... Ho una famiglia normale. Siamo io, la mia mamma, e il mio ​​papà. E mio padre gestisce la propria attività, che va alla grande. Aveva un socio, Daniel, che era anche uno dei suoi migliori amici. Daniel faceva parte della nostra famiglia e ha sempre partecipato a tutti gli eventi e le vacanze. Mio padre si fidava ciecamente di lui. Ma la vigilia di Natale dello scorso anno, tutto è cambiato! Abbiamo organizzato una grande festa con i nostri parenti e amici, ed era uno spasso! Mio padre era sempre l’anima della festa, ma quel giorno era un po’ lunatico. Dopo che tutti se ne sono andati, l’ho visto insieme a Daniel che uscivano sul balcone. Stavo pulendo il tavolo e ho accidentalmente sentito la loro conversazione. Non ho sentito molto, ma mio padre diceva: "Oggi è il giorno in cui l'ho lasciata". E immagino che Daniel fosse pienamente consapevole di chi fosse "LEI", perché ha detto: "Forse è giunto il momento di chiamarla e conoscere la verità". E papà ha risposto: "Per nessun motivo al mondo". Ero scioccata! Mio padre aveva un’amante? Dovevo scoprire la verità. La mattina dopo mi sono imbattuta in Daniel sulla porta di casa. Era venuto a prendere mio padre per portarlo in ufficio. Gli ho afferrato la mano, e l’ho trascinato in camera mia e gli ho chiesto spiegazioni. E Daniel non ci ha messo molto a dirmi tutto. Mi ha detto che molto tempo fa mio padre era stato sposato con un'altra donna. Ma le cose non andavano bene tra loro. Una volta hanno litigato molto e mio padre se n’è andato di casa e non è tornato mai più, nonostante la moglie fosse incinta. E non ha mai saputo se avesse avuto o meno il bambino, e questa domanda lo tormentava da anni. Mentre ascoltavo incredula, stavo col fiato sospeso e, alla fine, ho chiesto se avesse avuto il bambino o no. Daniel ha fatto una breve pausa e poi mi ha detto: "Sì, certo.". Si è scoperto che lui conosceva l'ex moglie di mio padre e l'aveva chiamata dopo quel discorso sul balcone. E cosi mio padre aveva una figlia. Si chiamava Sylvia e aveva diciannove anni. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Io sono povero e la mia Ragazza è Ricca. Per questo Motivo mi ha Umiliato in Pubblico
Io sono povero e la mia Ragazza è Ricca. Per questo Motivo mi ha Umiliato in Pubblico
Mese fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao a tutti! Io mi chiamo Mike e ho 17 anni. Anche se oggi vi parlerò di una ragazza, non si tratta di una storia d'amore. Invece, si tratta di dolore, imbarazzo e di un sogno che avevo realizzato e ha rischiato di non avverarsi. Molti anni fa i miei nonni sono venuti in questo paese. E volevano fortemente avere una vita migliore sia per loro stessi che per le generazioni future. E la nostra famiglia, dopo tanti anni, ha ancora dei problemi economici. Questo è il motivo per cui mi sono cercato un lavoro prima ancora di diplomarmi. Ma ad essere sincero, volevo un lavoro principalmente perché volevo frequentare un’università ed essere il primo della mia famiglia a laurearsi. Prima che mia nonna morisse, le ho promesso che ci sarei riuscito e non volevo deluderla. Lavoravo nella mensa della scuola, come benzinaio, e in molti altri posti. Ma non molto tempo prima che questa storia accadesse, sono stato fortunato e ho ottenuto il migliore lavoro part-time che potessi desiderare, come cameriere in un ristorante molto elegante e popolare. Non avevo solo un ottimo stipendio, ma ricevevo delle belle mance dai facoltosi clienti, il che significava che, se tutto fosse filato liscio, dopo un anno avrei potuto risparmiare abbastanza denaro per l’università. E poi ho notato una bellissima ragazza che da poco aveva cominciato a frequentare il ristorante. Era sempre circondata dalle sue amiche e, a giudicare dal modo in cui erano vestite e come si comportavano, sembravano provenire da famiglie molto ricche. Ma si sedeva sempre in una zona del ristorante che non era assegnata a me. Quindi, non avevo modo di parlarle. Inoltre, come membro dello staff, non potevo flirtare con le clienti, a meno che non volessi essere licenziato. Quindi potevo solo guardarla da lontano. Se vuoi sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Sono stato Costretto a Fuggire negli Stati Uniti quando ho Perso i miei Genitori
Sono stato Costretto a Fuggire negli Stati Uniti quando ho Perso i miei Genitori
Mese fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao a tutti. Io mi chiamo Rohan. Ho sedici anni, e ora sono felice di vivere in America con mia sorella Amita, e lo zio. Ma non è sempre stato così. La mia famiglia viene dall'India. E se vuoi sapere perché ci siamo trasferiti e cosa ci è successo durante il nostro viaggio verso gli Stati Uniti, continua a seguire... Ho trascorso la mia infanzia in un piccolo villaggio indiano. Anche se i miei genitori lavoravano giorno e notte, eravamo comunque piuttosto poveri e non avevamo molto. Poi, un giorno è successo qualcosa di terribile. Una volta, i miei genitori sono andati a lavorare e non sono più tornati. Dopo tre giorni di attesa, abbiamo scoperto che l'autobus che portava tutti i lavoratori in città era stato coinvolto in un grave incidente. Mia sorella e io eravamo a pezzi. Come avremmo fatto senza i nostri genitori? Tutti i nostri parenti erano poverissimi e avevano già abbastanza bocche da sfamare. Non avevamo altro posto dove andare, e cosi mia sorella ha chiamato lo zio Samar, che si era trasferito in America molti anni prima. Era davvero sconvolto nel sentire la notizia dei nostri genitori e ha promesso che ci avrebbe portato via. Non poteva venirci a prendere, perché non poteva correre il rischio di portare fuori dal paese due bambini minorenni. Il processo per ottenere un visto per l'America poteva richiedere anni e costava una fortuna. E noi non avevamo né il tempo, né i soldi. Quindi lo zio ci ha inviato dei documenti falsi e del denaro per i biglietti aerei. Sarebbe stato un viaggio lungo e rischioso, con numerose fermate lungo il percorso. Ma era la nostra unica possibilità, quindi abbiamo corso il rischio e ci siamo buttati. All’inizio, tutto andava bene. Eravamo cosi sorpresi nel vedere un aereo quando siamo arrivati ​​all'aeroporto. Non l’avevo mai visto da così vicino, ed ero davvero emozionato quando siamo decollati. Ma l’emozione è svanita dopo l'atterraggio in Ecuador. C'erano folle di persone, che come noi, cercavano di salire su un autobus per andare in Messico. Tutti quanti si spingevano e gridavano. Io e mia sorella abbiamo provato a stare insieme, ma quando alla fine ci siamo districati e siamo saliti sull'autobus, mi sono reso conto che ero tutto solo. Amita non c'era! Ho continuato a chiamarla, ma lei non mi rispondeva. Ero spaventato a morte. Avevo solo cinque anni, cosa potevo fare senza mia sorella? E l'autobus è partito. Ero veramente terrorizzato, ma cercavo di trattenere le lacrime. Dovevo solo sperare che mia sorella fosse riuscita a salire su un altro autobus e che ci saremmo di nuovo ritrovati. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Ho Conosciuto uno Zio Segreto. Ora so perché lo Nascondono da me
Ho Conosciuto uno Zio Segreto. Ora so perché lo Nascondono da me
Mese fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao, io sono Ryan e qualche mese fa ho scoperto un segreto che la mia famiglia mi aveva tenuto nascosto per tutta la vita. E questo segreto è ... mio zio! Vedi, i miei genitori sono piuttosto ...beh, conservatori, in tutto quello che fanno. Non mi lasciavano vestire come volevo o ascoltare la musica che mi piaceva. Ma lo facevo di nascosto! Indossavo qualcosa di normale davanti a loro e per la scuola, ma poi la sera, quando ne avevo occasione, indossavo qualcosa di figo, quello che i miei genitori chiamerebbero da "ribelle", e uscivo con i miei amici per andare e vedere un concerto o cose simili. Mi sono sempre chiesto PERCHÉ fossi così diverso da tutta la mia famiglia, ma poi ho scoperto che non sono l'unico! Una sera, sono andato a un piccolo evento dal vivo. Sai, chiunque poteva esibirsi e cantare, recitare, raccontare poesie o barzellette. In pratica, qualunque cosa. E immagina la mia sorpresa quando sul palco è salito un signore con una chitarra ... con degli abiti molto appariscenti, capelli lunghi e orecchini ... ed era mio padre! Non potevo credere ai miei occhi. E poi, quando ha iniziato a cantare, non potevo credere alle mie orecchie! Era bravo, ma mi sentivo come in uno strano sogno. Dopo, mi sono avvicinato e gli ho chiesto, un po’ perplesso: "Papà?" Mi ha fissato per cinque secondi e il viso gli si è trasformato. Ha spalancato gli occhi, ha sorriso e gli si è illuminato il volto. "Ciao, nipote." Coooossaaa? Mi ha spiegato che era il fratello gemello di mio padre, Nicholas, ed era in visita nella nostra città, per la prima volta, da molti anni, e sarebbe rimasto per più di un mese, forse anche due. Era davvero felice di vedermi e abbiamo parlato a lungo. Alla fine, gli ho chiesto perché non sapevo di lui. Era titubante, e ha deciso che era meglio che non lo sapessi. Poi mi ha dato il suo numero per poterlo contattare, cosi potevo passare del tempo con lui. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Ho Strappato la mia Matrigna dalle Grinfie di mio Padre
Ho Strappato la mia Matrigna dalle Grinfie di mio Padre
Mese fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao, io sono Elliot e da quando mio padre ha trovato una nuova fidanzata, la mia vita è stata messa sotto sopra. Vedi, mio padre è un uomo d'affari di grande successo, ma non posso dire che sia una brava persona. E mia madre, 20 anni fa, quando era una giovane immigrata, ha iniziato ad uscire con mio padre, che era molto più grande di lei. Era una brava donna e lavorava sodo. Lei e mio padre si separarono quando avevo circa 8 anni. Quando ciò è accaduto, mia madre è dovuta tornare nel suo paese e da allora la vedo raramente. Volevo andare con lei, ma mio padre ha deciso che dovevo stare con lui in modo che non avrebbe dovuto pagare il mantenimento. Non so perché fosse così importante per lui, in fondo i soldi non gli mancano. Immagino fosse per orgoglio. Vedo mia madre raramente, ma, negli anni, ci siamo sempre tenuti in contatto. Poco fa, ho compiuto 18 anni e mio padre ha trovato una nuova ragazza. Si chiama Victoria. Ne ha avute diverse durante la mia infanzia. Erano tutte molto giovani e le trattava sempre male. Anche Victoria ha 18 o 19 anni e proviene da una famiglia molto povera. All'inizio, la odiavo perché pensavo che fosse un’opportunista. Dopo pochi mesi si è trasferita a casa nostra e hanno iniziato a parlare di matrimonio. A quel punto, avevo iniziato a conoscerla meglio e mi sono reso conto che è una ragazza molto dolce e intelligente. A volte parlavamo per ore. Voleva cambiare vita e uscire dalla povertà e allontanarsi dalla sua difficile situazione famigliare, e mio padre era l’unico appiglio che aveva. E lei gli era molto grata per averle dato questa nuova vita. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
I miei Genitori hanno fatto Catfishing per Controllarmi
I miei Genitori hanno fatto Catfishing per Controllarmi
Mese fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao ragazzi, io sono Madison. E la storia che vi racconterò è davvero incasinata. Roba del genere è tutt'altro che normale, e sia io, che i miei genitori, siamo ben consapevoli di quanto possa sembrare terribile. Ma comunque sia…è successo. Tutto è iniziato quando ho conosciuto un ragazzo su Instagram. Gli sono piaciute alcune delle mie foto e molto presto ha iniziato a parlarmi di un libro che avevo menzionato in uno dei miei post. Parlare di letteratura è il modo più semplice per conquistare il mio cuore. So che sembra ridicolo, ma è vero. E cosi gli ho risposto e abbiamo iniziato a chattare. Si chiama Sean, ha circa la mia età e ... sembrava carino. Devo essere chiara su una cosa. Non c'è mai stato nessun tipo di FLIRTING da parte sua. Lui era solo gentile, e io cercavo di dargli qualche segnale, ma non ha colto i miei segnali. Ci sono rimasta anche un pochino male, ma ora sono sollevata. In pratica, gli raccontavo della scuola, dei miei amici, e della mia famiglia ... le cose che facevo quotidianamente. E cercavo di fare la tranquilla. E ora vi parlo di quello che, in quel momento, stava accadendo tra me e i miei genitori. Vedi, la mia famiglia non ha mai veramente capito il concetto di spazio "personale". Loro hanno sempre detto che non ci dovrebbero essere segreti in famiglia, che dovremmo condividere tutto e che dovremmo fidarci l'uno dell'altro più di quanto non ci fidiamo degli altri. E, a volte, nella mia vita questo approccio mi ha aiutato: ho sempre trovato sostegno e conforto in loro. E non sapevo che questo potesse avere altri risvolti, visto che è sempre stato così. Ma quando ho compiuto 14 anni tutto è cambiato. E, soprattutto, sentivo il bisogno di avere il mio spazio personale. Immagino che potete facilmente capire la mia situazione. Non si trattava di fare qualcosa di nascosto, era piuttosto un fatto mentale, uno spazio "psicologico". Ho iniziato a non condividere i fatti miei con i miei genitori. E l'esempio più banale è stato quando ho cominciato a chiudere la porta di camera mia, che era sempre stata aperta 24/7. I miei genitori sono sempre entrati quando volevano e non mi aveva mai dato fastidio... fino ad allora. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
I Miei Vicini Hanno Perso il Loro Figlio e Hanno Provato a Portarmi Via dai Miei
I Miei Vicini Hanno Perso il Loro Figlio e Hanno Provato a Portarmi Via dai Miei
Mese fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao! Sono Randy. Ho 17 anni ora, ma la storia che voglio condividere con te è accaduta qualche anno fa, quando avevo solo 13 anni. È stato il periodo più difficile e più terribile della mia vita. Probabilmente dovrei iniziare questo discorso parlando della morte del mio più caro amico... Michael aveva 14 anni e soffriva di una grave disabilità da quando era nato. Aveva un sistema immunitario molto debole e stava così male che non riusciva nemmeno ad andare a scuola. E io, beh, io ero l'unica persona della sua età con cui potesse parlare. Non eravamo solo amici tra di noi; anche i nostri genitori avevano un rapporto molto stretto, dato che vivevamo attaccati. Alcuni altri vicini pensavano addirittura che fossimo un’unica famiglia. Trascorrevamo le vacanze insieme e spesso io dormivo da Michael. Insomma, ecco, eravamo come fratelli e anche se chiaramente conoscevo altri ragazzi a scuola, lui era il più caro amico che avessi mai avuto in vita mia. Anche se tutti sapevano che Michael sarebbe morto da bambino, quando è successo è stato comunque difficile da superare. Ricordo il momento subito dopo il funerale, mentre i nostri genitori erano occupati con le loro cose da adulti e io mi sono intrufolato nella stanza di Michael. Tutto era esattamente nella stessa posizione, proprio come quando Michael era ancora vivo. Michael si sedeva sul davanzale della finestra e guardava giù in strada, aspettando che lo andassi a trovare. Così mi sono seduto lì e ho cercato di ricordare ogni singolo dettaglio della nostra amicizia. Non mi ero nemmeno accorto di essermi addormentato. Ma ricordo che ho fatto un sogno su Michael in cui lui era lì accanto a me nella sua stanza, e mi diceva che era felice perché non sentiva più alcun dolore. E mi ci è voluto un po’ per capire dove fossi, la mattina dopo al risveglio, quando mi ritrovai nella sua ex camera da letto. Più tardi, scoprii che il padre di Michael mi aveva trovato che dormivo, ma non aveva voluto svegliarmi. Circa un mese dopo, i genitori di Michael decisero di vendere la loro casa e trasferirsi. Ma sai che c’era di strano? Sembrava non fossero più amici con i miei. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mia Sorella si Comportava in Modo Strano e poi è Sparita
Mia Sorella si Comportava in Modo Strano e poi è Sparita
Mese fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ehi ragazzi! Io mi chiamo Chris. E oggi ho finalmente deciso di raccontarvi la mia storia. Molti di voi avranno avuto una casa sull'albero o un fortino quando eravate piccoli. Non mi sarei mai immaginato di trovare, nella casa sull’albero, qualcosa che avrebbe stravolto la vita di tutti coloro che amo. I miei genitori sono sempre stati delle persone molto rispettabili, e lo scopo della loro vita era di crescere dei figli bravi e ben educati. Purtroppo, con me non ha funzionato. Sono sempre stato un bambino selvaggio. Non sono mai stato né un bravo studente né un ragazzo con la testa sulle spalle. A differenza di mia sorella Molly. Lei ha sempre fatto di tutto per compiacere i nostri genitori. Aveva anche una reputazione immacolata a scuola. Bella e intelligente! Ma tutti hanno uno scheletro nell’armadio. Tutta la vicenda è accaduta quando mia sorella frequentava l’ultimo anno di scuola. Era un momento emozionante per la nostra famiglia: tanti piani e aspettative. Mia sorella sembrava veramente felice ed eccitata, ma notai che c'era qualcosa di sbagliato in lei. Innanzitutto, notai che la mattina non mangiava. Neanche i pancake della mamma, che erano i suoi preferiti, non le mettevano appetito. E sembrava stanca ed esausta tutto il tempo. Quando le chiesi cosa stesse succedendo, mi diceva che stava studiando duramente, giorno e notte, sperando di essere ammessa all’università. Ed era una cosa normale e lo capivo, ma c'era comunque qualcosa che non mi tornava. Una notte, l'ho sentita mentre parlava con il suo ragazzo Tim. E per quanto sono riuscito a sentire, non era una conversazione piacevole. E per la cronaca, ero l'unica persona a sapere che lei avesse un fidanzato. Mi ha confidato questo segreto facendomi giurare di non dirlo a nessuno. Quando le ho chiesto cosa fosse successo, mi ha semplicemente detto: "Non è il mio tipo"…. Non è il suo tipo? Ma se sono stati follemente innamorati per così tanto tempo! Non capivo! Ma poi tutto è precipitato. Molly divenne così irritabile e scattava per qualsiasi cosa. Non andavamo più a fare passeggiate e non guardavamo più i film la sera, eppure eravamo sempre stati uniti. Invece, preferiva passare il suo tempo a letto ingozzandosi di sandwich. Sembrava che mia sorella fosse depressa. Davvero depressa. E io ero convinto che fosse colpa di Tim. Magari l’aveva offesa o trattata male?! Qualunque cosa fosse successa tra quei due, dovevo saperlo. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mio Padre o Mio Fratello Andranno in Prigione e Sono io a Dover Scegliere
Mio Padre o Mio Fratello Andranno in Prigione e Sono io a Dover Scegliere
Mese fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao ragazzi, io mi chiamo Chris. Di recente ho dovuto scegliere tra chi dovesse andare in prigione: mio padre o mio fratello. Ma io ho solo 13 anni, come potevo fare una scelta simile? Avevamo una vita normale, ma quando avevo 10 anni, mia madre morì e tutto è cambiato. Abbiamo pianto per molto tempo ... Papà era a pezzi, non riusciva ad affrontare la sua morte, e ha iniziato a bere. E poi tutto è andato di male in peggio. Fu licenziato e non riusciva a guadagnare molto. E la maggiore parte dei soldi che aveva, li spendeva per bere. Odiavo quando si ubriacava. Aveva terribili sbalzi d’umore. All'inizio piangeva, poi urlava e, infine, si arrabbiava. E cosi, mio fratello Bruce ha assunto il ruolo di “capofamiglia”. Mi proteggeva e si prendeva cura di me. Per tre anni abbiamo lottato con la sfortuna, ma, poi, le cose sono migliorate. Siamo riusciti a parlare con papà e ha cominciato a bere molto di meno. Poi Bruce ha compiuto 18 anni e ha trovato un buon lavoro. Potevamo di nuovo sperare in un futuro normale. Ma, in una sola notte, tutto è cambiato. Un fine settimana, papà ci ha fatto una sorpresa. Aveva comprato i biglietti per una partita di baseball! Evviva! Avremmo trascorso la giornata come una famiglia normale. Ci ha portato allo stadio e abbiamo cominciato a vedere la partita. Bruce e io eravamo così felici! Ma non è andato tutto cosi liscio. Papà ha incontrato i suoi amici e ha deciso di vedere la partita con loro. Avevamo deciso di vederci dopo due ore vicino alla nostra macchina. Ma quando la partita è finita, papà non si è presentato. Abbiamo provato a chiamarlo, ma non ha risposto. Siamo rimasti ad aspettare accanto alla macchina per oltre un'ora e alla fine è arrivato. Riusciva a malapena a stare in piedi! A quanto pare, si era ubriacato con i suoi amici. Bruce si è incavolato molto perché papà aveva rovinato tutto. Ha preso le chiavi e ha detto che avrebbe guidato lui. Così siamo saliti in auto e siamo partiti. Ma papà è diventato aggressivo, e continuava a criticare il modo in cui Bruce guidava, e lo stava infastidendo. Stavano litigando e urlavano. E io non volevo più sentire, cosi ho chiuso gli occhi e mi sono messo le mani sulle orecchie. Ma poi ho sentito un duro colpo, e quando ho riaperto gli occhi, l'ultima cosa che ho visto era il parabrezza che si frantumava. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Ho Visto Il Computer Della Fidanzata Di Mio Padre. O MIO DIO!
Ho Visto Il Computer Della Fidanzata Di Mio Padre. O MIO DIO!
Mese fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao! Sono Marisa. Vorrei condividere una storia con te di come ho trovato la mia migliore amica in qualcuno che non mi sarei mai aspettata. Mia madre ha combattuto il cancro per molto tempo, ma sfortunatamente non ce l'ha fatta. Da quando avevo 13 anni, siamo rimasti solo io e mio padre. E il primo anno senza mia madre è stato una vera tortura per me. Per entrambi, immagino. A causa del mio dolore, sono diventata un vero mostro a casa e più lunatica a scuola. Solo ora posso vedere quei giorni per quello che erano veramente, ma allora pensavo di stare BENE. C'è stato un momento, però, in cui ècambiato tutto. Quando sono tornata a casa da scuola, vestita di nero, come sempre, per un secondo ho sentito quellasensazione di calore dentro di me, perché sentivo l'odore del famoso polpettone di mia madre. Ma quando ho visto una donna sconosciuta cucinare il piatto di mia madre e mio padre sorridente, che le parlava, la piacevole sensazione dentro di me si è trasformata in una fiamma di rabbia. Papà ha detto che questa donna, Rosie, era la nostra nuova governante. Sono andatanella mia stanza senza dire una parola. Come osa cucinare con le ricette di mia madre? Come osa assumere una donna e lasciarle fare le cose che faceva mia madre? Li odiavo entrambi. E non avevo una sola personacon cui parlare di tutto ciò. Non avendo nient'altro da fare, ho acceso il mio computere ho scritto tutto quello che sentivo dentro di me. E scrivere le cose in un certo senso mi ha fatto sentire diversa. Da quella notte ho iniziato a creare il mio blog personale. C'erano persino alcune persone che avevano iniziato a commentare i miei post e scrivermi. C'era anche un'altra ragazza che aveva perso sua madre, e sembrava provare esattamente quello che provavo io e siamo diventate amiche. E la nostra nuova governante - Rosie, voleva davvero conoscermi. Mi ha sempre chiesto come fosse la mia giornata e cosa avrei voluto per cena e così via, e questo mi ha fatto impazzire. Penso che volesse diventare mia amica, ma io non ero interessata ed era lontana dalla lista delle persone che mi piacevano in quel momento. Era troppo sorridente, pensavo, tenendo conto del fatto che stava lavorando per una specie di famiglia danneggiata. Anche se la mia amica su Internet - il suo nome era Claire, ha detto che Rosie avrebbe potuto solo cercare di semplificarci la vita, ho comunque pensato che fosse troppo coinvolta, per essere solo una governante. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Sono Diventato Papà A 16 Anni. Com'ero Ingenuo!
Sono Diventato Papà A 16 Anni. Com'ero Ingenuo!
Mese fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Hey ragazzi! Io sono Louis, e oggi vi racconto la mia storia. Allora, la mia ragazza è incinta. Direte, ok che c'è di strano? Beh, il fatto è che io ho soltanto 16 anni. Perciò, uhm....Urrà? Non ho ricordi di quando incontrai Jasmine, perché ero ancora piccolo! I suoi genitori erano i nostri vicini di casa, e come dice sempre mia madre, io e Jasmine ci conosciamo da quando eravamo in fasce. Siamo cresciuti fianco a fianco. Da bambini facevano davvero tutto insieme. Fino ai 16 anni siamo sempre rimasti solo migliori amici. Finché io ho rovinato tutto, ma non l'ho fatto apposta! Insomma, un ragazzo adolescente, capite no... Ecco, dissi a Jasmine che io volevo qualcosa più della sola amicizia. Naturalmente in risposta lei mi disse le solite frasi fatte: non voleva rovinare la nostra amicizia e tutto quel solito bla bla da ragazze. Perciò mi ritrovai nella più classica friendzone. Per la precisione, mi trovavo in quella friend zone già da... 16 anni! Ma va bene così, cosa ci posso fare. Si tratta di soffrire per un po', ma poi quei sentimenti passano... finché un giorno vengo a sapere che Jasmine si vede con un mio compagno di classe. Mike. Cioè dico, Mike, un aspirante attore, uno che passa il tempo solo a pavoneggiarsi. E lei preferisce quel burattino a me? Ma dico io, lo sanno tutti che Mike non fa che passare da una ragazza all'altra! Come diavolo fa Jasmine anche solo a frequentare uno come lui? Ero fuori di me. Ho cercato di metterla in guardia contro di lui, ma lei non mi voleva dare retta. Finché qualche mese dopo, è successo di tutto. La incontrai che piangeva fuori da scuola. Non serviva essere Sherlock Holmes per capire cosa fosse successo. Mi avvicinai a lei e la abbracciai senza dire una parola. La accompagnai a casa e lei mi raccontò tutto. Come ampiamente previsto, Mike l'aveva scaricata. Ve lo devo dire, ho dovuto mordermi la lingua per non dirle "Te l'avevo detto ". Meno male che son stato zitto. Lei sembrava essermi grata del mio appoggio e quando arrivammo a casa, mi guardò dritto negli occhi… e mi baciò. Ragazzi... un momento che avevo sognato da anni, finalmente era realtà! E finalmente eravamo una coppia. Furono i giorni più felici della mia vita. Passavamo giorno e notte insieme, non volevo mai lasciarla, nemmeno per un istante! Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mio Padre ha Deciso di Provare Tutto nel suo Ultimo anno di Vita
Mio Padre ha Deciso di Provare Tutto nel suo Ultimo anno di Vita
Mese fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao ragazzi! Sono Stanley. E questo è mio padre. È un po’ triste ultimamente, perché non gli è più permesso sfidarmi. Potrebbe sembrare un po' strano, ma una volta ho quasi perso mio padre e mi sono spaventato a morte. Ecco la storia. Quando sono nato, mio padre aveva già 50 anni. Ero un bambino tanto desiderato da lui. Questo probabilmente è il motivo per cui è sempre stato un po' troppo entusiasta delle cose che facevo. Ad esempio, quando ero un bambino, mio padre trascorreva molto più tempo con me di mia madre. Fu lui a insegnarmi a camminare, leggere, andare in bicicletta e tutto il resto. Ed ero felice di avere mio padre vicino a me. Crescendo, la sua attenzione è diventata davvero irritante. Quando i miei amici venivano a giocare ai videogiochi, per esempio, mio padre si univa a noi. O quando ci siamo riuniti tutti per prepararci a partecipare a una gara di skateboard, papà si è comprato uno skateboard e ha insistito sul fatto che gli insegnassi ad andarci. All'inizio, i miei amici dissero che si sentivano in imbarazzo per mio padre che veniva sempre in giro con noi. Ma quando hainiziato a indossarei miei stessi identici vestiti, tutti a scuola hanno iniziato a prendermi in giro, chiamandomi figlio di uno strano. Certo, mi sentivo in imbarazzo. Una volta, ho provato a spiegare a mio padre che non volevo che si comportasse così, ma probabilmente ho scelto un brutto momento per farlo. Era seraed ero già in ritardo per incontrare i miei amici, quindi avevo davvero fretta quando ho incontrato mio padre con un pallone da basket nel cortile di casa nostra. Volevo prendere in prestito la sua auto in modo da poter arrivare primadai miei amici, ma mi aveva detto che avrei potuto prenderla in prestito solo se avessi vinto il gioco. Avevo davvero bisogno della sua macchina, quindi dovevo essere d'accordo. E poiché avevo fretta, al primo minuto ero a due punti da lui. Papà disse che gli dispiaceva, ma dato che non avevo vinto non potevo prendere la macchina. Onestamente, non volevo urlare contro di lui. Ma questa situazionecon il suo schiacciante bisogno di essere mio amico e le sue battute inopportune e stupide mi avevano fatto impazzire. In realtà non riesco a ricordare esattamente cosa mi è uscito di bocca, ma gli ho sicuramente detto un sacco di cose offensive e poi sono semplicemente andato dai miei amici Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mio Padre ha due Famiglie…E la Nostra non è la Prima!
Mio Padre ha due Famiglie…E la Nostra non è la Prima!
Mese fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao. Io mi chiamo Lisa e, mentre questa storia si svolgeva, la mia vita era nell’oblio più totale. Voglio dire, è una di quelle situazioni in cui ti chiedi se sei veramente chi credi e se quello sta accadendo è reale. E, tutto questo è successo nel giro di una settimana. Cercherò di ricordare tutto. A volte, tutto ciò che riesco a ricordare sono solo le... emozioni. Ricordo ancora ... Sì, ricordo chiaramente l'ultimo giorno in cui tutto era ancora normale. Era una domenica e avevo trascorso la giornata insieme ai miei genitori. Mia madre si chiama Melissa e mio padre si chiama Tom. Abbiamo pranzato nel nostro ristorante preferito, siamo andati al cinema, e abbiamo finito la giornata rilassandoci in giardino. Abbiamo riso così tanto, solo noi tre. E poi il giorno dopo mio padre è partito. Era solo un altro dei suoi viaggi di lavoro. Sapevo che lavorava in una società e che aveva un ufficio sulla costa occidentale e uno su quella orientale. Noi viviamo in California, e ogni due settimane papà doveva tornare a New York, per 5-7 giorni. A volte rimaneva per periodi più lunghi, a volte più brevi. Ed era così da anni, quindi non mi pesava più di tanto. Quando era via, ci mancava molto, ovviamente, e non vedevamo l'ora di averlo con noi. La famiglia non era al completo senza di lui. Inoltre, quando era via, era così impegnato che per alcuni giorni neanche ci chiamava. E diceva sempre che anche noi gli mancavamo, e che ogni giorno pensava al suo ritorno a casa. Quindi, quella volta era come tutte le altre. E aveva già comprato il biglietto di ritorno per la settimana successiva. Sfortunatamente, il suo compleanno cadeva proprio nei giorni in cui sarebbe stato via. Il giorno dopo, una delle nostre insegnanti ci ha assegnato un compito per dire alla classe come funzionano i diversi rami del governo. La signora Jackson ci disse che voleva che fossimo acculturati, quindi ci assegnava un sacco di compiti che ci avrebbero resi più consapevoli. Dovevo creare un rapporto completo su come funzionava la dichiarazione dei redditi: a cosa serve e come viene compilata. Mi sono ricordata di aver visto mio padre che compilava uno di questi moduli pochi giorni prima. Non aveva avuto tempo di archiviarlo, e lo avrebbe fatto al suo ritorno. Quindi, pensando che non sarebbe stato un grosso problema, ho aperto il cassetto della scrivania, dove conservava tutti i documenti. La dichiarazione dei redditi era lì, in cima, e così ho iniziato a esaminarla. Ed ecco cosa ha attirato la mia attenzione. Nella colonna "persone a carico" ho visto diversi nomi di cui non avevo mai sentito parlare. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Ho Mentito sulla mia Età per Conquistare la mia Ragazza
Ho Mentito sulla mia Età per Conquistare la mia Ragazza
Mese fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao ragazzi! Io mi chiamo Neil e vorrei sapere se credete nell'amore a prima vista. Lo so, sembra una frase presa da qualche film d’amore... ma, in realtà, voglio solo raccontarvi la mia storia. Dunque, un giorno stavo su Facebook e sono finito, accidentalmente, sulla pagina di una bella ragazza. Il suo sorriso mi ha fatto venire le farfalle nello stomaco! Ragazzi! Beh, sapete di cosa sto parlando… Ma un bel viso non è una ragione sufficiente per perdere la testa, quindi ho cominciato a sfogliare tutti i suoi post, e a leggere tutti i suoi commenti ... E beh, le farfalle si sono moltiplicate. Era la donna perfetta! “A cosa voglio arrivare?” ti starai chiedendo! Magari pensi che mi stia solo mettendo in mostra. Beh, il punto è…... a proposito si chiama Olive e ha 21 anni…. Ecco, io non ho neanche 18 anni. Quindi cosa avremmo potuto avere in comune? Cosa mi avrebbe detto? “Vai a fare i compiti, piccoletto!”? Quindi??? Beh, quindi ho deciso di mentire, soprattutto perché sul mio profilo non si vedeva la mia età. E cosi abbiamo iniziato a parlare. Prima di cose superficiali, e poi dei fatti nostri. Ho fatto come avevo deciso e le ho detto che avevo 21 anni, proprio come lei, e che presto sarei andato a vivere da solo e avrei cercato una casa tutta mia. E così è iniziato tutto… Sai, quando parlavo con Olive, credevo a ciò che le dicevo. Mi sembrava di avere due vite: a casa ero uno studente del liceo, preoccupato per il test di chimica, e virtualmente ero una persona completamente diversa, più grande e con problemi diversi. Se mi trovavo a discutere di qualcosa di cui non sapevo nulla, mi mettevo su internet a cercare tutte le informazioni. Era semplice. Ma tutto è cambiato nel momento in cui abbiamo deciso di incontrarci di persona. Voglio dire, non è che ho sbagliato qualcosa, no no. Ero molto bravo a mentire. Ma era l’atteggiamento verso le bugie che era cambiato. Era sempre più difficile per me, vedi, non mi divertivo a mentire. Olive era così aperta e sincera! Pensa che mi ha confessato di piacergli già al primo appuntamento! E mi ha raccontato tutto su quanto sono severi i suoi genitori, e che la vedono ancora come una bambina, e lei non vuole deluderli, e cosi, non gli aveva neanche detto del nostro appuntamento! ... Quando mi ha raccontato queste cose, si è messa a ridere e ho riso insieme a lei, ma dentro mi sentivo sporco ... e miserabile! Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Ho una Paralisi Cerebrale ma Questo non mi ha Impedito di Salvare mio Padre
Ho una Paralisi Cerebrale ma Questo non mi ha Impedito di Salvare mio Padre
Mese fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao ragazzi! Io mi chiamo Chelsie. Ho 13 anni, e penso di avere una storia che valga la pena condividere. Se vuoi sapere com'è trovarsi faccia a faccia con la morte e non avere nessuno che può aiutarti, e poi, salvarti ... allora, resta qui con me. Il fatto è che ... Sono nata con una paralisi cerebrale e , ironicamente, la mia famiglia va pazza per lo sport. Mio padre è uno sciatore esperto, mentre mia madre è una scalatrice professionista. Dev’essere stato difficile per loro accettare la mia condizione, ma l'hanno fatto e non si sono mai arresi. I miei genitori hanno fatto di tutto per non farmi sentire disabile. Ho sempre praticato sport: nuoto, sci, e tennis. Ovviamente, in rapporto alla mia condizione fisica. Inoltre, ogni estate facciamo delle escursioni insieme, è una nostra tradizione. Attendo sempre con ansia la scelta della destinazione. L'ultima volta abbiamo scelto il sentiero della Pacific Crest. Ovviamente, non avevamo idea che quelviaggio avrebbe cambiato così tanto le nostre vite. Quando ho scoperto dove andavamo, ero la persona più felice del mondo. Anche se mia madre era un po’ scettica, perché era un percorso lungo e tortuoso, ma io e mio padre siamo riusciti a convincerla. E poi siamo giunti a destinazione, con gli zaini pesanti in spalla, mentre ci facevamo strada verso il campo. Non è stato facile, ma stavo andando bene. Finché, all'improvviso, ho perso l'equilibrio e sono inciampata su una pietra. E mi sono slogata la caviglia, quindi mi sono ritrovata a zoppicare ancora più del solito. I miei genitori hanno cercato di incoraggiarmi, tirandomi su di morale, ma ho sentito mia madre che sussurrava a mio padre: "È troppo per lei, torniamo indietro?" Quelle parole mi hanno delusa profondamente. Chiunque poteva inciampare lungo il sentiero! Non era niente! Comunque sia, poco dopo, abbiamo raggiunto la prima tappa. I panorami erano meravigliosi, ma io non volevo passeggiare. Le persone mi fissavano e puntavano il dito, come al solito, il che mi metteva a disagio. Sono rimasta seduta sotto un albero fino quando non è arrivato mio padre con un'espressione strana sul viso. E mi ha detto: "Vuoi fare un’escursione segreta? Solo io e te?" Non potevo dire altro che "Sì, capitano!" E cosi abbiamo deciso di esplorare e di non dire alla mamma dove saremo andati. Lei era impegnata a sistemare la tenda e a preparare la cena. Quindi, abbiamo preso la macchina fotografica e qualche bottiglia d'acqua e siamo partiti. Ci stavamo divertendo così tanto! Abbiamo fotografato le rocce e le montagne e mi ero quasi dimenticata del mio piccolo incidente. Non vedevo l'ora di mostrare le foto a mia madre. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Sono Stata Affidata a tre Famiglie Diverse, e ho Visto delle Cose...
Sono Stata Affidata a tre Famiglie Diverse, e ho Visto delle Cose...
Mese fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao, io mi chiamo Chloe, e da quando è morta mia madre, sono stata affidata a diverse famiglie e, onestamente, è stato un periodo davvero difficile. Mia madre era una brava persona, quando non beveva. Il problema è che beveva quasi sempre. Onestamente, tutti in famiglia la odiavano e non volevano avere niente a che fare con lei perché chiedeva sempre soldi e causava problemi a tutti. Quindi non avevamo contatti con nessuno di loro. Quando avevo 14 anni, è stata ricoverata in ospedale e, beh ... è morta. Non riuscivo a crederci, ed era tutto confuso, e non sapevo cosa fare. All'inizio, volevano che mi trasferissi a casa di mio nonno, ma lui ha detto che non voleva avere nulla a che fare con mia madre o con me. Non è nemmeno venuto al funerale. Non ci è venuto praticamente nessuno. Eravamo solo io e la famiglia di mio zio. Ha una moglie e una figlia, lei è un anno più piccola di me. Nessuno ha detto una parola ... e mi sentivo così sola. La famiglia di mio zio ha deciso di accogliermi anche se, onestamente, non lo volevano veramente fare. Nemmeno io lo volevo, perché sapevo che, in realtà, odiavano sia me che mia madre. Avevano tutte queste strane regole, che non avevano per la propria figlia. Abbiamo condiviso la camera e lei si arrabbiava se toccavo le sue cose, anche se era per necessità. Ad esempio, una volta, avevo bisogno di un paio di calzini perché i miei erano vecchi e bucati, quindi, ne ho preso un paio in prestito e non ho avuto il tempo di dirglielo perché ero in ritardo. Più tardi, ha detto ai suoi genitori che rubavo le sue cose e cosi se la sono presa con me, anche se ho cercato di spiegare. Non volevo passare il mio tempo in quella “casa", quindi rimanevo fuori fino a notte fonda: in pratica, in quella casa mangiavo e dormivo solamente. Non avevo nemmeno abbastanza vestiti. A volte cenavano in famiglia e non ero nemmeno invitata. Invece, mangiavo da sola in camera mia. Non dicevano che non mi volevano, ma si capiva. Le uniche persone che mi hanno aiutata sono stati i miei amici che vivevano in altre città… sai, noi chattavamo su Facebook. Mi aiutavano tanto quando mi sentivo giù o quando mi veniva da piangere, cosa che succedeva sempre. Poiché le condizioni in casa erano pessime e non avevano abbastanza soldi per prendersi cura di me, ben presto sono stata affidata a un’altra famiglia. All'improvviso, stavo in una nuova casa, con una famiglia completamente diversa, ed era tutto ancora più folle. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Ho Trovato il Profilo Instagram di mio Padre con le sue Foto Segrete di Lavoro
Ho Trovato il Profilo Instagram di mio Padre con le sue Foto Segrete di Lavoro
Mese fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao! Mi chiamo Joana. In questo momento ti racconterò una storia di come pensavo di aver quasi rovinato la mia famiglia, ma invece sono stata coinvolta nel più grande imbarazzo della mia vita. Questa è Hannah, la mia migliore amica. Mentre questa storia stava accadendo, stava attraversando uno dei periodi più difficili della vita di qualsiasi adolescente: il divorzio dei suoi genitori. E stavo cercando di fare del mio meglio per supportarla. Allora, di solito passavamo i nostri giorni e le nostre notti a discutere di tutti i motivi del comportamento del padre di Hannah, e del fatto che sua madre aveva finalmente intuito che la tradiva. Ad esempio, aveva iniziato a tornare a casa tardi dal "lavoro", come lo chiamava. Oppure riceveva strane telefonate, e poi si nascondeva nei posti più strani della casa in modo che nessuno potesse sentirlo. I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mia Madre mi ha Insegnato a Manipolare gli Uomini per Denaro
Mia Madre mi ha Insegnato a Manipolare gli Uomini per Denaro
Mese fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao, io sono Samantha. Per molti anni mia madre mi ha insegnato a odiare i maschi e a sfruttarli. E così ho fatto! Questo, fino a poco tempo fa, quando tutto è cambiato. Non solo per me ... ma anche per lei. Vedi, mia madre è sempre stata una donna ECCEZIONALMENTE bella. Ma per qualche ragione, è sempre stata molto sfortunata con gli uomini. Le mentivano o la usavano. E anche mio padre se ne è andato non appena ha saputo che lei era incinta. Per questo motivo mia madre nutriva odio e rancore verso gli uomini. Ha continuato a prendersi cura di sé stessa, vestendosi sempre bene e apparendo sempre al meglio. Usava le sue doti contro gli uomini. Si faceva portare a ristoranti costosi e li costringeva a pagare per tutto, e dopo un po’ li scaricava. Poi, ha iniziato a insegnarmi come fare e mi vergogno di ammettere che ho seguito il suo esempio. Ad esempio, facevo finta che mi piacesse un ragazzo, e mi lui mi portava al cinema e mi pagava da bere. Poi gli dicevo che volevo un certo vestito costoso per il mio compleanno e lui spendeva tutti i suoi risparmi per comprarmelo. Poco dopo, gli dicevo che era finita e lo bloccavo. Poi, una volta ho costretto un ragazzo a cantarmi una canzone davanti a tutti e poi l’ho preso in giro. In pratica, facevo sempre cosi e mia madre mi ha sempre supportato. Mi sono resa conto che sbagliavo solo quando ho incontrato Timothy. Volevo fare la stessa cosa con lui, ma era ... beh, diverso. Avevamo programmato di incontrarci in un bar, e quando ci siamo visti, ha detto: "Ehi, andiamo in una galleria d'arte". Mi piaceva l’idea perché nessuno mi aveva mai chiesto di andare in una galleria d'arte. Cosi siamo andati e ci siamo messi a guardare tutti i quadri e gli oggetti di arte moderna. All'inizio, ero tipo "Ma che noia", ma poi lui ha iniziato a farmi delle domande e a chiedermi cosa provavo nell’osservare i dipinti. Dopo, siamo andati in un bar e non riuscivo a smettere di parlare, e lui ascoltava tutto ciò dicevo e mi faceva un sacco di domande interessanti. Alla fine dell’appuntamento ha pagato e ho sentito che volevo stare con lui, ma non come con gli altri, volevo veramente stare con lui. Quando ho raccontato di lui a mia madre, ha detto "oh, ok", ma vedevo dal suo sguardo che non era contenta. Aveva paura per me, immagino, ma non riusciva a esprimersi nel modo giusto. E così, ho continuato ad uscire con Timothy, e qualche volta ci facevamo un giro nel parco e PARLAVAMO. E non mi stancavo mai di parlare con lui. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mio Cugino era Malato di Mente, ma Nessuno se n’era Accorto
Mio Cugino era Malato di Mente, ma Nessuno se n’era Accorto
Mese fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao! Io sono Hailey e ho 13 anni. Già da quando siamo piccoli, sappiamo cosa significa “Bene e Male”. E oggi voglio raccontarti la storia di come ho visto il mare più oscuro. Tutto è iniziato dopo che mi sono sottoposta a un intervento al cuore. Aspettavo di fare quell'intervento fin da quando sono nata ed è andato abbastanza bene, quindi, in realtà, quello è stato un momento molto felice e anche un nuovo inizio. Avevo bisogno di un posto tranquillo per riprendermi, quindi i miei genitori mi suggerirono di trascorrere le vacanze estive nella fattoria di mia zia. Lei e la sua famiglia vivono in una piccola e pittoresca cittadina della California. Non vedevo l'ora di andare e ho ricevuto un caloroso benvenuto. Mia zia è una brava donna e ha due figli: Jemmie che ha la mia età, e il piccolo Luke. Pensavo che ci saremmo divertiti tutti quanti insieme, ma non sono stata così fortunata. All'inizio, sembrava tutto perfetto. Tutti erano felici di avermi lì e hanno cercato di aiutarmi e incoraggiarmi. Ma mio zio era molto impegnato al lavoro e mia zia passava molto tempo con Luke, perché balbettava e doveva portarlo da un logopedista quasi ogni giorno. Quindi, trascorrevo la maggior parte del mio tempo con Jemmie. Mio padre diceva che Jemmie era un ragazzo d’oro, aiutava sempre la madre e assisteva con i bisogni del padre. Ed è sempre stato gentile con me. Cosi, mi ha mostrato la città e mi ha raccontato della sua scuola. Era così sicuro di sé e non aveva paura di niente. Io lo ammiravo! Mi ricordava Peter Pan, ma poi ... ho iniziato a notare alcune cose strane. Era così carino in casa, ma quando eravamo soli si lamentava di quanto fosse fastidioso il fratellino e di quanto i suoi genitori fossero stupidi e inutili. So che la maggior parte degli adolescenti dice queste cose, ma ... Un giorno stavamo passando vicino alla casa dei vicini e il cane ha iniziato ad abbaiare da dietro il recinto. Il cane era grosso, quindi avevo un po’ paura, ma non Jemmie. Si avvicinò alla recinzione, si inginocchiò e cominciò ad abbaiare contro il cane e rideva istericamente! Si, magari poteva anche sembrare una cosa innocente, ma c’era qualcosa nel suo sguardo. Era così contento e sembrava che non ci fosse nulla di meglio al mondo che stuzzicare quel cane. Sulla via del ritorno mi disse: "Perché non diamo dell’arsenico a quel cane domani?". Sono riuscita solo a ridere nervosamente sotto voce. Cercavo di convincermi che non c'era nulla di cui preoccuparsi e ho deciso di non parlarne con mia zia. Ma quel pensiero mi ha perseguitata per diversi giorni. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
I Miei Nuovi Vicini Si Nascondono Da Tutti Ma Io Ho Svelato Il Loro Segreto
I Miei Nuovi Vicini Si Nascondono Da Tutti Ma Io Ho Svelato Il Loro Segreto
Mese fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao, io sono Jason. Prima di cominciare... mi chiedevo: voi in che città vivete? Ditemi com'è dove abitate voi, scrivetemelo qui nei commenti, ci tengo a sapere che la nostra comunità diventa sempre più grande. Una cosa comunque è sicura. Sono convinto, al 100%, che nessuno di voi abbia mai sentito parlare della mia città. Mi hanno detto che non posso dirne il nome qui, ma purtroppo di posti come il mio ce ne sono sempre di più nel mondo. La mia è praticamente una città fantasma. E certe volte, come vedrete, fa quasi paura. Una quarantina d'anni fa era una fiorente cittadina del Midwest degli Stati Uniti, oggi invece il 99% delle case sono state abbandonate, già da un bel po' di tempo. Il fatto è che l'intera città sorgeva intorno ad una grande fabbrica di plastica. Quindici anni fa però la fabbrica ha chiuso i battenti e quasi tutti i residenti, rimasti senza lavoro, sono andati via. Qui vivevano migliaia di persone una volta, e oggi siamo rimasti solo... in dieci. Tre dei quali siamo io e i miei genitori. Anche i miei genitori lavoravano in quella fabbrica, ma entrambi riuscirono a trovare altri lavori mentre la città si spopolava... Oggi lavorano tutti e due online, e se vi state chiedendo “Ok, ma chi ve lo fa fare di rimanere ancora lì?”... beh, è complicato da spiegare. Secondo me hanno paura di ricominciare da capo altrove. Qui la vita non costa niente, e i miei non amano i grandi cambiamenti. Per loro non è un problema dover fare spesa ogni giorno in un'altra città qui vicino. Quella è tra l'altro una delle pochissime interazioni che abbiamo col mondo esterno - io studio in casa e non passo tanto tempo coi miei coetanei. Come vi dicevo, c'è qualcun altro ancora che vive qui, giusto un paio di famiglie, in altre zone della città. Si tratta per lo più di persone anziane, che non possono traslocare. Tutto questo per dirvi quanto gli eventi che vi racconterò mi abbiano messo paura. Ecco come tutto ebbe inizio. Una mattina, uscendo sul portico di casa mia per farmi una corsetta, ho notato che c'era qualcosa dietro la finestra al secondo piano della casa di fronte alla nostra... Io... Io non feci nemmeno in tempo a rendermi conto di cosa fosse, sembrava come la metà del volto di una persona... che mi guardava. Appena l'ho vista, la figura ha subito chiuso le tende. Decisi di tornare subito a casa e dirlo a mio papà. Papà all'inizio non mi credette, ovvio, ma accettò di uscire e dare un'occhiata. Dietro quella finestra non si vedeva più nessuno, ma davanti a quella casa era parcheggiato un vecchio furgone. Capiamoci: era da ANNI che non vedevamo una macchina là davanti. Beh, ok, i fantasmi di certo non vanno in giro in furgone, ma... i serial killer sì! Papà, senza scomporsi, attraversò la strada e provò a bussare alla porta. Nessuno venne ad aprire. Non potevamo fare altro, ma decidemmo di tenere d'occhio la situazione. Nello stesso giorno, di pomeriggio, stavamo uscendo per andare a far spesa, e il furgone era ancora lì, accanto a quella casa. Poco dopo vedemmo un uomo uscire dal furgone e dirigersi verso la casa, trasportava uno scatolone. Voltandosi ci vide subito, e accelerò di colpo il passo. Aveva metà del viso coperto di bende... Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Ho incontrato il mio idolo nella vita reale ed è stato un incubo
Ho incontrato il mio idolo nella vita reale ed è stato un incubo
Mese fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao! Mi chiamo Gina. Questa sono io. E questo è Tom. È ottobre 2018. Non penso di essere mai stata più felice nella mia vita di quanto non lo fossi quella notte. Non potevo nemmeno immaginare quanto la mia felicità sarebbe stata distrutta e in quanto tempo. Ma prima, facciamo un passo indietro per un secondo. Immagino che molti di voi ragazzi sappiano com'è essere fan di qualcuno. O è un supereroe di un film o un artista rap o un giocatore di basket, voglio dire…è bello avere qualcuno nella tua vita che non hai mai incontrato, ma che è come ... un membro della tua famiglia. La maggior parte dei miei amici ha qualcuno del genere. Un idolo, immagino. Ho trovato il mio idolo due anni fa quando ho visto Tom per la prima volta. Tom è un ragazzo della nostra città, che ha iniziato a occuparsi di musica quando era al liceo. Prima suonava e cantava per gli amici, ma non gli ci è voluto molto per diventare una celebrità locale. È un cantautore e le sue canzoni sono ... incredibili. Questo è quello che ho pensato. Quindi, quando mia sorella maggiore mi ha portato a uno dei suoi spettacoli nel 2017, mi sentivo come se fossi diventata parte di qualcosa di enorme. Ero in mezzo alla folla in questo minuscolo spettacolo di 100 persone, arrossendo e sentendo le farfalle nello stomaco per due ore intere. Fu lì che diventai una sua fan. Ho adorato tutto di Tom. Non solo per la sua musica. Ovviamente l'ho seguito su tutti i suoi account social, e ogni giorno mi sono sempre più convinta che fosse l'essere umano perfetto. Aveva due cani salvati dalla strada, era vegetariano, parlava molto del trattamento di altre persone e del nostro pianeta con amore e cura. Ho imparato così tanto da lui ogni giorno, che altre persone hanno iniziato a notare il cambiamento. Le uniche volte in cui mi innervosivo era quando qualcuno insultava Tom o la sua musica. E ben presto capii che Tom era ad una svolta. Già da diversi anni era una star locale, ma anche se tutte le sue canzoni erano online e cercava di promuoverle, qualcosa stava ostacolando la sua strada e stava impiegando troppo tempo. Ma ... ero orgogliosa che il mio idolo non fosse qualcuno con milioni e milioni di fan in tutto il mondo - il 99,9% di loro non avrebbe mai incontrato il loro idolo nella vita reale, ma qui sapevo di essere la più grande fan di Tom in tutto il mondo, e ho avuto la possibilità di incontrarlo di persona un giorno, e di sognare di far parte della sua squadra, o qualcosa di più grande di questo! ... Ma ora non esageriamo. Immagina quanto è stato bello quando un giorno ha annunciato un concorso video per i fan. Chi avesse realizzato la migliore cover di una delle sue canzoni, avrebbe trascorso UN’INTERA GIORNATA con Tom e sarebbe diventato anche parte del suo video musicale di debutto. Naturalmente, ho preso sul serio questa sfida. Mia mamma conosce un'insegnante di canto e ho anche preso un paio di lezioni da lei per poter cantare meglio. Ho imparato perfettamente tutti gli accordi e ho scritto la sceneggiatura, ma la cosa principale era mettere tutto l'amore che avevo per Tom. E penso di essere riuscita a farlo. Ha promesso di annunciare i risultati in un concerto di ottobre, quindi ho iniziato il conto alla rovescia. E per la quantità di video che sono stati inviati, posso dire che Tom aveva più fan di quanto mi aspettassi in diverse parti del paese. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mio Padre ci ha detto che Subiva Stalking. Noi ci Abbiamo Riso Sopra fin quando non è Scomparso
Mio Padre ci ha detto che Subiva Stalking. Noi ci Abbiamo Riso Sopra fin quando non è Scomparso
Mese fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao ragazzi. Il mio nome è Daniel. Ed ecco di cosa voglio parlarvi. Mio padre è scomparso per quasi un anno e io mi sento in colpa. Ma partirò dall'inizio. Mio padre era la persona più positiva sulla terra. Per quanto riesca a ricordare, è sempre stato molto allegro. Ma tutto questo è cambiato, circa un anno fa, dopo che ha subito un incidente. Una notte non è rientrato a casa dal lavoro. All'inizio, io e mia madre pensavamo che fosse tutto a posto. Ma quella sera, alle 21:00, non era ancora rientrato. Fu allora che iniziammo a chiamare tutti i suoi amici e colleghi. Nessuno sapeva dove potesse essere. Poi la mamma ha trovato il numero del suo capo e lo abbiamo chiamato. Ci ha sorpreso perché ha detto che quel giorno mio padre non si era presentato al lavoro e non rispondeva al telefono. Fu allora che iniziammo a preoccuparci. Cosa era successo? Dov'era stato tutto il giorno? Chiamammo la polizia e due agenti si presentarono a casa nostra e iniziarono a farci domande su mio padre. E poco dopo riuscirono a trovarlo. Era in ospedale. E io e mia madre siamo corsi da lui. Quando arrivammo in ospedale e, finalmente lo vedemmo, dormiva. Era coperto di graffi e contusioni, c'erano pezzi di vetro nei vestiti e la camicia era tutta strappata. I medici ci dissero che aveva una commozione cerebrale e che poteva perdere la memoria per un breve periodo. Ma per il resto, tutto andava bene. Gli agenti hanno detto di averlo trovato fuori città. Sembra che stesse guidando ad alta velocità, aveva perso il controllo, e la macchina era finita in un fosso. Era stato fortunato a sopravvivere a quell’incidente. Abbiamo passato tutta la notte in ospedale e quando papà si è risvegliato gli abbiamo chiesto cosa fosse successo. E la sua risposta ci ha lasciato di stucco: ha detto che era uscito di strada perché un’altra macchina gli era andata addosso. Era un’accusa molto grave, e la polizia ha avviato un'indagine. E poi sono ritornati a casa nostra più volte per fare altre domande. Dopo circa un mese ci hanno inviato una lettera con la conclusione del loro esperto. Secondo la lettera, sull'auto non c’erano tracce di vernice che potesse appartenere a un altro veicolo. Per dirla in parole povere: nessuno aveva speronato la macchina di mio padre. Papà era arrabbiato, si lamentava del lavoro della polizia e insisteva sul fatto che lui diceva la verità. Mia madre era arrabbiata. Credeva nella versione della polizia e pensava che mio padre stesse mentendo e nascondendo qualcosa. Inoltre, dov'era stato quel giorno? Perché non era andato a lavorare? Lui diceva che non ricordava. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Ho Perso mio Figlio a Causa degli Stupidi Consigli della mia Amica
Ho Perso mio Figlio a Causa degli Stupidi Consigli della mia Amica
2 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao. Io mi chiamo Anna. E volevo parlarti della mia ex migliore amica Molly. La nostra amicizia è stata rovinata perché lei voleva continuamente dirmi come gestire la mia vita. Di solito, i suoi consigli distruttivi si manifestavano in piccole cose, ma una volta, le cose sono andate diversamente ed è diventata una questione seria, a tal punto di diventare una questione di vita o di morte. Ma andiamo per gradi Molly amava darmi dei consigli, in realtà, stupidi consigli. Ma credevo che desiderasse il meglio per me, e se obbiettavo lei si arrabbiava con me e poteva anche nascere una discussione, quindi io la lasciavo fare. Era felice di dirmi come comportarmi, anche nelle situazioni più banali, anche se poi, di solito, ero io a pagare le conseguenze. Ad esempio, una volta dovevo andare a comprare un abito per il ballo scolastico. Ovviamente, ho portato Molly con me al centro commerciale. Dopo alcune ore di shopping, ho finalmente scelto un abito blu, di media lunghezza. Tuttavia, a Molly non piaceva. Ha insistito perché provassi il vestito che aveva scelto lei, che era giallo e davvero troppo stretto. Mi ha convinta che mi stesse meglio, e l'ho comprato. Non riuscivo nemmeno a respirare in quell'abito e, a un certo punto, mentre ballavo, mi sono mossa male e il vestito si è strappato lungo le cuciture. Sono dovuta scappare via di corsa dal ballo, ma alcune persone avevano già visto cosa era successo. E dopo quella sera, molti dei miei compagni di classe mi hanno presa in giro per parecchio tempo. Tuttavia, ho continuato ad essere amica di Molly e, a un certo punto, era davvero importante sapere che qualunque cosa le avessi detto, lo avrebbe tenuto per sé. Questo è successo quando ho capito che c’era qualcosa di diverso in me. Avevo iniziato ad avere le nausee, ero sempre assonnata, e non riuscivo a bere il mio caffè preferito a causa del suo strano odore. All'epoca, frequentavo da poco più di un mese Evan McAllen. Diciamo che era il mio primo amore, e poi ho scoperto di essere incinta. Ero così terrorizzata e, naturalmente, mi sono subito confidata con Molly. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mia madre ha un Amante e a mio Padre non Importa!
Mia madre ha un Amante e a mio Padre non Importa!
2 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ehi, come va? Io mi chiamo Ann e ho 16 anni. Quel che mi è accaduto mi ha insegnato che le relazioni tra uomini e donne non sono così semplici. In pratica, ho scoperto che mia madre tradiva mio padre e lui lo sapeva. Comincerò dall'inizio. Di recente, è nata la mia sorellina e la nostra vita è cambiata. Non avevo idea che crescere un figlio fosse così costoso! Tutti quei pannolini, giocattoli, e passeggini ... Papà è un libero professionista e guadagnava abbastanza denaro per mantenerci, ma dopo la nascita di mia sorella, la mamma ha dovuto cercarsi un lavoro. Quindi è diventata un’agente immobiliare, e vende le case. E così ci siamo dovuti arrangiare. Papà lavora da casa e fa da babysitter alla mia sorellina, io cerco di aiutare con tutto ciò che posso, e la mamma gira per la città tutto il giorno e mostra case alla gente. All'inizio, ero arrabbiata con mia madre perché passava troppo tempo lavorando. Inoltre, le sue provvigioni erano davvero misere. Ma poi mi sono rassegnata. Dopotutto, stava cercando di portare dei soldi a casa per la famiglia. E tutto andava bene fino a un certo punto. Sono stata al ballo della scuola e abbiamo concordato che la mamma sarebbe venuta a prendermi. E indovina un po’? Tutti i miei amici erano già stati presi dai loro genitori e mia madre non si era ancora fatta viva, e non rispondeva nemmeno al telefono. Sono rimasta lì fuori per quasi un'ora! E poi è arrivata questa grande jeep nera, il finestrino si è aperto, e mia madre si è affacciata e mi ha detto di salire in macchina. Quando sono entrata, ho visto un uomo che non conoscevo, seduto al volante. Per tutto il tempo mia madre gli parlava a bassa voce. Ho pensato, "sta cercando di essere educata, perché quest'uomo ci sta dando un passaggio", ma poi ho notato un dettaglio molto importante: lei non indossava la fede nuziale. Ma allora, cosa stava succedendo? Chi è questo tipo e che c’entrava con mia madre? Quando siamo arrivate e siamo scese dall'auto, ho chiesto a mia madre chi fosse. Ha detto di ignorarlo, che era solo un collega. Ignorarlo? Flirti con un altro uomo mentre papà sta a casa e dovrei ignorarlo? Ho deciso di chiederglielo a cena davanti a mio padre, così che lui potesse sentire tutto. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mia Madre ha Letto il Mio più Oscuro Segreto nel mio Diario
Mia Madre ha Letto il Mio più Oscuro Segreto nel mio Diario
2 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao a tutti, io mi chiamo Emily. E solo di recente, credevo di essermi messa alle spalle tutte le mie disgrazie, ma poi, mia madre ha scoperto il mio più oscuro segreto. Ora, penso che le cose non saranno più come prima. Una settimana fa, mia madre e io ci siamo trasferite nella nostra nuova casa. Non abbiamo ancora tolto tutte le nostre cose dalle scatole, ma siamo già più serene, perché la vecchia casa ci riporta alla memoria alcuni eventi oscuri della nostra vita. E le cose brutte sembrano accadere sempre quando meno te lo aspetti. Stavo tornando a casa dopo la scuola, pensando alle cose che dovevo fare. E quando sono entrata, ho visto mia madre seduta a terra, che piangeva. Volevo chiederle cosa fosse successo, ma poi ho visto che aveva il mio diario tra le mani. Che cavolo! A quanto pare aveva aperto una scatola e l'aveva trovato. Volevo spiegarle tutto, ma quando mi ha vista, è corsa nella sua stanza, piangendo. Oh Dio! Ho preso il diario per vedere quale pagina fosse aperta. Ma con mio rammarico, ho capito che aveva letto tutto. Accidenti! La mamma non avrebbe dovuto leggerlo. Il mio diario era una raccolta di rabbia, odio, dolore e sofferenza. Avevo iniziato a scrivere due anni fa, quando è nata la mia sorellina. Sì, due anni fa i miei genitori erano le persone più felici al mondo perché avevano avuto un’altra bambina. E le nostre vite sono del tutto cambiate. Avevo 12 anni, e i miei genitori pensavano che fossi abbastanza grande, quindi si sono concentrati su mia sorella. Non voglio dire che si sono dimenticati di me, no. Ma avevano le loro priorità: prima veniva la bambina, poi venivo io. Ma il problema era che mia sorella aveva bisogno di attenzioni 24 ore su 24, 7 giorni su 7! Quindi io ero rimasta sola. Ho provato a farmi forza, per davvero! Sapevo che dovevo farlo, e ho cercato di aiutare i miei genitori in casa. Ma ero pur sempre una ragazzina e non avevo molta pazienza. Volevo solo un po’ di attenzione e di affetto. Mi sentivo sola, e così ho iniziato a scrivere nel mio diario. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Ho Fatto delle Foto Soltanto per il Mio Ragazzo e lui le ha Mostrate a Tutti
Ho Fatto delle Foto Soltanto per il Mio Ragazzo e lui le ha Mostrate a Tutti
2 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao, io mi chiamo Allison e la mia prima relazione è finita in tragedia perché Il mio ragazzo ha fatto trapelare delle mie foto molto private su Internet. All’inizio, il mio ex, chiamiamolo Jacob, era un ragazzo molto simpatico. Era bravo e attento, faceva sempre cose romantiche, ed era così dolce. Ma poi ... è cambiato. Beh, diciamo che ha mostrato i suoi veri colori. È diventato scorbutico e faceva polemica su TUTTO. Se volevo vedere le mie amiche lui si arrabbiava molto, ma lui vedeva i suoi amici, che odiavo, quasi ogni giorno! Ben presto, mi sono resa conto che le cose non andavano bene, ma ho continuato a uscirci per altri tre mesi. Ma poi ho detto "basta" e l’ho lasciato. Ero triste, ma era la decisione giusta e pensavo che fosse del tutto finito, ma non era così. Ha iniziato a scrivermi riguardo ad alcune foto che gli avevo inviato. Ha detto che le avrebbe fatte trapelare se non fossi tornata insieme a lui. Mi sono spaventata e non sapevo cosa fare. Ho iniziato a pensare che tutti le avrebbero viste ed è stato terrificante. Non volevo tornare insieme a lui, e gli ho chiesto più volte di non farlo, ma per tutto il tempo ha continuato a ricattarmi. Mi scriveva giorno e notte e mi chiamava anche 50 volte al giorno. Mi faceva venire i brividi. Alla fine, ho ceduto e sono uscita con lui. Non so cosa stessi pensando, probabilmente era solo paura o qualcosa del genere. L’appuntamento è andato malissimo, tutto il tempo mi diceva che avevo sbagliato a lasciarlo e che ero solo un’egoista. E poi voleva baciarmi, ma ho detto di “no”, e si è davvero arrabbiato, così arrabbiato, che ha alzato la voce. Così ho preso al volo un autobus e me ne sono andata. Poi mi ha scritto un messaggio e mi ha detto che mi dava ancora una possibilità di ripensarci. Ho detto "no" e gli ho chiesto nuovamente di non postare le foto. Dopo, l'ho bloccato dappertutto, ma ero spaventata perché non sapevo se le avesse pubblicate o meno. Ho presto scoperto che, in effetti, l’aveva fatto. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
I Miei Genitori Avevano dei Modi Tutti loro Per Crescere la Figlia
I Miei Genitori Avevano dei Modi Tutti loro Per Crescere la Figlia
2 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE Ciao a tutti! Io mi chiamo Jake. Ho sedici anni. E sono cresciuto circondato dall'amore e dal sostegno dei miei genitori. Sembra idilliaco, vero? Ma poi, purtroppo, ho dovuto salvare la mia sorellina a causa loro. Che cosa è successo? Beh, ascolta. I miei genitori sono sempre stati dei conservatori, e potrei persino dire che sono un po’ snob. Credono in un’educazione rigorosa e severa. Ma io non me ne sono reso conto fino a quando non è nata la mia sorellina Cora. Non ho mai avuto problemi con mia madre e mio padre. A dire la verità, sono sempre stato il cocco di casa. Mia madre era veramente iperprotettiva. Seguiva ogni mia mossa, e, nel corso degli anni, la cosa mi dava sempre più fastidio. Quindi, quando Cora è nata, ho pensato che avrei finalmente avuto un momento per respirare. Speravo che mia madre e mio padre fossero troppo occupati con lei per controllare ogni minuto della mia vita. Ma non è andata così. Ho capito che c’era qualcosa di strano quando vidi la reazione di mio padre quando ha saputo che avrebbe avuto una femmina e non un maschio. Era così arrabbiato e deluso. Raramente si avvicinava alla culla di Cora e si irritava quando lei piangeva. Mia madre non era poi così male, ma era sempre stanca e depressa. Quando Cora è cresciuta e ha compiuto nove anni, tutto è peggiorato. I miei genitori erano così ingiusti e severi con lei che dovevo continuamente difenderla. Per quel che mi riguardava, sembrava che io fossi la loro unica fonte di luce alla fine del tunnel e avevo sulle spalle tutti i loro sogni e le loro speranze. E l'unica cosa che volevo fare era fuggire da quell’inferno. E poi, un colpo di fortuna! Avevo la possibilità di frequentare una nuova e prestigiosa scuola, lontana da casa. Da tempo volevo andarci, e mi ero impegnato molto per riuscirci, ma non riuscivo a non pensare all'idea che avrei dovuto lasciare la mia povera sorellina tutta sola con i miei genitori. Certo, loro erano orgogliosi di me, ma quando Cora sentì la notizia, era sbalordita. Vidi che stava cercando di trattenere le lacrime e di sorridere. Ha detto che era molto felice per me. Ma io non potevo sopportarlo e le ho detto: "Se me lo chiedi, rimango." Ma non mi ha ascoltato. La mia piccola Cora ha un cuore troppo grande. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb
La mia Fidanzata è Scomparsa ma poi è Riapparsa dopo Due Anni
La mia Fidanzata è Scomparsa ma poi è Riapparsa dopo Due Anni
2 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao ragazzi! Io sono Brian e voglio raccontarvi di come è scomparsa la mia ragazza, io sono quasi impazzito, e poi due anni dopo ho ricevuto un suo messaggio. Fin da quando ero piccolo, ho sempre avuto difficoltà a comunicare con gli altri, mi sentivo a disagio in compagnia e avevo paura delle folle. Questo si chiama disturbo “d'ansia sociale” o semplicemente “fobia sociale”. Ma il mondo moderno mi permetteva di convivere bene con questa malattia. Tutto ciò di cui avevo bisogno poteva essere consegnato a casa mia, potevo seguire le lezioni dell’università a casa, e comunicare con gli amici via Internet. A proposito, chattare con gli amici non è affatto un problema, perché non ho amici. Le uniche persone con cui comunico sono dei ragazzi di un gruppo con problemi simili al mio. E in questo gruppo ho incontrato Alice. Aveva 17 anni, era molto bella, e anche divertente. A volte, mi chiedevo come potesse avere problemi con la comunicazione, perché era cosi energica e gioiosa. Ed ero ancora sorpreso dal fatto che volesse una strana relazione virtuale con me. Lei viveva a New York, dall'altra parte del continente. Ma non mi lamentavo. Trascorrevamo molto tempo insieme, chiacchierando e creando appuntamenti virtuali. In pratica, avevamo una relazione sana considerando che siamo due persone con una fobia sociale. Un giorno mi disse che i suoi genitori si sarebbero trasferiti in Cina e che sarebbe andata con loro. Mi ha convinto che l'unica cosa che sarebbe cambiata nella nostra relazione era il fuso orario, ma sentivo che c’era qualcosa di inquietante, come se in qualche modo mi stesse lasciando. E poi il giorno della sua partenza è arrivato. Mi ha tenuto informato per tutto il tragitto: "Abbiamo lasciato casa", "Siamo saliti sul taxi", "Siamo arrivati ​​in aeroporto". L'ultimo messaggio che ho ricevuto è stato: "Siamo saliti sull'aereo, Spengo il telefono. Il prossimo messaggio che riceverai sarà dalla Cina." Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mio Padre ha Rubato tutti i Soldi che ho Guadagnato durante l’Estate
Mio Padre ha Rubato tutti i Soldi che ho Guadagnato durante l’Estate
2 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao. Io sono Tessa e sono nel panico più totale. Non sono mai stata in una situazione così complicata! Non so proprio come uscirne. Ho bisogno che qualcuno mi aiuti, ma prima, immagino di doverti raccontare tutta la storia. Tre mesi fa, mi sono resa conto che avevo bisogno di un laptop. Vivo con i miei genitori, sono figlia unica, e abbiamo un vecchio computer. È davvero ... antico. Mi ci vogliono ore solo per fare i compiti, e questo è solo uno dei tanti problemi. Quindi avevo proprio bisogno di un computer. Ed ero determinata ad averlo. Ho scelto un modello relativamente economico e non avevo grandi aspettative. Sapevo che la mia famiglia stava attraversando un momento difficile, mio padre era momentaneamente disoccupato, e mia madre faceva quello che poteva per mantenerci. La mia unica opzione era ottenere un lavoro estivo e acquistarlo per conto mio. Ho scoperto che non è così facile per una quindicenne trovare un lavoro dove viviamo noi. Fin da subito avevo un piano d’emergenza. Ho un'amica di nome Laura. La madre lavora come addetta alle pulizie. È una lavoratrice autonoma: le persone la assumono per un giorno o due e lei rimette tutto a posto e fa risplendere tutto. Durante l'estate anche Laura l’aiuta. E mi avevano detto che potevo unirmi a loro. All'inizio di giugno, non le avevo dato ancora nessuna notizia, perché speravo di trovare qualcosa di più semplice e ... meno sporco. E quando non ho trovato altro ... Alla fine, ho detto di sì. E poi sono iniziate le tante attese vacanze estive. Eravamo in quattro a lavorare: Io, Laura, la madre, e l'assistente della madre. Entravamo in una casa o in un ufficio presto la mattina e quando uscivamo la sera tardi, tutto risplendeva. Immagino che questa non fosse la scelta migliore come primo lavoro: prima di tutto, era estenuante; secondo, non riuscivo a fare altro che tornare a casa e dormire, a volte anche prima di raggiungere il letto. Ma ero determinata a raggiungere il mio obiettivo. E dopotutto, avevo imparato MOLTO. E se qualcuno a scuola mi avrebbe chiesto dove avessi trascorso l’estate, avrei detto di averla trascorsa al di fuori della mia zona di comfort. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Ho 23 Anni e Frequento ancora la Scuola Superiore
Ho 23 Anni e Frequento ancora la Scuola Superiore
2 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ehi! Io sono Adam, ho 23 anni e sto cercando di finire la scuola superiore. La mia famiglia è sempre stata premurosa e amorevole, ma non abbiamo mai avuto abbastanza soldi per una vita normale. Mio padre ha fatto diversi lavori solo per tirare a campare, e anche mia mamma ha dovuto lavorare sodo. Non avevo il tempo di pensare ai voti o alla scuola. Così ho deciso di trovarmi un lavoretto. Andavo a scuola e dopo facevo dei piccoli lavoretti come caricare casse o aiutare mia madre con il suo lavoro da bidella. Ho provato molti lavori durante questo periodo, e i miei insegnanti si arrabbiavano perché non studiavo e non facevo i compiti. Così ho deciso di non dare più fastidio e ho abbandonato la scuola. Avevo abbastanza soldi per aiutare la mia famiglia e mi rimaneva qualcosina per me. Appena ho compiuto 18 anni, ho trovato lavoro in una fabbrica metallurgica e siccome avevo due anni di esperienza alle spalle, ho imparato il mestiere velocemente. Lavoravo duramente e parlavo poco. Il perfetto dipendente. Ben presto, sono diventato così bravo che il mio capo mi aveva permesso di usare il telefono nei momenti in cui non c'era niente da fare. È stato un grande privilegio. Durante il tempo libero andavo in giro con i miei amici, molti dei quali sono musicisti, andavamo a molti concerti e, beh, nei bar. La mia unica passione era il calcio, guardavo ogni partita e tutto il campionato, e quella era la mia fuga dalla dura realtà. Purtroppo, mio ​​padre è morto. Io, mia madre e i miei fratelli, ci siamo ritrovati in ospedale. Piangevamo e cercavamo di dare un senso a tutto. Ho promesso di aiutare più che potevo, ma, improvvisamente, mia madre mi ha fermato e mi ha detto: “Adam, non rovinare la tua vita, questo non è ciò che tuo Padre avrebbe voluto. Torna a scuola, ti prego!”. Io ... non volevo, ma mi sono reso conto che mia madre aveva ragione. Quindi, sono tornato a scuola, riducendo le ore in fabbrica, invece di non lavorare più. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Uso un Traduttore per Comunicare con mio Padre
Uso un Traduttore per Comunicare con mio Padre
2 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao a tutti. Io mi chiamo Jia e ho tredici anni. Sappiamo tutti che sono i nostri genitori a insegnarci a parlare da piccoli. Ma se ti dicessi che io dovevo usare un traduttore per parlare con mio padre? Il fatto è che io sono nata in Cina, e mi sono trasferita in America molti anni fa, dopo che mio padre morì tragicamente in un incidente d'auto. Mia madre ha sposato un americano, e mi ha portata a Los Angeles dove viviamo tutti felici e contenti. Mia madre ha sempre cercato di evitare qualsiasi argomento che riguardasse mio padre. In pratica, ha voluto lasciare il passato alle spalle. E questo è quello che mi è sempre stato raccontato. Anche se avevo solo tre anni quando l’ho visto per l'ultima volta, avevo l’immagine di mio padre impressa nella mente e mi mancava ogni giorno. Un giorno, quando sono uscita da scuola, ho visto un uomo in piedi davanti all’ingresso. Sembrava confuso e che stesse cercando qualcuno. Non so cosa mi sia successo, ma il mio cuore ha iniziato a battere forte. Mi sono avvicinata e i nostri sguardi si sono incrociati. Non avevo dubbi. Quello era mio padre! Ma come? Poi ho notato che anche lui mi aveva riconosciuta! Non mi ci è voluto molto per abbracciarlo. Gli ho fatto un milione di domande, ma mi ha solo guardata e ha sorriso. E poi ho capito che non capiva niente di quello stavo dicendo. Mi ha consegnato una grande scatola e ha detto qualcosa in cinese, ma non capivo nulla. Dopo che ci siamo trasferiti in America mia madre non mi parlava molto in cinese, quindi avevo quasi completamente dimenticato la mia lingua madre! Era così strano! Noi non ci vedevamo da così tanti anni e quando finalmente ci siamo incontrati, non riuscivamo nemmeno a comunicare! Ad ogni modo, abbiamo provato a comunicare a gesti e abbiamo usato il traduttore sul mio telefono.Quel poco di cinese che conoscevo non mi aiutava granché. Ciò che sono riuscita a capire era questo: mio padre non era mai stato coinvolto in un incidente d'auto. Mia madre si innamorò di un altro uomo, il mio patrigno, scappò in America, e mi portò con sé senza nemmeno farlo sapere a mio padre. Per anni ha cercato di trovarmi e finalmente è riuscito a fare questo lungo viaggio dalla Cina per vedermi. Ha provato a contattare mia madre, ma lei ha minacciato di chiamare la polizia. Questa amara verità mi ha lasciato senza parole. Ci siamo scambiati i numeri di telefono e abbiamo deciso di incontrarci nuovamente. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Sono Fuggita Via Dalla Mia Vera Madre Per Tornare Dai Miei Genitori Adottivi
Sono Fuggita Via Dalla Mia Vera Madre Per Tornare Dai Miei Genitori Adottivi
2 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao a tutti! Mi chiamo Heidi e ho sedici anni. Ho anche due mamme. Come è possibile, vi starete chiedendo? Ora ve lo racconto, è una storia lunga. Allora... sono nata a Boston, ma per la mia mamma il parto fu molto difficoltoso. Io ero sana, ma lei aveva perso tanto sangue ed era finita in coma. I dottori non riuscirono a ritrovare mio padre o nessun'altra persona che potesse prendersi cura di me, e non sapevano se la mamma ce l'avrebbe fatta. Perciò, l'unica loro scelta fu darmi in affido ad un'altra famiglia. L'idea era che sarei rimasta con loro fino a che la mamma si fosse svegliata dal coma, anche se nessuno sapeva se ce l’avrebbe fatta... Passarono gli anni e quando arrivò il mio sesto compleanno, non era ancora cambiato niente. I miei genitori adottivi non mi avevano ancora detto che non ero la loro vera figlia, e io vivevo felice e spensierata con una mamma e un papà che adoravo, in una piccola città in Minnesota. Avevo una famiglia davvero perfetta, fino a che... Un giorno, avevamo organizzato una bella festa per il compleanno del papà. A casa erano venuti tanti amici, c'era la grigliata, i fuochi d'artificio.. tutti ci divertivamo un sacco! Il telefono del papà squillava di continuo per tutte le persone che lo chiamavano per fargli gli auguri. Tra le tante telefonate però, ce ne fu una diversa. Il papà rispose tutto contento, aspettandosi un altro buon compleanno, ma poi il suo sorriso svanì dal suo volto. Lo vidi impallidire. Ero confusa e preoccupata, ma lui mi disse che era tutto ok. Finita la festa, i miei genitori si chiusero in camera loro. Io cercai di origliare, ma non riuscivo a sentire nulla di quello che si dicevano. Sembravano sussurrare. Poi però la mamma scoppiò in lacrime. A quel punto ero davvero spaventata, perciò bussai alla porta e chiesi ai miei di farmi entrare e di dirmi cosa stesse succedendo. A quel punto mi dissero la verità. Mi raccontarono di mia madre, del coma e di quella strana telefonata. Il mio padre adottivo mi disse che la mia vera madre si era svegliata ed era in riabilitazione. Una volta guarita, avrebbe dovuto riprendermi, come da accordi. Mi crollò il mondo addosso. Supplicai i miei di non mandarmi via. Non so nemmeno dirvi quanto avessi pianto, ma niente, non c'era nulla che potessimo fare. Dopo un paio di settimane, i miei mi riportarono a Boston. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Ero Cosi Povera che ho Indossato un Sacco delle Patate come Abito a Scuola. Ora lo sa Tutto il Mondo
Ero Cosi Povera che ho Indossato un Sacco delle Patate come Abito a Scuola. Ora lo sa Tutto il Mondo
2 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao ragazzi! Come va? Spero che stiate tutti bene. Ho deciso di condividere la storia di una bambina, di come è cresciuta, e di tutte le difficoltà che ha dovuto affrontare, in modo da ricordarvi che nulla è impossibile in questo mondo. E quella ragazza ha trovato il suo posto nel mondo, ed è l'unica cosa che conta veramente. Ed ecco la mia storia… Sono nata in un piccolo villaggio rurale, nel Mississippi,in una famiglia afroamericana molto piccola e terribilmente povera. Mia madre ha incontrato mio padre e si sono subito innamorati, ma non si sono mai sposati. Si separarono poco dopo la mia nascita. Certo, sono rimasta con mia madre, o meglio con sua madre, perché lei doveva guadagnarsi da vivere per provvedere a tutti noi. Quindi, si trasferì da qualche parte al nord e io rimasi con mia nonna. La fattoria in cui vivevamo era davvero isolata e non c'erano altri bambini con cui giocare. Quindi, di solito, mi divertivo a recitare davanti a un pubblico di animali. Mi divertivo anche con i giocattoli che mi costruivo. Trasformavo le spighe di grano in bambole con cui giocavo, perché, sai, la nostra famiglia non poteva permettersi di comprarne di vere. Non ero infelice però, solo una bambina che cercava di svagarsi un po’. Tuttavia, non avevo molto tempo libero a causa di mia nonna. Ha sempre cercato di trovarmi un lavoro legato allo studio. Sotto il suo stretto controllo ho imparato a leggere all'età di 2 anni e mezzo. La nonna era una donna dedita alla religione, quindi il mio primo libro fu la Bibbia. Anche se ero molto giovane, avevo 2 anni o qualcosa del genere, ricordo quando ho parlato di "quando Gesù è risorto il giorno di Pasqua" in chiesa, durante la messa, e tutti sono rimasti sorpresi da quello che avevo fatto, e hanno detto a mia nonna quanto fossi dotata e si sono congratulati con lei. E sentivo quanto la nonna fosse orgogliosa di me. È stato emozionante. So che la nonna mi amava moltissimo e desiderava solo il meglio per me, ma era una donna molto severa. Mi ha sempre punita; ad esempio mi picchiava con la bacchetta. E ricordo ancora il suono sibilante della bacchetta che teneva in mano e sento ancora quel formicolio lungo la schiena. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
L’ho Notato in Tutte le Foto che Faccio. Ma che cosa Vuole?!
L’ho Notato in Tutte le Foto che Faccio. Ma che cosa Vuole?!
2 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao! Io sono Patrice ma i miei amici mi chiamano Patty. Ho sempre desiderato diventare popolare. Come una vera superstar o qualcosa del genere, in modo che tutti mi vedessero e sussurrassero " Ehi, quella è Patty ... " e roba del genere. Nell'ultimo anno, ho lavorato così duramente per far sì che il mio sogno diventasse realtà che poi si è avverato ... in un certo senso. Tutto è iniziato quando ho visto i primi blogger su Internet. Sono stata sorpresa dalle loro vite e dalle loro capacità, finanziarie intendo. Per me, sembrava essere il modo più semplice per avere successo e fama, quindi ho deciso di diventare una blogger. Tuttavia, appena ho iniziato ho avuto qualche problema, perché non sapevo come fare un blog. Volevo solo pubblicare praticamente tutto. Scrivevo: "Vado a scuola qui" o "Ehi! Guardate il mio pranzo” e così via. Certo, avevo alcuni follower, circa 500 persone, ma erano i miei amici e i miei familiari, o alcuni profili pubblicitari, quindi non ero veramente sodisfatta. Ho anche provato a dedicare il mio blog al mio criceto, Polly, ma si è rivelato un animale domestico poco socievole e quell'idea fallì. Una volta, ero a casa e guardavo la pagina del mio blog e tutti i post. Vedevo quanto fossero patetici i miei sforzi perché le foto erano ben lungi dall'essere come quelle che avevo visto sulle pagine del mio blogger preferito e i testi che scrivevo di certo non provenivano da un filosofo. Avevo quasi deciso di rinunciare alla mia idea quando, all'improvviso, mi resi conto che qualcuno, oltre a me, era presente in quasi tutte le foto e video che avevo fatto a casa mia. Era il mio inquietante vicino di casa, Alan, che viveva di fronte. Si era recentemente trasferito nel quartiere con i suoi genitori ed era davvero strano. Ogni volta che lo vedevo indossava sempre la stessa maglia a maniche lunghe. Nessuno gli parlava a scuola, per quanto ne so. Alcune persone hanno persino pensato che avesse dei disturbi mentali e psichiatrici. Sembrava come se venisse catturato, improvvisamente, dall'obiettivo della macchina fotografica, appariva da dietro un angolo, o mi fissava dal suo giardino mentre mi facevo un selfie, e la cosa non mi convinceva. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mio Padre è Andato a Las Vegas ed è Tornato Sposato
Mio Padre è Andato a Las Vegas ed è Tornato Sposato
2 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao! Io mi chiamo Mark. Sappiamo tutti quanto faccia male l'alcol, sia al corpo che alla mente. Ma pochissimi sanno che basta qualche bicchierino in più e ti puoi ritrovare con ... una nuova moglie. Questa è la mia storia. Ovviamente non sono il personaggio principale. Io ho solo 17 anni. E il personaggio principale della storia è mio padre. Beh, vedrai ...sarà una storia molto triste. Una volta avevo una famiglia felice: eravamo io, mio padre, mia madre, e la mia sorellina Jenny. Jenny è ancora una bambina, ha solo 6 anni. Ma quando Jenny stava ancora imparando a camminare, la mamma morì. È successo che ... si ammalò gravemente dopo il parto e non si riprese più. Ma non ne voglio parlare, ok? Mio padre era ... perso. Amava così tanto la mamma e doveva imparare a vivere senza di lei. In effetti, tutti noi abbiamo dovuto farlo. Sono passati cinque anni, e la nostra vita è andata avanti. Io e mio padre ci siamo impegnati a crescere la nostra piccola principessa Jenny. E le cose stavano migliorando. L'unica cosa era che mio padre decise che non voleva una nuova moglie. Decise di dedicare la sua vita ai suoi figli e al suo lavoro, al fine di dare a Jenny e a me, una vita decente. Ero piuttosto scettico al riguardo, ma ogni anno le probabilità che mio padre incontrasse una brava donna si affievolivano. Beh, vedi, papà non è mai stato un bell'uomo e più diventava grande, più si vedeva che era basso, tozzo e con sempre meno capelli in testa. Beh, io sono fortunato, ho preso da mia madre e non da lui. Mio padre non aveva una vita sociale, era casa e lavoro, e lavoro casa, con rare visite al centro commerciale. Non molto entusiasmante, vero? Non sarebbe cambiato nulla se non fosse stato per l'anniversario dell'azienda in cui lavora. I titolari hanno deciso di festeggiare alla grande, organizzando un evento a Las Vegas. Un hotel di lusso, spettacoli favolosi, un casinò, slot machine, e bar chiassosi ... Penso che tu abbia capito cosa intendo. Penso che sia la fine del mondo, e non credo di pensarla così perché sono giovane. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Ho fatto un Terribile Scherzo alla mia Fidanzata
Ho fatto un Terribile Scherzo alla mia Fidanzata
2 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao, io mi chiamo Mike. E alla mia nascita mi è stato donato un superpotere! Si, io ho una copia esatta di me. È mio fratello, Dean, e siamo gemelli. Noi adoriamo approfittarne! A scuola, siamo i re degli scherzi. Ma, a un certo punto, abbiamo esagerato... Ho iniziato ad uscire con una ragazza, lei si chiama Vicky. Ci siamo conosciuti online e frequenta un'altra scuola, quindi non sapeva nulla di mio fratello. Una grande opportunità per uno scherzo! Avrei dovuto incontrarla dopo la scuola, ma non ci sono andato. Invece, ci ho mandato Dean. Penso che dobbiamo chiarire una cosa. Non siamo solo molto simili, siamo proprio identici! Abbiamo lo stesso colore degli occhi e persino la stessa voce! Ci distinguiamo solo per un piccolo dettaglio: io ho un neo sulla tempia. Ed è per questo che indossiamo sempre cappellini da baseball. Eravamo doppiamente entusiasti per questo scherzo, e sai perché? Perché siamo in due, ha ha ha! Abbiamo pianificato tutto: gli ho detto cosa dire e come comportarsi, e poi io sarei arrivato, all'improvviso, nel parco. Poi è arrivato il grande momento: hanno preso il gelato, hanno trovato una panchina dove sedersi, e poi mi sono avvicinato e ho detto: "Ehi, Vicky, con chi esci?!" Mi ha guardato e si è bloccata. Ci fu una pausa imbarazzante, Dean e io ci siamo guardati e abbiamo iniziato a ridere. "È stato uno scherzo fantastico!" ho pensato. Ma, in quel preciso momento, tutto è cambiato. Vicky non aveva apprezzato lo scherzo. Si è alzata pietrificata, ha preso la sua borsa e se n’è andata. Ho guardato Dean. "Vai a prenderla cavolo!" Dopo un secondo, le stavo già accanto. “Ehi, ti sei offesa? È uno scherzo! Non capisci?”. Aveva capito che era uno scherzo. Ma era ancora offesa. Vicki ha detto che non era solo uno scherzo, ma, in realtà, era stata ingannata. E questo è stato il nostro primo litigio. Le ho parlato del nostro modo di giocare e fare degli scherzi, e lei mi ha parlato di fiducia. Sembrava che mi avesse perdonato ed era tutto a posto. Ma, sfortunatamente, non era così. Da quel momento, me l’ha ricordato ogni volta che aveva l'occasione. Confondeva il mio nome con quello di Dean, poi guardava sempre sotto il mio berretto, per vedere il neo. L'ho tollerato perché sapevo di aver sbagliato. Ma, ad un certo punto, si è trasformato in paranoia. Controllava ogni istante per vedere chi avesse di fronte. Ho perso del tutto la pazienza quando eravamo in un bar, e sono andato a lavarmi le mani, e quando sono tornato, ha iniziato a controllare. Era giunto il momento di fare un discorsetto. Ha promesso che si sarebbe fidata di me solo se io avessi promesso di non coinvolgere più il mio gemello. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mia Madre ha Tenuto Nascosta la Verità su chi fosse mio Padre
Mia Madre ha Tenuto Nascosta la Verità su chi fosse mio Padre
2 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ehi ragazzi! Io mi chiamo Courtney. E ho 14 anni. Ditemi, avete mai desiderato qualcosa per molto tempo? E quando si è avverato, l'unica cosa che volevate fare era tornare indietro nel tempo? Beh ... a me è successo ... Per tutta la vita ho vissuto in una piccola città dell'Alabama. Non era New York, ma ... c’era l'oceano, e ci passavo molto tempo. L'oceano era dove potevo sognare e tirare fuori il mio lato oscuro. Vivevo insieme a madre e mia nonna. Mio padre era un agente dell'FBI e doveva lavorare sotto copertura, e non l'avevo mai visto, ma mia madre mi incoraggiava ad aspettare che tornasse. E io ho aspettato! Ogni giorno! Fin da quando ero piccola era la cosa che mi dava forza. Ma ... sembrava che il suo lavoro fosse troppo importante per tornare da me. Un giorno, quando sono tornata da scuola, ho visto degli stivali da uomo nel corridoio! Poteva essere papà? Entrai in cucina con le gambe tutte tremanti. C'era una bella cena, le candele erano accese, e c'era del vino. Non poteva essere più romantico. Mia madre era seduta al tavolo, con un uomo. Non sembrava un agente dell'FBI e non sembrava emozionato di rivedere sua figlia. Sono rimasta in silenzio per lo shock. Sicuramente non era mio padre. Sono corsa in camera mia il più velocemente possibile, e sono scoppiata in lacrime. Quando mia madre venne nella mia stanza per parlarmi, le chiesi una spiegazione. Non potevo credere che mia madre potesse fare una cosa simile a mio padre. E poi ... ha confessato che il mio vero padre non era un agente dell'FBI e non lavorava sotto copertura. La mamma non era nemmeno sicura che sapesse di avere una figlia! Ha detto di aver inventato la storia del papà coraggioso, in modo che non mi sentissi delusa e abbandonata. Ma, in realtà, non sapeva nemmeno dove fosse. Questo ha cambiato tutto. La mia vita è stata completamente rovinata in un solo secondo. E così sono andata in spiaggia per riflettere. Non riuscivo a non essere arrabbiata con mia madre e mio padre che, in quel momento, neanche pensavano a me. Ero arrabbiata con tutto il mondo. Quello era il giorno in cui ho espresso un desiderio. Volevo andar via da quella città, desideravo che l'oceano portasse via il dolore, insieme a tutta la città e i traditori. E non ci volle molto perché si esaudisse. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Sono Povero e Tutti quanti Pensano che io sia un Ladro
Sono Povero e Tutti quanti Pensano che io sia un Ladro
2 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao, io sono Neil e poco tempo fa sono stato accusato di aver rubato dei soldi a scuola. Ero del tutto innocente, ma nessuno mi ha creduto. Un giorno l’insegnante mi ha chiamato nel suo ufficio e mi ha detto “Ok, Neil, conosco la verità. Dimmi dove sono”. E io ero tipo, "Di cosa stai parlando?”. E lei continuava a guardarmi seriamente. Dopo un lungo e imbarazzante silenzio, mi disse: "So che hai preso i soldi dal tavolo per la gita scolastica. Se li restituisci, non ti puniremo, lo giuro." Non sapevo cosa dire. Fondamentalmente, un’altra classe stava raccogliendo dei soldi per una gita e, apparentemente, la nostra insegnante li teneva sul suo tavolo, e un giorno sono scomparsi. Mi sono infuriato per l'accusa e ho alzato la voce dicendo: "Non ho preso io i soldi, non li ho mai toccati!". L’insegnante sospirò e disse: "Sappiamo tutti che sei stato tu, Neil. Chi altro potrebbe essere stato?". Risposi, "Potrebbe essere stato chiunque, perché non sei stata abbastanza furba da tenerli nascosti! " Dopo questo, sono uscito fuori dall'aula. Pensavo che fosse finita cosi, che l’insegnante non mi avrebbe dato più fastidio, ma era tutt'altro che finita. Quello era solo l'inizio. Il giorno dopo, sono stato chiamato nell'ufficio del preside. Sono andato, e con mia sorpresa, il preside mi stava aspettando con due insegnanti, e una era la stessa che mi aveva accusato di aver rubato i soldi. Ero molto arrabbiato e ho iniziato a parlare ad alta voce, ma loro rispondevano in modo molto calmo. Troppo calmo. Stavano dicendo che sapevano che ero stato io, e andava bene, perché avevo dei problemi a casa e avevo bisogno di soldi, hanno cercato essere "comprensivi", ma continuavo a dire che non ero stato io, che non avevo toccato quel denaro, ma loro insistevano. Ho chiesto se avevano qualche prova oltre alla mia "reputazione", e hanno detto che diverse persone hanno detto di avermi visto. Quel giorno, tornai a casa, preparando la mia confessione per il giorno seguente. Ma per fortuna, Matt mi aveva pazientemente aspettato, e siamo tornati a casa insieme. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Sono stato Arrestato da mio Padre
Sono stato Arrestato da mio Padre
2 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao, io mi chiamo Harry e sono stato preso dalla polizia ... e mio padre era uno dei poliziotti. Mia madre ci ha lasciato quando avevo 5 anni e da allora l'ho vista pochissime volte. Adesso ho 16 anni e ho sempre vissuto con mio padre. Era ed è, tuttora, un poliziotto, ed è molto bravo. Ero molto orgoglioso di dire che mio padre era un agente di polizia quando ero piccolino, ma mi sono reso conto che non è bello come pensavo. Tornava sempre a casa tardi e poi guardava la TV. Ogni volta che provavo a parlargli, lui rispondeva a malapena, il più delle volte diceva qualcosa tipo: "sì, certo" e basta. Poi, gli chiedevo di aiutarmi con i compiti, e mi diceva: "Arrivaci da solo, io sono stanco". All'età di 15 anni, ho smesso di parlargli, perché non aveva più senso. Non era interessato a nulla di ciò che mi succedeva. Di recente, il mio amico Jason ha preso la patente e i suoi genitori gli hanno comprato un'auto. Viviamo in una piccola città, quindi è bello avere a disposizione una macchina, ora non dovevamo più camminare. Se volevamo prendere un hamburger o qualcosa del genere, era a soli 5 minuti d’auto invece di 20-30 minuti a piedi. Tutti e quattro potevamo passare quanto tempo volevamo nell’auto, ascoltavamo musica e ci riparavamo dal freddo invernale. Noi ADORAVAMO quell’auto. Ho anche cominciato a fare pratica, di solito andavamo in periferia. Ci siamo abituati al fatto che non ci mettevamo mai nei guai e abbiamo iniziato a behhh... esagerare un po’. Aprivamo i finestrini e sfrecciavamo velocemente, mettendo la testa fuori, e persino mettendo fuori le lingue come dei cani. C’è una strada dritta e lunga che attraversa tutta la citta fino a fuori. È incredibilmente dritta e liscia. E la notte non c’è quasi nessuno in giro per strada. Una volta, Jason ha guidato a tutta velocità ed è stato fantastico, specialmente con la musica a palla. Urlavamo e lo incitavamo, e ho SUPPLICATO a Jason di farmi provare. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mio Padre è Uscito di Prigione e non lo Riconosco più
Mio Padre è Uscito di Prigione e non lo Riconosco più
2 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ehi, ragazzi! Io sono Dylan e ho 13 anni. Per quel che ricordo, ho sempre vissuto con mia madre, perché mio padre ci ha lasciati ancora prima di andare a scuola. Ma poi, finalmente tutto è cambiato quando è uscito di prigione. Io e mia madre siamo andati alla stazione per incontrarlo. Il treno è arrivato e la gente è cominciata a scendere. Mentre cercavo di capire chi fosse mio padre, un uomo, alto e grosso, si è avvicinato, è venuto verso di me, e ha detto: "Ehi, Dylan, non ricordavo il tuo aspetto, figliolo", e mi ha abbracciato forte. Ha baciato mia madre e siamo andati via in macchina. Per tutto il tempo non riuscivo a smettere di fissarlo. Era esattamente come me lo ero immaginato: grande e forte, un esempio, e un padre che mi avrebbe insegnato tutto. Papà ha iniziato a cercare lavoro e faceva spesso dei colloqui. Ma, ogni volta ritornava a casa triste, non lo assumevano a causa della fedina penale. Ho capito quanto fosse arrabbiato dopo l’ennesimo rifiuto: “Ho pagato per i miei sbagli”, ha detto, “Ho il diritto di vivere una vita normale!”. Anche la mamma era frustrata perché doveva prendersi cura di tutti noi. Una notte sono andato in cucina a prendere un po’ d'acqua e ho notato che la luce era accesa. Di sotto, ho visto mio padre che parlava a bassa voce con un estraneo. Quel tipo aveva delle mani enormi e forti. Il suo sguardo mi terrorizzava. E poi mi ha visto e mi ha sorriso: "Wow! E questo è Dylan? Perché non lo portiamo con noi? È abbastanza piccolo, potrebbe tornarci utile" e poi si è messo a ridere. Papà lo ha zittito: "Shhh!". E mi ha mandato in camera mia: "Vai a letto, Dylan, devi alzarti presto e andare a scuola.". E io mi sono addormentato cercando di capire chi fosse quell’estraneo e cosa ci facesse a casa nostra di notte. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Ho Creato un Blog di Gossip Anonimo a Scuola
Ho Creato un Blog di Gossip Anonimo a Scuola
2 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao, io sono Lucy, e ho creato un blog anonimo in cui ho svelato i segreti delle persone della mia scuola. Volevo solo vendicarmi delle ragazze che mi maltrattavano, ma è andato tutto fuori controllo ... Ma partiamo dall’inizio: avevo 15 anni, avevo l’apparecchio ai denti e TANTA acne sul viso. Niente di così grave, giusto? Sì, giusto, ma le ragazze più grandi, e popolari, mi prendevano in giro continuamente. Ridevano quando passavo accanto a loro a scuola, e faceva male perché erano così carine e piacevano a tutti. Ho detto tutto alla mia sorellona, Ashley. Andavamo alla stessa scuola e lei mi disse di non preoccuparmi, perché quelle ragazze avevano dei segreti imbarazzanti e facevano solo battute perché erano delle perdenti. Mi ha raccontato tutto su di loro. Una delle ragazze aveva fatto un video davvero imbarazzante mentre cantava una canzone, ed era cosi ridicola che alla fine l'ha cancellata, ma alcune persone (compresa mia sorella) avevano una copia in loro "possesso". Era un po’ ridicola, ma non era la fine del mondo. Ma ho anche scoperto che un'altra ragazza... mentiva COSTANTEMENTE. Ad esempio, diceva che aveva i capelli naturalmente rossi, ma non era vero, e diceva che i suoi genitori erano ricchi ma non lo erano, e raccontava tutte queste storie folli sulla sua vita, mentre, in realtà, aveva una vita del tutto normale. Una volta, ha persino inventato una storia secondo cui un uomo l'aveva aggredita, ma lei era scappata via, e l’ha descritto dettagliatamente, ma se l’era inventata al 100%. Mia sorella guardava questa vecchia serie televisiva che si chiama "Gossip Girl" in cui una ragazza crea un blog anonimo in cui rivela pettegolezzi e fatti reali su altre persone. Quindi, naturalmente, ho escogitato un piano. Ho creato un blog anonimo in cui ho pubblicato diversi post che riguardavano quelle ragazze. Scrivevo i post in un modo molto dettagliato e sarcastico. Ho anche trovato quel famigerato video della ragazza che canta: l'ho condiviso nel gruppo Facebook della scuola ed è stato un successo CLAMOROSO. Poi, si è scoperto che a molte persone non piacevano quelle ragazze perché erano arroganti, ed è stato davvero fantastico vedere la reazione degli altri. Ora, tutti ridevano e parlavano male di loro e non di me. E le ragazze ...loro erano estremamente arrabbiate. In pratica, mi sono sentita come un’eroina. La cosa giusta da fare era abbandonare subito il blog, ma ... volevo ALTRO. Inoltre, alcuni studenti hanno iniziato a raccontarmi storie su altre persone. Quindi, ho continuato con il blog, pubblicando cose su persone che meritavano di essere esposte. Mi sentivo come una regina a scuola, anche se nessuno sapeva che dietro a tutto c’ero io. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
La mia Ragazza ha Postato Tutti i miei Segreti sul suo Blog
La mia Ragazza ha Postato Tutti i miei Segreti sul suo Blog
2 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao a tutti! Io mi chiamo John. E ho una ragazza, Trisha. A volte mi fa impazzire con il suo carattere esplosivo e la sua gelosia incontrollata. Ma, per me, lei è molto speciale. Di recente, ho fatto una cosa per cui ha smesso di parlarmi. Beh, ecco cosa è successo. Trisha e io abbiamo così tanto in comune. E poiché andiamo nella stessa scuola, abbiamo tanti amici in comune e trascorriamo quasi tutto il nostro tempo libero insieme. Discutiamo spesso, e ormai non ci faccio più caso e neanche gli altri ci prestano attenzione. Ti faccio un esempio. Una volta, si è arrabbiata per il fatto che non avevo ancora approvato la sua richiesta di amicizia su Facebook. Disse che stavamo insieme da alcuni mesi, e pensava che potessi nasconderle qualcosa. Ho cercato di spiegare che non uso così tanto Facebook e quando lo faccio, cerco solo qualche notizia senza nemmeno prestare attenzione alle richieste di amicizia. Ma dato che per lei era così importante, sono entrato e ho accettato la sua richiesta Il giorno dopo è diventata così drammatica a causa di ogni singola ragazza della mia lista di amici. All'inizio, ho cercato di calmarla spiegando che una delle ragazze è una mia lontana parente, e che un’altra è la figlia dell'amica di mia madre, ma sai, a un certo punto ho perso la pazienza e abbiamo cominciato a urlare come matti. Ho finito per eliminare l’account sperando di evitare qualsiasi tipo di dramma. Le successive due settimane, tra di noi, tutto era fantastico. Non abbiamo discusso nemmeno una volta. Poi un giorno è arrivata tutta eccitata e, come si suol dire, come se avesse il fuoco sotto ai piedi. Ha iniziato a dire mille parole al minuto, parlando dei blogger su Instagram, mostrandomi i loro profili e dicendo qualcosa su quanto fosse redditizio. Quando ha finito di parlare, finalmente, ho capito che voleva diventare una blogger. Lei non sapeva nulla di blog, a dirla tutta, ma secondo Trisha poteva diventare un hobby interessante, quindi "perché no", ho pensato. Almeno sarà impegnata con qualcosa. All'inizio, non mi dava fastidio. Era anche divertente, ad esempio, faceva una bella battuta e poi vedeva che riscontro avesse. Ma, sai, dopo un po’ di tempo ... di tanto in tanto, diventava davvero irritante e fastidioso. Perché quasi tutto quello che facevamo, che si trattasse di una passeggiata o una chiacchierata, veniva filmata e poi postata. In quel momento, il sogno più grande di Trisha era diventare “virale”, ma non aveva ancora abbastanza iscritti. Poco dopo aver tentato di diventare una blogger, il cattivo umore le è tornato. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Non sono Riuscito a Salvare la mia Ragazza da suo Padre
Non sono Riuscito a Salvare la mia Ragazza da suo Padre
2 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao a tutti! Io mi chiamo Gordon, ho 17 anni, e già da un anno ho una ragazza. Beh, avevo una ragazza. Vorrei dirti perché ci siamo lasciati. Emma mi piaceva molto. È così fragile, così modesta, e così bella. La maggior parte delle ragazze moderne mira a non essere inferiore a noi ragazzi, ma Emma era una sottomessa. Mi lasciava sempre scegliere quale film guardare o quale pasto ordinare. E non discuteva mai. Mi sono sempre sentito molto forte e maschile quando stavo con lei. Ma col passare del tempo, ho iniziato a trovare questi dettagli piuttosto fastidiosi. Forse non apprezzavo ciò che avevo, ma mi annoiavo perché era sempre d’accordo con tutto. L'unica cosa su cui non transigeva era l’ora in cui doveva tornare a casa. Era pietrificata dall'idea stessa di ritornare a casa dopo le 20:00. Una volta eravamo bloccati nel traffico mentre tornavamo da un film e lei ha pianto fino a casa, e non voleva spiegarmi perché non poteva semplicemente chiamare a casa e spiegare che sarebbe arrivata con quindici minuti di ritardo! All'inizio, ho pensato che i suoi genitori fossero molto severi, ma poi li ho incontrati a un picnic e mi sono sembrati molto carini! La madre di Emma è molto bella, ed Emma le assomiglia e si comporta come lei, molto tranquilla ed educata. Dubito che abbia mai sgridato nessuno. Il padre di Emma, ​​Mark, mi ha fatto una grande impressione! Molto brillante, spiritoso, sicuro di sé, e carismatico. Sono imbarazzato ad ammetterlo, ma l’ho anche confrontato con mio padre ... e il mio vecchio ha perso su tutto. Ho fatto molte foto il giorno del picnic, e il giorno dopo io e mia madre siamo andati a trovare sua sorella, cioè mia zia. Amo la zia Mary, sin da quando ero piccolo, e le dico sempre tutto ciò che accade nella mia vita. Quindi sapeva che avevo una ragazza e le ho raccontato che avevo finalmente incontrato la famiglia di Emma e le ho mostrato le foto del picnic. La zia Mary non vedeva l'ora di vedere le mie foto, finché non ha visto il padre di Emma. Si è fermata, e sembrava che le tremassero le mani. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Ho Letto la Chat Segreta della Mia Amica e Parlava di Me
Ho Letto la Chat Segreta della Mia Amica e Parlava di Me
2 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Salve! Io sono Lucinda. E questa è una mia foto insieme alle mie migliori amiche: Lora e Caroline. Vedi quanto siamo felici? Questa foto è stata scattata circa 6 mesi fa e da allora non siamo più state così felici insieme. Ed ecco il perché… Lora, Caroline, e io, ci conosciamo da sempre. Trascorrevamo molto tempo insieme e più che amiche eravamo una vera famiglia. Anni fa, quando tutte e tre siamo andate alla scuola media, è diventato chiaro quanto fossimo diverse. Io ero interessata all'atletica leggera, così mi sono unita alla squadra della scuola e ho iniziato a prepararmi per le maratone. Ma alle mie amiche non interessava lo sport. Preferivano spettegolare e parlare delle celebrità, dei film e i registi. E adoravano mangiare cheeseburger, fare parte del club del libro, o cose del genere. Non abbiamo mai avuto conflitti a causa di queste differenze. Ma qualche mese fa, improvvisamente, ho avuto la sensazione che Lora e Caroline non mi fossero più vicine come una volta. Ci sono stati dei momenti in cui le ho chiamate per uscire insieme e andare da qualche parte, ma hanno rifiutato. Mi sembrava che stessero cercando di evitarmi. Ho anche provato a chiedere direttamente cosa stesse succedendo, ma mi hanno solo detto che dovevano prepararsi per un progetto scolastico su cui stavano lavorando e che erano troppo impegnate. Poi è arrivato sabato. Il sabato era il giorno in cui solitamente trascorrevamo il nostro tempo insieme, dalla mattina alla sera. La nostra tradizione era fare shopping, fare una passeggiata nel parco, e guardare un bel film al cinema. E poi la sera, ci cucinavamo qualcosa di speciale, e mangiavamo davanti a un altro film in bianco e nero, e facevamo un pigiama party. Quella sera dovevamo andare a casa di Lora. Ci siamo divertite così tanto che mi ero persino dimenticata che avevo pensato che c’era qualcosa di strano tra noi. Per cena, avevamo preparato una buonissima zuppa e abbiamo cotto alcuni muffin di zucchine, eh già! Era una mia idea proporre alle mie amiche un'alimentazione sana. Era tutto così perfetto. Era proprio come la prima volta che avevamo organizzato un pigiama party. Poi abbiamo deciso che sarei andata io per prima al piano di sopra per farmi la doccia, mentre Lora e Caroline ripulivano la cucina. Quando sono entrata in camera di Lora, ho notato che aveva il portatile acceso. Mi sono avvicinata per spegnerlo, ma c’era una chat aperta su Facebook Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mi Sono Innamorata di Due Gemelli
Mi Sono Innamorata di Due Gemelli
2 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao a tutti! Io mi chiamo Janise. Sai, di recente ho avuto la possibilità di ricominciare con una nuova vita, e si è rivelato un periodo davvero strano, ma non mi pento di nulla. Beh, quasi nulla. La mia famiglia ha dovuto trasferirsi in un'altra città a causa del nuovo lavoro di mio padre e, di conseguenza, sono dovuta andare a una nuova scuola. Ero abbastanza sicura che avrei avuto qualche difficoltà a inserirmi e questo mi ha reso molto nervosa. Il primo giorno ero così distratta e persa che non ho neanche visto il ragazzo che era in piedi di fronte a me. Quindi gli sono andata addosso e sono caduta a terra. Tutti quanti si sono messi a ridere e io mi sono vergognata così tanto. Lui mi ha aiutata a rialzarmi e ci ha scherzato su dicendo che nessuno aveva mai fatto una cosa simile solamente per scoprire come si chiamava. Ho accennato a un sorriso e sono andata via il più velocemente possibile, sentivo il viso che diventava mi tutto rosso. E poi l'ho sentito che mi urlava il suo nome: è J.J.. E mi sono resa conto di quanto fosse bello. Più tardi, quel giorno, quando ero nella mensa della scuola, l’ho rivisto. Ma questa volta non era circondato da un gruppo di persone. In realtà, era il contrario, era seduto da solo a un tavolo a leggere qualcosa. Ho deciso di avvicinarmi a lui e fare conoscenza, dal momento che era l'unica persona in quel posto con cui avevo parlato. Ma quando mi sono avvicinata e gli ho chiesto se il posto accanto a lui fosse occupato, mi ha guardato come se non ci fossimo mai incontrati. Me ne sono risentita, voglio dire, sapevo di essere nuova ma ero davvero così invisibile!? Ho detto che mi dispiaceva di non avergli detto il mio nome, e che era, Janise. E mi ha risposto: "Buon per te", mantenendo ancora gli occhi incollati al libro. In quel momento, i suoi modi mi avevano davvero confuso. Non riuscivo a capire cos'altro avrei dovuto dire o se dovessi dire qualcosa. Quindi ho preso il mio vassoio e me ne sono andata, sentendomi un po’ arrabbiata e un po' umiliata. Chi era per parlarmi in quel modo? Stranamente, non riuscii a smettere di pensarci per il resto della giornata. I due giorni che seguirono furono piuttosto intensi e non ho visto J.J.. Ma avevo iniziato a parlare con altre ragazze della mia classe e sembrava che stessi facendo amicizia. Poi, giovedì, mentre stavo pranzando con loro, l'ho rivisto. Probabilmente, stava dicendo qualcosa di divertente, perché tutti intorno ridevano a crepapelle. Pensavo fosse davvero strano, comportarsi come un pagliaccio e allo stesso tempo tutto misterioso e distante. Aveva un disturbo bipolare o qualcosa del genere? Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Ho il Viso è Pieno di Cicatrici ma sono Diventate la mia Forza
Ho il Viso è Pieno di Cicatrici ma sono Diventate la mia Forza
2 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao a tutti! Io sono Lissa, ho quindici anni e, come puoi vedere, ne ho già passate tante per la mia età. E se vuoi sapere cosa mi è successo, e come ha influenzato il mio percorso, rimani con me. È successo molti anni fa, quando ero molto piccola. C'è stata un'esplosione di gas in casa di alcuni amici dei miei genitori e io mi trovavo lì vicino. In realtà, non ricordo quasi nulla di quel giorno, ma vedo le conseguenze allo specchio, ogni singolo giorno. Mia madre ha sempre cercato di incoraggiarmi, dicendo: "A tutti piacerai per come sei dentro, sii dolce e gentile con le persone e loro ti ameranno!" Certo, da bambina avevo qualche problema a scuola a causa del mio viso, ma tutto è peggiorato quando sono diventata un adolescente ... A scuola, tutte le mie amiche hanno iniziato a preoccuparsi del loro aspetto. Parlavano di trucco, abiti e ragazzi. Alcune di loro già uscivano con qualche ragazzo! Tutte queste cose erano assolutamente impossibili per me. Ero così gelosa e devastata che non riuscivo nemmeno a sorridere o a fingere di essere felice per loro. Abbiamo perso completamente i contatti e poco dopo mi sono ritrovata da sola. A casa continuavo a mostrare il mio "adorabile" sorriso, in modo che i miei genitori continuassero a pensare che tutto andasse bene. Sembrava che non ci fosse nessuno al mondo che potesse condividere il mio dolore, ma poi ho notato Simon, un ragazzo di un'altra classe. Aveva una grande cicatrice sul viso, proprio come il “Re Leone”! Ma non sembrava preoccuparsene! Era sempre positivo e sicuro di sé. "Lui sì che può capirmi, siamo così simili!" ho pensato. Non mi conosceva, quindi ho fatto del mio meglio per fare piccole battute e, all'inizio, è stato anche molto carino, ma ... in realtà, non era molto interessato. Ma ero ciecamente innamorata e ho continuato a provarci. Ad un certo punto, si è infastidito ed è esploso. Mi ha detto che non sarebbe mai uscito con me per nessun motivo e mi ha chiesto di lasciarlo in pace. Ero scioccata e distrutta, e mi sentivo come se avessi un'altra cicatrice, ma nel mio cuore. Si è scoperto che il metodo "sii gentile", di mia madre, non funzionava più, quindi era giunto il momento di cambiare le cose. Ho iniziato dai vestiti. Addio, abiti eleganti. E benvenute magliette rock e giacche da motociclista. Niente più sorrisi carini e situazioni del tipo: "Certo, ti aiuterò io con i compiti”. Addio “brava ragazza”! Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Sto Uscendo con il Mio Fratellastro
Sto Uscendo con il Mio Fratellastro
2 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao a tutti. Io mi chiamo Lindsey, ho quindici anni, e sono ... mhmm ... come posso dirlo ... beh, sono innamorata di mio fratello. Eravamo vicini: vivevamo in una villa bifamiliare, io e i miei genitori vivevamo sul lato sinistro, e la famiglia di Jayden stava sul lato destro. Eravamo separati da un alto recinto, che a noi bambini sembrava la “Grande Muraglia”. Ma, per me, non era abbastanza! Il mio piccolo cuore aveva abbastanza spazio per tanto rancore nei confronti del mio prepotente vicino. Quindi sarei stata più felice se non l'avessi mai più visto! I nostri genitori hanno deciso che potevano essere più che semplici vicini e sono diventati amici. Si vedevano ogni giorno, facevano grigliate insieme, e tutte quelle cose noiose da adulti. Grazie a Dio non hanno insistito sul fatto che anche io e Jayden diventassimo amici. A Jayden probabilmente non sarebbe dispiaciuto se avessimo giocato a basket insieme. Ma riesci a immaginarmi con una palla? Eh! Io non volevo nemmeno parlargli. Non è stato solo a causa del trauma infantile del “tea party” rovinato, ma anche per il fatto che i miei genitori mi hanno cresciuta come una "piccola principessa" e sapevo bene che non dovevo giocare con i ragazzi del vicinato. Non era cosa! Ma tutto è drasticamente cambiato quando ho compiuto undici anni. I genitori di Jayden sono morti in un incidente d'auto. I miei genitori non hanno condiviso con me i dettagli e onestamente non volevo nemmeno saperli. Mi è bastato che papà mi mettesse in braccio e mi guardasse attentamente e con occhi seri. In quel momento, ho pensato di aver fatto qualcosa di brutto e avevo paura che mi sgridasse, ma mi ha detto che doveva dirmi qualcosa. I nostri vicini non erano più con noi e il loro figlio, Jayden, era rimasto solo. Papà mi ha anche detto che dovevamo aiutarlo e che sarebbe rimasto con noi per un po’. A quel tempo non mi ero resa conto che era successo qualcosa di tragico. Ho solo pensato: “perché Jayden deve stare con noi se ha una casa tutta sua?” Ma ero felice che questo "discorso serio" non avesse nulla a che fare con il mio comportamento, e cosi annuii. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mia Madre mi ha Lasciato in Aeroporto quando avevo 3 Anni e non l’ho Mai Più Vista!
Mia Madre mi ha Lasciato in Aeroporto quando avevo 3 Anni e non l’ho Mai Più Vista!
2 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao! Io mi chiamo Mathew, ora, anche se avevo un altro nome quando avevo soli tre anni. Avevo anche un altro cognome, un'altra casa e ... un'altra madre. Come è potuto succedere? Lascia che ti spieghi. Ricordo vagamente com’era a quel tempo. Sono stato adottato, molto tempo fa. Ma ricordo il giorno in cui mi sono perso, cioè il giorno in cui mia madre mi ha lasciato. Ero molto felice quella mattina, perché mia madre disse che avremo preso un grande aereo per andare a Disney World. Ero così emozionato! Quando arrivammo all'aeroporto, mia madre mise per terra una valigetta e mi fece sedere. Disse che sarebbe tornata dopo un minuto. Ma quel minuto durò secoli. Ero seduto lì, stringendo il mio piccolo zaino rosso con gli occhi pieni di lacrime. Non sono sicuro di quanto tempo sia passato, ma presto mi sono ritrovato circondato da un sacco di gente, agenti di polizia, impiegati dell'aeroporto ... e tutti mi facevano domande. Ma non riuscivo a ricordare il nome di mia madre o il mio. A dire il vero, non ero nemmeno in grado di comunicare molto bene. E oltre a ciò, ero sbalordito e scioccato. Inoltre non sapevo dove abitassi, quindi non ero di grande aiuto alla polizia, che si stava sforzando di trovare la mia famiglia. Controllarono la valigia, e il mio zaino, e trovarono un appunto che diceva:" Abbi cura di lui."senza nome o indirizzo. Il tempo passava, ma sembrava che nessuno mi cercasse, e mia madre non fu mai più trovata. I lavoratori dell'aeroporto hanno cercato di seguirla con le telecamere, ma è svanita senza lasciare traccia. Dopo che la polizia perse ogni speranza di trovare i miei genitori, fui adottato da una famiglia molto simpatica. Ora, ho un altro nome e una nuova casa. I miei nuovi genitori mi hanno dato tutto il loro amore e hanno cercato di fare del loro meglio per aiutarmi a dimenticare quell'orribile giornata in aeroporto. Sono passati undici anni, che sono stati assolutamente felici, e sono cresciuto fino a diventare un ragazzo normale. Certo, di tanto in tanto, ho dei vaghi ricordi e mi pongo una dolorosa domanda: "Perché?" è questa la domanda che mi turbava, fino a quando non ho finalmente avuto una risposta. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
La mia Amica mi ha Venduto al mio Nemico
La mia Amica mi ha Venduto al mio Nemico
2 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ehi, ciao! Io sono Stan. Vorrei poter dire di essere il ragazzo più popolare della scuola perché sono bravo negli sport o con le ragazze. Ma, la verità è che ora l'intera scuola mi conosce a causa delle mie mutande. Per me la scuola non è mai stata semplice. Sono troppo magro e piccolino per i miei 12 anni, e con i miei occhiali, invece di sembrare un ragazzo intelligente, sembro solo strano. Questo è il motivo per cui sono sempre stato oggetto di scherzi, su base regolare, da parte del mio compagno di classe, Erick Patterson, che è grande e grosso ma non molto sveglio. Non so perché abbia deciso di prendermi di mira, ma una delle cose che preferisce fare è chiudermi nell'armadio del bidello. E quando, una volta, finalmente, sono riuscito a uscirne, ho scoperto di aver perso la lezione, e il test di matematica. Probabilmente lui ha pensato che fosse divertente. Beh, una volta ho provato a parlare con il preside, ma Erick è il figlio di un suo caro amico, o qualcosa del genere, quindi è sempre riuscito a svignarsela. E io, d'altra parte, ero nel suo mirino. Tutto ciò che mi faceva era offensivo e talvolta persino umiliante, tuttavia, a un certo punto mi ci sono abituato. Sapevo che era l'unico modo per sopravvivere. Ma poi, nella mia classe, è arrivata una nuova ragazza e tutto è peggiorato. Si chiama Jackie Banks.Ricordo chiaramente il giorno in cui l'ho vista per la prima volta. Dopo la lezione di educazione fisica, non riuscivo a trovare la mia cintura. Sapevo di averla portata, perché senza avrei sicuramente perso i pantaloni. In ogni caso, dovevo correre alla lezione successiva, dal momento che dovevo presentare la mia ricerca sulla storia americana. Quindi non mi restava altro che tenermi i pantaloni con le mani. Jackie è entrata in classe e... Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Sono Stato in un “Centro di Riabilitazione” per Dipendenza da Smartphone
Sono Stato in un “Centro di Riabilitazione” per Dipendenza da Smartphone
2 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao, io sono Jeremy. E c'è la possibilità che tu stia guardando questo video da uno smartphone. Ed è anche possibile che tu abbia passato metà della tua giornata scorrendo sui social, guardando video, chattando, e cose del genere. Voglio dire ... non ti sto giudicando, so solo come vanno queste cose. Di solito, non ti rendi conto che è una dipendenza fino a quando non succede qualcosa di orribile. E questo è quello che è successo a me. Tecnicamente, lo smartphone non c’entrava niente, ma allo stesso tempo ... si. Stavo andando a casa di un mio amico, e stavo mandando un sms a mio cugino, non stavo prestando attenzione mentre attraversavo la strada e ... sono stato investito da un'auto. Ho riaperto gli occhi in ospedale. Sono stato molto fortunato a non avere nulla di rotto, ma i lividi sul braccio e sulla gamba sinistri erano enormi. I miei genitori erano lì, mia madre piangeva. Sapevano esattamente com’era avvenuto l'incidente e sembravano più arrabbiati che sollevati. Quindi, non appena ho preso il telefono per controllare le notifiche perse, ho appreso che, nel momento in cui sarei uscito dall'ospedale, sarei andato in un "centro di riabilitazione per dipendenza da smartphone". Non avevo mai sentito niente del genere. E ovviamente non volevo andarci. Ed ecco la cosa importante: i miei genitori sono piuttosto severi ma non mi avrebbero mai mandato da qualche parte contro la mia volontà. Quindi mi hanno fatto una proposta. Se avessi finito la riabilitazione e fossi rimasto ancora dell’idea che non c’era nulla di sbagliato, non avrebbero detto un'altra parola sull’uso del telefonino. E ...mi sembrava accettabile. Si è rivelato essere un resort abbastanza confortevole. Ma, ovviamente, fin dall'inizio ... io l'ho odiato. Subito dopo il mio arrivo hanno preso il telefono, e lo avrei riavuto solo una volta terminato il programma. E non c'erano dispositivi digitali. Nemmeno una TV. Al mio risveglio mi sentivo miserabile. Alcuni probabilmente penseranno che sono un piagnucolone, ma vabbè, provate a immaginare per un secondo: non puoi inviare messaggi a nessuno, non hai idea di cosa stia succedendo con i tuoi amici, e il fatto di “non sapere” ti uccide dentro, e non sai nemmeno cosa sta succedendo nel mondo, poiché le uniche fonti di notizie sono i giornali consegnati quotidianamente dal postino. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mia Madre si sta per Sposare con il mio Migliore Amico. Accidenti!
Mia Madre si sta per Sposare con il mio Migliore Amico. Accidenti!
2 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Oh, ciao, io sono David. Senti, ma... Sei mai stato in una situazione così ridicola da non riuscire a credere che stesse veramente capitando a te? Lascia che ti racconti la mia esperienza. Ho 18 anni, e ho appena iniziato a frequentare un'università molto prestigiosa. Mia madre insegna economia lì. Ho sempre nascosto il fatto che lei fosse mia madre, cosi nessuno avrebbe pensato che fosse di parte. Devo anche dire che non è la tipica insegnante. È bella e molto attraente, e per avere 36 anni, sembra molto più giovane. Quindi, come puoi immaginare, i miei compagni di classe dicono costantemente che vogliono chiederle di uscire. Sapevo benissimo che erano solo battute innocenti, ma il mio caro amico Mike sembrava veramente preso. Parlava sempre di lei! Ho provato a dire qualcosa come "E dai, è un'insegnante" o "È troppo vecchia per te", ma lui non mi ascoltava proprio. Cercava sempre di parlarle in corridoio e rimaneva dopo le lezioni per farle domande di economia. Ovviamente, a me sembrava davvero sciocco. Inoltre, mia madre è una donna di classe e ha un certo gusto per gli uomini. Una sera mia madre doveva uscire con qualcuno e ho pensato che sarebbe stata una grande idea invitare Mike a giocare con l’Xbox. Cosi, l'ho chiamato, ma non ha risposto. OK, guarderò un film da solo, ho pensato. Cinque minuti dopo, qualcuno suonò il campanello. La mamma gridò dal bagno: "Apri la porta, non sono ancora pronta!" E puoi immaginare la mia sorpresa quando ho aperto e ho visto Mike, lì in piedi, con un mazzo di fiori tra le mani. Ero scioccato. Non riuscivo a dire nemmeno una parola per quanto fossi sorpreso. Poi venne mia madre e ci presentò: "Questo è Mike. Mike, questo è mio figlio, David. Beh, vi conoscete già." Ci stringemmo la mano goffamente, la mamma mi baciò, e se ne andarono al loro appuntamento. Rimasi lì, per qualche altro minuto, in totale confusione. “La mamma esce con Mike? Che cosa? Come è potuto succedere?” Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mio Padre Tradisce la Moglie con mia Madre! Sono Confusa
Mio Padre Tradisce la Moglie con mia Madre! Sono Confusa
2 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao ragazzi! Io mi chiamo Alex e voglio confessare come, una volta, ho quasi distrutto la nuova famiglia di mio padre e ho persino coinvolto mia madre. Tutto è successo qualche mese fa quando mio padre mi ha detto che lui e la moglie Mildred, volevano avere un bambino. Era una notizia fantastica e non vedevo l’ora di avere un fratellino o una sorellina. Mildred e io avevamo legato già da molto tempo. Ha solo 10 anni più di me e abbiamo sempre avuto molte cose di cui parlare e cose da fare insieme. E per quanto riguarda mamma e papà, ho la fortuna di avere una felice famiglia allargata. Tuttavia, non c'è mai stato uno spiraglio di vedere mia madre e mio padre di nuovo insieme, o almeno cosi credevo fino quando… Papà, come sempre, mi aveva preso per il fine settimana e mi stavo divertendo molto insieme a lui e Mildred, fino a quando qualcuno ha chiamato papà e ha detto che avevano urgentemente bisogno di lui in ufficio. Sono rimasta a casa con Mildred, guardando serie per ragazze in TV, e ci siamo fatte le unghie. Era piuttosto tardi quando, improvvisamente, mi sono resa conto che avevo lasciato il quaderno con i compiti a casa, voglio dire, dove vivo con mia madre. Avevo bisogno di consegnarlo la mattina dopo, e papà non era ancora tornato a casa, quindi l'ho chiamato per chiedergli di passare da mia madre e prenderlo, ma non ha risposto al telefono. Mi sono davvero innervosita perché senza quel foglio avrei preso un brutto voto, e papà non rispondeva, quindi Mildred mi ha lasciato prendere la sua macchina per andare a prendere i compiti. Non poteva venire con me perché non si sentiva bene a causa della gravidanza. Ho promesso di tornare velocemente e di prenderle qualcosa di buono sulla via del ritorno. Sono rimasta davvero sorpresa quando ho visto l'auto di mio padre vicino a casa di mia madre. Voglio dire, lui e la mamma hanno sicuramente un ottimo rapporto, ma non si sono mai visti per conto loro. Inoltre, ha detto che sarebbe andato in ufficio, non a casa mia. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Ho Perso la Parrucca e Tutti i miei Amici hanno Visto che sono Calva
Ho Perso la Parrucca e Tutti i miei Amici hanno Visto che sono Calva
3 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao a tutti! Io sono Brianna. E questa sarà una storia piena di lacrime, paura, rabbia e ... capelli. E spero davvero che, raccontandola, non solo mi sentirò più serena, ma ciò che è più importante, è riuscire a ispirare altre persone a vivere la loro vita al massimo. Tutto è iniziato circa un anno fa. Erano i miei ultimi due mesi di liceo ed era stressante, sai, studiare, gli esami, una situazione poco chiara con l’università, e così via. E per di più, il mio ragazzo mi aveva lasciata a causa del mio peso. Ho pianto per una settimana. Ero così stressata che mi sono messa a dieta e non avevo forze. Ero determinata a perdere qualche chilo per essere perfetta per il ballo di fine anno in modo che quell’idiota egoista vedesse quanto fossi bella e felice senza di lui. Ma, a un certo punto, avevo notato che, insieme ai chili in più, stavo perdendo i capelli. Voglio dire, ne avevo sempre perso qualcuno, specialmente quando mi pettinavo, ma questa volta non c'erano 10 ciocche rimaste sulla spazzola, ma un bel mucchio. Poi ho iniziato a fare ricerche su Internet per capire perché perdevo i capelli e come avrei potuto fermarlo. E indovina cosa ho trovato come ragione principale (?): stress e malnutrizione. Ma non poteva essere vero, ho pensato. Per alleviare lo stress, non potevo liberarmi del carico di lavoro o diminuire gli studi, e c’erano tante altre cose che mi stressavano. Se era cosi, allora ero destinata a rimanere grassa e senza capelli! Doveva esserci un altro modo per risolvere il problema, ho pensato. E quando ho sentito un buco sulla parte posteriore della mia testa, sono stata presa dal panico e ho deciso di chiedere aiuto ai miei genitori. All'inizio, mi portarono da un nutrizionista, ma quando ha sentito che perdevo i capelli e ha visto che mi cadevano delle ciocche, disse che sarebbe stato meglio andare da un tricologo: uno specialista dei capelli, nel caso in cui non lo sapessi. Questa raccomandazione mi ha fatto preoccupare un po’. Alla fine, ho scoperto che avevo una cosa chiamata alopecia. Una malattia incurabile con un corso imprevedibile. Significava che avrei perso tutti i capelli e nessuno poteva garantire che sarebbero ricresciuti. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Sono Sicuro che mio Padre è Morto per Colpa di mia Madre
Sono Sicuro che mio Padre è Morto per Colpa di mia Madre
3 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao! Io mi chiamo Anthony, ho tredici anni, e sto per raccontarti la storia di come sono fuggito di casa perché pensavo che mia madre avesse ucciso mio padre. Cosa avrei dovuto pensare dopo che mia madre e mio padre hanno girato il mondo insieme e poi mia madre è tornata, con un bell'aspetto ... con in mano i resti di mio padre? A mio padre piaceva l'avventura ed era costantemente alla ricerca d’azione. Amava lo sci alpino, ha fatto parapendio, e tutto ciò che era associato al rischio e all'adrenalina. Mia madre, al contrario, è molto posata. Proibiva a mio padre di fare tutte le cose eccitanti che amava ... e non riuscivo mai a capire il perché. Devo ammettere che mio padre non prestò molta attenzione alle restrizioni di mia madre e continuava a fare quello che voleva. Vivevamo tutti insieme, mio ​​padre, mia madre, io e le mie due sorelle più piccole. Ero molto affezionato a mio padre: adoravo il suo stile di vita, pieno di adrenalina ed eccitazione. Ma mi sembrava che mia madre odiasse quel suo insaziabile appetito per la vita. Quindi, non mi ha sorpreso quando ho cominciato a sentire la parola "divorzio" sempre più spesso. Da quello che ho capito, lui stava cercando di salvare il matrimonio, almeno per il bene dei figli. Potresti pensare che noi ragazzi non capiamo cosa succede, ma non è così. E ho capito che mio padre ha insistito per andare da un terapista di coppia per vedere se c’era ancora qualcosa da salvare nel loro rapporto. Quindi non sono rimasto sorpreso quando mio padre mi ha detto che lui e la mamma stavano per partire in vacanza insieme e che aveva chiesto a sua sorella, Helen, di prendersi cura di noi durante le due settimane che avrebbero trascorso dall'altra parte del mondo. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mia Cugina ha Provato a Rubarmi la Vita
Mia Cugina ha Provato a Rubarmi la Vita
3 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao a tutti! Io mi chiamo Kim. Di recente mi è successo qualcosa di terribile e ho bisogno del vostro supporto e dei vostri consigli. Tutto è iniziato l'estate scorsa. Mia cugina di secondo grado, Karen, per la prima volta venne a trovarci. In realtà, era la prima volta che andava via dalla sua piccola città natale ed era piuttosto entusiasta. Ovviamente, è venuta a stare a casa nostra ed ero felice di condividere la mia camera con lei. All'inizio, sembrava tutto fantastico! Ho portato Karen ovunque, e le ho mostrato la vita di una ragazza di città. Ha conosciuto tutte le mie amiche. Le abbiamo insegnato a seguire le ultime tendenze, siamo andate insieme al centro benessere, le abbiamo spiegato perché il fast food non era la cosa peggiore di sempre e l'abbiamo persino convinta a conoscere un ragazzo che le piaceva. Le ho prestato i miei vestiti e trucchi in modo che assomigliasse a noi ragazze. Ero davvero orgogliosa di me stessa e ho visto quanto fosse felice per il rapido cambiamento nel suo aspetto. C’era solo una cosa di Karen che, sin dall'inizio, m’infastidiva, ed era che era troppo accondiscendente, per così dire. E, a un certo punto, mia madre ha iniziato a metterci l'una contro l'altra e diceva cose tipo perché non fossi utile o gentile come Karen, e cose del genere. Karen era sempre cosi disponibile che ha cominciato a darmi sui nervi. Ad ogni modo, quell'estate finì molto velocemente e Karen tornò a casa sua con le lacrime agli occhi, perché non voleva lasciarmi, cosi mi aveva detto. Anche io piangevo, e le ho promesso che mi sarebbe mancata, anche se non vedevo l'ora di riavere la mia cameretta. Ci siamo persino scambiate e-mail fino alla fine di quell’estate. Karen mi ha anche inviato una sua foto subito dopo aver tagliato i capelli: ora mi somigliava molto, ed era inquietante, ma carina. Non sembra ci fosse nulla fuori dal normale. Ma quando l'anno scolastico iniziò e sono tornata a casa dopo un film con le amiche, mia madre mi ha detto che c'era una sorpresa che mi aspettava di sopra. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mia Madre mi Tortura con i Concorsi di Bellezza
Mia Madre mi Tortura con i Concorsi di Bellezza
3 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao a tutti! Io mi chiamo Speranza e so cantare come Miley Cyrus, ballare come Lady Gaga e sono più bella di Kendall Jenner. In realtà, é mia madre che vuole che io sia così. Dall'età di cinque anni mia madre mi ha costretta a seguire varie lezioni per trovare il mio talento nascosto e farmi diventare una star. Ma nel giro di poche lezioni (sorpresa!), hanno capito che non ero così talentuosa, cosi mia madre mi ha trascinata da un corso all'altro, e un mese dopo, un altro ancora. Dopo aver cambiato una dozzina di corsi, mia madre cominciò ad arrabbiarsi molto, ma fu in quel periodo che i programmi TV per bambini, i "talent show" vennero in soccorso. Comunque, da quel momento, ho partecipato a un numero infinito di casting, e sono stata rifiutata a "The Voice" perché non canto abbastanza bene. Sono stata espulsa da "World of Dance", perché sono una ballerina terribile. Il punto di svolta è avvenuto a uno dei casting. Onestamente, non ricordo nemmeno cosa riguardasse. E, naturalmente, sono stata rifiutata. Ma hanno anche detto: "Deve prima andare a scuola di modella". Oh, questa frase ha fatto brillare gli occhi a mia madre. "Speranza, questo è esattamente quello che ti serve!" E il giorno dopo sono subito andata alla scuola di modella. Presto ho iniziato a partecipare a vari concorsi di bellezza e mi piaceva. Per essere precisi, mi piaceva l'attenzione che ricevevo a scuola dopo queste competizioni. Mia madre era molto più appassionata di me. Era così ansiosa prima di una gara. Una settimana prima di uno spettacolo si innervosiva. Non potevo mangiare cioccolato, perché "Speranza, il vestito non ti starà". Non potevo andare a fare una passeggiata, perché "Speranza hai bisogno di tempo per prepararti", e non potevo nemmeno comunicare con gli amici, perché "Speranza, controllo io la tua vita!". Ogni volta era un incubo. Un incubo per me e un piacere per lei. Era strano, perché in due anni non avevo nemmeno vinto un solo concorso. Ero solo una ragazza che "aveva un bel portamento". Ma dopo ogni concorso mia madre era raggiante, e per alcune settimane riuscivo a liberarmi dalle sue rigide regole. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Ho quasi Ucciso la mia Malvagia Sorellastra
Ho quasi Ucciso la mia Malvagia Sorellastra
3 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Non molto tempo fa, ho quasi ucciso la mia sorellastra. Non ti preoccupare, avevo i miei motivi! Oh, già, io mi chiamo Amanda. Ed ecco la mia storia. Tutto è iniziato quando sono andata al liceo. Nuovo edificio, nuovi studenti, nuovi insegnanti, e nuova classe. Un nuovo periodo della mia vita era iniziato ed ero allo stesso tempo emozionata e nervosa. E sono stata una cafona con uno dei miei nuovi insegnanti. Non so come sia successo, lo giuro! Non mi sono accorta che mi stava parlando e quando ha fatto una battuta, ho risposto in maniera molto scortese. Quando la lezione terminò, mi avvicinai e gli dissi che mi dispiaceva, ma si rivelò del tutto inutile. Una volta ho dimenticato un libro di cui avevo bisogno per quella lezione. Il prof. lo notò e, naturalmente, chiese a me, tra tutti quanti, di leggere ad alta voce. Stavo cercando di trovare un modo per giustificare la mia dimenticanza, quando, improvvisamente, una ragazza, che era seduta accanto a me, mi ha consegnato il suo libro e ha detto: “grazie per avermelo prestato!” Ho subito preso la palla al balzo, e ho fatto come se fosse il mio. L'insegnante ha dovuto mordersi la lingua e ho letto il libro ad alta voce. Dopo la lezione ho parlato con la ragazza che mi aveva aiutato. Si chiama Rose. Dopodiché, la mia vita è stata serena e calma. Questo prima che mia madre mi desse la notizia che si stava per sposare! Vedi, mia madre è piuttosto vecchia e non sapevo che uscisse con qualcuno. Non le ha mai portato dei fiori e non sono mai andati al cinema. È solo che mia madre ha incontrato quest’uomo, si sono innamorati e, essendo entrambi grandi, hanno deciso di passare subito a una relazione seria. Non ho obiettato. Mio padre si è trasferito in un altro stato dopo il divorzio e non ci vediamo molto, quindi non avevo nulla di dire al riguardo. Ha anche una figlia della mia età. Doveva unirsi a noi un paio d'ore dopo la cena e non vedevo l'ora di incontrarla. Ero l’unica ragazza in famiglia e ho pensato che sarebbe stato bello avere una sorellastra! Soprattutto una sorella grande con la quale potevo diventare amica e a cui non dovevo badare, come quello che succede, di solito, quando ci sono bambini piccoli in famiglia. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Il Fratellino Del Mio Ragazzo In Realtà Era Suo Figlio
Il Fratellino Del Mio Ragazzo In Realtà Era Suo Figlio
3 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ehilà, gente! Io sono Irene. Di recente ho avuto un'esperienza davvero strana... ho conosciuto un ragazzo, mi sono innamorata di lui, ma a quanto pare non eravamo destinati a stare insieme. La nostra storia è ancora in sospeso, diciamo... ma quello che sento ora è solo frustrazione.Ora vi racconto. Ho una sorellina di 4 anni, si chiama Iris. È un po' una monella, ma le voglio tanto bene. Tranne nei giorni in cui la mamma mi chiede di farle da babysitter. Di sicuro preferirei fare qualcos'altro, mi capirete [Un sabato era uno di quei giorni lì. La mamma doveva uscire a far spese e mi disse che non poteva portarsi dietro Iris per tutto il tempo. Perciò mi domandò di andare con loro e sorvegliare la bambina al parco giochi del centro commerciale, giusto per un paio d'ore finché lei faceva shopping. Io per quel giorno avevo già piani di uscire con gli amici, ma la mamma insisteva, con la sua frase preferita: “Ti sto mica chiedendo troppo?” Poi però mi ripagò promettendomi che mi avrebbe lasciato andare al mare con gli altri durante la pausa di primavera a scuola. Non potevo rifiutare! Mi dissi che darle una mano con la bambina non era poi un gran sacrificio. La mamma era tuttta di fretta quando ci salutò e ci lasciò al parco giochi. Prese persino il mio cellulare. Mi disse che altrimenti non avrei fatto altro che chattare invece di sorvegliare la mia sorellina. Ma andiamo, su! Quella giornata andava di male in peggio, pensavo. Eccomi qua, su una panchina a guardare Iris che gioca tutta contenta con la sabbietta, mentre il mio weekend andava in totale rovina. A quel punto un bambino si avvicinò a me, come per invitarmi a giocare con lui. Non è che avesse parlato, sembrava avere al massimo un anno e mezzo, o forse due. Oddio, no, un altro bambino no, pensavo... o ancora peggio speriamo non venga anche la mamma ad attaccare bottone, o a infuriarsi con me perché il suo bambino mi si era avvicinato. Solo che quel bimbetto non era lì con la madre, ma con suo fratello maggiore... un fratello maggiore molto molto carino... Il ragazzo si chiamava Andrew, si presentò quando venne vicino a me per riprendere in braccio il fratellino. D'un tratto sentivo che la giornata finalmente girava nel verso giusto. Ci mettemmo a chiacchierare mentre i bambini giocavano, parlando del più e del meno. Non potevo nascondere che lui mi piacesse, e sentivo che anche lui era interessato a me. Non feci nemmeno caso a quanto in fretta passò il tempo, tanto che mia madre era già di ritorno. La vidi che mi faceva segno, che era ora di andare via. Prima di salutarci però, Andrew mi chiese di scambiarci I nostri numeri. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Ho Vinto il Concorso ma ho dovuto Cedere il Premio
Ho Vinto il Concorso ma ho dovuto Cedere il Premio
3 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao, io mi chiamo Alicia. La storia che sto per raccontarti è stata come una montagna russa di emozioni. C’è stato un tradimento, una faida, e molte altre sorprese. Comunque, questa storia è iniziata quando, al nostro liceo, è arrivata una nuova ragazza. Si chiama Sara, e si è trasferita con la madre da un altro stato. A scuola era sempre triste, stanca, e troppo timida per parlare con gli altri. Più tardi, ho saputo che suo padre era andato in prigione e che non era facile per loro. Sara cercava di aiutare la madre con i diversi lavori che aveva, ed era mentalmente sotto pressione. Quindi, visto che non riusciva a comunicare, ho deciso di fare il primo passo. Mi sono seduta accanto a lei a pranzo e ho scoperto che era davvero molto gentile. Ci piacevano gli stessi gruppi musicali, gli stessi film, e avevamo una visione simile della vita in generale. Ben presto Sara è diventata la mia migliore amica. Poi un giorno, nella nostra scuola è stato organizzato un concorso. Senza entrare troppo nei dettagli, era una competizione che coinvolgeva progetti ecologici per lo stato e persino per l'intero paese. Non starò qui ad annoiarti con i dettagli, ma la cosa fondamentale è che la persona con il miglior progetto sarebbe andata a New York per presentarlo a una conferenza. Ed è allora che ho capito che dovevo vincere. Così ho iniziato a lavorare al mio progetto e ... non c'era molto altro nella vita a cui prestavo attenzione. Studiavo tonnellate di articoli, alcuni dei quali erano complicati e troppo professionali; Non dormivo molto, e temevo di distrarmi ... Poi, dopo un paio di settimane ho iniziato a sentirmi esausta, ed è stato allora che Sara mi ha invitato per un pigiama party. Voglio dire, questa era la prima volta che mi invitava a casa sua. Quindi, ho accettato. D’altronde, mi serviva un giorno libero. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Ho Fatto uno Scherzo al mio Insegnate ma sono Caduta nella mia Stessa Trappola
Ho Fatto uno Scherzo al mio Insegnate ma sono Caduta nella mia Stessa Trappola
3 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao, io sono Nicole e ho una storia veramente IMBARAZZANTE da raccontare. Tutto è iniziato con uno scherzo che si è rivelato essere peggiore di quanto potessi mai immaginare. Bene, tutto è iniziato quando a scuola è arrivato un nuovo insegnante di chimica, mhmm, chiamiamolo sig. Jackson.È più giovane della maggior parte dei nostri insegnanti e, all'inizio, pensavamo che sarebbe stato fantastico, ma presto scoprimmo di esserci completamente sbagliati. Era molto severo. Ad esempio, l’insegnante prima di lui ci dava buoni voti senza che dovessimo nemmeno impegnarci più di tanto, ma il signor Jackson ha insistito sul fatto che lavorassimo sodo e ci puniva se non lo facevamo. Io e la mia amica Vanessa eravamo arrabbiate con lui, perché stava rovinando la media dei nostri voti Quindi abbiamo deciso di ottenere VENDETTA. Abbiamo riflettuto molto sul tipo di scherzo da fargli e abbiamo deciso di riempire la sua sedia con la colla e l'abbiamo fatto mentre tutti gli altri erano in mensa. La lezione è iniziata, e stavamo aspettando l’arrivo del signor Jackson. Eravamo davvero cariche. Entrò, guardando i suoi libri, come al solito, dicendo in silenzio "salve a tutti “, e poi si sedette. Sia io, che Vanessa, cercavamo di trattenerci dal ridere. Dapprima è rimasto seduto, mentre parlava dell'argomento del giorno, per circa 5 minuti, e poi si alzò per scrivere qualcosa alla lavagna ... ma non riuscì. Era davvero confuso, e guardava tutti, con aria persa e anche un po’ spaventata. Ci ha provato di nuovo, e questa volta si è alzato in piedi ... insieme alla sedia! A quel punto, non siamo riuscite a trattenere le risate, e anche gli altri stavano ridendo. Dopo alcuni passi, il signor Jackson si risedette e cercò disperatamente di separarsi dalla sedia, ma non ci riuscì. Si vergognava così tanto, e disse sotto voce: "Aiuto". Uno o due dei miei compagni di classe si alzarono, lo presero per mano e iniziarono a tirare, cercando di staccarlo dalla sedia. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Il mio Fidanzato ha Provato a Rapirmi
Il mio Fidanzato ha Provato a Rapirmi
3 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao, io mi chiamo Lucy e ho avuto una relazione pazzesca con un ragazzo. Si chiama Adam, e l’ho conosciuto perché si è presentato dal nulla e mi ha chiesto di uscire. Proprio così! Era così bello e sicuro di sé, e sono rimasta sorpresa dal fatto che ogni altro ragazzo non fosse coraggioso come lui. Era anche diverso e un po’ misterioso. Adam voleva che la vita fosse qualcosa di più della scuola, dell'università e del lavoro. Voleva che fosse una grande avventura. E io ero completamente d'accordo con lui. E se qualcuno gli diceva qualcosa riguardo al suo aspetto o il suo atteggiamento, non gliene importava niente. Un giorno mi stava riportando a casa, ed era piuttosto tardi. Mio padre se ne accorse e venne fuori a chiedere chi fosse questo Adam. Mi disse che non era giusto tornare così tardi e Adam gli disse che potevo fare quello che volevo della mia vita. Papà lo guardò sospettosamente ed entrammo. Disse che non voleva più che lo vedessi perché aveva una cattiva influenza su di me. Volevo dimostrare che era tutto un fraintendimento, quindi ho programmato una cena con lui e i miei genitori. I miei genitori continuavano a fargli domande, del tipo cosa volesse fare della sua vita dopo la scuola, e Adam continuava a divagare, dicendo che voleva essere “libero”. Papà si arrabbiò e disse ad Adam che doveva avere un piano e Adam gli rispose a tono. Non avevamo nemmeno iniziato a mangiare quando Adam si alzò e disse: "Io me ne vado", e se ne andò. Io ero seduta lì, scioccata da quello che era appena successo. I miei genitori mi proibirono di vederlo e io continuavo a chiedergli di dargli una seconda possibilità, ma loro continuavano a dire di no. Quando Adam lo ha scoperto, era furioso, e mi ha chiesto se volevo scappare via con lui. Avevo paura, ma continuava a dire che questo tipo di vita non faceva per noi. Voleva l'avventura. Quindi un giorno si è presentato in auto e mi ha scritto che questa era la mia ultima possibilità: potevo andare con lui oppure se ne sarebbe andato via da solo, anche se non voleva. Così ho fatto la valigia molto velocemente e ho lasciato silenziosamente casa. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Ho Visto Qualcosa di Inquietante nel Vecchio Album di Famiglia del mio Migliore Amico
Ho Visto Qualcosa di Inquietante nel Vecchio Album di Famiglia del mio Migliore Amico
3 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao! Io sono April, e questa è la storia del mio primo amore che ora è un argomento tabù nella mia famiglia. Tutto è iniziato alcuni mesi fa e ha portato a delusione, shock e frustrazione che mi terrò dentro per il resto della vita. Jackson si è trasferito nella nostra città sei mesi fa. In realtà è nato qui, ma quando sua madre è morta in un incidente d'auto molti anni fa, il padre di Jackson ha deciso di ricominciare da capo in un'altra città. Viaggiarono per quasi tutto il paese, e poi il lavoro di suo padre li riportò di nuovo qui. Comunque, subito dopo, ha iniziato a frequentare la nostra scuola e siamo diventati amici, ma poi eravamo entrambi d'accordo sul fatto che ci piacevamo, in senso romantico, e abbiamo deciso di iniziare a frequentarci. Jackson è davvero figo. Guida una moto ed è misterioso e saggio. Voglio dire era impossibile non innamorarsi di lui. Una volta gli venne l'idea di andare nella casa sul lago della loro famiglia e trascorrerci l'intero fine settimana. Non ci frequentiamo da tanto tempo e i miei genitori in realtà non avevano idea che avesse una moto, altrimenti non mi avrebbero nemmeno lasciata parlare con lui. Ecco perché ho mentito e gli ho detto che avrei trascorso il fine settimana nella casa di campagna della mia amica Angelica. Un paio d'ore dopo, quando finalmente ci siamo cambiati i vestiti e abbiamo cenato, Jackson ed io eravamo seduti accanto al camino a guardare un vecchio album di famiglia. Mi stava raccontando di sua madre, mi mostrava le sue foto e mi sentivo come se riuscisse a malapena a ricordarla, gli mancava molto. All'improvviso ci siamo imbattuti in una foto vecchia della mamma di Jackson seduta accanto a ... mia madre! Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Sono Stata Una Figlia Terribile e Adesso mia Madre è Morta
Sono Stata Una Figlia Terribile e Adesso mia Madre è Morta
3 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao! Io mi chiamo Sarah, ho 13 anni, e ora ti racconterò una storia vera. Mia madre mi ha avuta quando era già molto grande, ed essendo una femminuccia è stato tutto più difficile per lei. Diciamo una fatica enorme! Sì, certo che mi adorava, ma a volte ero un po’ ... irritante! E poi mio padre ci ha lasciati quando avevo tre anni, quindi ... è così! L'unico raggio di sole era mio fratello. È così figo! Possiamo parlare di tutto, posso condividere con lui tutti i miei pensieri. Mia madre non faceva altro che infastidirmi. Fino al punto che non ascoltavo nemmeno quello che mi diceva. Anche quando cercava di fare pace, io continuavo a rispondere male. E non capivo come facesse mio fratello a sopportarla. Avevano lunghe conversazioni e ogni domenica andavano in una caffetteria dietro l'angolo per un caffè. Io con loro non ci sono mai andata perché non volevo subire i lunghi monologhi della mamma. Una sera, mio ​​fratello è tornato dall’università e mi ha detto che aveva deciso di andare al Gran Canyon con i suoi amici. Stava risparmiando già da molto tempo, quindi era raggiante ed emozionato. Da un lato ero felice per lui, ma dall'altro, l'ultima cosa che volevo era stare da sola con mia madre durante le vacanze estive. Così ho chiesto a mio fratello di parlare con la mamma e farmi andare con lui. Ha fatto del suo meglio per convincerla dicendole che era sicuro e che non c'era nulla di cui preoccuparsi, ma la mamma era irremovibile. Quella fu l'ultima goccia. Non ricordo tutte le cose brutte che le ho detto quella sera, ma quello che ricordo chiaramente è che le ho detto: "Ti odio!". E lei è scappata via in lacrime e se n’è andata nella sua stanza. E io sono rimasta del tutto indifferente. La mattina dopo sembrava essere di buon umore e improvvisamente mi ha detto che ...beh…ci potevo andare. Ero al settimo cielo. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Ho Perso la mia Sorellina nei Boschi
Ho Perso la mia Sorellina nei Boschi
3 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao! Io sono John e vorrei condividere una storia su come una volta mi sono spaventato a morte. È stato cosi terrificante che questa paura vive ancora da qualche parte nel profondo della mia anima. È successo tutto quasi un anno fa. Dunque, tutta la nostra famiglia ha deciso di andare in campeggio. Papà aveva comprato un camper nuovo di zecca e stava morendo dalla voglia di testarlo, quindi scelse una zona non troppo lontano da dove viviamo noi, in montagna vicino un lago, così da poter pescare. Tutti erano contenti: "Bello! Un fine settimana circondato da Madre Natura!”. Ed io ero l'unico che non faceva i salti di gioia. Il fatto è che poco prima avevo conosciuto una bella ragazza che tenevo d'occhio da molto tempo. Si chiama Sondra, e finalmente avevamo deciso di incontrarci quel sabato. Una specie di primo appuntamento, sai, quindi l'idea di papà di un viaggio con la famiglia non mi andava molto a genio. . All'inizio ho cercato di sfuggire al weekend in famiglia, ma mia madre ha detto che avrei dovuto essere più solidale con mio padre e non essere così egoista, e cose del genere, quindi, come avrai intuito, siamo andati tutti quanti. Per "tutti" intendo non solo io e i miei genitori, ma anche la famiglia della sorella di mio padre, che includeva mia cugina di 5 anni, Ellis, che è un po’ come un’irritante sorellina. Poi tutti hanno deciso di fare una passeggiata e scattare alcune foto in mezzo alla natura. Non solo non volevo andare da nessuna parte, ma stavo anche aspettando un messaggio da Sondra. Per riceverlo, come già sai, dovevo allontanarmi molto dal campo. Quindi ho detto a tutti che avevo dei problemi allo stomaco e che dovevo stare vicino al bagno. Quando Ellis lo ha sentito, ha iniziato a lamentarsi del fatto che non voleva andare da nessuna parte e che voleva restare con me. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mia Madre è Diventata Estremamente Obesa dopo che mio Padre se n’è Andato
Mia Madre è Diventata Estremamente Obesa dopo che mio Padre se n’è Andato
3 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao! Io mi chiamo Jim. Ho diciassette anni e ti racconterò la storia di come mia madre è quasi morta in una bella giornata di primavera per colpa di mio padre. Eh già, accadono cose strane. Quel giorno, qualcuno mandò un messaggio su Facebook a mia madre dicendo che suo marito era in una stanza di motel vicino all'autostrada. E sembrava che non fosse solo. Quindi lasciò casa e attraversò la città per raggiungere il motel. Per mia madre è stato difficile superare le case dei nostri vicini mentre loro la guardavano dalle finestre. Qualcuno ha persino lasciato la propria casa per dare un'occhiata più da vicino. E non c'è da meravigliarsi ... mia madre aveva vissuto per molto tempo fuori dal mondo, rinchiusa in casa per quasi tre anni. Per lei, ogni passo era lancinante, e non aiutava il fatto che la guardassero tutti con orrore e disgusto. Forse non era cosi, ma questo pensiero era probabilmente il motivo per cui il suo cuore batteva così forte provocandole un infarto una volta arrivata vicino al motel. Oh, c’è una cosa che non ho detto: mia madre pesava più di 225 chili. Molto tempo fa, la nostra famiglia era del tutto normale. Non direi che fossimo particolarmente felici, ma normali sì. Mia madre, mio ​​padre e i miei tre fratelli e sorelle più piccoli vivevano insieme in una piccola casa alla periferia di una città, nel Texas. L'unica persona della famiglia che aveva un lavoro era nostro padre. Mia madre era una casalinga, e non ha mai lavorato, e onestamente difficilmente riuscivamo a far quadrare i conti con lo stipendio di papà. Non aveva una professione molto richiesta e il tasso di disoccupazione nella nostra città era alto ... quindi la nostra famiglia era piuttosto povera. Ma non ricordo di aver avuto qualche mancanza durante la mia infanzia. Per sapere come va a finire, guarda il video. I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mio Nonno ha Rivelato il Segreto di Famiglia prima di Morire
Mio Nonno ha Rivelato il Segreto di Famiglia prima di Morire
3 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao, io mi chiamo Cynthia. Ho 13 anni e vivo con entrambi i miei genitori. Beh, voglio dire, fino a poco tempo fa è quello che pensavo. Mia madre è incinta e presto nascerà mio fratello. Solo sei mesi fa eravamo una famiglia assolutamente normale e felice. Solo mia nonna Pamela, la mamma di mio padre, ha una relazione piuttosto fredda con mia madre. Sai, si ignorano completamente. Ma è sempre stato così, e io mi sono abituata. Ogni volta che andavo a trovare la nonna ci andavo con mio padre, e mia madre non veniva mai. Mia nonna non può essere definita la persona più dolce e simpatica con cui comunicare, ma ho sempre saputo che era molto generosa. L'unica cosa che vedevo in lei era che era triste perché viveva da sola.Proprio quando stavo per nascere, i miei nonni hanno divorziato: il nonno è andato in Europa e da allora non abbiamo più avuto sue notizie. Beh, almeno questa è la storia che mi hanno sempre raccontato fin da piccola. E poi quando sono cresciuta, ho smesso di chiedere. I miei genitori volevano un secondo figlio, ma per molto tempo non ci riuscirono. Quando mia madre è finalmente rimasta incinta, eravamo tutti così felici! E poi mio padre ci ha reso ancora più felici quando ha detto che dopo la nascita del bambino, ci saremmo trasferiti nella nuova casa, più grande e più bella! La vita era meravigliosa! Ma poi qualcosa è andato storto. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Ho Dimostrato che la mia Matrigna è Malvagia
Ho Dimostrato che la mia Matrigna è Malvagia
3 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao, io sono Audrey e ho scoperto chi era VERAMENTE la mia matrigna e che cosa nascondeva. Mia madre ci ha lasciati quando ero piccola, quindi siamo rimasti soli, io e mio padre. È sempre stato un buon padre, ma ovviamente era solo, quindi a un certo punto, ha incontrato Helen. Era una persona dolce, sempre attenta, ma c'era qualcosa di strano in lei. Vedi, diceva che lavorava in un'altra città, e lavorava per diversi giorni alla settimana, e poi lavorava da casa. A volte tornavo prima a casa, e lei non stava lavorando, diciamo che si ... stava rilassando?! Ma non appena mi vedeva, faceva finta di essere nuovamente impegnata. Era tutto molto losco! Inoltre chiedeva un aiuto economico a mio padre, perché ne aveva bisogno per "ritornare in pista". Mi sono ancora più insospettita quando l'ho vista in città quando non doveva esserci. Ho deciso di non avvicinarmi o dirlo a mio padre, ma invece l'ho osservata e ho raccolto delle prove. Ovviamente ho fatto una foto mentre era in città, ma non sarebbe bastato. Fondamentalmente, era lì che beveva con le sue amiche, e papà, sicuramente, non ne sapeva nulla. Ma non era possibile che facesse queste cose ogni volta che era “via”! Così ho deciso di tampinarla. E ho iniziato a seguirla, ed è stato davvero pauroso. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Ho Cercato i miei Genitori su Google e me ne sono Pentita Amaramente
Ho Cercato i miei Genitori su Google e me ne sono Pentita Amaramente
3 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao a tutti! Io mi chiamo Kiera. I miei genitori sono due storici e grandi archeologi, e amano davvero ciò che fanno. Abbiamo sempre vissuto come nomadi perché prendevano parte a diversi scavi in ​​tutto il mondo. Era fantastico andare in diversi posti e conoscere nuove persone, la loro cultura, la loro lingua e la loro storia. Ovviamente era difficile abituarsi a una nuova casa, a una nuova scuola e a un nuovo stile di vita, e nel profondo speravo che un giorno ci saremmo sistemati da qualche parte. Inoltre, non ho mai avuto quelle cose normali che la maggior parte dei bambini della mia età aveva e usava ogni giorno. Non abbiamo mai avuto una TV o Internet. In alcuni posti non potevamo nemmeno usare i nostri telefoni perché non c'era campo, ma non me ne è mai importato molto. Ho sempre pensato di aver avuto una bella infanzia. Ma, un giorno, tutto è cambiato. Vivevamo, in India, in un piccolo villaggio, e i miei genitori lavoravano giorno e notte. Andavano via la mattina presto e ritornavano a casa molto tardi. Una volta mia madre è rientrata da sola. Sembrava davvero preoccupata e nervosa e mi disse che mio padre era partito per un viaggio di lavoro estremamente importante, e che presto lei sarebbe andata con lui e, non potendo andare con loro, sarei andata a stare dai nonni. Ha detto che saremmo partiti immediatamente e che dovevo fare i bagagli il più velocemente possibile. Dire che ero scioccata non è eufemismo. Non mi era mai successo nulla di simile. Abbiamo preso il volo quella stessa notte per Austin, la città dove vivono la nonna e il nonno. Certo, ero entusiasta di vedere i nonni, ma anche se mia madre aveva cercato di convincermi che tutto andava bene, avevo comunque qualche perplessità. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mio Padre stava Perdendo la Testa e non me ne ero Accorto
Mio Padre stava Perdendo la Testa e non me ne ero Accorto
3 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao a tutti! Io mi chiamo Liam e ho 16 anni. La mia famiglia è davvero piccola, siamo solo io e mio padre. Ho perso mia madre un paio di anni fa. Mio padre era uno scrittore e, come ogni artista, è un po’ strano. Molte persone direbbero che è un tipo vecchio stile. Non ha mai accettato la tecnologia moderna, come telefoni, computer, Internet, e non ha la minima idea di come usarli. Ha scritto tue le sue storie su una macchina da scrivere! E dopo che mia madre è morta, tutto è diventato più folle. Mio padre era distrutto e depresso, non sapeva come vivere senza mia madre. Era del tutto impotente! La nostra vita si è trasformata nel caos totale. Trovavo sempre piatti sporchi o rotti sul pavimento, pile di immondizia, il frigorifero aperto o il rubinetto aperto quando rientravo da scuola. Questa roba non era solo fastidiosa da pulire, stava diventando anche pericolosa. Ho discusso con mio padre un milione di volte, dicendogli che doveva trovare un lavoro normale e stare con persone normali, e inoltre dovevamo mantenerci, ma diceva sempre: "Ho scritto una storia fantastica! Questa volta sarà un successo! Hai la mia parola!" Ma non è mai successo. Vedi, mio ​​padre non aveva molto successo come scrittore e mia madre lavorava per mantenere la famiglia e non se ne è mai lamentata. Un giorno, sono tornato da scuola e ho visto una folla di persone e un camion dei pompieri vicino a casa nostra. Mio padre correva nervosamente, avanti e indietro, urlando contro i vigili del fuoco. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Olga Balistreri
Olga Balistreri - 36 secondi fa
No assolutamente non la devi perdonare
Al3x_ YT
Al3x_ YT - 39 secondi fa
Anche la mia amica e in una situazione così...
Angelica Ellero
Angelica Ellero - Minuto fa
Sìsì, perdonala pure, ma denunciala! Che madre bagascia!
Livio Lamberti
Livio Lamberti - 2 minuti fa
La nonna con la caramella e un tocco di classe
Sheireen Cinema Queen
Sheireen Cinema Queen - 2 minuti fa
Se fossi io non la perdonerei mai... Che importa se è mia madre, non si diventa una madre dando alla luce un bambino ma amandolo
Beatrice Stefanizzi
Beatrice Stefanizzi - 7 minuti fa
Anche se non puoi leggere il commento lo dico lo stesso non puoi perdonare tua madre lei si sarebbe dovuta prendere cura di te pk l'errore è stato suo e non tuo e in più ha lasciato ad una povera donna anziana una bambina piccola dico come fa un'anziana a prendersi cura di una piccola bambina e poi ti ha lasciato con una sconosciuta ma dico se le avessero fatto questo a lei?? Ma non ci pensa??? Io le darei l'ergastolo
Trentino Barabba
Trentino Barabba - 10 minuti fa
secondo me e un mostro mi fa schifo altro che madre e una stronza
primo cesarini
primo cesarini - 12 minuti fa
No
Banana dance
Banana dance - 13 minuti fa
QUESTA MADRE DEVE BRUCIARE NEL FUOCO E PASSARE LE PENE DELL' INFERNO
Lady I.H.V.E. Byron (LaPortaDellaLuce)
Lady I.H.V.E. Byron (LaPortaDellaLuce) - 14 minuti fa
Questa storia mi ha angosciato più di molte altre. Madre di merda, come il resto dei genitori qui su Storie Vere. Spero marcisca in prigione assieme alla cugina e spero che la ragazza trovi dei genitori che riescano ad amarla.
Filippo Castaldo
Filippo Castaldo - 14 minuti fa
No
Hiroya Oku
Hiroya Oku - 14 minuti fa
il maialino come stile di vita.
Irene Armenio
Irene Armenio - 16 minuti fa
Solo io ho pensato alla Camera di Harry Potter quando la zia l'ha rinchiusa nello stanzino? E poi anche Harry Potter viveva con gli zii che lo odiavano!!
Marina Fornaini
Marina Fornaini - 17 minuti fa
Ma come fa?? Povera
Zaira Rinaudello
Zaira Rinaudello - 17 minuti fa
No, no... Non dovresti sei veramente coraggiosa
Yuri Santirocco
Yuri Santirocco - 19 minuti fa
la cosa più deprimente è che ste cose accadono in tutto il mondo....
BigLegendary 007
BigLegendary 007 - 21 minuto fa
Ed se poi giu dalla finestra c era qualche ragazza che era ossessionata dal suo migliore amico ed lui gli ha lanciato una secchiata di aqua e sale negli occhi ed infine e scappata correndo ed gridando
Mademoiselle Anne
Mademoiselle Anne - 21 minuto fa
Quella donna non si può definire madre... Non è certamente un utero che rende una donna madre... Chissà se sarà condannata, lo meriterebbe!!!
Stefano Carrisi
Stefano Carrisi - 24 minuti fa
SI DAGLI UN ALTRA POSSIBILITÀ 👍
CreeZ Gaming
CreeZ Gaming - 27 minuti fa
Un ragazzo di 6 anni?😂😂
Soccer Star 2017/2018r
Soccer Star 2017/2018r - 29 minuti fa
Ma se con una non funziona, bisogna lasciare stare
I TikToker
I TikToker - 30 minuti fa
Per me tu madre è da lascia in galera 566 anni like chi è con me
Martina Renzetti
Martina Renzetti - 32 minuti fa
Povera bambina
zak k
zak k - 33 minuti fa
non vorrei che capitasse anche a me
Gressi 01
Gressi 01 - 34 minuti fa
Ma non provarci nemmeno, non devi perdonare tua madre
Asha Rani
Asha Rani - 34 minuti fa
Mi dispiace hai una vida anche peggio della mia e se ero in te nn la peedonavo😡😤😤😤
Monica Becchio
Monica Becchio - 35 minuti fa
Ma anche un mio compagno ad ayti non so se lo scritto bene
Sousou Vlog
Sousou Vlog - 35 minuti fa
SONO SENZA PAROLE........ POVERA CORA 😢😢😢😢😢😢😢
Newbie Absalom
Newbie Absalom - 36 minuti fa
Io non la perdonerei
maryy 007
maryy 007 - 36 minuti fa
Bhè,in classe ho una persona che non emana un buon odore,sono l'unica a consolarla,Beeh,Ho cambiato classe <:
Antonio Dambra
Antonio Dambra - 36 minuti fa
Secondo me non devi perdonare tua madre
rayane el saqi
rayane el saqi - 38 minuti fa
che cattiva mamma
Newbie Absalom
Newbie Absalom - 39 minuti fa
Ma, i servizi sociali dove sono?
Gressi 01
Gressi 01 - 41 minuto fa
*legge il titolo* Io: "MADONNA CHE ANSIA"
Luciano D'addetta
Luciano D'addetta - 42 minuti fa
Ma il padre sembra Baldi 🤣🤣🤣🤣like se lo pensate
Dario Iori
Dario Iori - 44 minuti fa
No non se lo merita
Giulia Prioreschi
Giulia Prioreschi - 45 minuti fa
Forse sarò un po estrema ma perché cazzo non gli ahi presi tutti per il collo e non gli hai sbattuto la testa sul muro cazzo
Maria Pascalin
Maria Pascalin - 46 minuti fa
Più di 30 min
Elena Narciso
Elena Narciso - 49 minuti fa
Io nn la perdonerei
lady_ èlite
lady_ èlite - 50 minuti fa
Ma sta storia è uguale a quella che ho avuto io ed è finita circa qualche giorno fa 😱
arianna cornetta
arianna cornetta - 52 minuti fa
NO! NON LA DEVE PERDONARE
Isa Cocca
Isa Cocca - 53 minuti fa
Che madre di merda
Carlo Dominici
Carlo Dominici - 54 minuti fa
No mai la dovresti perdonare fai la tua vita come ha fatto lei
Martina Frassini
Martina Frassini - 56 minuti fa
Secondo me non dovrebbe perdonare la madre 😒😒😒
Sabrina Baccetti
Sabrina Baccetti - 57 minuti fa
Penso che dovrei perdonare mi madre ???COL CAZZO😬😬😬
Kaur Parminder
Kaur Parminder - 58 minuti fa
Non perdonarla maiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii
Paul The Keyboardist Falduto
Paul The Keyboardist Falduto - Ora fa
Che stronzi, lasciare una figlia così
Giulia Mancuso
Giulia Mancuso - Ora fa
No
Sadaf Naziri
Sadaf Naziri - Ora fa
Nn devi perdonarla È crudele e ora che sta rischiando di andare in prigione vuole che tu la perdoni...
alvinnn and the chipmunks
alvinnn and the chipmunks - Ora fa
Per niente devi perdonare la stronza
assunta maisto
assunta maisto - Ora fa
Perdonarla no non puoi perdonare una persona non ha mai dato alla sua figlia amore
Emy Bonacina Vella
Emy Bonacina Vella - Ora fa
Io ti dico... Ho un fratello di 1 anno e mezzo di differenza. Quando avevo 12 anni i miei genitori aspettavano un'altro bambino. E io gli ho detto che preferivo un cane... Ma ora gli voglio un mondo di bene.
alvinnn and the chipmunks
alvinnn and the chipmunks - Ora fa
Io accoltellerei la madre del culo
Maria Pascalin
Maria Pascalin - Ora fa
Secondo me nn la dovresti perdonare anche se è tua madre...
Nanna N
Nanna N - Ora fa
Che orrore di madre... Mi dispiace,e spero che quell'uomo del tuo "patrigno" paghi... Davvero mi spiace!
giulia franciosa
giulia franciosa - Ora fa
io comunque non la perdonerei affatto. Un figlio non si deve prendere come un errore,ma come la cosa più bella della tua vita. io manderei a quel paese sia tua madre che tuo "PADRE"quello col ragazzino.😡😡😡 io poi ho un anno in più di te quindi provo spiacevoli emozioni
Rosella Atzeni
Rosella Atzeni - Ora fa
Ma sta mamma va mandata in prigione
James 72
James 72 - Ora fa
Quindi riepilogo sto stronzo e stronza entrano in casa le dicono va in camera tua e poi vattene da questa perché ho gia una famiglia Vaffanculo allo stronzo e alla stronza allora
alvinnn and the chipmunks
alvinnn and the chipmunks - Ora fa
Perché e morta
Asuka Ryo
Asuka Ryo - Ora fa
Tutti a dire che la madre è una stronza, ma provare a mettersi nei suoi panni? È stata COSTRETTA a tenere un bambino che non voleva . Non dico che sia giusto quello che ha fatto, ma provate a pensare a quanto ci sia stata male, se quella nonna bigotta non l'avesse costretta a tenerlo tutto questo non sarebbe successo
Nivan C.
Nivan C. - Ora fa
Ma sono una famiglia di morti dentro ahahahahahahaha
giulia franciosa
giulia franciosa - Ora fa
Che cattiva tua madre,davvero,provo rabbia e tristezza per te
D P
D P - Ora fa
Like se pensi che queste storie sono false Dislike se pensi che sono vere
enza di noia
enza di noia - Ora fa
"Dovrei perdonare mia madre?" HAHAHAHAHAHA io non avrei neanche il coraggio di chiamarla madre HAHAHAHAHAHAHAAH
Linda & Sophia
Linda & Sophia - Ora fa
Io se fossi in te non la perdonerei maii
KtM_ DrAgO _yt
KtM_ DrAgO _yt - Ora fa
Ma no non la perdonale piu tosto mandala a fanculo e digli buona galera
stefano 9
stefano 9 - Ora fa
Ma non perdonarla anzi assumi un sicario per ucciderla
Maira. Resta
Maira. Resta - Ora fa
sembra harry potter
Malek Nhari
Malek Nhari - Ora fa
Secondi me non perdonarla
The Gabriele Bruce Wayne Gaming
The Gabriele Bruce Wayne Gaming - Ora fa
Giorgia Meloni non l'avrebbe mai fat- ah scusa la protagonista è Giorgia.
Paolina inga
Paolina inga - Ora fa
Non devi prrdonarla e na cretina
KXVALEXK _ 1087
KXVALEXK _ 1087 - Ora fa
Mi verrebbe l'istinto omicida
Rach_in _Black
Rach_in _Black - Ora fa
Pensi che dovrei perdonare mia madre? Io: "... LO CHIEDI PURE?!?!?!?"
TipoPatrick 14
TipoPatrick 14 - Ora fa
1:41 "ragazzo" di 6 anni
Damiano Troia
Damiano Troia - Ora fa
Tua madre è una stronza
Piro 91
Piro 91 - Ora fa
Perdonare??Ahhahahahahah
obama 001
obama 001 - Ora fa
😡😡🤬🤬😠😠🤬🤬🤬tua mamma/zia. mi fa arribbiareeee 🤬😠😡
Dreamer AMV
Dreamer AMV - Ora fa
Vive nel seminterrato come harry Potter LOL
Antonio Perrotta
Antonio Perrotta - Ora fa
Insomma, How i met your mother
STORIE VERE
STORIE VERE - Ora fa
Pensi che dovrebbe perdonare la mamma? Lascia la tua opinione nei commenti. E assicurati di condividere questo video con i tuoi amici!
andre x32
andre x32 - Ora fa
Io la voglio adottare
Elisabetta Giampaolo
Elisabetta Giampaolo - Ora fa
Vai da tuo padre biologico prova chiedi a tua madre
꧁ItzKawaiiChan_Playz꧂
꧁ItzKawaiiChan_Playz꧂ - Ora fa
Ma solo a me Kate sembra Kim impossibile? .-.
Veronica X14
Veronica X14 - Ora fa
Like chi lo vede ora
Matteo A.
Matteo A. - Ora fa
Prossimo titolo: ho messo incinta la figlia della collega di mio padre senza accorgermi che era una gata
Veronica X14
Veronica X14 - Ora fa
Ma scusa cerca tuo padre Avra cambiato idea
Francesca Capitanio
Francesca Capitanio - Ora fa
Per me no 👎 è stata troppo cattiva con lei
JPRFC55
JPRFC55 - Ora fa
Ma solo io sto godendo che la madre va in carcere
Alice Bighellini
Alice Bighellini - Ora fa
Ma assolutamente no
Manuel Cestra
Manuel Cestra - Ora fa
Assolutamente no non perdonarla mai
Gessica Muraglia
Gessica Muraglia - Ora fa
non devi perdonarla
Elisa Denaro
Elisa Denaro - Ora fa
Tornare di corsa a casa da scuola solo x vendere storie vere xD
Alice h
Alice h - 2 ore fa
No
Marco Lucà
Marco Lucà - 2 ore fa
Cambiate il titolo in mia madre ha bisogno di Sigmund Freud..... dal titolo sembra che è fidanzata ma non lo è mai stata dal racconto
Mauro Borgogni
Mauro Borgogni - 2 ore fa
LIKE X CHI SAREBBE MEGLIO CHE ANDASSE A SCUOLA...... ......comunque sbattitene di questa qua! ...il perdono in questi casi NON ESISTE!!!
CHIARA COSTANTINO
CHIARA COSTANTINO - 2 ore fa
Non la perdonare dopo tutto quello che ti ha fatto fatti una vita normale ❤️❤️
Nino88 Cazalla
Nino88 Cazalla - 2 ore fa
Like se vuoi un MONDO di bene a tua madre❤❤👇
PaG- michele
PaG- michele - 2 ore fa
Qualcuno fa iscritto ricambio?
Enzo Gambogi
Enzo Gambogi - 2 ore fa
La tua mamma é un mostro 👺👺👺👺non perdonare nessuno della tua famiglia tranne la nonna
SIMONE ESPOSITO
SIMONE ESPOSITO - 2 ore fa
#saveyoutube