STORIE VERE
STORIE VERE
  • 370
  • 130 526 863
  • Iscritto il giorno 23 gen 2019
STORIE VERE è una piattaforma digitale che offre alle persone la possibilità di trasformare le proprie storie personali in animazione e saranno condivise con tutto il mondo.
Che si tratti di una storia struggente o di successo, di una sfida o di un fallimento, di qualcosa di veramente serio, di triste o solo per divertimento, vogliamo che c’è l’ho racconti! L'unico criterio è che deve essere una storia vera. Le animazioni che creiamo dalle tue storie saranno visualizzate, condivise e coinvolgeranno persone online attraverso i loro computer, tablet e smartphone.
Inviaci la tua storia! Buon divertimento :)

Video
Devo Scegliere tra una Madre Pazza e un Padre Disabile
Devo Scegliere tra una Madre Pazza e un Padre Disabile
3 giorni fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao! Io mi chiamo Brett e ho 15 anni. Voglio dirti quanto è stato strano per me "crescere" ... Probabilmente lo sai già: quando cresci, inizi a vedere le cose in modo diverso. E di solito è bello, è come se diventassi più intelligente, e comprendessi di più ... Ma a volte può essere doloroso, perché riguarda le persone a cui vuoi bene. Soprattutto quando devi fare una scelta ... E non importa quale scelta fai, alla fine sei costretto a tradire qualcuno. Come avrai già intuito, sto parlando dei miei genitori e del loro divorzio. Cinque anni fa mia madre se ne andò, lasciandomi con mio padre. All'epoca avevo appena dieci anni. Piansi amaramente e la supplicai di portarmi con sé, e anche lei pianse, ma continuò a ripetere che era la cosa giusta da fare. Mio padre rimase in silenzio, stringendomi forte la mano, e pensai che non avrei mai odiato nessuno quanto odiavo lui. Dopotutto, mia madre se ne andò per colpa sua: lui non l'aveva mai capita, l’ha solo rimproverata e le aveva tarpato le ali. Non era una mia impressione, me lo aveva ripetutamente detto lei stessa, e ora se ne andava per trovare finalmente il suo vero io. Ho visto questa cosa come una ricerca, o un’avventura pericolosa ... ma l'ho comunque supplicata di portarmi con sé. E invece, se ne andò lasciandomi indietro. Mi mancava terribilmente. Ci divertivamo sempre così tanto e facevamo così tante cose interessanti! Mentre mio padre lavorava dalla mattina alla sera, e di lui non parlavamo mai, perché, secondo mia madre, era troppo noioso, lei s’inventava sempre qualcosa di insolito da fare! Giocavamo a nascondino nel parcheggio sotterraneo dei supermercati o andavamo in un quartiere sconosciuto e cantavamo delle canzoni tristi, usando una piccola scatola di cartone con un cartello con la scritta: “ABBIAMO FAME.” E poi ridevamo come matti quando contavamo le monete che ci lasciavano... Oh, aveva così tante idee! Tutto era sempre cosi divertente con lei, fino a quando mio padre ha scoperto tutto quello che facevamo. È diventato terribilmente cupo, e quando sono andato a letto, ho sentito che litigavano ... E me ne sono ricordato quando la mamma se n’è andata "per ritrovare sé stessa ..." Ma in realtà, sono io che ho perso qualcosa e la mia vita ha perso un po’ del suo colore. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mia Madre e mia Nonna mi Dicono chi Frequentare. Mi sono Ribellata
Mia Madre e mia Nonna mi Dicono chi Frequentare. Mi sono Ribellata
6 giorni fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao! Io sono Melena. E ho una domanda. Condividi tutto con la tua famiglia? Voglio dire, sanno delle tue aspirazioni, dei tuoi desideri e delle tue pene? Beh, io lo faccio. Gli racconto ogni singolo dettaglio e questa è diventata una specie di maledizione. In pratica, vivo con mia nonna, mia madre e mia sorella Elena. Sì, non ci sono uomini. Mia nonna ha divorziato da mio nonno anche prima che io nascessi. Ha sempre detto che era una persona disonesta e un giorno lo ha sorpreso che la tradiva con la vicina e lo ha cacciato via. Non l’ho mai conosciuto, nemmeno visto in foto, perché la nonna ha buttato via ogni cosa che lo riguardava. E poi neanche la mamma è riuscita a farsi una famiglia. Ha divorziato da mio padre quando avevo pochi mesi e non me lo ricordo remmeno. E mia madre e mia nonna dicono che non guadagnasse abbastanza per rendere felice la sua famiglia, quindi è meglio così. Di conseguenza, tutte queste esperienze amorose negative hanno avuto una forte influenza su di me e mia sorella Elena. E cosa ancora peggiore, la mamma e la nonna vedevano mille difetti in ogni ragazzo che gli avessimo mai fatto conoscere. La nonna diceva sempre che, tenendo conto della sua esperienza e della sua età, poteva capire tutto dal primo sguardo. E io le credevo. Ecco perché ho sempre raccontato tutto alla mia famiglia, in particolare quel che riguardava la mia vita amorosa, quando ne ho avuto una. E lui si chiama Ethan. Studiavamo insieme al liceo e proprio come accade, ci siamo ritrovati nello stesso gruppo di amici, poi mi ha chiesto di uscire, e al nostro terzo appuntamento, ci eravamo già promessi amore eterno. E proprio come qualsiasi altra ragazza di 17 anni, ero sicura che fosse quello giusto. Ero totalmente presa, e ogni volta che tornavo a casa dopo un appuntamento, raccontavo ogni singolo dettaglio del tempo che trascorrevamo insieme, tipo quali complimenti mi faceva, quanto era gentile con me e come sentivo un brivido lungo la schiena ogni volta che mi toccava i capelli. Vedi, proprio tutto! Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
La mia Migliora Amica ha Aiutato la Madre a Sedurre mio Padre. Traditrice!
La mia Migliora Amica ha Aiutato la Madre a Sedurre mio Padre. Traditrice!
6 giorni fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao! Io mi chiamo Cassidy e ho 15 anni. E ho una mia migliore amica che si chiama Angela, intendo dire la mia vecchia amica ... Perché ora non lo è più. A dirla tutta, è lei che ha rovinato tutto e mi manca molto, ma non posso perdonarla, perché ha rovinato la mia famiglia. Presto capirai di cosa sto parlando. Prima di tutto, io e Angela non solo eravamo molto amiche fin da quando eravamo molto piccole, ma anche le nostre famiglie erano veramente intime. Sai, stavamo sempre insieme durante le feste e facevamo i barbecue nel fine settimana, e cose del genere. Ma un paio di anni fa i genitori di Angela decisero di trasferirsi in un'altra città in cerca di nuove opportunità di lavoro e una vita migliore. Quindi, siamo state costrette a separarci ed è stato molto difficile. Continuavamo a scriverci, a chiamarci e tutto il resto, ma non era la stessa cosa. Poi una sera mi ha chiamato piangendo e ha detto che aveva scoperto che il padre stava tradendo la madre e per questo la madre aveva chiesto il divorzio. Immagino quanto sia stato difficile per lei affrontare una situazione simile. Siamo rimaste al telefono tutta la sera, e ho cercato di confortarla. Ho cercato di mettermi nei suoi panni e di immaginare se i miei genitori avessero deciso di divorziare e ho pensato che sarebbe stata probabilmente la cosa più difficile e ingiusta al mondo. Ma non può esserci il bene senza il male. E beh, un po’ di tempo dopo quella lunga chiacchierata al telefono con lei, Angela mi chiamò per dirmi che con la madre avevano deciso di tornare nella nostra città e alla loro vecchia vita. Oh, era cosi emozionate. Insomma, mi dispiaceva che i suoi non stavano più insieme, ma ero anche così felice di riavere la mia migliore amica. Inoltre, potevamo di nuovo studiare insieme, nella stessa scuola, ed era qualcosa che sognavo da tempo. E oggi, se ci ripenso, avrei tanto voluto sapere che Angela non era più la stessa persona di prima. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mia Madre usa la sua Malattia per Tenere Lontana l’Amante di Papà. Cattiva idea
Mia Madre usa la sua Malattia per Tenere Lontana l’Amante di Papà. Cattiva idea
6 giorni fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao! Io mi chiamo Lee-Ann, ho 14 anni e sto mentendo a mio padre riguardo a mia madre per salvare la nostra famiglia. Questa storia, o piuttosto una serie di situazioni spiacevoli, sono accadute qualche tempo fa. Vivo insieme a mia mamma, a mio padre e al mio fratellino Mathew, che ha due anni. E proprio come in qualsiasi altra famiglia, capitava che i miei discutessero. Alla fine, facevano sempre pace le cose tornavano alla normalità, il che mi faceva stare serena pensando che fosse normale in un matrimonio. Ma un giorno, quando ho sentito mia madre che piangeva in bagno, ho scoperto che mi sbagliavo di grosso. Era pomeriggio e stavo facendo i compiti e la mamma era impegnata con le faccende. Ad un certo punto, mi ha chiesto di occuparmi di Mathew mentre stava per caricare la lavatrice. Dopo 10 minuti mi sono resa conto che non era ancora tornata, quindi l'ho chiamata, ma non ha risposto e ho deciso di andare a vedere se era tutto ok. Ho trovato mia madre che piangeva sul cesto della biancheria. Ha detto che si era fatta male al piede ed è per questo che aveva le lacrime che le scorrevano lungo il viso, ma ho sentito che era successo qualcos'altro. Solo per farti capire, mia madre è una donna molto dura e il più delle volte tiene le sue emozioni per sé, non importa se queste emozioni siano positive o negative. Non piange mai, neanche durante un film triste o se ci sono delle notizie sconvolgenti. E quindi era strano che piangesse perché aveva semplicemente sbattuto il piede. Oh, a proposito, immagino sia per questo che non sono mai stata così intima con mia madre. Diceva sempre che avevo molti amici intorno con cui fare amicizia, e che lei voleva essere rispettata come l’adulta che era, e basta. Questo modello genitoriale è la chiave in questa storia, quindi ascolta attentamente! Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mi sono Innamorata di un Uomo che mi ha Vista Crescere
Mi sono Innamorata di un Uomo che mi ha Vista Crescere
9 giorni fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected]tsp.cool UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ehi! Io sono Bethany, o meglio, Beth. La mia vita è un dramma, la parte più significativa e dolorosa è che amo una persona, ma ci sono così tante difficoltà da superare. Al momento ho quasi 19 anni, ma la mia storia è iniziata quando ero molto più piccola. Sono nata in una piccola città, papà era un ufficiale dell’esercito e mamma una casalinga. Come dicono a volte, “è il mestiere di qualcuno che ne determina lo stile di vita”. Ed era più che vero per i miei genitori. Mentre mio padre svolgeva le sue funzioni, mia madre mi cresceva e si prendeva cura della casa, in altre parole, facendo quello che ogni brava moglie e madre doveva fare. Ma non appena mio padre andò in pensione e aprì una piccola attività di carrozzeria a casa nostra, uno dei suoi vecchi amici dell'esercito iniziò a farci visita molto spesso. Io lo chiamavo lo zio Owen. La prima volta che l’ho incontrato avevo circa 5 anni. Era molto alto ed estremamente bello. Insomma, anche se era più giovane solo di pochi anni rispetto a mio padre, sembrava molto più piccolo. Veniva a stare nella nostra città ogni inverno e molte volte rimaneva per un paio di mesi. Non ha mai avuto la fortuna di avere dei figli e quindi vedeva in me questa figura. E mi ricordo che mi portava sempre dei regali. E alcuni li ho ancora! Lo zio Owen viveva in una grande città e quando veniva a trovarci, ci raccontava un sacco di storie incredibili su quello che gli capitava, e io rimanevo letteralmente a bocca aperta mentre lo ascoltavo. Quando veniva a trovarci non uscivo nemmeno con le mie amiche. E loro si offendevano per questo motivo ma dopo che lo zio Owen se ne andava riuscivo a farmi perdonare. E per tutto il tempo che stava da noi, avevo questa sensazione, sai, come quando i bambini piccoli sono in attesa del giorno del loro compleanno. E poi pensavo che, quando sarei cresciuta, mi sarei trasferita nella stessa città dello zio Owen, cosi che sarei stata altrettanto felice e interessante come lui. E lui non era come gli altri amici dei miei. Quando altre persone venivano a casa nostra, di solito, mi mandavano di sopra, in camera mia, e se portavano con sé i propri figli, ci dicevano di andare a giocare fuori, in modo che gli adulti potessero conversare tra loro. Ma quando veniva lo zio Owen, insisteva affinché i miei genitori mi permettessero di rimanere e ascoltare qualunque cosa dicessero. E amava passare del tempo con me, sai, a giocare con i miei giochi o a fare un pupazzo di neve. Diceva sempre che io ero così innocente, e stando con me anche lui poteva sentirsi cosi. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
I Miei Genitori Mi Odiano Ma Adorano La Mia Amica. E Lei Vive Con Loro!
I Miei Genitori Mi Odiano Ma Adorano La Mia Amica. E Lei Vive Con Loro!
9 giorni fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Hey.. io sono Barbara, e ho diciassette anni. Sapete, ora che ci penso a mente fredda capisco che la mia è davvero una storia strana! Parla di me e della mia migliore amica, Sabrina, che poi si è rivelata... beh, ora ve lo racconterò. Io e Sabrina ci siamo incontrate a scuola, circa un anno fa. Non ero brillantissima nei miei risultati scolastici, e per guadagnare qualche punto e migliorare i miei crediti, mi ero iscritta a un corso facoltativo di psicologia. A dirla tutta, avevo sempre pensato che chi studiava psicologia doveva essere una persona un po' stramba, ma poi ho scoperto che la materia mi piaceva; di gente stramba ce n'era eccome, ma l'insegnante sapeva rendere tutto interessante e anche divertente; fu lì, alla seconda lezione del corso, che incontrai lei, la mia migliore amica, Sabrina. Non avevo mai visto Sabrina a scuola prima di quel giorno. Si era trasferita nella nostra scuola soltanto di recente, ma non perché venisse da un'altra città. Veniva piuttosto da quartieri un po' disagiati, ma i suoi voti a scuola erano talmente alti che le fu permesso di spostarsi da noi, in una scuola migliore. Al tempo stesso, Sabrina non era certo una secchiona! Era calma e tranquilla, sempre con un sorrisetto sulle labbra. Comunque, per farla breve, restai colpita da lei immediatamente. Per diversi motivi non avevo amicizie molto strette a scuola ma Sabrina colmò velocemente quel vuoto. Come vi dicevo, lei viveva lontano dalla nostra scuola, e visto che doveva fare una lunga traversata della città ogni mattina, spesso le proponevo di restare a dormire da me. Ai miei genitori non dispiaceva! Anche loro restarono colpiti subito da Sabrina, e loro sembravano piacere molto anche a lei. Beh, avete capito, se capitava che uscivo dalla stanza lasciando lei da sola coi miei genitori al tavolino del tè, non mi lanciava occhiate disperate, di quelle che ti chiedono “salvami”; sembrava proprio trovarsi a suo agio con i miei. Non mi ero mai interessata molto di che cosa potessero discutere tutti e tre così presi... certo, ora so che avrei dovuto. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Ho Preso il Figlio di mia Sorella perché lei è una Mamma Terribile
Ho Preso il Figlio di mia Sorella perché lei è una Mamma Terribile
9 giorni fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao, io mi chiamo Hayley, e ho 16 anni. Devo confessarlo, ho commesso un crimine e l’ho fatta franca. Ma non mi sento in colpa, perché l'ho fatto per salvare la vita di un bambino. Ti devo prima raccontare di mia sorella. Lei è Amanda, e ha un anno più di me. Sai, di solito, le sorelle maggiori danno l'esempio a quelle più giovani. Aiutano con le faccende domestiche, la scuola e i problemi personali. Nel mio caso, era tutto esattamente l'opposto. Amanda è un ottimo esempio di come non dovresti vivere la tua vita. All'età di 16 anni, ha iniziato a uscire con dei ragazzi più grandi, andava alle feste e scompariva per giorni. Dopo pochi mesi, aveva cambiato diversi fidanzati, si era fatta un tatuaggio e i nostri genitori sono dovuti andare a riprenderla alla caserma di polizia diverse volte. Purtroppo, si era fatta influenzare da un brutto giro di gente. La cosa peggiore era che non voleva ascoltare, né i nostri genitori, né le insegnanti. E cosi io ho cercato di fare esattamente il contrario. Ho cercato di essere una brava figlia, cosi che i miei genitori non sarebbero stati così infelici. Ma è stato difficile. Mamma e papà hanno cercato di aiutare Amanda, ma ben presto ci hanno rinunciato del tutto. Credo che pensassero che Amanda fosse condannata, e stavano solo aspettando che diventasse maggiorenne, cosi sarebbero stati assolti da ogni responsabilità. E poi, dopo un mese circa, è tornata una mattina e ci ha dato una notizia che ha sconvolto nostra madre. È entrata in casa mentre facevamo colazione. Sembrava molto stanca. Apparentemente, stare fuori tutta la notte è davvero estenuante. La prima cosa che ci ha detto non è stata "Ciao", o "Come stai?". Ma con tono triste, ci disse che era incinta. Per alcuni minuti ci fu totale silenzio. Immagino che stessimo cercando di elaborare quella notizia. Poi mia madre iniziò a respirare affannosamente e si strinse il cuore. Papà cercava di confortarla e io ero seduta lì e non sapevo cosa fare. Nel frattempo, mia sorella è andata in camera sua senza dire una parola. Grazie a Dio la mamma si è ripresa…beh, capisco la sua reazione. È stata una notizia molto dura. Abbiamo trascorso alcuni giorni a litigare e a discutere sul da farsi. I nostri genitori hanno detto che Amanda non era pronta per avere un bambino, ma lei insisteva dicendo che sapeva cosa stava facendo. Ovviamente, i miei genitori non potevano costringere mia sorella a liberarsene. E poi ha preso la sua decisione. Amanda avrebbe avuto un bambino. Devo dire che per la prima volta da mesi, mia sorella è cambiata in meglio. Sapeva che poteva fare del male al bambino, quindi ha smesso di fumare. È stato difficile, ma io e i miei genitori l'abbiamo supportata. Speravamo che avere un figlio le avrebbe fatto cambiare stile di vita e tornare in famiglia. Mi chiedevo chi fosse il padre e perché non fosse vicino ad Amanda. Ma lei non voleva parlarne. Apparentemente, lui aveva paura della responsabilità ed era scappato via. Ad ogni modo, quei nove mesi in cui mia sorella era incinta furono tranquilli e sereni. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Sono Diventata Prigioniera in Casa Mia
Sono Diventata Prigioniera in Casa Mia
12 giorni fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao! Io mi chiamo Annie. Cosa sai sul controllo ossessivo da parte dei genitori? Beh, io sono una vera esperta in questo campo. Voglio raccontarti degli anni peggiori della mia vita, dove ho vissuto come una prigioniera, e mia madre e mio padre erano, in un certo senso, i miei carcerieri. Ora ho 17 anni, ma la storia è iniziata quando ne avevo 13. La mia famiglia vive in una bella casa con piscina e portico... Avevo appena preso un nuovo videogioco e stavo giocando in soggiorno, e la mamma stava in cucina mentre badava al mio fratellino Andrew. A un certo punto squillò il telefono, e sentii la mamma che andò a rispondere nell’altra stanza… lei è convinta di avermi detto di badare ad Andrew, ma io non l’ho proprio sentita. E la porta sul retro che dava sulla piscina è rimasta aperta. Ricordo che l'unica cosa che ha distolto la mia attenzione da quel videogioco fu mia madre che piangeva disperatamente. Quel giorno mio fratello è annegato in quella piscina. Non ci sono parole per descrivere il nostro dolore. È stato un periodo buio. Penso che all'epoca tutti si sentissero in colpa, ma nessuno poteva farci nulla. La mamma, con gli occhi tutti rossi a causa delle lacrime, continuava a dire che non era colpa mia, ma più me lo diceva, più mi sentivo male. Se solo quel telefono non avesse squillato, o se non avessi giocato a quello stupido videogioco. A proposito, da allora non ci ho mai più giocato. Non c'è da meravigliarsi che dopo quello che era successo i miei genitori avessero iniziato a controllarmi in modo ossessivo. So che quando si è piccoli bisogna essere controllati da un adulto, ma io ero soggetta a una supervisione molto severa e talvolta estrema. Mia madre non mi portava solo a scuola, addirittura mi portava in classe tenendomi per mano. Ovviamente, la prima volta che è successo tutti i miei compagni di classe si sono messi a ridere, ma poi, dopo un po’, si sono abituati. A proposito, parlando di tenersi per mano, la mamma ha insistito sul fatto che stessi sempre con lei, che fosse per andare al supermercato o dal parrucchiere. Oh, e ogni volta che scendevamo dalla macchina mi prendeva per mano. Non avevo nemmeno il permesso di incontrare le mie amiche. La mamma doveva per forza accompagnarmi al centro commerciale o al cinema, a seconda di dove dovevamo incontrarci, ed era sempre lì, nelle vicinanze. Oppure mi dava un'alternativa: potevo far venire le amiche a casa, in modo che potesse osservarci. Nulla di tutto questo era divertente, e ad un certo punto, nessuno volevo più essere mia amica. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Sono Andata in un’altra città per Incontrare il mio Ragazzo. Ma ho trovato un Impostore Totale!
Sono Andata in un’altra città per Incontrare il mio Ragazzo. Ma ho trovato un Impostore Totale!
12 giorni fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao! Sono Louise. Vi è mai capitato di infilarvi in grossi guai mentre cercavate di inseguire la felicità? Bene, io sono un’esperta in questo tipo di cose. La mia prima esperienza d’amore, che avrebbe dovuto portare ad un’avventura romantica, si è trasformata in un incubo. Non sono mai stata veramente popolare tra i ragazzi. Non ero completamente ignorata, semplicemente non mi piacevano quelli che mi chiedevano di uscire. Ero assolutamente troppo timida per chiedere di uscire a quei ragazzi che mi piacevano sul serio, a differenza della mia amica Kate. Lei aveva un account su uno dei siti di incontri on line, ed era felice di scegliere il ragazzo con cui voleva uscire. Una sera, quando come al solito mi diede buca per un altro dei suoi appuntamenti, ho pensato “che diamine!” e ho aperto un account sullo stesso sito. Per circa un’ora ho guardato tra I profili dei diversi ragazzi. Uno di questi catturò la mia attenzione. Si chiamava Luke ed era di San Francisco, non troppo lontano da Phoenix, dove vivo. Ma soprattutto era veramente... ok, avete capito! Quindi decisi di tentare la fortuna per la prima volta, iniziare una conversazione con un ragazzo. Luke rispose qualche minuto dopo e sentii il mio cuore iniziare a battere velocemente e le mie mani sudare. Dopo un paio di messaggi mi chiese di aggiungerlo come amico su Facebook e suggerì di cancellare entrambi i nostri account sul sito di incontri. In questo modo avevo trovato il mio amore. Scoprii che era veramente di San Francisco, ma proprio in quel momento stava studiando in una università in Europa - quindi aveva qualche anno in più di me. Si rivelò non solo molto carino ma anche molto intelligente, visto che stava per prendere una laurea in Gestione d’impresa; era veramente divertente e interessante chiacchierare con lui. La nostra storia d’amore digitale durò per circa 4 mesi, e quando mi chiese di incontrarci, dal vivo, faccia a faccia, ero veramente pronta a giurare di essermi innamorata. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mi Sono Comprato una Fidanzata
Mi Sono Comprato una Fidanzata
14 giorni fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ehi, ciao! Io sono Rodger. Hai mai fatto degli acquisti avventati? Tipo che poi quando torni a casa, ti vengono i sensi di colpa, e torni al negozio per restituire ciò che hai comprato? Beh, ecco cos’ho fatto io: non tanto tempo fa mi sono comprato la fidanzata. No, non sono un milionario o niente di simile. E la mia famiglia è nella media in termini di soldi, mio padre fa il falegname e mia madre l'illustratrice. Ma non siamo poveri. Voglio dire, i miei genitori hanno potuto permettersi di mandarmi all’università, dove frequento il secondo anno. Magari ti starai chiedendo come sono riuscito a trovare i soldi per permettermi una fidanzata, e ora ti dico tutto: quando avevo 14 anni, io e papà e siamo andati in città a fare delle commissioni e io vidi un'auto davvero fantastica. Era una Aston Martin ed era uno degli ultimi modelli. E quando ho sentito papà che sospirava, che, a parer mio significava insoddisfazione verso la sua vita, ho deciso che da grande avrei fatto di tutto per dare ai miei genitori una vita migliore Tanto per cominciare, ho cercato un modo per guadagnarmi anche un solo dollaro, e ogni soldo che guadagnavo lo mettevo da parte. All'inizio, ho aiutato in un negozio di un fiori, gestito dal nostro vicino di casa. Poi ho lavorato part-time a un autolavaggio, e poi come addetto alle pulizie in uno dei bar della zona, e appena sono andato all’università, ho iniziato a guadagnare come assistente docente. Quindi, come avrai capito, ero riuscito a risparmiare qualche migliaio di dollari e avevo intenzione di avviare un'attività o di investirli nel mercato azionario. Ed è allora che ho incontrato Becky. Oh, a me sembrava una modella o qualcosa del genere, un corpo perfetto, lunghi capelli biondi e grandi occhi verdi. Per me, era amore a prima vista, una specie di scintilla, o qualcosa del genere. Ma ovviamente lei non mi considerava proprio. Non sono sicuro se mi avrebbe notato se non mi fossi distinto durante la lezione di macro economia, rispondendo a tutte le domande del professore. Comunque, non appena ha capito che ero uno sveglio, ha iniziato ad essere più amichevole. E anche se i miei amici mi dicevano che voleva solo qualcuno che le facesse i compiti, a me non importava, perché pensavo che diventarle amico mi avrebbe dato la possibilità di uscirci. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Il Gatto mi ha Salvata da un Fidanzato Infedele
Il Gatto mi ha Salvata da un Fidanzato Infedele
14 giorni fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ehi. Io mi chiamo Andre e ho sedici anni. Prima di iniziare la mia storia, vorrei chiederti: sei affezionato ai tuoi animali domestici? Le mie parole potrebbero sorprenderti, ma io odio il mio. Vabbè, diciamo che è più di mio padre che mio, ma devo comunque prendermene cura. La mia storia parla di un pappagallo cacatua di nome Pirata. Mio padre aveva un sogno. Per tutta la vita ha sempre desiderato un grande pappagallo, preferibilmente un'ara. Ma quando papà ha scoperto quanti soldi ci volevano per mantenere una creatura del genere, ha optato per un cacatua. E per un pappagallo di queste dimensioni, mio ​​padre ha dovuto liberare un'intera stanza. Quando mi sono reso conto che Pirata avrebbe vissuto accanto a me, separato solo da un sottile muro, ho immediatamente capito che non saremmo mai stati amici. Inoltre, Pirata ha un caratteraccio. I cacatua sono davvero intelligenti e questo è il problema principale, perché vogliono fare come gli pare. Ogni mattina Pirata mi svegliava con i suoi cinguettii, e non c’era verso di addestrarlo a stare zitto! E quando lo lasciavamo in giro per casa, distruggeva tutto ciò che riusciva a raggiungere. Ma non importa quante volte mi sia lamentato di quanto quel pappagallo rendesse la mia vita insopportabile, mio ​​padre rimase cinico e, a volte, pensavo che amasse Pirata più di me. Ciao ragazzi! Io mi chiamo Helga, ho ventidue anni e vi racconterò una storia riguardo al mio gatto. Lui si chiama Gandalf. Gandalf non è solo un gatto, so per certo che è molto intelligente e ha persino un'intuizione soprannaturale ...Ah, non mi credi? Beh, lo farai! Grazie al mio gatto ho evitato di fare un terribile errore. Non molto tempo fa ho incontrato Eric. In breve tempo è diventato il mio nuovo ragazzo e le cose si sono fatte subito serie, dopo poco si è trasferito nel mio appartamento, dove prima vivevo da sola. Beh, non proprio sola, ma con Gandalf. I miei genitori hanno comprato l’appartamento, e dato che era di mia proprietà, ho pensato che fosse più che ragionevole far venire il mio ragazzo a vivere con me. Mi fidavo di Eric. Ma il mio gatto, per qualche ragione, non era della stessa opinione. Il primo giorno, quando Eric ha portato le sue cose a casa mia, Gandalf è arrivato nel corridoio e si è sdraiato proprio di fronte a Eric, sbarrando l'ingresso. Eric mi ha guardata perplesso, e scherzosamente gli ho detto che il gatto era il padrone, quindi probabilmente, voleva assicurarsi che nessuno avrebbe invaso il suo territorio. Ma quando Erik ha provato a fare un passo in avanti, Gandalf ha soffiato e graffiato la gamba di Erik con i suoi artigli. L'intera situazione non era più cosi divertente. Erik è stato fortunato perché indossava i jeans molto spessi! Ma le cose tra loro non sono iniziate nel migliore dei modi. Ciao! Io mi chiamo Veronica, ho quattordici anni e ho sempre voluto un cane. Niente di straordinario, vero? Ma mio padre era totalmente contrario! Tuttavia, ha cambiato idea dopo una storia incredibile. Dunque, mio ​​padre mi proibì di portare a casa qualsiasi animale, anche se non riuscivo mai a capire il perché. Viviamo in una casa tutta nostra e nessuno in famiglia soffre di allergie. Prima delle festività, gli facevo sempre capire che regalo volevo ricevere: un cucciolo di Pomerania, piccolo e buffo. Ma i miei genitori, soprattutto mio padre, facevano finta di non sentire. Il mio sogno probabilmente non si sarebbe mai realizzato ... se un giorno non fossi stata attaccata da un cane. Accadde non lontano da casa mia. C'era una zona che stavano preparando per creare un parco, ma era ancora soltanto un piccolo campo incolto, ricoperto dai cespugli. Ci andavo spesso a passeggiare, e di solito non c’era nessuno. Né persone né animali... Ma non questa volta. Mentre camminavo, assorta nei miei pensieri, improvvisamente, un cane balzò da dietro i cespugli e si lanciò contro di me! Era un meticcio, di medie dimensioni, e assomigliava a un maremmano. Era sporco, arrabbiato e abbaiava forte, e mi sono cosi spaventata che ho iniziato a scappare, ma poi sono inciampata e sono caduta a terra. Ho aspettato con orrore che mi mordesse ... ma non è successo nulla. I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Il Mio Amico Non Camminerà Più Per Colpa Mia
Il Mio Amico Non Camminerà Più Per Colpa Mia
16 giorni fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao a tutti! Mi chiamo Jared e ho quindici anni. Avete presente come ci si sente quando vi guardate allo specchio e non vedete la persona che vorreste vedere? Vi siete mai respinti così tanto da voler dimenticare chi siete per fingere di essere qualcun altro? No, non sono mai stato bullizzato a scuola né ho mai subito altri maltrattamenti. Il punto è che non sono nessuno, non ho assolutamente niente di speciale. A scuola ero il classico amico ombra di tutti, dimenticato facilmente quando non servivo. In famiglia ero uno dei cinque figli, quindi non mi sentivo speciale nemmeno lì. Nella mia vita, l’unica persona che si è mai interessata a me era Frank. Siamo amici sin dalla prima infanzia. È una persona con un gran carisma ed è sempre stato l’anima delle feste. L’ho ammirato e a volte adorato, non mi sono mai spiegato come una persona così speciale potesse essere interessata ad avere un amico così ordinario e noioso come me. Abbiamo studiato in scuole diverse, ma uscivamo molto spesso una volta finite le lezioni. Mi parlava dei suoi gruppi musicali, delle numerose ragazze e delle feste. Io lo ascoltavo sempre a bocca aperta, cercando di nascondere il dolore per non aver mai avuto la possibilità di avere un pezzetto delle sue esperienze. Non ricordo la prima volta che lo pensai, però iniziai ad odiarlo. Ma ovviamente, non ero così coraggioso da ammettere che non era colpa sua. Così ho provato a sbarazzarmi di quei brutti pensieri su Frank e a mantenere la mia amicizia. Un giorno Frank venne a casa mia per il weekend. Era più felice del solito! Mi disse che aveva grandi novità per me. Scoprii che Frank si sarebbe trasferito nella mia scuola. I suoi genitori avevano anche chiesto al preside di metterlo nella mia classe. Mia mamma era così contenta! Adorava Frank, un po’ come tutti gli altri. Ogni volta che Frank capitava a casa lei si fermava a parlare con lui. A volte sospettavo che sarebbe stata molto più felice se Frank fosse stato suo figlio. Probabilmente lo avrete già immaginato, io non ero affatto contento della notizia. Adesso mi sarei dovuto sorbire le imprese di questo superuomo praticamente ogni giorno. Inoltre, non volevo che Frank scoprisse il mio status sociale a scuola. Ovviamente, Frank divenne subito il migliore della classe. Ma le cose andarono di male in peggio. Attirò subito l’attenzione di Violet. Violet era la ragazza dei miei sogni Da due ani avevo una cotta per lei, ma ovviamente non avrei avuto alcuna speranza. Non avevo nemmeno il coraggio di pensarci. Non potevo dire la stessa cosa di Frank. Era un rubacuori! E presto le mie più grandi paure si sarebbero avverate. Un giorno mi chiese di dirgli tutto ciò che sapevo su Violet, perché aveva intenzione di chiederle di uscire. Per me è stato un pugno nello stomaco. Ero pieno di rabbia e odio. Ma continuai a fingere di essere un amico fidato anche se tutto stava iniziando a essere sempre più insopportabile. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mia Madre mi ha Cacciato Quando si è Fatta una Nuova famiglia
Mia Madre mi ha Cacciato Quando si è Fatta una Nuova famiglia
16 giorni fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao! Io mi chiamo George e ho sedici anni. E si potrebbe dire che sono grande ormai, e forse è vero, ma questo non significa che sia riuscito a riprendermi dopo quello che mi è successo a dieci anni. Sei anni fa ho vissuto il peggior tradimento possibile: il tradimento da parte di mia madre. Questa storia è iniziata ancora prima della mia nascita! Ho rovinato la vita di mia madre mentre ero ancora nella sua pancia ... Beh, immagino che sia quello che pensava lei. Il fatto è che quando mia madre rimase incinta, diciamo che è stata una cosa…… inaspettata. Vedi, era ancora un’adolescente, aveva appena finito la scuola e da poco aveva incontrato mio padre. A quel tempo lui era un musicista rock! Non era una rockstar, no, la mia storia non parla di questo. La sua band non era famosa, ma facevano delle esibizioni in diverse città degli Stati Uniti. Durante uno di questi tour i miei genitori si sono incontrati e si sono piaciuti. E dopo un paio di mesi, mia madre ha scoperto di essere incinta. Quando i suoi genitori lo scoprirono, le chiesero di sbarazzarsi del problema, e quando si rifiutò, la cacciarono via: pensavano che se fosse così irresponsabile, poteva farsi aiutare dal padre del bambino. E fu allora che mia madre lasciò casa per sempre. E io non ho mai conosciuto i miei nonni. E, a dire il vero, non mi dispiace affatto. Ma so che se fossero stati più permissivi, forse la mia vita sarebbe stata diversa. Non è stato facile, ma la mamma ha trovato mio padre! E lui diede a quella grande pancia uno sguardo filosofico! Ma, ovviamente, non avrebbe sposato una ragazza che aveva già dimenticato, figuriamoci farci dei figli! Ma ha promesso che si sarebbe preso cura di me e che le avrebbe mandato dei soldi, quando poteva. Beh, non è che lui fosse uno ricco, ma in quel momento, qualsiasi aiuto faceva comodo a mia madre. E da quel momento in poi mia madre ha vissuto un periodo molto difficile, il che significava che è stato difficile anche per me, perché, beh, io dipendevo completamente da lei. Mia madre non è andata all’università, non aveva alcuna competenza, quindi trovare un lavoro è stata una vera sfida. E poi sono nato io, e le cose sono peggiorate, perché io avevo bisogno di cure. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mia Madre mi ha Abbandonato alla Nascita e ora mi ha Trovato e Vuole il mio Aiuto
Mia Madre mi ha Abbandonato alla Nascita e ora mi ha Trovato e Vuole il mio Aiuto
16 giorni fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao gente, io mi chiamo Neal e ho 18 anni. I miei genitori mi hanno abbandonato quando ero ancora piccolo e sono cresciuto tutto solo con la mia malattia. E ora devo fare una scelta: prendermi cura di mia madre biologica o no. I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Ho Trovato delle Foto sul tel. del mio Ragazzo. Non lo Conosco Affatto!
Ho Trovato delle Foto sul tel. del mio Ragazzo. Non lo Conosco Affatto!
19 giorni fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao! Io mi chiamo Brie e ho diciassette anni. Vivo in una piccola città e attualmente sono all’ultimo anno di liceo. Il mio ragazzo, Jason, ha un anno più di me e ha già finito la scuola e si è trasferito in un'altra città dove frequenta l’università. Quindi, da quest'anno, non ci vediamo più tanto spesso, tipo una volta ogni due mesi. Sto programmando di trasferirmi nella sua stessa città e di andare nella stessa università, dove studierò arte, mentre lui studia informatica. Naturalmente, Jason ha fatto nuove amicizie, e non si diverte a farsi 6-7 ore di macchina per venire a trovarmi. E quest’anno, essendo l’ultimo anno di liceo per me, devo studiare molto, quindi non ci vediamo tanto spesso. E stiamo bene, basta che stiamo insieme. La vita può essere dura, ed entrambi sappiamo che al momento, dobbiamo concentrarci su ciò che è più importante, pur rimanendo insieme. Ma a questo punto non sono sicura che potremmo continuare a essere una coppia. Come mai? Beh, ora te lo dico. ... Era uno di quei giorni felici in cui Jason aveva trovato un po’ di tempo per venirmi a trovare. Ci stavamo coccolando comodamente sul divano, guardando un film, quando improvvisamente si è addormentato, stanco del lungo viaggio in auto con gli amici. Ero seduta accanto a lui, e lo guardavo teneramente, pensando a come era la sua vita all’università, chiedendomi perché avesse pubblicato così poche foto con i suoi nuovi amici sul suo account Instagram. Aveva appoggiato lo smartphone sul tavolo, sepolto sotto i popcorn, i sacchetti vuoti delle patatine, sotto le lattine e le barrette di cioccolato. In altre parole, tutto ciò che avevamo preparato per una tranquilla serata insieme. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Frequento il Figlio della Governante. Mi ha Derubata!
Frequento il Figlio della Governante. Mi ha Derubata!
19 giorni fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao ragazzi! Io mi chiamo Lola e ho 15 anni. Continuo a chiedermi perché le persone dicano sempre che bisogna essere buoni e gentili. Perché di recente, mi è successo qualcosa di piuttosto spiacevole, e dubito che sarebbe successo se io e i miei genitori non fossimo così buoni. La prima cosa che devi sapere sulla mia famiglia è che siamo abbastanza ricchi. Viviamo in una grande casa in periferia con piscina e un grande giardino, e i miei genitori sono membri di vari club sociali e io e mia sorella abbiamo tutto ciò che abbiamo sempre desiderato. Ma non pensare che siamo snob. In realtà è il contrario. La verità è che mi è capitato di sentire gli altri parlare della nostra famiglia e tutti quanti ci adorano e ci ammirano e dicono che i nostri genitori ci hanno cresciuto rimanendo umili e non hanno mai viziato né me né mia sorella Alice. Non è straordinario!? In realtà, abbiamo un certo numero di aiutanti, come li chiama papà, che si prendono cura di noi e che si occupano della nostra proprietà. La persona più importante e più vicina alla nostra famiglia è la nostra governante, Ronda. L'abbiamo conosciuta 5 anni fa e da allora non abbiamo mai avuto alcun problema. È un'ottima cuoca, tiene tutto in ordine, ed è una donna estremamente gentile, ed è così devota da chiamare me e Alice "le sue preziose ragazze". Una volta stavamo passando del tempo insieme dopo cena, quando Ronda è arrivata e ha detto a mio padre che doveva chiedergli un favore. Vedi, aveva lasciato il suo paese d'origine per dare alla sua famiglia una vita migliore, ed è venuta a stare da noi lasciando il figlio e il marito. Ma recentemente, si è verificato un incidente nel deposito di legname dove lavorava il marito e, sfortunatamente, è morto. Beh, Ronda non poteva lasciare il figlio, che si era appena diplomato, nella città dove viveva, senza prospettive e senza padre. Quindi, ha chiesto a mio padre di prestarle dei soldi per comparare un biglietto per Alex e di lasciarlo stare con lei nella nostra casa. Ha anche detto che è sveglio e laborioso, e che sarebbe stato utile come giardiniere, o per tenere in ordine la piscina, o per qualsiasi altra cosa. In qualche modo per lui questa era una grande opportunità. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Non mi Assumevano Nemmeno a un Fast Food così ho Deciso di Aprire una Società
Non mi Assumevano Nemmeno a un Fast Food così ho Deciso di Aprire una Società
19 giorni fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao ragazzi! Scommetto che tutti voi siete stati respinti una volta nella vita, forse avrete sentito qualcosa del tipo "Mi dispiace, ma non sei abbastanza bravo". So quanto sia scoraggiante. E so quanto ci si possa sentire tristi quando ti danno un "no" come risposta. Ma non voglio che ti demoralizzi. Ecco perché ti racconterò la mia storia. Per aiutarti a credere che non ci sia nulla al mondo che possa impedirti di avere successo, tranne te stesso. Io vengo dalla Cina. Ero il secondo di tre figli. Allora, l'intero paese stava attraversando un periodo difficile e la mia famiglia ne subiva le conseguenze. Mia madre e mio padre erano dei cantastorie, e si guadagnavano da vivere insegnando ad altre persone a suonare strumenti musicali. Non era un mestiere ben retribuito; non facevamo nemmeno parte della classe media. Ma così è la vita. Quindi, a causa di alcune complicate situazioni politiche, il mio paese ha subito delle mutazioni. Nel piccolo paese dove vivevo e mi divertivo a collezionare e a giocare con i grilli, iniziavano a venire molti turisti provenienti da tutto il mondo. Ero così scioccato nel vedere tutte quelle persone di diverse culture e di diversi paesi, e un giorno ho pensato che avrei voluto viaggiare e vedere il mondo proprio come loro. Ma c'era un problema! Beh, ovviamente, a parte i soldi. Quei turisti parlavano l’inglese. Non so esattamente perché, ma allora, essendo un bambino piccolo, ero certo che se avessi imparato quella lingua avrei avuto molte più opportunità. Non si studiava inglese nella mia scuola e, ovviamente, la mia famiglia non poteva permettersi delle lezioni private. Ma ho trovato un modo per studiare da solo. Ho iniziato ad ascoltare la BBC e la Voice of America dalle 20:00 alle 21:00, tutti i giorni. Mi piaceva ascoltare i presentatori e cercavo di imitarli. Ma allo stesso tempo, non potevo imparare l’inglese se non mi fossi esercitato a parlarlo. Non c'era nessuno con cui parlare in inglese e questo ha reso tutto più difficile. Ma se ti metti in testa una cosa, troverai il modo per riuscire. E c'era un hotel pieno di turisti che era a tipo 40 minuti di bici da casa mia. E ci andavo ogni giorno, con qualsiasi condizione meteorologica. E mi sono offerto come guida turistica e raccontavo ai turisti della mia zona, del mio paese e tanto altro. Mi piaceva quello che facevo e l'ho fatto gratuitamente per un sacco di anni. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mio Padre mi Chiama “Figliolo”. Sono una Ragazza!
Mio Padre mi Chiama “Figliolo”. Sono una Ragazza!
21 giorno fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ehi ragazzi! Io sono Roberta e ho 13 anni. Se i bambini potessero divorziare dai propri genitori, come fanno le coppie normali, io divorzierei da mio padre. La prima cosa che devi sapere su mio padre è che ha sempre voluto avere un figlio maschio. Era come ossessionato da questa idea, o, almeno, è quello che mi è stato detto. Quindi, quando la mamma ha dato alla luce mio fratello Robert, papà era strafelice. Volevano che diventasse un atleta di successo e mio fratello era davvero bravo a hockey, almeno è quello che sembrava visto gli innumerevoli premi. Papà amava Robert più di ogni altra cosa al mondo e, naturalmente, anche mia madre. Un giorno Robert stava giocando con la palla. Mia madre era distratta al cellulare e la palla rotolò in strada. Robert gli corse dietro e cercò di prenderla, ma c'era un'auto ... Morì mentre lo portavano in ospedale, all'età di quasi 8 anni. Anche se tutto è accaduto prima che io nascessi, so che i miei genitori erano devastati per la sua morte. Papà incolpava la mamma. Voglio dire, l'ha proprio detto. E lui ha iniziato a bere. La mamma adorava papà e cercava di essere il più solidale possibile per aiutarlo a superare la cosa. Per questo motivo, la salute della mamma è peggiorata e ha dovuto sottoporsi a diversi test per cercare di capire che malattia avesse. Comunque, dopo un po’, papà è andato in riabilitazione e la relazione tra lui e mia madre si è ripresa, e lei è rimasta nuovamente incinta. I medici le hanno detto che era un maschietto e gli hanno persino mostrato l'ecografia, e questo ha dato nuova speranza a mio padre. Ma poi sono nata io. Non sono un maschio, ovviamente, ma questo non ha impedito a mio padre di crescermi come se lo fossi. Mi portava ovunque andasse e mi ha insegnato tutto ciò che sapeva. All'età di 6 anni, avevo già imparato a pescare, nuotare, giocare a football, baseball e molto altro. Sapevo persino come si chiamava ogni parte dell’auto di mio padre e a cosa servisse. E, devo dire che in quel periodo, ci siamo divertiti. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mi Restava 1 Anno di Vita e ho Fatto un Sacco di Cose Brutte
Mi Restava 1 Anno di Vita e ho Fatto un Sacco di Cose Brutte
21 giorno fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao a tutti! Io mi chiamo Gianna. E penso che tutte le persone vorrebbero conoscere il proprio futuro. Cosa diventeranno, quanti soldi guadagneranno, e quando passeranno a miglior vita. Sembra impossibile, ma anche figo, non è così? Beh, io ti posso dimostrare che non è affatto figo come sembra. Ero solo una ragazza di quindici anni piena di ambizioni, piani e grandi aspettative. Avevo una famiglia amorevole, amici e un ragazzo. Cosa si può chiedere di più? Ma per qualche motivo, tutto è stato distrutto. È iniziato con alcuni semplici mal di testa, a cui non prestavo tanta attenzione. Poi, ho notato che ero sempre stanca anche quando mi svegliavo la mattina. Ma ancora una volta, pensavo solo di essere troppo impegnata con gli studi. Una volta, mentre stavo con i miei amici, improvvisamente, sono diventata tutta bianca e mi sono risvegliata su una barella. Era tutto confuso. Ho visto i volti terrorizzati dei miei amici e le voci dei dottori che mi chiamavano. Alla fine, mi sono ritrovata in ospedale. E avevo degli orribili mal di testa. Mia madre, mio ​​padre e mio fratello erano lì. Ho chiesto cosa fosse successo, e mia madre ha detto che c'era stato un incidente. Ero svenuta. Sono caduta sul marciapiede e mi sono fatta piuttosto male alla testa. I miei amici hanno dovuto chiamare un'ambulanza, ma non c'era nulla di cui preoccuparsi. I medici hanno promesso che sarei tornata a casa non appena avessero avuto i risultati della TAC. Quindi mi sono tranquillizzata. Ma volevo uscire da quel posto il prima possibile perché tutti quei dottori, e gli ospedali in generale, mi mettevano paura! La mattina pensavo di stare molto meglio. Stavo facendo i bagagli quando all'improvviso il dottore e i miei sono entrata nella stanza. Mia madre era pallida e mio padre guardava per terra. Il dottore era molto cordiale e gentile. Ha fatto delle battute, ma sembrava che volesse dirmi qualcosa di serio. Sentivo come se tutte quelle battute stessero preannunciando qualcosa di brutto. E poi ha detto quelle parole che hanno rimbombato nella mia testa per cosi a lungo, ancora e ancora: tumore cerebrale, stadio quattro. E nessuno poteva dire quanto tempo mi restava: una settimana? Un mese? Il dottore ha detto che potevo provare con la chemioterapia, ma non avrebbe aiutato molto. L'unica cosa che potevano fare era prescrivermi tonnellate di antidolorifici per aiutarmi a sopportare gli orribili mal di testa e il dolore che avrei affrontato. Beh, non puoi immaginare cosa ho provato. Perché? Perché a me? Ero così devastata e sbalordita che non riuscivo nemmeno a piangere! Dopo ore a riflettere nel letto, ho raggiunto un accordo con me stessa. Stavo per morire e mi restava poco tempo. Ma l'ultima cosa che volevo fare era passare questo prezioso tempo in un ospedale con una flebo, mentre perdevo i capelli, senza riuscire a muovermi. Non mi sarei sottoposta alla chemioterapia. Era difficile immaginare di parlarne con i miei genitori…non sarebbe stato facile per loro accettare la cosa. Ma sorprendentemente, mi hanno supportata. Il mio medico non ha condiviso la mia scelta, mi ha detto che dovevo rimanere in ospedale sotto controllo medico, ma ho continuato a insistere. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Sono Rimasta incinta per Scappare dalla Mia Folle Famiglia
Sono Rimasta incinta per Scappare dalla Mia Folle Famiglia
21 giorno fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao! Io sono Ruby. Ho appena finito la scuola e sono già sposata. E sono incinta. Ed ecco come è successo. Tutto è iniziato alcuni anni fa. Poco prima che diventassi un’adolescente. Un giorno, sono tornata a casa da scuola e ho incontrato alcuni agenti di polizia che stavano lasciando il nostro appartamento. Mia madre era pallida ed era ovvio che avesse pianto. Si è scoperto che un autobus aveva investito mio padre e non c’era più. Cosa posso dire? Certo, è stato difficile da superare, sia per mia madre che per me. Abbiamo anche iniziato a dormire nello stesso letto, perché la maggior parte delle volte avevo dei brutti sogni dove perdevo mio padre, ancora e ancora. E mia madre mi ha detto che non sarebbe mai più stata in grado di dormire nella sua stanza senza di lui. Quasi ogni notte la sentivo che piangeva in bagno. Volevo aiutarla, tirarla su di morale, ma non sapevo come fare. Ci è voluto circa un mese, o forse più, per ricominciare a vivere una vita normale, ma poi ho iniziato a notare che c’era qualcosa che non andava in mia madre. Ha iniziato a bere praticamente ogni giorno. All'inizio, ha detto che lo faceva per dormire meglio e io le ho creduto, ma un giorno l'ho trovata che dormiva anche di giorno, il che significava che non stava andando al lavoro. La stessa identica situazione si è ripetuta un altro paio di volte, e poi è stata licenziata da due lavori in un periodo di 5 o 6 settimane. Ogni volta mi diceva che era dispiaciuta e che non avrebbe più bevuto, ma se non beveva diventava molto aggressiva e anche nervosa. E questi eventi si sono ripetuti così spesso che i nostri vicini hanno iniziato a sospettare qualcosa e hanno chiamato i servizi sociali. Ho trascorso 111 giorni presso un centro di assistenza per minori in attesa che mia madre si riabilitasse. Quando finalmente è venuta per portarmi a casa, sembrava più magra, ma nel complesso in salute. Non dimenticherò mai quello che ho provato quando l'ho vista attraverso quella finestra. Pensavo che la mia felicità fosse così potente da inondare tutti quelli che mi circondavano. Ho visto quanto era orgogliosa per aver superato la sua dipendenza, e lo ero anch’io. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mia Madre mi ha Rinchiusa. Ha detto che se esco Muoio
Mia Madre mi ha Rinchiusa. Ha detto che se esco Muoio
21 giorno fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao a tutti. Io sono Ellie! Sai, a volte, alcuni disastri possono trasformare la vita di una persona in un vero inferno. Ma il mio caso è un po’ diverso. Abbiamo evitato il disastro, ma la mia vita è cambiata radicalmente. È successo qualche anno fa. Un'estate i miei genitori mi hanno fatto una sorpresa e mi hanno detto che avremmo trascorso tre mesi su un'isola favolosa da qualche parte in Asia. Avrebbero affittato una villa e ci saremmo divertiti a vivere in un paradiso tropicale per tutta l'estate. Ma il fatto è che non volevo assolutamente andarci! Era la mia ultima estate dopo la scuola e volevo passarla con i miei amici! L'anno dopo saremmo tutti andati all’università e ci saremmo persi di vista. Inoltre, il mio compleanno è a luglio. Non volevo festeggiarlo su un'isola con i miei genitori, anche se era un vero paradiso. Ma, sfortunatamente, nessuno ha chiesto il mio parare. I miei genitori avevano già comprato i biglietti e non mi avrebbero lasciata sola a casa. Quindi, in pratica, non avevo scelta. Ma ero determinata a rimanere a casa, così ho deciso di rovinare il viaggio. Sì, sapevo che i miei genitori avrebbero perso molti soldi, ma devi capire: erano i tre mesi più importanti dalla mia vita, a migliaia di chilometri da casa mia e dai miei amici. Quindi, è arrivato il giorno della partenza. Ho preparato tutto come avevo ben pianificato e abbiamo fatto un ultimo controllo delle cose che ci dovevamo portare. Sono stata al gioco solo per vedere dove mia madre aveva messo i documenti. Tutto quello che dovevo fare era distrarre i miei genitori, togliere i documenti dalla sua borsa e nasconderli in casa. Mia madre ha chiamato un taxi e ci siamo seduti ad aspettare. Ho pensato che fosse il momento perfetto per creare il panico. Quindi sono uscita per un secondo, ho chiamato il taxi e ho annullato la corsa. Speravo che quando l'auto non fosse arrivata, mia madre avrebbe iniziato a preoccuparsi e si sarebbe allontanata dalla borsa per almeno un paio di secondi. E quando l’auto non si è presentata in orario, i miei genitori sono diventati molto nervosi. E quando mia madre ha chiamato per capire quale fosse il problema, si è resa conto che ero stata io a sabotare la partenza. Ed esattamente come avevo programmato, si è fatta prendere dal panico, e così si sono precipitati fuori per cercare un altro taxi. Perfetto. Giusto il tempo per rubare i documenti e nasconderli nell'armadio. Quindi ci siamo diretti all’aeroporto. Per tutto il tempo i miei genitori urlavano e mi dicevano che se non fossimo arrivati ​​in tempo, sarei stata punita. Non mi mettevano paura. Ero pronta a sopportare qualsiasi punizione, non avere la paghetta o qualsiasi cosi altra cosa si potevano inventare. Siamo arrivati ​​in ritardo, ma eravamo ancora in tempo per prendere il volo. Mamma e papà sono corsi per fare il check-in e quando la donna ha chiesto i documenti, la mamma è rimasta pietrificata nel non trovarli. Non avevamo abbastanza tempo per tornare a prenderli, quindi avevo vinto. A malapena riuscivo a smettere di gridare: "Evviva!" Ma quando ho visto lo sguardo dei mei genitori, ho capito che le cose si stavano mettendo male. Ooh, e devo ancora raccontarti di come i miei genitori mi hanno punita! Ti giuro, mia madre era disposta ad uccidermi per quello che avevo fatto. E la mia punizione mi attendeva non appena siamo tornati a casa. Dovevo rimettere a posto tutte le valigie e poi fare tutte le faccende in casa. Inoltre, i miei genitori hanno detto che sarei rimasta chiusa in casa per tutta l'estate. Sì, non è esattamente quello che volevo e non mi aspettavo che si sarebbero arrabbiati così tanto. Quindi, stavo cominciando a pentirmi di aver rovinato il viaggio. Sarebbe stato meglio se fossimo andati su quella stupida isola. Ma un evento ha completamente cambiato tutto. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Ho Fatto Finta di Essere Incinta per Cacciare via il mio Fidanzato. Cattiva idea…
Ho Fatto Finta di Essere Incinta per Cacciare via il mio Fidanzato. Cattiva idea…
Mese fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ehi ragazzi. Io mi chiamo Norma. Voglio dirvi di come sono stata tenuta in ostaggio da un pazzoide e non sono riuscita a liberarmene. E quando ci sono riuscita, è andata anche peggio. Ma adesso è tutto ok. Era da tempo che il mio migliore amico, Brandon, cercava di convincermi ad andare alla festa di compleanno di un suo amico. Ma io non volevo andarci, avevo gli esami finali e dovevo prepararmi. Ma continuava a parlare di quanto sarebbe stato bello e che metà della scuola sarebbe stata presente. Ha detto che il nostro ricco compagno di classe avrebbe avuto tutta la casa per sé, e che praticamente non potevo perdermela. E cosi ho accettato, soprattutto per togliermi Brandon di dosso, ma me ne sono pentita. Il fatto è che alla festa c'era un ragazzo di nome Derek. Oh… quanto mi dava ai nervi. Mi aveva infastidita per tutto l'anno! Gli piacevo, e continuava a venirmi dietro e mi chiedeva di uscire. Ma l'avevo rifiutato tipo un miliardo di volte. Mi sono rifiutata di uscirci per un caffè, per andare al cinema e altro. E una volta, ha persino messo delle candele davanti casa mia, formando la scritta "Mi piaci". Devo ammetterlo, è stato carino. Ma non volevo uscirci, perché era un tipo strano. Si vestiva in modo strano, gli piaceva parlare di cose strane e, una volta, mi ha persino seguita fino a casa mia come un pazzoide. E ora, era alla festa e non mi lasciava in pace. A un certo punto, eravamo seduti sul divano, a parlare della scuola, e poi Brandon ha detto che aveva una sorpresa e ha chiesto a tutti gli amici di andare con lui. Quindi io sono rimasta sola con questo tipo strano. Ovviamente, ha ricominciato a parlare di come gli piacevo e a chiedere se sarei uscita con lui. Ma questa volta non ci sono andata leggera. Ero alla festa e volevo rilassarmi e divertirmi, e non volevo rovinare tutto per colpa sua. Così ho alzato la voce, e gli ho detto che non sarei mai uscita con lui e gli ho detto di lasciarmi in pace. Speravo che alla fine, dicendolo in modo più pesante, avrebbe capito. A quanto sembra, le mie parole lo hanno ferito perché se ne è andato via immediatamente. In quel momento, non mi andava proprio di pensare a come si sentiva, quindi sono andata in giardino, dove tutti quanti stavano festeggiando, e dove c'era la musica ad alto volume. Stavo ballando e mi stavo divertendo e poi, all'improvviso, la musica si è fermata perché tutti hanno sentito un urlo. L'urlo veniva da qualche parte dal piano di sopra. Poi ho alzato lo sguardo e ho visto Derek. Era in piedi sul bordo del tetto, cercando di attirare l'attenzione di tutti. E quando tutti si sono fermati per guardarlo, alla fine l'ha detto. Mi ha dato un ultimatum. O accettavo di uscire con lui, o sarebbe saltato giù dal tetto. In quel momento, tutti quanto si sono girati a guardarmi, in attesa di una mia risposta. E ovviamente, ho accettato, certo, ho dovuto! Sapevo che era pazzo. Avrebbe saltato per davvero, quindi non avevo scelta. Non potevo lasciare che si facesse del male, giusto? Quando ho detto di sì, Derek era così eccitato che ha iniziato a spostarsi per scendere. Ma avrebbe dovuto fare più attenzione. Non appena ha fatto due passi, è scivolato giù, cadendo a terra. E un secondo dopo erano tutti da lui. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Ho Dato mio Figlio in Adozione. Ora lo Rivoglio!
Ho Dato mio Figlio in Adozione. Ora lo Rivoglio!
Mese fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao! Io mi chiamo Jane. E ti voglio raccontare la mia storia e condividere il mio dramma, nella speranza che tu possa comprendermi. In questo momento, mi sento come se stessi seduta di fronte a una bomba a orologeria, un’enorme e terribile bomba, senza alcun indizio su quali fili dovrei tagliare. Non sto esagerando: mi restano solo tre giorni per decidere il destino di due persone: quello mio e di mio figlio. Adesso, ho vent'anni. Ma circa un anno e mezzo fa ho scoperto di essere incinta. A quel tempo, era del tutto inaspettato! Ma poi in seguito, ho scoperto che era solo l’inizio di qualcosa di più grande. Vorrei non dover menzionare il padre di mio figlio! Odio il fatto che quel farabutto sia diventato famoso su Internet. Ma devo dirti di come, quello stesso ragazzo, che è anche il padre di mio figlio, è fuggito non appena ha scoperto che ero incinta. Ha detto che non era suo figlio ed è scomparso, senza nemmeno provare a fare il test di paternità, e lasciandomi completamente sola! Soprattutto, i miei genitori NON sono i tipi che sarebbero stati disposti ad assumersi l'onere di prendersi cura di una madre single con un bambino piccolo. I miei mi hanno detto chiaramente che non ero pronta a diventare madre, che non sarei stata in grado di finire l’università a causa della gravidanza, e che senza un'istruzione non avrei mai trovato un buon lavoro e avrei trascorso la mia vita in totale povertà. E credimi, i miei genitori sanno molto della povertà, perché ci hanno lottato per tutta la vita. Sì, nella mia testa, sapevo che i miei genitori avevano ragione. Ma nel profondo del mio cuore pensavo che avessero torto. Ho sofferto molto a livello psicologico perché non riuscivo a prendere una decisione. Volevo questo bambino e allo stesso tempo non lo volevo. Non so cosa avrei fatto se non fosse stato per mia cugina Helen che, improvvisamente, mi ha salvata. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
L’Amante della Mamma è Tornato per Distruggere la Famiglia
L’Amante della Mamma è Tornato per Distruggere la Famiglia
Mese fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao a tutti. Io mi chiamo Lisa e ho 18 anni. Recentemente ho portato a casa un uomo che ha distrutto la nostra famiglia e mi ha spezzato il cuore. Ma poi ho capito che non era colpa mia. La mia famiglia è piuttosto ricca grazie al duro lavoro di papà. È un uomo d'affari, e mia madre è un'insegnante universitaria. Hanno costruito una famiglia forte e ho pensato che nulla potesse rovinare la loro relazione. Ma nell'ultimo mese, diversi eventi hanno dimostrato che se viene modificato anche un piccolo dettaglio di un meccanismo perfettamente funzionante, tutto può cambiare. Tutto è iniziato un giorno, quando ho deciso di saltare la scuola e tornare a casa prima. Quando sono entrata in casa, mi sono subito spaventata perché in cucina c'era uno sconosciuto. Quando mi ha vista, ha iniziato a sorridere nervosamente e ha cercato di essere amichevole. Ha detto che era uno studente e che mia madre lo stava aiutando. Ci siamo presentati, il suo nome è George. Ci ho parlato per un po’ e mi è sembrato simpatico. Poi è scesa mia madre e ovviamente non si aspettava di vedermi a quell’ora. Ero sorpresa, perché non sapevo che stesse facendo lezioni private. Ha detto che aveva cominciato da poco. Poi George se ne è andato e la mamma mi ha chiesto di tacere perché papà era piuttosto geloso e sarebbe stato contrario a quel tipo di lavoro. A quel tempo, non gli ho dato tanto peso. Comunque, George ha iniziato a presentarsi a casa nostra molto più spesso. E a me stava bene perché era attraente e anche intelligente. Ma soprattutto, era più grande, quindi per me era un fico. Mi piaceva starci a parlare anche se solo per qualche minuto. Come immaginerai, mi sono innamorata di lui, ma non avevo il coraggio di dirglielo. All'inizio, ho deciso di condividere i miei sentimenti con mia madre. Ma quando le ho detto come mi sentivo, si è spaventata e si è preoccupata. Non capivo perché, ero abbastanza grande per avere una relazione. Ma mia madre mi ha detto di stare lontano da lui, e ha detto che non era l'uomo per me. Non lo so, forse era successo qualcosa tra loro, e lei pensava che fosse un tipaccio. Ma cosa avrei potuto fare? Ero innamorata di lui. Pensavo a lui tutto il tempo, e il fatto che mia madre mi proibisse di averci a che fare peggiorava solo le cose. Sognavo che fosse un tipo duro che tutti temevano, ma che in fondo era un solo un buono. Come nei film. Ma io non sono come l'eroina dei film, non ero abbastanza coraggiosa da confessargli i miei sentimenti. Ho trovato il suo profilo Instagram e ho fissato le sue foto senza riuscire a scrivergli…accidenti, aveva un bellissimo profilo. Aveva un sacco di foto, in tanto bei posti, in tutto il mondo. E aveva anche una bella macchina. Ooh, e speravo che un giorno mi avrebbe dato un passaggio ... Sì, come puoi intuire, ero pazza di lui. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
I miei Genitori Sono Super Ricchi ma io Muoio di Fame
I miei Genitori Sono Super Ricchi ma io Muoio di Fame
Mese fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao. Sono Alex e letteralmente ogni mio amico mi ha detto che avrei dovuto condividere questa storia con il mondo. Ci ho riflettuto un po’, ed eccomi qui. Facciamolo. I miei genitori sono persone molto ricche. E non te lo dico per vantarmii, non è affatto così. E tanto perché tu lo sappia, non sono affatto un bambino ricco. Sì, hai sentito bene: con i miei genitori ricchi sfondati, in realtà io sono piuttosto povero. Vivo in un piccolo appartamento con pochi mobili accanto alla casa dei miei genitori, ricevo una ridicola paghetta, e non mi sento affatto ricco. Okay, credo di avere delle cose da spiegare. I miei genitori sono persone che si sono fatte da se. Questo è quello che gli piace dire ed è sostanzialmente vero. Iniziarono entrambi dal basso, le loro famiglie erano sempre in difficoltà e si incontrarono quando erano molto giovani, molto prima di guadagnare tutto quello che hanno ora. Hanno avviato un'attività che, nel corso degli anni, ha dato vita a due società diverse, entrambe piuttosto grandi. Fondamentalmente hanno avuto due matrimoni: il primo, quando erano giovani e poveri, e il secondo - in un resort extra-lussuoso alle Bahamas anni dopo. Voglio dire, ho visto solo il video - avevo dieci anni e non ero invitato. Ecco, arriviamo alla parte importante. Non ho mai fatto parte della famiglia … finanziariamente. I miei genitori sono sempre stati sicuri che se fossi stato esposto al denaro crescendo, sarei cresciuto viziato, pigro, egoista, arrogante ... come il ragazzino idiota ricco di qualsiasi film che vedi in tv. Apparentemente, entrambi i miei genitori avevano almeno un compagno di scuola che era un idiota totale, e che per caso proveniva da una famiglia ricca. Non conosco i dettagli, perché non sono mai stati davvero disposti a parlarne, ma l'idea che il denaro rovini i bambini è rimasta con loro per anni. Quindi va bene, ora che ti ho dato un infarinatura generale, entriamo nella storia vera e propria. Tutto è iniziato in una delle famose feste dei miei genitori. Ogni settimana danno una festa o un "ricevimento" a casa loro. Amano cose del genere e gli piace dire che si sono guadagnati queste serate con il loro duro lavoro. Inutile dire che non sono mai stato invitato a nessuna di queste occasioni, dal momento che, prima di tutto, devo andare a dormire presto per essere disciplinato e, naturalmente, per via dei soldi. A volte mi sarebbe semplicemente piaciuto parlare con gli invitati, ma mio padre non me lo permetteva mai. Una sera, però, ci sono riuscito.. I miei genitori sono amici di una coppia che ha una figlia. Si chiama Cecilia, ha sedici anni e l'ho vista un paio di volte. Le ho anche parlato una volta al compleanno della mia amica. È davvero carina e divertente, e viene sempre con i suoi genitori. Ancora una volta: i bambini della mia età e anche i più giovani vengono alle feste dai miei genitori mentre io devo stare nella casa degli ospiti e andare a dormire alle 10 . Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
I miei Genitori mi Fanno Mangiare Immondizia dai Cassonetti
I miei Genitori mi Fanno Mangiare Immondizia dai Cassonetti
Mese fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao. Io mi chiamo Ofelia, ho 15 anni e vivo a New York. La storia che stai per ascoltare potrebbe sembrare strana e forse un po’ disgustosa, ma sono sicura che capirai la mia situazione. Ecco tutto: i miei genitori ci sostentano con la spazzatura. La maggior parte del cibo che mangiamo e le cose che usiamo nella vita quotidiana provengono dai cassonetti. Sì, hai capito bene: prendiamo qualcosa che è già stato buttato via e ... lo mangiamo. L’ho detto così, in modo superficiale, ma in linea generale è così. E lo facciamo già da diversi anni. Non siamo dei senzatetto o altro, non siamo né poveri, né ricchi. Viviamo in un appartamento a Brooklyn, e per "noi" intendo i miei genitori, Gina e Mike, il mio fratellino Derek e io. E per farti capire meglio, devo dirti qualcosa in più sui miei genitori. Sono entrambi degli artisti e si interessano a tutto, dalla pittura, all'arte performativa. A volte, accettano di esibirsi solo per soldi, ma sostanzialmente la loro vita ruota attorno all’arte stessa. La mamma è cresciuta in una famiglia molto ricca di New York, e poteva permettersi tutto ciò che voleva, e, ironia della sorte, l’ha portata a questo. Sono entrambi socialmente e politicamente attivi. Ricordo di essere andata a molte manifestazioni e proteste insieme a loro sin da quando ero molto piccola. E posso dire che vogliono veramente rendere il nostro pianeta un posto migliore. E una parte molto importante del loro attivismo è il “freeganesimo”. Non voglio annoiarti con termini e concetti, ma, in breve, il “freeganesimo” riguarda il non sostenere il consumismo e la sovrapproduzione di beni semplicemente non acquistandoli. E, sì, sfortunatamente, questo comporta la ricerca di cose, come il cibo, che è ancora buono da mangiare in posti come i cassonetti. Ma non è che ci tuffiamo nella spazzatura alla ricerca di bucce d'arancia o dello yogurt avanzato. Non è poi così male. Insomma, se fosse così, probabilmente, saremmo già morti. Per esempio, si tratta di usare il cibo che viene scartato dai supermercati, che la maggior parte delle volte, non è neanche scaduto. Il concetto è che, i miei genitori, non comprando, non sostengono le aziende che producono più del necessario e, di conseguenza, sprecano le nostre risorse. Naturalmente, non tutti in famiglia sono come i miei genitori. Per di più, nessuno dei parenti ci comprende e, fondamentalmente, pensano che siamo dei pazzi. La zia Lily, la sorella di mia madre, litigava spesso con lei per il freeganesimo, e ha detto più volte, sia a me che a mio fratello, che se fossimo a disagio a vivere così, potevamo vivere a casa sua. Ma noi abbiamo sempre scelto di restare. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
I miei Fratelli hanno Buttato me e mia Madre Fuori Casa
I miei Fratelli hanno Buttato me e mia Madre Fuori Casa
Mese fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao a tutti! Io mi chiamo Anna e ho 14 anni. Recentemente sono stata tradita. Oh, non intendo dal mio fidanzato. Insomma, sarebbe stato comunque terribile, ma questa storia parla di come i miei fratelli mi hanno cacciata di casa senza nemmeno provare un po’ di rimorso Immagino che dovrei iniziare a dire che mia madre era la seconda moglie di mio padre e che lui aveva già due figli dal primo matrimonio, quindi in sostanza, ho due fratellastri più grandi: Derek e John. Ho sempre avuto un rapporto incredibilmente buono con loro. Venivano a trovare papà a casa nostra e restavano per settimane, e mia madre era molto gentile e li trattava sempre come se fossero suoi figli. Papà ci portava in vacanza almeno una volta all'anno, e tutto era perfetto. Le cose non sono cambiate molto, anche se, all’incirca un anno fa, i miei genitori hanno divorziato. Voglio dire, per me è stato strano non avere più mio padre con noi, ma ci vedevamo comunque spesso e non solo, papà ci portava tutti da qualche parte durante le vacanze estive. Durante il resto dell'anno, mia madre e io parlavamo con Derek e John su Skype. Condividevamo sempre quello che ci succedeva nella nostra vita, quindi, come avrai intuito, la famiglia era comunque molto unita e amichevole, anche se non c’era un vero legame di sangue. Ma poi è successa la cosa peggiore di sempre. Una mattina, il medico di famiglia ha chiamato e ha detto che mio padre non c'era più. Si è scoperto che aveva avuto un aneurisma cerebrale che non sapeva neanche di avere e, all'improvviso è scoppiato e ... Beh, io e la mamma eravamo i suoi parenti più stretti e abbiamo dovuto organizzare il funerale e il ricevimento ... Amavo molto mio padre e non era giusto che non fosse più con noi. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Ho Visto la mia Casa in Fiamme con mio Padre Dentro
Ho Visto la mia Casa in Fiamme con mio Padre Dentro
Mese fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao a tutti. Io sono Nick e ho 15 anni. Dopo aver perso mia madre, speravo che la vita non mi riservasse altre sorprese. Ma recentemente sono stato solo su un'isola a migliaia di chilometri da casa. Beh, non era proprio un'isola deserta. Sono delle isole paradisiache con delle bellissime spiagge, palme e noci di cocco. Dovevo essere felice, ma ogni giorno volevo solo tornare a casa. Mi mancava la mia vecchia vita, e la rivolevo indietro. Ma ciò che rendeva tutto ancora più difficile era la consapevolezza di sapere che non l’avrei potuta riavere. Un anno fa, la mia famiglia ha attraversato l'inferno. A mia madre è stato diagnosticato un cancro, ha lottato per mesi andando in diversi ospedali, ma non c’era cura. Nonostante tutto, peggiorava sempre di più. E dopo poco ci ha lasciati. Papà ed io eravamo a pezzi e l’abbiamo pianta a lungo. Eravamo depressi e mio padre è rimasto chiuso in casa per settimane. Io, al contrario, ho vagato per la città cercando di distrarmi e non pensarci. Dopo un paio di mesi, alcuni amici di mio padre ci hanno consigliato di vedere uno specialista, per un aiuto psicologico, e lo abbiamo fatto. E dopo molte sessioni e conversazioni, il medico ha suggerito un cambio di scenario. Magari di fare una ristrutturazione a casa o addirittura vivere in una nuova città per un po’ di tempo. Ci avrebbe aiutato a distrarci e il dolore si sarebbe affievolito più rapidamente. Mio padre ha seguito il suo consiglio e ha deciso di fare un cambiamento. Ma ha deciso non solo di cambiare città, voleva cambiare paese, e andare a migliaia di chilometri di distanza. E quest’idea non mi dispiaceva. Era come una grande avventura. Inoltre, l’anno scolastico stava per finire. Quindi non ci abbiamo messo molto a decidere: papà ha prenotato i biglietti e abbiamo lasciato il paese. Ed eravamo in paradiso. Abbiamo affittato una villa con piscina e vista sull'oceano. Devo dire che era tutto bellissimo. Ogni giorno mangiavo frutti esotici, nuotavo nell'oceano e guidavo uno scooter. Per me, era idilliaco, e non facevo altro che divertirmi. Ma prima o poi anche le cose più eccitanti e divertenti diventano noiose. So che è da pazzi non amare un posto cosi paradisiaco, ma credimi, dopo un mese a vivere cosi, ti stancheresti anche tu! Perché la cosa più importante è l’affetto e i rapporti umani. E questo era il problema. Mio padre è un libero professionista e lavorava sodo, quindi trascorreva tutto il giorno a casa sul computer. Non veniva nemmeno a fare una passeggiata insieme a me. E così mi sono depresso e ho cominciato ad avere nostalgia di casa. Ma a mio padre piaceva la nostra nuova vita, e penso che fosse felice, così ho sopportato in silenzio. Avevo visto quanto si buttava giù quando era depresso e non volevo che succedesse di nuovo. Quindi, ho deciso di aspettare la fine dell'estate quando saremmo tornati a casa perché dovevo ritornare a scuola. Ma quando quel momento è arrivato, mio ​​padre mi ha detto che non voleva andarsene. Stava così bene che voleva vivere lì, ed era felice. E a casa nostra, c'erano solo brutti ricordi di quando è morta la mamma. Ma io dovevo andare a scuola! E mi mancavano i miei amici. Quindi abbiamo trovato un compromesso. Abbiamo deciso di trascorrerci un altro mese e poi di tornare a casa. Devo dire che quelli sono stati i giorni più lunghi della mia vita. Non sapevo cosa fare del mio tempo. Cosi, proprio come quando era morta la mamma, ho iniziato a girovagare. Prendevo in prestito lo scooter di papà e andavo in città per vedere come vivevano gli altri. E una di quelle volte, ho creduto di aver perso mio padre per sempre. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Ho Fatto un solo Errore e la mia Famiglia mi ha Rinnegata
Ho Fatto un solo Errore e la mia Famiglia mi ha Rinnegata
Mese fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao a tutti! Io mi chiamo Riley. E mi sento così tanto in colpa. Ho pensato che se condividessi la mia storia, potrei stare un pochino meglio. Sembra come se la maggior parte degli eventi negativi della nostra vita tendano ad accadere cosi, per caso. Maledizione. Non avrei mai pensato che un innocente scherzo adolescenziale avrebbe rovinato la mia famiglia per sempre. Sicuramente non ci definiresti la famiglia perfetta. Mio padre era un tipo molto severo e aveva una mentalità molto ristretta. Lavorava in una stazione di servizio, ed era palese che non fosse facile per lui prendersi cura della propria famiglia, motivo per cui i miei genitori litigavano costantemente. Mio fratello maggiore, Hunter, doveva studiare e, allo stesso tempo, aiutare papà alla stazione di servizio. Ma non si è mai lamentato. Quanto a me, le faccende domestiche erano la mia routine quotidiana. Abbiamo provato a fare del nostro meglio, ma mia madre non era mai soddisfatta. Penso che abbia sempre sognato una vita migliore. Comunque, nonostante tutto, eravamo una famiglia. Ma poi è successo qualcosa… Mio padre ha lasciato la città per un paio di giorni perché doveva procurarsi delle nuove attrezzature o qualcosa del genere. Era così eccitato! Continuava a dire che aveva un grosso ordine, e che avrebbe portato molti soldi. Il suo socio aveva un furgone, quindi era una di quelle rare volte in cui non avrebbe usato la sua adorata macchina. E per la cronaca, era la cosa più costosa che possedevamo. Hunter e io avremmo fatto qualsiasi cosa pur di farci un giro! E ora ne avevamo finalmente la possibilità! L'ho implorato di farmi fare un giro, uno piccolo! Ero così tentata, ma Hunter ha insistito dicendo che era troppo rischioso. Quindi, abbiamo deciso di non toccarla. Ma come avrai già intuito, non ho mantenuto la promessa. A notte fonda, ho scritto un messaggio ai miei amici dicendo di andare a fare baldoria e non ci ho messo molto a convincerli. Avevo pensato ad ogni cosa. Hunter era andato a casa della sua ragazza, e mia madre dormiva profondamente nella sua stanza. Ho rubato le chiavi della macchina e insieme ai miei amici l’abbiamo portata fuori, fino in strada. Eravamo come dei ninja! Una volta che ci siamo allontanati abbastanza, siamo andati sempre più veloci. Mi sentivo libera come un uccello e poi - boom! L'auto ha colpito qualcosa nel buio e abbiamo perso il controllo. Quando siamo finalmente riusciti a fermarci e a riprendere fiato, ci siamo resi conto che l'auto era danneggiata. Tanto! Ero nel panico più totale. Che cosa avevo combinato? Cosa avrei detto a mia madre? Sapevo che sarebbe stata furiosa. Per non parlare di mio padre. Cosa diavolo stavo pensando? Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mia Madre ha Dovuto Scegliere: Me o il mio Patrigno. Ha Scelto Lui!
Mia Madre ha Dovuto Scegliere: Me o il mio Patrigno. Ha Scelto Lui!
Mese fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao ragazzi! Io sono Anthony. E recentemente, ho finito la terza media, ma non andrò mai al liceo perché mia madre ha deciso di mandarmi a una scuola militare. E la cosa peggiore è che l'ha fatto solo per sbarazzarsi di me. Vedete, so di essere solo un peso per mia madre. Da quando papà ci ha lasciati, la mamma è sempre stata infelice e triste, e sono stato solo un promemoria dei suoi errori del passato. Inoltre, non riusciva a trovare un compagno perché ha me. È uscita spesso e ha cercato di trovare un partner, ma non appena diceva di avere un figlio, il tipo se ne andava in men che non si dica. Naturalmente, questo l’ha sconvolto ancora di più. Quindi, immagina come fosse felice quando, alla fine, ha trovato uno che aveva intenzioni serie e non aveva paura di assumersi la responsabilità di un bambino, intendo me, ovviamente. All'inizio, veniva a casa nostra, ogni tanto, giusto per cena e sembrava un tipo normale. Si chiama Greg. È un militare e ha tutte le qualità di un vero ufficiale. Ha una voce forte e imponente, è incredibilmente puntuale e adora la disciplina. Mia madre era molto presa e mi diceva che avrei potuto imparare molto da lui. Beh, un conto è vedere un uomo del genere ogni tanto, ma è tutta un'altra cosa quando vive con te e non hai nessun posto dove scappare. Sì, ben presto Greg si è trasferito da noi e ci sono stati molti cambiamenti. È successo tutto per gradi. All'inizio, aiutava mia madre e monitorava attentamente le pulizie, ma poi ha iniziato a stabilire delle regole e ha iniziato a impartirmi degli ordini. Mi diceva quando dovevo dormire e quando alzarmi. E non mi piaceva questa cosa. Cosi l’ho detto a mia madre, ma lei si è schierata dalla sua parte, e ha detto che un po’ di disciplina mi avrebbe fatto bene. Poi, Greg ha iniziato a farmi praticare sport. Mi faceva alzare alle sei del mattino per andare a correre. E sinceramente, non mi andava proprio! Ma mia madre lo sosteneva. Sai, penso avesse paura di contraddirlo perché temeva che se ne andasse. Quindi ho dovuto vedermela da solo. Ma tutte le discussioni non hanno mai portato a nulla. Una volta, durante una corsa, sono rimasto da solo con lui. Probabilmente, era stanco delle mie continue proteste e voleva metterci un freno. Quindi mi ha detto che dovevo seguire i suoi ordini senza obbiettare, e che d’ora in poi era lui a comandare in casa. E mi ha detto che dovevo rivolgermi a lui come un vero soldato. Mi ha urlato contro, e mi ha minacciato fino a quando non gli ho detto: "Sì, signore." Ho pensato che dopo avrebbe fatto un ghigno maligno come fanno i cattivi nei film. Per me é stato davvero umiliante. Voleva comandare? Non lo avrei tollerato. In casa c’era una vera e propria forma di dittatura e mia madre non faceva nulla. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Quella Secchiona di mia Sorella mi ha Pugnalata alle Spalle per Rubarmi il Fidanzato
Quella Secchiona di mia Sorella mi ha Pugnalata alle Spalle per Rubarmi il Fidanzato
Mese fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao a tutti! Io mi chiamo Joanne e ho 16 anni. Ti racconterò la storia di come sono stata tradita da mia sorella e dal mio ragazzo. Anche se, probabilmente, loro pensano che abbia avuto ciò che mi meritavo, ma non spetta a loro decidere. Avevo un ragazzo che mi aiutava con gli studi. E ora sia mia sorella che lui dicono che lo usavo per farmi aiutare con i compiti e a superare i test a scuola. E, in parte, hanno ragione. Mia sorella minore, Laurie, studia giorno e notte, ed è molto determinata. Ha un anno meno di me, ma sa già che vuole lavorare nel settore farmaceutico e aiutare a trovare una cura per il cancro. E prende sempre buoni voti a scuola. Ma io sono diversa! Non mi piace studiare. E c'è un motivo, non ho bisogno di tutta quella ma-aa- tee ma ti-ca. Io voglio fare la modella. E preferirei passare il mio tempo a fare pratica e a conoscere diversi consigli e trucchi di bellezza, piuttosto che studiare per svariati test. Ma mi rendo conto che devo finire la scuola, quantomeno per far felici i miei. La mia famiglia non è ricca, e i miei genitori non mi danno abbastanza denaro per risparmiare per le cose di cui ho bisogno. A proposito di esigenze, quest'estate sto programmando di andare in un campo estivo per modelle, dove le ragazze come me imparano come funziona questo mondo e le basi del portamento e, soprattutto, realizzano un loro portfolio. Inoltre, solo quelle di maggior successo hanno la possibilità di ottenere subito un contratto con un’agenzia importante o per una rivista di moda! Ma questo campus costa molto e i miei genitori hanno accettato di pagarlo solo se ... solo se avessi preso dei buoni voti. Beh, diciamo che è più facile a dirsi che a farsi. Per così tanto tempo mi ero rassegnata a prendere 5, quindi ero abituata a non studiare. In pratica, facevo solo il minimo necessario per superare i test. Ma i miei genitori hanno messo in chiaro fin da subito: BUONI voti! Ma come potevo recuperare tutti i mesi passati? Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Il mio Nuovo Tatuaggio mi ha Resa un’Orfana
Il mio Nuovo Tatuaggio mi ha Resa un’Orfana
Mese fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Buon pomeriggio! Io sono Marsha. Ho 14 anni e sono stata un'adolescente ribelle. Pensavo che mia nonna non mi amasse e io non le davo molta importanza, ma ora che se n'è andata so che mi ero sbagliata. E sento il bisogno di raccontare la mia storia a qualcuno. Tutto è iniziato poco più di un anno fa, quando i miei genitori hanno deciso di divorziare. È stata mia madre che un giorno ha fatto le valigie e ha lasciato mio padre per un altro uomo. Apparentemente, non aveva mai pianificato di portarmi con sé, ecco perché sono rimasta con mio padre. Tuttavia lui era troppo impegnato con il lavoro per fare il padre, quindi mi sono dovuta trasferire da sua madre, la nonna Ann. Mia nonna ha sempre avuto un carattere molto duro e noi eravamo come l’olio e l’acqua. Tipo, ogni volta che volevo andare a trovare i miei amici, lei mi diceva che avevo delle faccende da fare in casa. E se mi fossi rifiutata di farle, mi avrebbe tolto la connessione internet. E una volta, mi ha persino schiaffeggiato sui polsi perché, a suo dire, non avevo lavato con cura i piatti. E quei segni mi sono rimasti per più di 3 giorni. Certo, ho provato a lamentarmi con mio padre, ma a lui non importava molto. Ma poi c'è stato un momento ... una specie di svolta nella nostra relazione. Accidenti, è così difficile parlarne adesso. Sapevo che alla nonna facevano impressione i fricchettoni di qualsiasi tipo. Sia che si trattasse di uno con la cresta o di una ragazza con il piercing. Così, un giorno, dopo un altro dei suoi lunghi discorsi su come dovevo comportarmi, ho deciso di vendicarmi. Mi sono tagliata tutti i capelli e li ho colorati di rosa, il che sapevo avrebbe fatto arrabbiare la nonna. Avresti dovuto vederla quando mi ha vista con il mio nuovo look mentre stava in compagnia di alcune delle sue amiche. In quel momento, non poteva sfogarsi. Ma mi ha dato uno sguardo cosi tagliente che si capiva benissimo quanto fosse arrabbiata e delusa. Sapevo che sarei stata severamente punita, ma ho pensato che ne fosse valsa la pena, visto che ero riuscita a metterla in imbarazzo davanti alle sue amiche. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Ho Detto a mio Fratello che era stato Adottato per Infastidirlo ma era Vero!
Ho Detto a mio Fratello che era stato Adottato per Infastidirlo ma era Vero!
Mese fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao. Io sono Emma. E voglio farti una domanda. Credi nelle bugie bianche? Il fatto è che di recente ho fatto un casino, quindi ora devo mentire al mio fratellino e non sono sicura di aver fatto la cosa giusta. E forse tu potresti dirmi cosa devo fare. Quando avevo 5 anni, la mia famiglia ha vissuto una tragedia indescrivibile. È venuto a mancare il mio fratellino, Anthony. Non posso dire di ricordare tutti i dettagli, probabilmente perché, come si suol dire, la memoria di un bambino cancella tutto ciò che è negativo. Ma ricordo alcune cose: ad esempio, quanto sia stato difficile per mia madre rimanere incinta. È rimasta costantemente sdraiata a letto, a casa o in ospedale. Anche se ero troppo piccola, ho cercato di aiutare mio padre a prendersi cura di lei. E poi ci sono state alcune complicazioni dopo la nascita del bambino. Abbiamo anche rischiato di perdere la mamma! Oh, quant’è difficile per me ricordare tutto. E poi i dottori dissero che Anthony sarebbe vissuto non più di un anno. Ed è venuto a mancare dopo 9 mesi. Accidenti, eravamo a pezzi. Puoi immaginare che pensavamo che fosse davvero ingiusto… e anche se eravamo in qualche modo preparati alla sua morte, non si è mai veramente preparati. E dopo la mamma non poteva più avere figli, ma il tempo passava e i miei genitori hanno deciso che sarebbe stato bello avere un altro bambino. Così, hanno deciso di adottarne uno. Questo quando io avevo all’incirca 7 anni, ed è proprio qui che inizia la mia storia. Ricky, questo è il nome del bambino, aveva solo 2 anni quando i miei genitori lo portarono a casa da un orfanotrofio. E dal momento in cui l'ho visto, ho capito che c'era qualcosa che non andava. Voglio dire, non gli sono mai piaciuta e ha sempre cercato di farmi del male quando nessuno guardava. Ad esempio, mi colpiva agli occhi, con il dito, o cercava di strapparmi i capelli, oppure cercava di rovesciarmi il piatto a tavola. E ogni volta che provavo a lamentarmi del suo comportamento, mamma e papà dicevano che dovevo essere più tollerante, visto che sono più grande, e cose del genere. Ecco perché l'unica cosa che mi restava da fare era aspettare che diventasse più grande e, presumibilmente, più consapevole. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mia Sorella mi ha Ingannata per Nascondere la sua Gravidanza
Mia Sorella mi ha Ingannata per Nascondere la sua Gravidanza
Mese fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao! Io sono René. E oggi voglio condividere la storia di come mia sorella mi ha quasi uccisa perché cercava di nascondere un segreto. Immagino che dovrei cominciare e dire che non sono nata in una famiglia normale. Quando i miei genitori si misero insieme, avevano entrambi dei figli dai loro precedenti matrimoni. Mia madre aveva una figlia di nome Rachel e mio padre un figlio di nome Clark. Voglio dire, mio ​​fratello maggiore, mi ha adorata fin da quando sono nata. Ma non riusciva a trovare un terreno comune con Rachel. Non passava giorno in cui non litigassero per qualcosa. Dato che Clark era più grande, i miei ritenevano che doveva essere più responsabile e maturo tra i due. Inoltre, Rachel faceva sempre finta che lui le faceva del male. Riusciva a scoppiare in lacrime come una vera attrice di Hollywood. E, ogni volta, Carl veniva messo in punizione. Ma io ero consapevole che Rachel era una rompi scatole. Onestamente, penso che o avesse bisogno di tirare fuori la sua aggressività per mettersi in mostra …anzi, ha solo un gran brutto caratteraccio. Ma allora ero troppo piccola per trarre delle conclusioni, quindi mi dispiaceva per mio fratello e cercavo di sostenerlo ogni volta che veniva punito. Quando, ad esempio, veniva mandato nella sua stanza senza il dolce, riuscivo a prendere qualcosa dal frigo senza farmi notare da mia madre e glielo portavo di nascosto Quando è arrivato il momento per Clark di andare all’università, ha promesso che si sarebbe tenuto in contatto e così è stato. Di tanto in tanto mi inviava delle foto di quello che faceva e poi quando ha trovato un lavoretto e ha iniziato a guadagnare qualche soldino, mi faceva avere dei piccoli regali. A quanto pare, questo ha fatto ingelosire Rachel, perché lei da Clark non riceveva nulla, e ha iniziato a essere veramente crudele. Beh, non è che siamo mai state grandi amiche. Non siamo mai state intime, ma poi ha cominciato a essere pesante. Ci sono state delle volte in cui si è inventata delle bugie per mettermi in cattiva luce con mamma e papà. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mio Padre Ha Portato In Casa Un'Altra Donna Mentre Mamma Era In Ospedale
Mio Padre Ha Portato In Casa Un'Altra Donna Mentre Mamma Era In Ospedale
Mese fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao a tutti. Io sono Emma e ho 16 anni. Di recente abbiamo perso tutto, anche la casa, a causa di mio padre... io e il mio fratellino abbiamo dovuto vivere in condizioni terribili. Ma anche io ho fatto qualcosa di terribile pur di riprenderci una vita normale. E sapete cosa? Non me ne pento. A casa c'erano sempre discussioni e il motivo era l'hobby di mio padre. Il poker! Usciva sempre a giocare e tornava tardi la sera, sempre con cattive notizie e tanti soldi persi. Ogni volta era una discussione con mia madre, ogni volta giurava che avrebbe smesso e ogni volta la stessa storia ricominciava. Ormai era chiaro che il suo non era un hobby. Era una dipendenza. Ma nessuno riusciva a convincerlo. Né io, né la mamma, e nemmeno il fatto che il mio fratellino, di soli 5 anni, aveva bisogno di tante attenzioni. Mio padre sembrava non pensare nemmeno a noi. Non avevamo tanti soldi allora, e la mamma doveva faticare molto a lavoro. Appena compiuti 16 anni anche io ho dovuto trovare un lavoretto part-time per avere almeno qualche soldo per me e per aiutare i miei. In pratica ho passato la mia adolescenza rinunciando ad amici, feste e uscite con i ragazzi. Dovevo lavorare. E devo dire però che c'erano dei lati positivi in tutto questo. Data la “passione” di mio padre per il gioco, lui era davvero bravo in matematica e mi aiutava sempre a fare i compiti e prendere il massimo dei voti. Mi ha insegnato anche a capire meglio le emozioni e i pensieri. Tutte cose utili anche fuori dal tavolo da poker. Riuscivo sempre a capire quando i miei compagni mi stavano mentendo o nascondendo qualcosa. Comunque sia la nostra vita era quella. Brevi intervalli di normalità nella dipendenza dal gioco di mio padre. Un giorno però, ci rendemmo conto che la passione per il gioco di mio padre aveva superato il limite. Quella sera, la mamma doveva lavorare fino a tardi, e anche io. Papà quindi ci aveva assicurato che sarebbe stato a casa col mio fratellino. Solo che quando tornai a casa dal lavoro, la casa era vuota. Chiamai subito papà, ma lui aveva staccato il suo cellulare. Poco dopo anche mamma tornò a casa, ma mio padre e mio fratello non erano ancora rientrati. Ormai era quasi mezzanotte e stavamo per chiamare la polizia, quando finalmente sentimmo una macchina parcheggiare fuori casa. Era papà. Portava in braccio il mio fratellino, addormentato. Papà se lo era portato in una bisca. Ci credereste?! Ma come gli era venuto in mente?! Un bambino di 5 anni chiuso in una stanza piena di uomini che fumano e bevono e giocano a carte?! Chi lo sa cosa poteva capitargli? Papà era davvero fuori di testa. Dopo quella volta, lui e la mamma ebbero una lite tremenda, e lui per un bel po' di tempo sembrò rimettere la testa a posto. Ma non ci si libera tanto facilmente da una dipendenza. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
I miei Genitori non Avevano Soldi ma ho Ricevuto il Miglior Regalo di Natale
I miei Genitori non Avevano Soldi ma ho Ricevuto il Miglior Regalo di Natale
Mese fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao! Io sono Tammy. E buon Natale a tutti! Il Natale è il momento in cui tutti si aspettano di trovare un miracolo sotto l'albero. Ma cos'è un miracolo? Un nuovo smartphone? Una bicicletta? O forse qualcosa di più poetico? Per quanto mi riguarda, so esattamente cos’è, perché in realtà, io ho ricevuto un miracolo di Natale all’età di 12 anni. Vengo da una famiglia meravigliosa. Siamo in quattro: mamma, papà, io e mio fratello minore. Siamo una tipica famiglia della classe media, non molto ricca, ma i miei genitori hanno sempre fatto quello che potevano. Abbiamo sempre ricevuto piccoli regali durante l'anno, anche senza motivo, solo perché volevano vederci felici. Ma a Natale ... Beh, il natale è qualcosa di speciale! I miei genitori trascorrevano settimane alla ricerca di regali da farci. Non era mai abbastanza per loro! Ogni anno avevamo un sacco di pacchetti, di tutti i colori e dimensioni, sotto l’albero. E quando scartavamo i regali il giorno di Natale c’erano una valanga di giocattoli, dispositivi elettronici, vestiti e tutto ciò può rendere un bambino felice. Conosci il detto "fare i regali è più bello che riceverli"? Non esiste! Ho sempre pensato che trovare un bel regalo per qualcuno fosse estenuante. Passi giorni a cercare e non sai nemmeno se verrà apprezzato o se la reazione sarà semplicemente finta. Quindi, per me il Natale significava ricevere regali. Tuttavia, quell'anno era un po’ diverso da quelli precedenti. La mia famiglia ha dovuto affrontare dei momenti difficili. C'è stata una crisi e mio padre ha perso il lavoro. Ci siamo trasferiti in una casa più piccola perché non potevamo permetterci quella che avevamo. E mia madre ha dovuto trovare un secondo lavoro. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Ho Sedotto l’Amore del mio Migliore Amico per Farli Lasciare. Lui è Mio!
Ho Sedotto l’Amore del mio Migliore Amico per Farli Lasciare. Lui è Mio!
Mese fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao a tutti! Io mi chiamo Rita e ho 16 anni. E mi sono innamorata del mio migliore amico. E se stai pensando che non c'è niente di speciale in tutto questo e che può succedere a chiunque, aspetta di sapere di come sono riuscita a rovinare la sua relazione e di come inizialmente l’avevo rifiutato. Ecco una storia che parla di come ho agito come una vera serpe. Quando ho compiuto 13 anni, la mia famiglia ha deciso di trasferirsi negli Stati Uniti. Per me è stato davvero difficile. Beh sai, persone diverse, scuola diversa e tutto il resto. E non so perché, ma ho avuto delle difficoltà a fare amicizia, e per molto tempo era sola. Ma un giorno tutto è cambiato. Ero seduta nella mensa della scuola quando qualcuno ha appoggiato il vassoio accanto al mio. Ho visto un ragazzo paffuto, dai capelli scuri, che si è messo seduto accanto a me e si è presentato. Fu così che conobbi il mio migliore amico, che sarebbe diventato il mio primo amore, ma di questo parlerò più avanti. Da quel giorno in poi, io e Sam eravamo inseparabili. E anche se, ogni volta che passava a casa, mia nonna lo chiamava “il mio ragazzo”, non c'era nulla di romantico tra noi. Diciamo che ci confidavamo e ci dicevamo chi ci piaceva e cose del genere. Beh, almeno fino al mio 14 ° compleanno. La festa era molto intima e c’erano soltanto i miei parenti e, beh, Sam. Dopo la cena, la torta e tutto il resto, siamo rimasti soli, e Sam mi ha detto che aveva qualcosa di speciale per me e io ero davvero entusiasta. Sai, mi piaceva molto lo sport, e lui lo sapeva, e mi ha dato la migliore tuta che potessi mai sognare. E poi ha provato a baciarmi! Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Per Colpa della mia Ragazza ho Compromesso l’Azienda di Papà
Per Colpa della mia Ragazza ho Compromesso l’Azienda di Papà
Mese fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao a tutti. Io mi chiamo Mark e ... Mio padre ha appena perso una fortuna per colpa mia. Posso spiegare tutto, ok? Non l'ho fatto apposta, ero solo perdutamente innamorato e non pensavo che sarebbe andata a finire così. Ok, partiamo dall'inizio. Avevo una compagna di classe, si chiama Janice, ed è incredibilmente intelligente, era la migliore studentessa di tutto il corso. Inoltre, riusciva a trovare il tempo per lavorare come stagista in una grande azienda. Oh, mi sono dimenticato di dirti che non è una secchiona. È estremamente bella! Eh sì, tutti i ragazzi della nostra classe erano pazzi di lei. E io non facevo eccezione. Era ovvio che non avessi alcuna possibilità con una ragazza del genere. Non sono uno di quei tipi "fichi". Una ragazza del genere non mi guarderebbe neanche. Sono solo un tipo qualunque, quindi eravamo solo “amici” e non avevo idea di cambiare la situazione. Ma un giorno ho visto un’occasione e l’ho colta. Ero nell'ufficio di mio padre. È il capo di uno studio legale, in centro. Dovevo portare alcuni documenti ed ero in ritardo. A mio padre non piace quando faccio tardi, quindi stavo letteralmente correndo lungo i corridoi. Sono corso verso la porta dell'ufficio di mio padre, ma improvvisamente, è apparsa una ragazza dal nulla e l'ho presa in pieno. Una pila di carte è volata per aria e ci siamo ritrovati entrambi per terra. Dopo un secondo mi sono reso conto che era lei, Janice! L'ho aiutata ad alzarsi e mi sono scusato perché stavo correndo, spiegando che mio padre non poteva proprio aspettare. Poi ho dato la cartellina a mio papà e sono andato da lei. Abbiamo chiacchierato un po’. Ho scoperto che faceva la stagista presso l’azienda di papà! Com’è piccolo il mondo! Sai, penso che sia stato il giorno in cui è scattata quella scintilla che ci ha portato fuori dalla sfera dell’amicizia. E ben presto ho preso coraggio e le ho chiesto di uscire. E immagina quanto ero felice quando mi ha detto di sì! Oh, e tutti i ragazzi della mia classe erano così gelosi! Era tutto perfetto. Una volta che l'ho conosciuta meglio, ho capito che era migliore di quanto avessi mai potuto immaginare. E mi sembrava di piacerle, perché la nostra relazione andava a gonfie vele. E ben presto è arrivato il momento di presentarla ai miei genitori. Ero davvero preoccupato perché mio padre è un uomo molto severo: ha costruito la sua azienda da zero e ha avuto grande successo, quindi era severo con tutti, anche con me e mia madre. Ho cercato di preparare Janice a quell’incontro, come se fosse un colloquio di lavoro. Ho cercato di essere severo come mio padre e Janice rispondeva a tono. In realtà l'abbiamo fatto di più per divertimento, perché non potevo sapere come si sarebbe veramente comportato mio padre. Magari sarebbe stato calmo e tranquillo, o magari avrebbe fatto scendere tuoni e fulmini. Ma non c'era nient'altro che avrei potuto fare, il momento era giunto. E così ho portato Janice a casa mia per cena. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Ho Fatto Finta di Avere il Cancro per Mettermi in Mostra con gli Amici
Ho Fatto Finta di Avere il Cancro per Mettermi in Mostra con gli Amici
Mese fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao! Io sono Debbie e ho 13 anni. Voglio raccontarti che di recente mi sono inventata una storia per avere l’attenzione dei miei amici. Ma avrei dovuto avere un piano B. Prima di tutto, fino a poco tempo fa stavo in un gruppo, per così dire, che era composto da me e i miei migliori amici: Sophie e Leo. Siamo amici dall’asilo e ho pensato che saremmo stati amici per tutta la vita. Ma, all'inizio di quest'anno, si sono improvvisamente resi conto di piacersi, e non come amici, e così hanno deciso di frequentarsi. E indovina un po’? Loro sono felici, mentre io mi sono ritrovata a essere la terza incomoda. Certo, è normale che volessero passare del tempo insieme, sai, solo per loro due. Continuavo a domandarmi perché volessero stare sempre insieme, intendo, senza di me. E un giorno mi sono resa conto che mi sentivo veramente sola e non volevo più sentirmi cosi. E questo è accaduto mentre, come al solito, stavo aspettando che Sophie e Leo passassero da me per mangiarsi una pizza e vedere un film. Avevo preparato tutto e stavo lì ad aspettare quando ho ricevuto un messaggio da parte di Sophie in cui diceva che lei e Leo erano molto dispiaciuti, ma si erano dimenticati che quella sera dovevano festeggiare il loro anniversario. Un mese insieme! E così, non sarebbero venuti. Questa cosa mi ha fatto troppo arrabbiare! Non solo non dovevano abbandonarmi cosi su due piedi, pensavo, ma mandarmi un sms invece di chiamarmi era oltraggioso. Ovviamente, sono rimasta lì a piangermi addosso per un pochino, ma, purtroppo, non c'era altro da fare se non sedermi, guardare un film e mangiarmi tutta la pizza da sola. Ad essere sincera, penso che sia stata la prima volta in tutta la mia vita che sono rimasta sola un venerdì sera e mi sono sentita davvero strana. Di tanto in tanto, il mio ​​fratellino, Jonathan, si affacciava commentando l'intera situazione. Per riassumere, lui pensava era che fossi una sfigata e che persino i miei amici non volevano stare più con me, e ora non avevo più nessuno con cui passare il venerdì sera. E quando ha visto che mi ero divorata tutta la pizza da sola, ha detto che ero destinata a diventare una zitella acida e grassa, dal momento che nessuno mi avrebbe mai amata. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Ho Discusso con mia Madre a Causa di un Ragazzo. Patetico!
Ho Discusso con mia Madre a Causa di un Ragazzo. Patetico!
Mese fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao gente! Io sono Clarissa. E la storia che vi racconterò è successa un anno fa, e riguarda il fatto che io e mia madre non ci siamo parlate per un paio di settimane a causa di un ragazzo. È successo quando avevo 16 anni. All'epoca vivevo con mia nonna, perché mia madre lavorava in un'altra città. Mia nonna ha sempre fatto l’insegnante di lingue straniere, e quando è andata in pensione, ha iniziato a dare ripetizioni di francese e italiano a casa. Un giorno, quando sono rientrata da scuola, come al solito, ho trovato mia nonna in salotto con un nuovo studente. Sono rimasta colpita! Un ragazzo alto e veramente bello…beh era perfetto. Per me era la prima volta che provavo un'attrazione simile per qualcuno. Non so se definirlo amore o qualcosa del genere, ma sapevo che non mi sarebbe passata. La nonna mi ha gentilmente chiesto di andare di sopra, ma prima di andare via ho notato che mi guardava e non gli ero del tutto indifferente. Più tardi, ho saputo che si chiama Alex e stava morendo dalla voglia di imparare il francese! Oh, lá lá! E visto che aveva appena cominciato, sapevo che sarebbe venuto molto spesso da noi a studiare. Non c'erano porte tra il soggiorno e la cucina, e ogni volta che veniva da noi, sentivo il bisogno impellente di prendermi un tè oppure di leggere qualcosa, proprio lì, così da poterlo osservare meglio. Ovviamente, ero troppo timida per andare oltre e parlagli o mostrargli i miei sentimenti. Inoltre, era più grande di me. Poi, ho saputo dalla nonna che aveva 24 anni. Ma, sai, non era una differenza cosi grande e io continuavo a fantasticare sul fatto che ci saremmo innamorati, avremmo passeggiato nel parco, tenendoci per mano e cose del genere. Penso proprio che i miei sentimenti fossero abbastanza evidenti, perché mia nonna non ci ha messo molto per capire cosa provavo per Alex, e mi faceva l'occhiolino, o rideva sotto voce. E una volta ho fatto una figuraccia assurda. Oh, mi vergogno ancora adesso se ci penso! Una volta, la nonna mi ha chiesto di aggiungere un po’ di fertilizzante all’aiuola e mentre lo facevo, mi sono sporcata di letame. E poi quando ho finito, sono rientrata in casa, tutta sporca e sudaticcia, e c’era Alex. Lui era entrato e io non me ne ero nemmeno accorta, e poi mi ha vista tutta sporca e puzzolente. Si è dovuto coprire la bocca e il naso a causa della puzza!! Mi sono precipitata di sopra e ho cercato di evitarlo per i giorni successivi. Ero troppo imbarazzata! Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
La Mamma dice che Papà è Cattivo. Ma io l’ho Trovato e Conosco la Verità
La Mamma dice che Papà è Cattivo. Ma io l’ho Trovato e Conosco la Verità
Mese fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao ragazzi. Io mi chiamo Kira e questa è mia sorella Leia. Di recente abbiamo attraversato mezza nazione per trovare nostro padre, che non avevamo mai incontrato Sì, esatto, non abbiamo mai conosciuto nostro padre. Nella nostra famiglia esiste una specie di “maledizione”. Per quasi ottant'anni, tutte le donne della famiglia hanno vissuto senza uomini. Il nostro bisnonno è morto in guerra e mia nonna è cresciuta senza avere un papà. Poi suo marito l'ha lasciata e ha cresciuto nostra madre da sola. E nostro padre se n'è andato quando sono nata io, e mia sorella Leia aveva 3 anni. La mamma ha detto che nostro padre non voleva avere un secondo figlio. Quindi quando è rimasta incinta di me, lui se n’è andato. E di lui non sapevamo altro. Certo, tutto questo non ci stupisce, pensiamo che dovesse andare cosi, e che siamo la quarta generazione destinata a vivere senza una presenza maschile in famiglia. Ma mia sorella voleva rompere questa maledizione e sposarsi. E ci è riuscita. Non appena Leia ha compiuto 18 anni, il suo fidanzato le ha fatto la proposta. Ma c’è un evento oscuro che ha cambiato tutto. Una notte ho ricevuto una chiamata. Mia madre era in ospedale. Era stata coinvolta in un incidente mentre tornava a casa dal lavoro. Mi sono precipitata in ospedale, ma non sono riuscita ad arrivare in tempo e non ce l'ha fatta. Non ho nemmeno avuto modo di dirle addio. Questa è la cosa peggiore che sia mai successa a me e mia sorella. Abbiamo pianto così tanto, ed eravamo a pezzi. Inoltre, si sono aggiunti altri problemi. Il fatto è che ero ancora minorenne e avevo bisogno di un tutore legale. Leia, come sorella maggiorenne, voleva farmi da tutore, e non avremmo avuto alcun problema. Ma il nuovo marito si è messo in mezzo. Non voleva che una ragazza di 15 anni andasse a vivere improvvisamente con loro. Quindi gli ha detto di fare una scelta: o io o lui. Non volevo che rovinasse il suo matrimonio per colpa mia, non avrei fatto altro che rinnovare la maledizione e non potevo convivere con una cosa simile. Quindi la cugina di mia madre è stata nominata mio tutore. Vive in un'altra città e mi sono dovuta trasferire. Mia sorella era arrabbiata, ma l'ho incoraggiata e le ho detto che sarebbe andato tutto bene. E che, dopo soli tre anni, avrei avuto 18 anni e sarei ritornata da lei. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Ho Provato ad Appiccare Un Incendio per Impressionare una Ragazza
Ho Provato ad Appiccare Un Incendio per Impressionare una Ragazza
Mese fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao! Io mi chiamo Tim, e questa è una storia su come volevo impressionare una ragazza a tal punto che ho quasi bruciato una casa. E c’erano delle persone dentro. Non è da me, e non riesco a capire come abbia potuto far accadere una cosa smile. Beh, in pratica, tutto è iniziato con una bugia. Ancora prima di tutto questo, mi ero innamorato di una ragazza della mia scuola che è un anno più grande di me. Si chiama Olivia ed erano settimane che cercavo di parlarle. Rimanevo oltre orario a pranzo, sperando che ci fosse un momento per iniziare una conversazione "casuale". Ma per molto tempo non è successo niente, ero troppo timido per parlarle. Ma poi, durante una di quelle pause pranzo, ho sentito Oliva che parlava con il suo compagno di classe. Stavano parlando di un gruppo di ragazzi più grandi, che, in realtà, sono piuttosto popolari nella nostra scuola. Li chiamerò “The Crew”. Non riesco a dirti cosa hanno di così speciale, forse ... tutto? Nel dizionario, sotto la parola "figo" troverai sicuramente le loro foto. Sono 3 ragazzi e 2 ragazze, e stanno sempre insieme, hanno formato una band di musica elettronica e fanno degli spettacoli non solo nella nostra scuola, ma anche in alcuni locali della città. Dimostrano almeno 25 anni, sono "fichi" e popolari, e non hanno mai fatto del male a nessuno. Inoltre, se vedono qualcuno vittima di bullismo, fanno di tutto per proteggerlo. Ma a parte tutto questo, vanno in giro sempre in gruppo e non parlano con nessun altro. E Olivia era relativamente nuova nella nostra scuola e stava dicendo alla sua amica che avrebbe voluto conoscerli, ma non sapeva come fare. Io me ne stavo seduto al tavolo accanto al suo, con il mio amico Jim. Non sono uno stalker ... non credo almeno ..., e non ho idea di cosa mi frullasse per la testa ... ma ho pensato che fosse la mia occasione. Mi sono girato verso il suo tavolo, mi sono scusato per aver ascoltato la sua conversazione e le ho detto che conoscevo abbastanza bene “the crew” e che potevo farglieli conoscere. E quella sì che era una grossa e spudorata bugia. Chissà come mai ho mentito, forse non ero molto lucido! Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Il mio Patrigno ha Deciso che suo Figlio è Migliore di Me
Il mio Patrigno ha Deciso che suo Figlio è Migliore di Me
Mese fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao, io sono Ethan. So che è difficile da credere, ma ho solo quattordici anni. Sembro più grande, lo so! Ho ereditato questa caratteristica da mio padre. Quanto al secondo figlio di mia madre, Justin, ha sette anni e non dimostra un mese in più. Quando lui è nato, mio ​​padre ha lasciato Houston, dove la nostra famiglia viveva, per sempre. Forse hai già indovinato, Justin non è suo figlio. E io, all’epoca, avevo solo sei anni, ed ero troppo piccolo per capire cosa stesse succedendo. È andata cosi: mia madre ha detto a mio padre che aspettava un figlio e che voleva il divorzio, perché lei voleva vivere con un altro e crescere il LORO figlio insieme. E mia madre ha anche deciso che io sarei rimasto con lei. E ha insistito sul fatto che mio padre mi stesse lontano, perché il nuovo marito mi avrebbe trattato come se fossi suo figlio e io ero abbastanza piccolo da accettare questi cambiamenti e sperare di essere felice. E qualsiasi tentativo di "condivisione" avrebbe solo portato stress inutile a tutti. Magari non ci credi, ma aveva ragione. Mi sono adattato facilmente alla nuova situazione. All’inizio, come per chiunque, mi mancava mio padre, ma in seguito mi sono abituato al pensiero che mio padre fosse andato "al nord" e che tutto doveva essere così com’era. Non posso di certo rimproverare Sean, ha provato duramente, e con grande entusiasmo, a essere un buon genitore. Questo prima che nascesse Justin. Suo figlio. Mia madre, beh, lei mi trattava allo stesso modo, per lei non c'era differenza. Ma non era così per Sean. Non era cattivo con me ... almeno, non all'inizio. Ma se si trovava a dover scegliere, era sempre a favore di Justin. Tutti i suoi successi erano elogiati e tutti i suoi problemi sono stati trattati con grande empatia. E la mia vita è rimasta da qualche parte, in attesa. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Stavo per Sposare la mia Ragazza e poi ho Trovato l’Amore. Sono un Traditore
Stavo per Sposare la mia Ragazza e poi ho Trovato l’Amore. Sono un Traditore
Mese fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ehi! Io sono Rob. E voglio che tu faccia una cosa per me. Chiudi gli occhi e immagina: una costa senza confini, la parete di montagna in lontananza con un faro antico in cima e i tetti di terracotta piastrellati di piccole case sotto di essa. Un panorama mozzafiato, non è vero? Questo è il paesaggio che ho sempre visto fin da quando ero piccolo. Sono nato e cresciuto in una bella e accogliente casa sulla spiaggia. Non era molto grande, ma i miei genitori sono riusciti comunque ad affittare la metà per guadagnarsi da vivere. Uno degli ospiti più straordinari che abbiamo avuto è stato un ex chef di uno dei ristoranti più eleganti di quel tempo, il signor Rossetti. Apparentemente, gli piaceva mia madre e flirtava con lei quando mio padre non guardava. Le ha insegnato a cucinare tante cose diverse, e mi piaceva vedere come creava in cucina. Allora non sapevo che avrei trovato i suoi consigli in cucina e il suo modo di flirtare abbastanza utili in futuro. Beh, presto capirai Ma i miei ospiti preferiti erano i Rodgers, che una volta hanno passato l'intera estate con noi. Emily, la figlia, ha solo un paio di anni più di me ed era molto divertente e ... Beh, cosa posso dire? Non ho potuto fare a meno di innamorarmi di lei. È stata la prima volta in cui mi è piaciuta una ragazza, ero molto timido e non sapevo come comportarmi. E trascorrevo la maggior parte del mio tempo a guardarla mentre disegnava: era molto brava. Emily mi è mancata molto quando è andata via, ma, sai, avevo solo 10 anni e il mio cuore non era ancora in grado d soffrire per amore, anche se mi ritrovavo spesso a pensare a lei e a come ci divertivamo insieme. E poi sono passati circa quattro anni prima di sentir parlare nuovamente dei Rodgers. Ed è stato quando mia madre mi ha detto che sarebbero tornati a trovarci. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Io sono un Eroe ma Nessuno mi Crede
Io sono un Eroe ma Nessuno mi Crede
Mese fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao ragazzi, io mi chiamo Nick. E penso di avere molte storie da raccontare visto che mi caccio sempre nei guai. Molte cose che faccio sono stupide, e a volte, anche divertenti. Ma l’episodio che ti racconterò oggi è quello che ha portato a conseguenze notevoli. Qualcuno potrebbe pensare che io me lo sia meritato e, in realtà, non mi interessa cosa pensano gli altri. Beh, ecco la mia storia. Posso dirti che non sono mai stato un "bravo" ragazzo. I miei genitori dicono che non faccio altro che combinare qualche guaio. Loro lavorano tanto, quindi non abbiamo mai trascorso molto tempo insieme, ma, beh, non ne ho mai avuto bisogno. Sono sempre solo e vivo come voglio, e tutti mi odiano perché sono me stesso. Questo è quanto! Ogni volta che litigo con i miei, tirano fuori le stesse cose: non studio, rompo le cose, sono aggressivo e maleducato. Li odio. E non odio solo i miei genitori, ma anche i miei insegnanti, le mie zie e i miei zii e gli adulti in generale, che non sanno nulla della mia vita. Comunque, questa cosa è successa a maggio. Mio padre aveva ricevuto un'altra telefonata dalla scuola sul fatto che ero inutile e stupido e si è arrabbiato. Voglio dire, è impazzito. Così mi hanno messo in punizione quel fine settimana, non potevo uscire e dovevo studiare per 2 giorni di fila. Se fossi uscito di casa, a meno che la casa non fosse andata in fiamme o qualcosa del genere, o se avessi acceso la PlayStation o mi fossi distratto, non mi avrebbero più permesso di andare a trovare mio fratello Kev, quell'estate, e per me era la cosa a cui tenevo di più. Vive a cinquecento chilometri di distanza ed è praticamente l'unica persona che non mi chiama “idiota”. Ci divertiamo molto, giochiamo a FIFA, andiamo a pescare e stiamo semplicemente insieme. Il periodo che più preferisco è quando sto con lui. E se i miei genitori mi dicono che devo rimanere a casa, lo devo fare. Quindi, non potevo sgarrare. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mia Madre è un'Accumulatrice. Viviamo nella Spazzatura!
Mia Madre è un'Accumulatrice. Viviamo nella Spazzatura!
Mese fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao, io sono Nora. E ho 17 anni. E, beh ... mia madre lotta con il disturbo da accumulo da 5 anni. Potresti pensare che sia una cosa da niente, ma credimi ... non lo è. Tutto è iniziato 5 anni fa, quando avevo 12 anni e mio fratello Kaleb ne aveva 8. Quell'anno ... papà è morto di cancro ed è stato davvero molto, molto difficile per tutti, ma soprattutto per mia madre. Ha iniziato ad accumulare oggetti in casa. Era tutto così sporco e disordinato che era IMPOSSIBILE girare scalzi. Se camminavamo senza scarpe i nostri piedi diventavano neri per quanto era sporco. Ogni stanza era piena zeppa di scatole, giornali, vestiti, scarpe e mobili. Era pazzesco, e avevamo solo delle piccole aperture da attraversare, e non era facile passarci. E mia madre portava sempre più roba dentro casa. La cucina era così piena di oggetti e piatti sporchi che la mamma ordinava sempre a portar via in modo da non dover usare la cucina. La cosa peggiore erano gli INSETTI e ... altre strane creature. C’erano scarafaggi, topi e ratti. Per il mondo esterno eravamo una famiglia normale, ma ovviamente la mamma non faceva più venire nessuno a casa. Non vedevo l'ora di compiere 18 anni cosi d’andarmene a studiare da qualche parte, ma sapevo che non potevo... perché c’era mio fratello. Vedi, vivere in quelle condizioni lo aveva condizionato molto più di me. Era SEMPRE malato e aveva un sacco di allergie. Non c'è stato giorno in cui non starnutisse. Non potevo lasciarlo, e beh, non potevo neanche lasciare mia madre. Ogni volta che provavo a dirle di buttare via qualcosa, lei cercava di dirmi quanto fosse IMPORTANTE. “Oh no, non buttare via quella vecchia rivista, la devo leggere. Non buttare via quella scatola, ci potrebbe servire!” Non potevamo più vivere così, e una settimana, quando mia madre è andata in vacanza e noi dovevamo rimanere a casa della zia Rose, abbiamo deciso di ripulire la casa. Zia Rose ci ha aiutato e ha assunto degli addetti alle pulizie e traslochi, e nel giro di una settimana siamo riusciti a ripulire solo due stanze. Sì, c’era così tanta roba che non siamo riusciti a ripulire tutto. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Ho Beccato la mia Ragazza con il suo Prof
Ho Beccato la mia Ragazza con il suo Prof
Mese fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ehi. Io mi chiamo Dave e ho 20 anni. Penso che tutti sappiano cos'è la gelosia, e molte persone l'hanno persino provata ... Ma, nel mio caso, è andata molto oltre. A causa della gelosia ho rovinato il mio futuro. Vabbè, adesso ti racconto la mia storia. Tutto è iniziato l'anno scorso, al bar dell’università. Ho visto una ragazza bellissima che stava mangiando a un altro tavolo. Non so cosa mi sia successo, ma non riuscivo a distogliere lo sguardo da lei. La fissavo e mi sembrava di avere il cervello bloccato per circa 2 minuti ... e si è riacceso solo quando lei mi è venuta incontro. Quel bel viso mi ha detto: "Ehi idiota, ma cosa guardi?". Sinceramente, se avesse detto qualcosa di diverso, forse non mi avrebbe colpito così tanto, ma dopo quel "idiota", ero totalmente perso. Dopo quell’episodio, l'ho trovata su Facebook, l'ho aggiunta come amica, mi sono subito scusato per quella situazione imbarazzante e ho spiegato che normalmente non fisso le ragazze, ma che lei era un'eccezione. Si è messa a ridere e ha detto che, in realtà, non le era dispiaciuto. Abbiamo parlato del più e del meno e ci siamo scambiati alcuni meme. Era tutto perfetto, solo che non mi aveva detto di un piccolo dettaglio. Quando le ho chiesto di uscire, la sua risposta mi ha stupito. Aveva già un fidanzato. E io ero tipo "Cosa?". Ma se aveva un ragazzo, perché tutta quella confidenza? Non solo ma, perché flirtava con me? E cosi gliel’ho chiesto e la sua risposta è stata davvero interessante ... Ha detto che le piacevo e che era stanca del suo ragazzo. Per me quella risposta significava che nonostante avesse un ragazzo non era felice, e sapevo che, alla fine, si sarebbe messa con me. E, come avevo previsto, dopo un paio di giorni ha lasciato il suo ragazzo. E abbiamo iniziato a frequentarci. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mi Sto per Sposare con il Figlio del Nemico di mio Padre. Come Romeo e Giulietta!
Mi Sto per Sposare con il Figlio del Nemico di mio Padre. Come Romeo e Giulietta!
Mese fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao! Io sono Ambra. Questa storia è iniziata molto tempo fa, ma ti parlerò del momento della svolta, perché ancora oggi influenza la vita di molte persone. Bene, lascia che cominci dall'inizio. Mio padre ha avuto un amico da sempre. Ed è il suo migliore amico, il signor Bridges, e vivevano sulla stessa strada quando erano molto giovani. Sono andati alla stessa scuola e poi alla stessa università, dove hanno studiato legge. Proprio cosi, e hanno condiviso il loro primo lavoro, ed è stata la prima volta nella storia dell'azienda che a due contendenti è stato offerto ad entrambi un impiego. Non era una sorpresa quando entrambi si sono sposati nello stesso anno e hanno avuto dei figli entro sei mesi l'uno dall'altro. Ed è ovvio che, essendo io e Ben cresciuti insieme, ci siamo innamorati l'uno dell'altra non appena abbiamo compiuto 16 anni. Tutto era perfetto e i nostri padri erano strafelici pensando al fatto che un giorno saremmo diventati un’unica famiglia. Frequentavo Ben da circa un anno quando, come succedeva spesso, siamo andati a casa sua per cena. Ma quando abbiamo aperto la porta abbiamo sentito i genitori che litigavano in cucina. Non ci avevano sentito entrare, il padre urlava molto forte e la madre stava cercando di calmarlo urlandogli sopra. Comunque, anche se facevo quasi parte della famiglia, pensavo che sarebbe stato meglio se fossi ritornata a casa. Immagina la mia sorpresa quando sono tornata a casa e ho assistito alla stessa esatta scena, con i miei genitori che si urlavano a vicenda. Così, sono andata in camera mia, ma prima di arrivarci, ho incontrato mio padre sulle scale. Sembrava molto arrabbiato e mi ha chiesto dove fossi stata. Ho provato a raccontargli del litigio a cui aveva assistito a casa di Ben, ma stranamente mi è sembrato che, il solo fatto di menzionare la famiglia di Ben, lo facesse arrabbiare ancora di più. Non ha voluto ascoltarmi ed è andato giù di sotto, dicendo parolacce sotto voce, credo rivolte al suo migliore amico. Era davvero strano, e così ho deciso di parlarne con Ben. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
La Madre del mio Fidanzato ha Deciso di Distruggere il Nostro Amore. E l’ha Fatto Davanti a Tutti!
La Madre del mio Fidanzato ha Deciso di Distruggere il Nostro Amore. E l’ha Fatto Davanti a Tutti!
Mese fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ehi! Io sono Audrey. E lei è la signora Mackenzie, la mamma del mio ragazzo. Beh, in realtà, non stiamo più insieme e questa donna ne è la causa. Quando è successo, stavo con Stuart già da un anno. La nostra relazione era praticamente perfetta tranne che per la madre che non si faceva mai i cavoli suoi. Vedi, io non le sono mai piaciuta. Sin da quando ho iniziato a uscire con Stuart, non voleva nemmeno conoscermi. Ogni volta che gli chiedevo perché non andavamo mai a casa sua, mi diceva che la madre pensava di incontrare la sua fidanzata solo quando lui era pronto per sposarsi, e noi non lo eravamo, almeno non ancora. Non è che questo mi abbia reso triste o qualcosa del genere, ma mia madre conosceva Stuart e pensavo solo che mi sarei sentita più a mio agio a conoscere i suoi genitori. Tutto qui. Ad ogni modo, quando finalmente ho conosciuto sua madre, fu durante la serata del compleanno della nonna di Stuart, quindi, in pratica, era stata la nonna a invitarmi, ma nonostante tutto, la signora Mackenzie mi è sembrata educata e gentile. Abbiamo chiacchierato un po’, e ho pensato che fosse sufficiente per una serata così impegnativa. E dopo circa una settimana mi ha invitato a cena, ed è stato allora che ho percepito la tensione tra di noi. Prima di tutto, io non mangio carne e Stuart avrebbe dovuto avvisare la madre. In realtà, mi ha promesso che lo avrebbe fatto, ma quando ho visto i piatti, ho notato che c'era MOLTA carne, e inizialmente, la signora Mackenzie mi ha detto che Stuart non le aveva detto niente e poi mi ha detto che forse era troppo occupata quando lui le aveva detto delle mie restrizioni alimentari e che, probabilmente, non gli aveva dato retta. Beh, le ho detto che era tutto a posto, e poi ho passato tutto il tempo a cercare di togliere la carne dal mio piatto. Quando abbiamo finito di cenare, la signora Mackenzie ha detto che avremmo mangiato la torta con del tè, in salotto. Normalmente, non mi piacciono le torte o i dolci, ma avevo ancora fame. Inoltre, era stata proprio la signora Mackenzie a prepararla, per cui ho pensato che un pezzettino non mi avrebbe fatto male. Ma, onestamente, faceva proprio schifo. Certo, non potevo farle capire che non mi piaceva, sai, dopo tutto il discorso di “io non mangio carne", non volevo essere scortese. Quindi, ho continuato a mangiare quella maledetta torta il più velocemente possibile, masticandola a malapena. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Ho Sacrificato me Stessa per Salvare la Vita di 30 Persone
Ho Sacrificato me Stessa per Salvare la Vita di 30 Persone
Mese fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao! Io mi chiamo Abigail e ho tredici anni. Di recente, la mia vita si è trasformata in un gran casino. Ho anche iniziato a pensare di aver perso la testa dopo quello che è accaduto alla mia famiglia. Beh, il fatto è che ho paura dei miei sogni. E c’è una ragione se è così. In famiglia non avevamo nessun tipo di problema, e io, mia mamma e mio papà vivevamo una vita del tutto normale. Mia madre era una casalinga e mio padre aveva recentemente avuto un’importante promozione al lavoro. Era fantastico, ma spesso, doveva andar via e a noi mancava moltissimo. Ma poi tutto è cambiato in peggio. Mio padre stava per tornare a casa da un'altra città, e io ero molto emozionata. Sono andata a letto tardi quella notte. Ho chiuso gli occhi e ... ho visto qualcosa di incredibile. Mio padre e io stavamo guardando le stelle cadenti nella foresta. Mi stava raccontando delle costellazioni, quando, improvvisamente, il terreno ha iniziato a tremare. Mio padre è scivolato ed è sparito nell'oscurità. Mi chiamava e mi chiedeva aiuto, ma io non riuscivo a respirare o a muovermi. Poi c’è stato un lampo di luce e ... Io ero seduta sul mio letto con gli occhi spalancati. Mi ci è voluto un po’ per capire che era solo un sogno, ma dopo non sono riuscita più a chiudere occhio. Sentivo ancora la voce di mio padre che mi chiamava. E non riuscivo a calmarmi, così sono andata in camera da letto di mia madre e le ho detto del mio incubo con le lacrime agli occhi. Ero terrorizzata e mi sentivo che dovevamo chiamare mio padre e controllare. Mia madre pensava che fosse folle chiamarlo nel cuore della notte, ma io ho insistito. E mio padre era davvero sorpreso di sentire un: "Ehi, ma stai bene?" alle tre del mattino, e per fortuna stava bene. E cosi, è tornato a casa sano e salvo. Con mia madre abbiamo preparato una cena speciale per papà e abbiamo anche fatto qualche battuta sul mio sogno. La mattina dopo mio padre mi ha portata a scuola. Mi ha fatto l'occhiolino e ha detto: "Probabilmente un giorno troveremo quella foresta con le stelle cadenti." Poi si è messo a ridere in modo buffo ed è andato al lavoro. Non sapevo che sarebbe stata l'ultima volta che lo avrei visto. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
La Fidanzata di Papà ha Portato a Casa degli Amanti mentre lui Era via per un Viaggio di Lavoro
La Fidanzata di Papà ha Portato a Casa degli Amanti mentre lui Era via per un Viaggio di Lavoro
Mese fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ehi ragazzi. Ciao, io sono Nicole e di recente io e mio padre ci siamo trovati in una situazione terribile. Il fatto è che abbiamo dovuto lasciare casa perché le ho dato fuoco. Aspetta, adesso ti racconto tutto. In passato abbiamo vissuto in quartieri non molto raccomandabili. Papà cambiava spesso lavoro e quindi ci dovevamo spostare regolarmente. Ma di recente, lo hanno assunto in uno studio legale molto prestigioso, quindi le cose sono andate meglio. Inoltre, ha anche iniziato a frequentare una donna. Per davvero! E quando è successo, ho pensato "Wow, papà è tornato in gioco, ma che bello!" A quanto pare, aveva iniziato a frequentare il suo capo: Amanda. E poi ho pensato "Umm ... ma si può?". Stavo solo pensando che il lavoro poteva influenzare la loro relazione e le cose potevano mettersi male. Ma dopo qualche mese, ci siamo trasferiti a casa di lei. E devo dire che pensavo che avremmo avuto una vita fantastica. Non era soltanto una “casa”, era una mega villa. E per la prima volta in vita mia, avevo una camera tutta mia e la casa aveva una piscina e una palestra. Ero così felice! Fino a quel fatidico giorno ... Stavo girando per il centro della città quando sono passata davanti alla vetrata di un ristorante. Ho dato un'occhiata all'interno e poi ho pensato "Aspetta, che cosa?". Ho fatto un passo indietro, ho guardato di nuovo e sono rimasta molto sorpresa. La fidanzata di papà era seduta a un tavolo e si stava baciando con un altro! Poi ha alzato lo sguardo e mi ha vista. Si è subito alzata e mi ha raggiunta alla porta. Oooh, ero così arrabbiata. Stavo per dirle alcune paroline, ma mi ha subito fermato. È il tipo di donna che vuole controllare, hai capito cosa intendo?! Mi ha chiesto cosa volevo per non dire nulla a mio padre. Questa cosa mi ha fatto infuriare ancora di più. Ho iniziato a dirle quanto mio padre ci tenesse a lei e che lei lo aveva tradito. E poi mi ha dato un ultimatum. Se avessi detto qualcosa a mio padre, lo avrebbe licenziato e ci avrebbe cacciati a calci da casa sua. Sapevo quanto mio padre amasse il suo lavoro e che era un’occasione per svoltare veramente. Così ho accettato di tenere la bocca chiusa. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Sono Scappata Sall'orfanotrofio con il Mio Unico Amico. Morivamo di Fame
Sono Scappata Sall'orfanotrofio con il Mio Unico Amico. Morivamo di Fame
Mese fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao! Mi chiamo Rebecca. Credo che ogni bambino sogni sempre di diventare grande, di fare tutto ciò che vuole nella propria vita e di realizzare i propri sogni. L'ho pensato anch'io. Recentemente ho compiuto 18 anni, quindi ora mi sento libera. Ma che penseresti se ti dicessi che tutti i miei sogni sono stati infranti? Sono nata in California. Ho avuto la vita più felice che tu possa mai immaginare. Mia madre era una fotografa di successo, quindi non ci mancava nulla. Ma un giorno è cambiato tutto. Una mattina ero ancora a letto quando ho sentito bussare alla porta. Poi ho sentito mia madre parlare ad alta voce e discutere con qualcuno. Corsi di sotto e vidi mia madre ammanettata. C'erano quattro poliziotti che la trascinarono fuori di casa e chiusero la porta. Ero in stato di shock, incapace di muovermi o piangere. Poi qualcuno bussò alla porta. Erano alcuni responsabili dei Servizi di protezione dell'infanzia. Mi dissero che mia madre era stata arrestata per aver commesso un crimine e che non sarebbe tornata a casa per un bel po’. È stata una cosa terribile per me. Ho cercato di convincermi che questo fosse un grosso errore e tutto sarebbe tornato a posto prima o poi, ma non è andata così. Mentre mia madre era sotto inchiesta, sono stata per un po’ di tempo in un centro di assistenza all'infanzia, prima di andare in una famiglia affidataria. Ho trascorso solo due settimane lì, ma avevo già capito in che situazione mi trovavo. Ero davvero in "ottima compagnia" - giovani autori di reati, criminali, ribelli e teppisti. Ed ero solo una ragazza innocente di 15 anni che non aveva quasi mai detto una parolaccia. Indossavo abiti costosi, ma li avevo rubati tutti, e li ho strappati a brandelli la mia prima notte. I bambini mi chiudevano in bagno e mi rubavano le cose e il pranzo. Ogni giorno era una tortura ... Fino a quando non ho incontrato Tyler. Stavo andando nella mia stanza quando mi sono ritrovata circondata da bulli. Ma sono stata fortunata a non dover scoprire cosa avrebbero potuto farmi. Un ragazzo più grande spuntò da dietro l'angolo. Deve essere stato una leggenda locale o qualcosa del genere, perché tutti mi hanno lasciata sola. Mi disse che dovevo stare più attenta e non camminare nei corridoi da sola. Da quel momento in poi, non ho dovuto più camminare da sola, perché Tyler mi accompagnava ovunque andassi. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Il mio Cervello sta Lentamente Morendo. Ho solo un Anno di Vita
Il mio Cervello sta Lentamente Morendo. Ho solo un Anno di Vita
Mese fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao, ragazzi. Io mi chiamo Dave. La mia storia è triste, e spero che non capiti nulla del genere a nessuno di voi, ma ecco un esempio di come una persona attraversa le cinque fasi del dolore. E ti dirò anche come gestirle. Come succede di solito, tutto inizia nel periodo meno appropriato. Avevo appena compiuto 16 anni, avevo una straordinaria madre, i migliori amici al mondo e una bellissima ragazza. E poi ho iniziato ad avere mal di testa. Niente di insolito, vero? Ho pensato che fosse a causa del tempo o per la mancanza di sonno. Quindi, ho semplicemente preso degli antidolorifici e sono andato avanti per i fatti miei. Ma dopo un paio di settimane, ho avuto le vertigini, e questo ha peggiorato le cose. Ero sdraiato sul letto, ma mi sembrava di dondolare avanti e indietro ... come se fossi su una nave in una tempesta o qualcosa del genere. Ovviamente, sono dovuto andare dal dottore. Durante la visita, mi ha esaminato e mi ha detto che dovevano fare una risonanza magnetica del mio cervello, una cosa comune per i miei sintomi. Dopo il test, abbiamo aspettato i risultati nel corridoio. Ho visto quanto fosse preoccupata mia madre e aveva gli occhi lucidi. Io ero un po’ confuso, ma poi mia madre mi ha detto che, anni fa, mio ​​padre si era sottoposto a un intervento chirurgico e che aveva avuto una brutta malattia. I dottori dissero a mio padre che aveva solo due anni di vita e lui ha voluto lasciare nel mondo qualcosa di suo. E cosi, un anno dopo, sono nato io. E un anno dopo, lui è morto. Mia madre mi ha sempre detto che gli assomiglio. Ma io non me lo ricordo... La situazione non era delle migliori. E io volevo tirarla su di morale, cosi le ho detto che sicuramente non avevo il cancro e che presto lo avrebbero confermato. Ma mi sbagliavo. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
La mia Famiglia è Totalmente Matta! Ho un Papà e tre Mamme
La mia Famiglia è Totalmente Matta! Ho un Papà e tre Mamme
Mese fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao a tutti! Io mi chiamo Lisa, ho diciotto anni, e vivo a Seattle insieme alla mia famiglia ... mhmm, e perché ti sto dicendo questo? Perché non ho idea di come iniziare a raccontarti la mia storia. Dopotutto, riguarda mio padre e mia madre, e anche la fidanzata di mio padre e ... oh, e la fidanzata di mia MADRE. Sì, hai sentito bene. Fino a poco tempo fa non sapevo che la mia famiglia fosse così ... complicata. Vivevamo una vita normale ... tranne per il fatto che mio padre lavora nella città di Vancouver, città da dove proviene, quindi è spesso via per molto tempo. A volte, porta con sé mia madre, ma per qualche ragione io non ci sono mai stata. Beh, ora capisco perché! Tutto è iniziato l'estate scorsa, quando Roberta, una lontana parente di mio padre e una sua amica d’infanzia, è venuta da Vancouver a farci visita. Mia madre mi disse che Roberta ci aveva già fatto visita in diverse occasioni, ma era molto tempo fa, quando io ero ancora piccola, ed è per questo che non me la ricordavo. Dopo che mia madre mi ha mostrato le foto di Roberta il giorno del loro matrimonio, mi ha detto più volte che Roberta era una brava persona e che dovevo essere gentile. Eppure questa cosa non mi sconfinferava: non avevo nulla contro Roberta, ma perché mia madre se n’era uscita cosi? E un’altra cosa strana è accaduta dopo l’arrivo di Roberta. Abbiamo cenato tutti insieme e ci siamo visti un bel film, e poi quando è arrivato il momento di andare a dormire, è emerso il dilemma di dove avrebbe dormito Roberta. Noi avevamo una camera da letto in più e mia madre insistette che Roberta restasse da noi. Ma Roberta ha detto che non voleva dare fastidio. Nello stesso momento, si è scoperto che Roberta sarebbe rimasta per due settimane e mia madre ha insistito sul fatto che Roberta non doveva spendere così tanti soldi per un hotel. E Roberta ha risposto che non voleva disturbarci, e mio padre è rimasto muto, finché poi non ha detto che lui sarebbe andato a Vancouver due giorni. L'intera conversazione non aveva molto senso: in primo luogo, perché hanno dato così tanta importanza alla cosa? E in secondo luogo, cosa avrebbe fatto Roberta a Seattle per due settimane se sapeva benissimo che mio padre se ne sarebbe andato? Dopotutto, Roberta era parente e amica di mio padre! Non era venuta per lui? Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Ho dato Tutti i miei Soldi per Salvare il mio Migliore Amico. Ma mi ha Mentito!
Ho dato Tutti i miei Soldi per Salvare il mio Migliore Amico. Ma mi ha Mentito!
Mese fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao ragazzi, io sono Ricky. Ditemi, avete mai sofferto per aiutare qualcuno? Io sì. Ecco la mia storia su come ho catturato un ladro, ma poi l’ho lasciato andare. Tutto è iniziato quando un nuovo studente, Mike, è arrivato nella nostra scuola. Come al solito, adattarsi non è facile. E a peggiorare le cose, questo ragazzo era timido e silenzioso. Naturalmente, i nostri compagni di classe, quelli "più fichi", hanno subito iniziato a prenderlo in giro. Ma a me dispiaceva per lui e volevo aiutarlo. Probabilmente, anche perché sapevo come si sentiva! Quindi, abbiamo iniziato a parlare e presto siamo diventati amici. Trascorrevamo molto tempo insieme sia a scuola che alle lezioni di musica. L'ho persino invitato a casa mia per giocare alla Xbox o solo per stare un po’ insieme. E ben presto siamo diventati molto amici. E io ne ero molto felice, perché Mike era praticamente il mio unico amico. I problemi tra noi sono iniziati subito dopo il mio compleanno. I miei genitori mi hanno dato dei soldi e ho deciso che volevo comprare una nuova chitarra. Ne ero entusiasta e volevo condividere la mia gioia con il mio migliore amico. Quindi ho fatto venire Mike a casa mia e ci siamo messi al computer a cercare delle le chitarre su Internet. E finalmente abbiamo trovato la migliore. Oh sì, una Fender Stratocaster. Non è solo una chitarra, è un sogno. Era costosa e volevo assicurarmi di avere abbastanza soldi. Così ho preso la scatola dallo scaffale e ho contato tutte le banconote. Ne avevo abbastanza! E presto avrei avuto la migliore chitarra di sempre e forse avremmo potuto mettere insieme una band! Ero così emozionato. Ed ero ancora più felice di condividere quest’emozione con il mio amico Mike! Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
I Miei Genitori Hanno Adottato Un Bambino Down E Da Allora Mi Hanno Ignorata
I Miei Genitori Hanno Adottato Un Bambino Down E Da Allora Mi Hanno Ignorata
Mese fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao! Io sono Zoe, e ho quattordici anni. Di recente ho imparato che la gelosia è il sentimento più orribile del mondo. Ti acceca completamente, e ti spinge a fare cose davvero molto sbagliate. Oggi voglio raccontarvi in tutta onestà la mia storia, e di cosa mi spinse a fare la gelosia. I miei genitori sono tutti e due ginecologi, sono molto apprezzati nel loro lavoro, e si impegnano al massimo. Malgrado mia mamma e mio papà adorino i bambini, è capitato che avessero un'unica figlia... io. E se devo dirvi la verità, a me andava benissimo così. Avevo tutto il loro amore, e le loro cure e attenzioni. Peccato però che quel paradiso non sarebbe durato a lungo... Un giorno i miei genitori mi convocarono in cucina, con fare cospiratorio, e mi dissero che avevano una grande sorpresa per me. Io ovviamente ero curiosissima. Ma non sapevo ancora che quella “sorpresa” avrebbe cambiato per sempre le nostre vite. I miei mi rivelarono che stavano per adottare un bambino! Un bambino “speciale”... per me fu come una pugnalata alle spalle! Perché, mi chiedevo, io non vi basto? Non capivo assolutamente! Era successo che nella clinica dove lavoravano, nel reparto maternità, un neonato era stato abbandonato. La madre lo aveva abbandonato perché era nato con la sindrome di Down. E miei valorosi genitori ovviamente non potevano voltarsi dall'altra parte. Ma mi promisero che non sarebbe cambiato niente, che mi avrebbero amata come e più di prima. Saremmo diventati una grande famiglia felice, e tutte cose del genere. Per un po' decisi di credere alle loro parole, ma insomma, all'epoca avevo soltanto otto anni, e non mi rendevo conto di cosa fosse la sindrome di Down e perché quel bambino fosse “speciale". Il bambino, Ethan, venne portato a casa e i miei organizzarono una bella festa. Tutti i nostri parenti e amici vennero a conoscere il nuovo arrivato in famiglia. Tutti quanti si scioglievano d'amore per lui. Anche io, devo dire, quando lo vidi per la prima volta. Era carino, però aveva qualcosa di strano, di diverso, dalle solite facce. Mi sembrava quasi un alieno. Ma all'inizio non mi sembrava un grosso problema, perciò ero tranquilla. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Sto per Adottare il Figlio Illegittimo di mio Padre || Le Migliori Storie Animate
Sto per Adottare il Figlio Illegittimo di mio Padre || Le Migliori Storie Animate
2 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ehi ragazzi. Io sono Anthony. Ho 17 anni e presto sarò padre. Penso che sarò bravo perché ho un ottimo esempio di che tipo di padre non bisogna essere. Sì, sto parlando di mio padre. Non sto dicendo che mio padre sia un uomo cattivo. È un marinaio e lo vedo solo tre mesi all'anno. Ok, so che lo fa per dare alla sua famiglia dei soldi per poter vivere bene. Ma mi manca. Invidiavo gli altri bambini perché avevano il padre sempre accanto. E trascorrevo gran parte del tempo ad aspettare che mio padre tornasse a casa per poter passare del tempo insieme a lui. E recentemente io e la mamma abbiamo scoperto che non eravamo i soli ad aspettare che mio padre tornasse. L'ultima volta che mio padre è partito, doveva finire in un determinato giorno, e doveva tornare a casa. Ma papà ci ha scritto e ha detto che sarebbe tornato a casa un paio di giorni dopo e non ha spiegato il perché. Era strano, papà era sempre puntuale. Aveva sempre fretta di tornare a casa per vederci. E cosi io e mia madre ci siamo preoccupati. Essere un marinaio è rischioso, anche nel 21° secolo. Poteva essere spazzato via da una tempesta, prendersi la malaria in un paese del terzo mondo. Inoltre, in molte parti del mondo ci sono ancora i pirati! Non riuscivamo proprio a tranquillizzarci finché una mattina non abbiamo sentito il rumore di una macchina davanti a casa nostra. Ho guardato fuori dalla finestra e ho visto mio padre che usciva da un taxi. Evviva! Sono corso fuori per andargli incontro, ma poi ho visto un ragazzino di circa cinque anni scendere dall'auto. Poi papà ha detto che ci doveva parlare. Io e mia madre non riuscivamo a capire cosa stesse succedendo. Ci siamo seduti intorno al tavolo e mio padre ha iniziato a parlare. Molti anni prima, quando la sua nave si trovava in un porto nelle Filippine, incontrò una donna ed ebbero una relazione. Sai, in mare aperto, spesso, ai marinai manca il contatto umano. Poi, un giorno quella donna ha mandato a mio padre un messaggio dicendo che era incinta. Papà non voleva lasciarla sola e si sentiva responsabile per il bambino. Quindi da allora, la sua vita è stata divisa in tre parti: il mare, la sua famiglia in America e l'altra famiglia nelle Filippine. Ma poi è successo qualcosa di terribile. La donna si ammalò e fu portata d'urgenza in ospedale. Sfortunatamente, i dottori non potevano aiutarla, e papà è stato con lei fino alla fine. Poi c'è stato un funerale e papà ha dovuto capire cosa fare dopo. Se avesse abbandonato il bambino, molto probabilmente sarebbe finito in un orfanotrofio e non sarebbe sopravvissuto. Mio padre non poteva permettere una cosa simile, quindi rimase lì per una settimana, sistemando i documenti del piccolo per portarlo in America. Ed eccoli qui. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mio Padre ha Comprato il mio Silenzio dopo che ho Scoperto della sua Doppia Vita
Mio Padre ha Comprato il mio Silenzio dopo che ho Scoperto della sua Doppia Vita
2 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao a tutti. Avete mai desiderato di poter dimenticare un evento? Beh, io l’ho fatto. Ma non di proposito. E ora che ricordo tutto, la mia famiglia è distrutta. Mi chiamo Bruce e ho 16 anni. Ho una mamma, un papà e una sorellina e questo me lo ricordo. Lo dico, perché ho perso la memoria a breve termine a causa di un trauma cranico e non ricordavo più l'ultima settimana della mia vita. È come se mi fossi addormentato o fossi svenuto. Non ricordavo nemmeno di essermi fatto male. Questi ricordi erano come dietro un muro che non riuscivo a sfondare. La prima cosa che ho visto dopo l’incidente è stata una stanza d'ospedale, e mio padre che stava nel letto accanto al mio. Aveva la mano ingessata, ed era attaccato a uno strano aggeggio. E mi ha raccontato cosa era successo. Ha detto che era stato uno stupido incidente. Stavamo scendendo le scale, sono scivolato e ho afferrato la sua giacca e sono caduto trascinandolo con me. Abbiamo rotolato giù per circa 2 metri. Papà si è rotto la mano e io ho colpito la testa. Ed ecco che eravamo in ospedale. La riabilitazione è durata un po’. Continuavo a cercare di ricordare cosa fosse successo, ma non ci riuscivo e questo mi infastidiva. Inoltre, mio padre mi assillava costantemente chiedendo se mi ricordassi qualcosa. Era ancora più preoccupato di me. Un giorno, ho pensato di aver trovato la chiave per ricordarmi tutto. Quel pomeriggio, Una strana donna è venuta a trovarci. Mi ha salutato e si è seduta accanto a mio padre: hanno parlato a bassa voce per circa mezz'ora, poi ha detto “addio” e se n’è andata. La chiave non era nella visita stessa, ma nella donna. Ero abbastanza sicuro di averla già vista. E non riuscivo a ricordare alcun dettaglio su chi fosse, ma ero sicuro che ci fossimo già incontrati. Poi ho chiesto a mio padre chi fosse e ha risposto che era solo una sua collega. Le persone al lavoro erano preoccupate per mio padre e avevano mandato una collega a fargli visita. Mhmm, era strano, perché prima di allora non avevo mai incontrato nessuno dei colleghi di mio padre, ma questa donna sembrava familiare ... E mi è rimasta nella testa. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mi sono dovuto Nascondere nel Bagno per l’Intero Semestre Scolastico
Mi sono dovuto Nascondere nel Bagno per l’Intero Semestre Scolastico
2 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao! Io mi chiamo Daniel, ho sedici anni e ... beh, capirai tutto quando ascolterai la mia storia. Sto studiando all'Accademia: un’università prestigiosa che è solo per maschi. La storia che vorrei raccontarti è iniziata quando un nuovo ragazzo si è iscritto all’università. A quel tempo non avevo un compagno di stanza e mi sono ritrovato questo tipo in camera con me, con mia grande delusione. Ma questo novellino, Mikael, si è rivelato un compagno perfetto: era molto discreto e anche ordinato. In realtà, era anche abbastanza fico: faceva sempre tutto bene. Ma quando ha iniziato a parlare con noi ragazzi, sono stato spiacevolmente sorpreso. L'argomento preferito di Mikael erano le ragazze. Beh, più precisamente parlava costantemente di come gli sbavavano dietro, di come spezzava il loro cuore, e di come litigavano per lui. Era molto ... arrogante e mi creava molto disagio. Ma per tutto il resto era perfetto. E siamo diventati buoni amici. Stavamo sempre insieme, tranne quando frequentava persone con cui faceva delle battute sulle "stupide ragazze innamorate", è così che le chiamava, e leggeva persino i messaggi della sua attuale fidanzata ad alta voce per farsi due risate insieme agli altri. Non ho mai preso parte in questo genere di cose, ma al di là di tutto: io e Mikael eravamo comunque amici. Ma inaspettatamente, alla fine, è emerso un problema. Mi sono reso conto che mi ero innamorato del mio compagno di stanza. Non avrebbe avuto senso rivelare i miei sentimenti. Era che ovvio che Mikael fosse interessato alle ragazze. Così, ho cercato di allontanarmi da lui, ma ho capito che ero diventato come la sua ombra: Avevamo gli stessi orari, frequentavamo le stesse lezioni e praticavamo gli stessi sport. Inoltre, Mikael aveva preso sempre più confidenza e mi raccontava tutto. Una volta mi disse che era stato suo padre a mandarlo all'Accademia, contro la sua volontà. Si lamentava dei problemi che aveva con la sua ragazza. Ed in un modo molto diverso rispetto a quando si vantava di fronte agli altri. Una volta mi ha confessato che gli mancava terribilmente il suo cane. Per me era così difficile… facevo finta di essere un buon amico, ma ero combattuto perché per Mikael provavo dei veri sentimenti, e ne sono stato sopraffatto. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Ho Affrontato La Moglie Incinta del Mio Amante. Mi Ha Rivelato Tutti I Suoi Segreti
Ho Affrontato La Moglie Incinta del Mio Amante. Mi Ha Rivelato Tutti I Suoi Segreti
2 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao! Io sono Norma, e ho diciannove anni. Più o meno un anno fa sono andata via per la prima volta da casa dei miei, e ve lo devo dire, ero così fiera di essere finalmente indipendente. Qualche tempo fa però mi è successa una cosa, che mi ha fatto desiderare di tornare subito dai miei genitori! La mia storia gira tutta attorno a una persona, che ha cambiato completamente la mia visione delle cose. Vi racconterò di Elijah, il mio ragazzo. Appena preso il diploma a scuola, ho deciso di prendermi una pausa dagli studi. Il fatto è che vengo da una piccola cittadina tra le montagne, che ho sempre amato, ma in verità mi annoiavo un bel po'. Non facevo che sognare di vedere il mondo, come è ovvio. Internet non mi bastava, quello che volevo fare era anzitutto viaggiare per gli Stati Uniti. I miei genitori non furono molto contenti della mia decisione, ma non mi ostacolarono. Mi prestarono persino un po' di soldi, solo che per qualche motivo restai al verde prima del previsto, già durante il primo mese della mia nuova vita indipendente. I miei piani erano già a rischio! Dovetti trovarmi una casa nei sobborghi di Los Angeles, e un lavoretto per pagare l'affitto. Ma non potendomene permettere uno tutto per me, presi un appartamento condiviso con un'altra ragazza, Laura. Mi era molto simpatica e andavamo molto d'accordo. Fu allora che Elijah entrò pian piano nella mia vita; mi avvicinò mentre camminavo per strada, a Los Angeles, una sera mentre rincasavo dopo il lavoro. Cercò di attaccare discorso. Io di solito tendo a tenere a distanza gli estranei che cercano di rimorchiarmi per strada, ma quella volta beh... fu diverso. Forse era per i modi di Elijah, era assolutamente discreto, per niente invadente. Diceva cose interessanti, era educato e rispettoso del mio spazio. E poi probabilmente c'entra anche il fatto che Elijah era proprio carino, e ben vestito. Non ci pensai su due volte quando lui chiese il mio numero di telefono, e presto cominciammo a uscire insieme. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mi sono Lasciato con la mia Ragazza e il Padre si è Vendicato
Mi sono Lasciato con la mia Ragazza e il Padre si è Vendicato
2 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao, io mi chiamo Matthew e non sono riuscito a lasciare una ragazza perché questo avrebbe portato a delle gravi ripercussioni sulla mia famiglia. Dunque, vivo con mia madre da molto tempo, ed è sempre stata una persona davvero straordinaria. Passa molto tempo ad aiutare gli altri nonostante noi stessi non abbiamo granché. Ha sempre fatto beneficenza, come aiutare in un centro di accoglienza o in una mensa per senzatetto, e io l’ho sempre ammirata per questo. Tuttavia, non è perfetta! È molto timida e ansiosa, e per questo motivo, negli ultimi anni, ha avuto delle difficoltà a trovare un lavoro e abbiamo avuto molte difficoltà finanziarie. Poi ho conosciuto Emilia. Ci siamo piaciuti fin da subito e dopo poco abbiamo iniziato a frequentarci. All'inizio era fantastica, molto gentile e anche divertente. Tutto stava andando così bene che mi ha fatto conoscere la sua famiglia. Si è scoperto che suo padre era un ricco uomo d'affari. Io gli sono piaciuto fin da subito e per tutta la sera mi ha raccontato di sé, ed era così preso che Emilia ha dovuto bloccarlo perché si stava facendo troppo tardi. Mi sono reso conto che avrebbe potuto aiutare mia madre a trovare un lavoro, e cosi gliel’ho chiesto. Era felice di aiutarmi e ha assunto mia madre presso la sua azienda. Non era niente di speciale, ma era un lavoro. Mia madre era molto entusiasta, ma anche piuttosto ansiosa e, proprio a causa della sua ansia, ha fatto qualche casino e il padre di Emilia non era proprio felice. In quel periodo, Emilia ... è cambiata. Invece della dolce e premurosa ragazza che avevo conosciuto è diventata più ... viziata e piagnucolosa. Faceva battute infelici sulle persone che incontrava per strada e diffondeva voci su persone che conoscevamo e poi si arrabbiava quando le chiedevo di smettere. Quindi immagino che, all'inizio, abbia provato a essere una persona diversa, ma poi si è rilassata ed è uscito il suo vero carattere. Odiavo passare il mio tempo con lei e volevo lasciarla, ma non potevo perché non sapevo cosa sarebbe successo a mia madre e al suo lavoro. Quindi dovevo capire come farmi lasciare. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mia Sorella è in Realtà Mia Madre Biologica. Ma Lei Non Mi Vuole
Mia Sorella è in Realtà Mia Madre Biologica. Ma Lei Non Mi Vuole
2 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao a tutti! Mi chiamo Mercy e ho sedici anni. Hai mai sentito l'espressione "i bambini sono puniti per i peccati dei loro genitori"? Io sono proprio quella bambina. Penso che la causa principale dei miei problemi sia che non potrei mai vedere mia madre biologica come mia madre. Anche se la conoscevo da tutta la vita, ho scoperto quando avevo otto anni, che era davvero mia madre. In seguito mio padre, Ben, mi disse che mia sorella maggiore Annice era mia madre. Quanto ero felice! Annice viveva in un'altra città e non la vedevo spesso, ma la aspettavo ogni volta come se fosse Natale! Quindi anche i figli di Annice erano i miei veri fratelli e sorelle! Sapevo che Annice aspettava un altro bambino e sarebbe nato presto. Allora ho chiesto a mio padre se potevamo andare a trovarla il prima possibile! Mentre guardavo fuori dal finestrino del treno pensavo al mio primo incontro con Annice e mi venne in mente che mio padre allora era mio nonno. Potrebbe sembrare strano, ma è stato molto più difficile per me accettare questo. Ben aveva più di cinquant'anni ed era più grande di tutti i padri dei miei amici. Ero confusa, e stavo cercando di adattarmi a questa situazione. Ma il fatto che avrei potuto abbracciare mia madre, mi ha consolata. Credo che ci sia stato solo un momento nella mia vita in cui ho sentito che Annice era mia madre. Quando siamo arrivati non riuscivo neanche a parlare, ho detto solamente: “Mamma pettinami". Mentre Annice mi stava lavando i capelli, abbiamo parlato del bambino che aspettava, e mi sono sentita davvero felice. Sono rimasta felice anche dopo che io e Ben siamo tornati a casa. Non avevo migliori amici, ma raccontai a tutti quelli che mi avrebbero ascoltata che presto avrei vissuto con mia madre. Purtroppo a nessuno è interessato, infatti non mi hanno chiesto nulla. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Ho Visto delle cose Pazzesche quando sono Rimasta da Sola nel Bosco di Notte
Ho Visto delle cose Pazzesche quando sono Rimasta da Sola nel Bosco di Notte
2 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao a tutti! Io mi chiamo Piper. Tutti noi amiamo guardare i film d'avventura in cui i personaggi principali cercano di affrontare anche le situazioni più impossibili. Ed è bello guardarli mentre stai seduta sul divano a mangiare i popcorn… Sono quel tipo di cose che non succedono spesso nella vita reale. Ma io un’avventura l’ho vissuta. Mia madre e mio padre sono da sempre fissati con il campeggio. E hanno sempre cercato di coinvolgere me e la mia sorellina. Facevamo escursioni o andavamo in campeggio in un posto nuovo, ogni estate. Ed è qui che inizia la mia storia. La nostra destinazione era il Montana. Kayak sul fiume Missouri! Ed eravamo così eccitati! Tutto stava andando per il meglio e mi piaceva quello stile di vita, chiamiamolo "selvaggio". Tralasciando mia sorella Lilly, ovviamente, con lei era sempre la stessa storia! Mi faceva impazzire! Si lamentava, piagnucolava e mi infastidiva per tutto il tempo. E mia madre e mio padre non le dicevano niente. Lasciamo stare... Quella mattina, fin dall'inizio, tutto è andato storto. Dovevo occuparmi della colazione per tutta la famiglia e l'ho bruciata. Avresti dovuto vedere la faccia di mio padre. Mi ha sempre criticata per tutto, mi faceva sempre delle ramanzine e poi mi mostrava come si doveva fare. Non ero capace di montare la tenda, o ci mettevo troppo tempo ad accendere il fuoco. E quel giorno aveva deciso di assicurarsi che stessi remando il più velocemente con il kayak. Mia madre e Lilly erano insieme su un kayak, e io e mio padre eravamo sull'altro. All'inizio, andava tutto bene, ma la corrente del fiume stava diventando più forte e stava diventando sempre più difficile controllare il kayak. All'improvviso, il kayak di mia madre e mia sorella ha colpito una grande roccia e si sono capovolte cadendo in acqua. È successo tutto così in fretta! Mi sono tuffata in acqua e sono riuscita ad afferrare Lilly. Ma non importa quanto mi stessi impegnando a nuotare contro corrente, siamo state trascinate via dal torrente. L'ultima cosa che ho visto è stata mio padre che cercava di salvare mia madre, non so se ci fosse riuscito. Quei minuti nel fiume sono stati i momenti più orribili della mia vita. Stavamo andando alla deriva. Ma poi, finalmente, sono riuscita ad aggrapparmi al ramo di un albero e siamo riuscite ad uscire dall'acqua. Dopo aver preso fiato, la mia mente è impazzita. “Cosa avremmo fatto?”. Ci eravamo allontanate troppo. Avevamo solo due piccoli zaini, mezza bottiglia d'acqua e i telefoni erano tutti bagnati. Poteva andare peggio di così? Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
La Mia Migliore Amica Ha Rubato Tutti i Soldi Che Stavamo Tenendo da Darte per i Nostri Progetti
La Mia Migliore Amica Ha Rubato Tutti i Soldi Che Stavamo Tenendo da Darte per i Nostri Progetti
2 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao, mi chiamo Rachel e la mia migliore amica si è rivelata una bugiarda e una ladra. Io e Alicia abbiamo sempre desiderato un'attività insieme. Lo stavamo sognando dalla scuola media. Quindi abbiamo iniziato a risparmiare soldi, in modo che dopo la scuola e il college avremmo potuto iniziare qualcosa. Ovviamente dovevamo lavorare per ottenere dei soldi, e l’abbiamo fatto durante l’estate e a volte anche dopo la scuola. A 17 anni facevo lavoretti e tutti i miei soldi andavano in un conto bancario che avevo aperto con Alicia. Lei lavorava meno di me, ma si è impegnata molto! Poi un giorno incontrò Darren e si innamorò subito. Quando hanno iniziato a frequentarsi, la vedevo a malapena, e quando ci siamo viste, mi ha parlato di Darren tutto il tempo. Darren non mi piaceva molto, ma era una sua scelta. Dopo poco tempo è scomparsa del tutto dalla mia vita. Stavo bene, sapevo che sarebbe tornata, ma poi è successo qualcosa di orribile ... Ho controllato il nostro conto bancario e quasi TUTTI i soldi non c’erano più. Ero scioccata. Così ho chiamato la banca e ho chiesto se si trattasse di un errore, ma i soldi erano stati davvero ritirati. Nessuno ha avuto l’accesso al nostro account tranne Alicia, quindi le sono andata a parlare. Sembrava innocente e confusa, come se non capisse come sarebbe potuto succedere ed era completamente inconsapevole di ciò che era accaduto ai soldi. Ero arrabbiata perché mi stava mentendo e non avevo altra scelta che lasciarla sola perché non avevo prove. Ma questo non significava che non potessi provare a capire da sola! Ho iniziato a guardare su Facebook e Instagram per trovare delle prove - forse aveva comprato qualcosa di costoso e l’aveva pubblicato lì, ma non c'era nulla. Poi ho deciso di controllare le pagine di Darren e ho trovato esattamente quello che stavo cercando. Darren non mi è piaciuto dall'inizio. Ho scoperto che aveva deciso di diventare un blogger e stava facendo dei video tutti i giorni. Darren non era carismatico o divertente, quindi i suoi video erano orribili e ognuno di loro aveva solo 10 visualizzazioni su ITmind. Ma la cosa divertente era quanto fossero di alta qualità - come se avesse una macchina fotografica professionale e altri strumenti di registrazione per i video. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Un Uomo Ricco vuole Comprare il mio Amore. Ma io non sono in Vendita!
Un Uomo Ricco vuole Comprare il mio Amore. Ma io non sono in Vendita!
2 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao. Io sono Haley. E oggi vi parlerò del primo appuntamento più strano che io abbia mai avuto. Beh, ed è anche l'unico che io abbia mai avuto, a dire il vero, ma non credo che una cosa simile sia mai capitata a nessuno. Quindi, immagino che sarà interessante da sentire. Tre mesi fa avevo sedici anni e, a quel punto, non ero mai stata a un appuntamento. E ... Questa cosa non mi ha mai turbata. Diversi ragazzi mi avevano già chiesto di uscire, e non c'era nulla di sbagliato in ... beh, la maggior parte di loro. Ma quando gli parlavo ... non sentivo niente. Non c'era quella "scintilla" di cui a volte le persone parlano, ed è una cosa fondamentale per me. Non voglio perdere tempo o illudere nessuno. Mia sorella dice che avrei dovuto dare una possibilità, ma secondo me è sbagliato. Poi, circa due mesi fa, tutto è cambiato! Ero a una festa a casa di una mia amica d'infanzia…Era il suo compleanno, e i suoi genitori le avevano lasciato la casa a disposizione e sono andati fuori città per diversi giorni. Beh, dunque, ero a questa festa e ho notato un ragazzo che, di tanto in tanto, mi guardava. Aveva circa la mia età, e sembrava molto timido. Sembrava troppo spaventato per parlarmi. La festa era un po’ noiosa, e io cercavo di distrarmi, riflettendo e domandandomi se… avrebbe avuto abbastanza coraggio per venire a parlarmi… E, alla fine, lo ha fatto. Circa mezz'ora dopo, è a presentarsi. Si chiamava Jim ed era il compagno di classe della mia amica. Mentre parlavamo vedevo che era ancora molto timido, ma ... forse è quello che mi è piaciuto di lui. Ho sentito qualcosa. Ho sentito che mi piaceva. Così quando, dopo un paio di giorni, mi ha scritto un messaggio, chiedendomi di uscire, ho detto di sì. Per la prima volta in tutta la mia vita! Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Ho avuto quattro ragazzi che mi hanno corteggiata. È stato eccitante!
Ho avuto quattro ragazzi che mi hanno corteggiata. È stato eccitante!
2 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao, mi chiamo Nicolette, ma preferirei Nicky. Dici sempre "Sì"? Sai perché è importante poter dire “No” qualche volta? Bene, io adesso lo so. Anche se è abbastanza imbarazzante confessare ciò che ho fatto di fronte a tutti voi, sento il bisogno di raccontarvi tutto. Ecco la mia storia. Quando i miei genitori, che lavoravano insieme, ottennero il loro trasferimento di lavoro e fummo costretti a trasferirci in un'altra città, sapevo già che la mia vita sarebbe stata più complicata. Ho dovuto lasciare qui le mie migliori amiche e il mio ragazzo Nick. Sì, lo so, sembra un po 'un cliché, ma all'epoca pensavo che fossimo fatti per stare insieme, soprattutto perché avevamo lo stesso nome. Lol. Ad ogni modo, mi sono trasferita e lui è diventato triste e super-geloso, mandandomi quasi ogni giorno messaggi per chiedermi ogni passo che facevo. Avevo davvero paura di cambiare città a causa del nuovo liceo e del fatto che non avessi amici. Ma una delle mie amiche, Jess, mi ha salvato. Una volta mi ha fatto conoscere un ragazzo con cui era stata in un campo estivo di musica: si chiamava Roger. Sapevo che viveva nella città in cui mi trasferivo. Non ero il tipo di ragazza che chiama per prima i ragazzi chiedendogli di uscire, ma a quel punto avevo già trascorso due settimane da sola in un nuovo posto, e ho deciso di correre quel rischio. Cosa posso dire? Roger mi ha fatto ridere di continuo e mi ha portata in alcuni posti interessanti, come una galleria d'arte e un bar dove ho assaggiato il miglior gelato di sempre. Era un po’ più grande ed era molto bello, quindi mi sono interessata a lui. Lo so che avevo Nick e non volevo lasciarlo, ma c’era solo un flirt tra me e Roger, niente di più, finché non mi portò a una festa. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Per Strada ho Conosciuto il mio Defunto Padre. Mi hanno Mentito!
Per Strada ho Conosciuto il mio Defunto Padre. Mi hanno Mentito!
2 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao ragazzi, io mi chiamo Richard e ho 17 anni. E quest’anno sono stato veramente stressato. Mi sto diplomando al liceo, andrò all’università e mi sto preparando per trasferirmi in un'altra città. E oltre a tutto ciò, recentemente, è successa una cosa pazzesca: ho visto il fantasma del mio defunto padre. Non ricordo molto di lui. Quando avevo 5 anni, eravamo in auto, papà ha perso il controllo e ci siamo schiantati, e solo io e la mamma siamo sopravvissuti. Quindi, invece di avere dei bei ricordi d'infanzia con mio padre, ho solo qualche foto di famiglia. Ho spesso immaginato come sarebbe stata la mia vita se fosse ancora vivo! Per me, era un grande padre, attento e forte. È un peccato che il passato non si possa cambiare. Il giorno in cui è successo tutto, stavo uscendo da scuola, insieme ai miei amici e ho visto questo strano uomo, in piedi, davanti la fermata dell'autobus. Ci stava sicuramente guardando. Ma subito dopo, l'autobus è arrivato e non l’ho più visto. Poi ho pensato di essermelo immaginato. Indossava una giacca e un cappello proprio come mio padre nelle vecchie foto. Ma poi è successo nuovamente. Qualche giorno dopo, stavo guardando fuori dalla finestra, in classe, e l'ho visto. E quella volta ho visto la sua faccia. Ed era mio padre! Sono corso fuori dall'aula, e quando sono arrivato non c'era nessuno. Dove era andato? Come ha fatto a sparire? Non ne avevo idea. Ma la mia mente era elettrizzata e avevo mille pensieri. Mio padre era ancora vivo? Perché mi evitava? La mamma lo sapeva e mi stava nascondendo qualcosa? Non sapevo cosa pensare. E poi mi sono ricordato dell'ospedale e di mia madre. E di come i dottori ci avessero fatto un sacco di esami. Ma non ho mai visto mio padre in ospedale. E poi mi sono ricordato del funerale, o meglio di un dettaglio importante: la bara era chiusa e non ho visto mio padre. Sai, non sono paranoico, ma sono diventato sospettoso. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Il Mio Vecchio Amico è Diventato Bello. E io Sono Ancora Paffuta ed Innamorata
Il Mio Vecchio Amico è Diventato Bello. E io Sono Ancora Paffuta ed Innamorata
2 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Hey Hey Hey! Sono Rosy e ho 16 anni. Voglio condividere una storia con te sul più grande imbarazzo che abbia mai provato in vita mia. La prima cosa che devi sapere su di me, è che quando ho compiuto 14 anni, ho iniziato a notare che tutte le mie amiche hanno iniziato ad uscire con dei ragazzi, mentre io avevo l’impressione di non essere in grado di attirare l'attenzione di nessuno. Ero assolutamente sicura che fosse tutto a causa di come apparivo. Sono sempre stata una ragazza magra, ma raggiunta questa età, a causa di alcune "ribellioni ormonali", come le chiamava mia madre, ho preso circa 20 chili o forse anche un pò di più. Ho cercato di nascondere il mio peso extra sotto abiti sovradimensionati e sono stata a dieta prima dell'inizio dell'estate. Sono andata a casa dei miei nonni per una vacanza e ho programmato di rimanerci per circa 6 settimane. Non ci andavo da almenodue anni. Quando ero una bambina trascorrevo intere estati lì a giocare con un bambino del quartiere. Si chiamava Alex ed aveva due anni più di me, per quanto mi ricordo, ma sembrava sempre più piccolo e più debole. Questa volta ero abbastanza sicura che non mi sarei sentita a disagio nel mio costume da bagno, seduta accanto al tutt'altro che perfetto Alex "il secchione". Un giorno ho deciso di dare un'occhiata a come era cambiata la città da quando ero stata lì l'ultima volta. Stavo camminando con il nostro Labrador, Sundance, quando improvvisamente è scappato e si è imbattuto nel cortile di qualcun altro. Non sapendo bene cosa fare, sono corsa dietro di lui, cercando di riprenderlo senza aspettare il permesso del proprietario di casa. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mio Padre mi ha Costretto a Dormire per Strada come un Senzatetto
Mio Padre mi ha Costretto a Dormire per Strada come un Senzatetto
2 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Oii, ciao ragazzi! Io mi chiamo Alex e ho 14 anni. Voglio parlarvi di un paio di eventi che hanno cambiato radicalmente la mia vita. Tutto è iniziato un paio d'anni fa, quando i miei genitori stavano divorziando e mia madre ha detto a mio padre che non aveva più il diritto di vedermi. Devo dire che mi aspettavo che succedesse qualcosa del genere. I miei genitori litigavano continuamente. In realtà, per quanto posso ricordare hanno sempre discusso. E, con me giocavano a fare il buono e il cattivo. La mamma mi sgridava per qualcosa, poi papà mi comprava il gelato e mi tranquillizzava. Ma durante l’ultimo litigio, la mamma gli ha detto che avrebbe avuto lei la custodia e gli avrebbe proibito di vedermi. La cosa peggiore è che sapevo che lo avrebbe fatto. Papà non aveva un lavoro stabile e non avrebbe avuto un posto dove vivere. Quindi, il giudice non gli avrebbe mai dato la custodia. Il giorno dopo, mio ​​padre è venuto a prendermi a scuola e mi ha detto che dovevamo parlare. Mi ha detto che avevo il diritto di scegliere con chi vivere, e poi mi ha detto che potevo andare con lui in un'altra città e iniziare tutto daccapo. E ovviamente, ho accettato! A quel tempo, per me, mia madre era cattiva perché voleva portarmi via mio padre. Quindi, abbiamo messo insieme tutte le cose che servivano e quando stavamo per andarcene gli ho chiesto: "Non dovremmo dire alla mamma che stiamo andando via?" Ma papà mi ha assicurato che le aveva già parlato. Ed è così che ho detto addio per sempre alla mia casa. Mentre eravamo in autostrada, papà mi ha detto dei suoi piani. Mi ha detto che saremmo rimasti a casa di un suo amico per una settimana, fino a quando non avrebbe trovato un lavoro, e poi avremmo affittato un appartamento, e avrebbe trovato una nuova scuola che potevo frequentare, e poi avrebbe affrontato il divorzio e l'affidamento. Sembrava un buon piano. Papà era energico e sicuro di sé, e il suo entusiasmo mi ha contagiato. Sentivo che tutto sarebbe andato per il meglio. Così, ho chiuso gli occhi e mi sono addormentato, preparandomi alla mia nuova vita. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mia Madre è Dipendente dai Videogiochi. La Nostra Vita è un Disastro!
Mia Madre è Dipendente dai Videogiochi. La Nostra Vita è un Disastro!
2 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao a tutti! La gente di solito dice che i bambini non dovrebbero giocare molto ai videogiochi perché possono creare dipendenza. Non ci ho mai creduto fino a quando mia madre non è diventata dipendente. Mi chiamo Jerry, ho 12 anni e adoro giocare sul mio cellulare. Adoro questo gioco strategico. Ho costruito la mia città, ero in guerra con uno dei giocatori e ho persino creato alleanze con gli altri. Ok, so che passo troppo tempo a giocare a questo gioco. Ma cosa dovrei fare? Non sono così popolare a scuola e non ho molti amici. È per questo che passo intere giornate a giocare, anche durante la lezione. Era proprio per questo che mia madre era stata convocata a scuola. Avevo tanta paura quando è successo. Mia mamma lavora molto e ha dovuto prendersi del tempo libero per venire a scuola, quindi mi aspettavo una bella punizione. La mia insegnante le disse che stavo sviluppando una dipendenza da videogiochi e che era necessario per lei prendere dei provvedimenti. Ma con mia sorpresa, mia madre non mi ha sgridato. Sapeva che ero solo e non le importava che a volte mi divertissi. Ma, naturalmente, dovevamo fissare dei limiti: non avrei giocato in classe e avrei dovuto migliorare i miei voti a scuola. Sono ancora molto grato a mia madre per come mi ha trattato. Un paio di settimane dopo, c'è stata un'offerta speciale sul mio gioco: portare un amico e ottenere dieci rubini. Dieci! Capisci? Potevofinalmente migliorare il municipio! Okay, questo probabilmente non significa nulla per te, quindi sappi solo - che è tanta roba! Ma il fatto è che non avevo amici da invitare. Quindi ho aspettato la sera, quando mia madre è tornata a casa dal lavoro, ho preso il suo telefono e ho installato il gioco. A cena, mia madre notò che il suo telefono continuava a cinguettare: il gioco inviava notifiche. Ero un pò imbarazzato, ma dissi a mia madre che avevo installato il gioco sul suo telefono per ottenere un bonus e mi preparai per una lezione sul fatto che non avrei dovuto toccare le cose degli altri. Ma questa conversazione non è andata come mi aspettavo: mia madre ha completamente cambiato faccia. Ha iniziato a chiedermi del gioco. Immagino che si stesse solo interessando a me, e questo mi ha reso molto felice. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
La Madre del Mio Amico ha Iniziato ad Inviarmi Messaggi d'amore
La Madre del Mio Amico ha Iniziato ad Inviarmi Messaggi d'amore
2 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao! Mi chiamo Sebastian e ho diciassette anni. Ho una domanda piuttosto strana da farti: vai d'accordo con le mamme dei tuoi migliori amici? E le madri dei tuoi amici non molto stretti o addirittura conoscenti? Ti invitano alle cene che organizzano? Parli loro di te e della tua vita? Ultima domanda: sei mai rimasto segretamente in contatto con la madre del tuo amico? Perché è esattamente il tema della mia storia. E su come ho iniziato a pensare che la mamma del mio amico fosse innamorata di me. Non molto tempo fa, un ragazzo di nome John si è trasferito nella mia scuola. L'ho visto un paio di volte nei corridoi della scuola, ma non ci conoscevamo molto bene finché John non è entrato nella squadra di baseball della scuola. Io faccio parte del team da due anni ormai. Sto seriamente pensando a una carriera sportiva e posso persino definirmi un fan del baseball professionale. Anche John ama questo sport. Dopo una delle nostre sessioni di allenamento John mi ha invitato a casa sua a vedere tutti i suoi cimeli sportivi: aveva una palla da baseball firmata dallo stesso Roger Clemens. Sembrava molto interessante, quindi ho accettato. Quando arrivai a casa di John, c'era sua madre, la signora Glover. Era giovane, un pò formosa ed era una casalinga che aveva circa quarantacinque anni. Era impegnata con qualcosa in cucina, quindi abbiamo deciso di salutarla e sgattaiolare nella stanza di John. Ma il nostro incontro è durato un pò più a lungo del nanosecondo necessario per presentarsi. Quando guardammo in cucina e la signora Glover girò la testa, sentendo le nostre voci, la sua faccia cambiò improvvisamente e la grande tazza di caffè che teneva tra le mani cadde improvvisamente sul pavimento. Non sembrava nemmeno accorgersi di quello che era successo: per alcuni secondi, mi guardò dritto in faccia. Mi sentivo un pò a disagio, ma non potevo fare nulla al riguardo - la signora Glover si scusò e iniziò a pulire il pavimento, mentre John e io andavamo nella sua stanza. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
La Mia Famiglia ha Messo Telecamere in Casa. Quello che Abbiamo Visto ci ha Terrificato
La Mia Famiglia ha Messo Telecamere in Casa. Quello che Abbiamo Visto ci ha Terrificato
2 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Hey! Mi chiamo Tim ed ecco la mia storia. In realtà, penso che sia abbastanza divertente. Allora, dal momento in cui ci siamo trasferiti nella nostra nuova casa, abbiamo intrapreso una guerra con i nostri vicini, e non penso che finirà mai. E, in realtà, ci spero proprio! Perché mi rende davvero felice! Non è una vera guerra, stiamo solo scherzando. I nostri vicini sono in realtà i nostri migliori amici. Il loro figlio - Mike è il mio compagno di classe e i nostri genitori sono amici dal liceo, e si facevano sempre scherzi tra di loro. E ora i nostri scherzi hanno raggiunto un livello completamente nuovo. Ad esempio, recentemente ho comprato una mano falsa in un negozio di costumi. L’abbiamo ricoperta di ketchup e l'abbiamo gettata al cane del vicino. Immagina come hanno urlato quando il cane l'ha portata dentro casa! Ovviamente, il giorno dopo hanno risposto con un altro scherzo. Stavamo guardando un film in salotto e improvvisamente dei petardi sono iniziati a scoppiare fragorosamente nel camino. Terrorizzati, siamo scappati di casa in preda al panico. E poi abbiamo visto Mike e i suoi genitori ridere di noi. Ovviamente era uno scherzo. In qualche modo, hanno lasciato cadere i petardi nel nostro camino con l'aiuto di un drone. Riesci a immaginartelo? È stato incredibile! Di solito dopo questi episodi facciamo un picnic o una festa, dove possiamo rilassarci e divertirci. Questo ci dà l'opportunità di sentirci come una grande famiglia. Ma pochi giorni fa, gli scherzi hanno superato il limite e ha smesso di essere divertente. Una sera stavamo cenando. E improvvisamente siamo stati interrotti dal forte suono di vetri infranti, e poi una grande pietra è caduta accanto al nostro tavolo. Ci siamo tutti bloccati per un secondo. Papà si è precipitato alla finestra per vedere chi poteva esser stato. Ma sembra che il cattivo fosse riuscito a fuggire o nascondersi. Ho visto che la pietra era avvolta nella carta, quindi l'ho raccolta e ho aperto questo "dono". C'era un bigliettino, dentro. Diceva "Sono stanco dei vostri scherzi. Al prossimo ve ne pentirete." Ma questo non aveva alcun senso! Non abbiamo fatto nulla per cui valesse la pena rompere una finestra! Non era divertente! Abbiamo preso la pietra e siamo andati dai vicini. Ma quando abbiamo chiesto perché l'avessero fatto, hanno negato tutto e hanno detto che non erano stati loro. Ovviamente non ci credevamo. Ci eravamo abituati ai loro scherzi e sospettavamo sempre stessero per farcene uno. Quindi in quel momento, abbiamo pensato "Okay, l’avete voluto voi" Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mia Madre Voleva che Coprissi la Sua Doppia Vita, ma L'ho Tradita!
Mia Madre Voleva che Coprissi la Sua Doppia Vita, ma L'ho Tradita!
2 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao a tutti! Io sono Leah. Voglio dirvi come ho imparato a non intromettermi nelle relazioni degli altri. Ho fatto un casino, e mi sento in colpa. Io e mia madre, Lisa, abbiamo vissuto senza mio padre per 3 anni. Lui ci ha lasciate perché si è innamorato di un'altra donna. Ma questa è un'altra storia. Mia madre non ha più avuto nessuna relazione dopo di lui. Ho pensato che potesse avere paura di un nuovo inizio. Sai... perché papà l'ha tradita. Ma tra un paio di mesi andrò al college, e non voglio lasciarla da sola. Una donna di 40 anni, che vive da sola, in una casa con un gatto? È davvero triste. Così ho ideato un piano. Ho fatto un profilo per mia madre su Tinder e ho iniziato a cercare un uomo per lei. Dopo un paio di like e match ho scelto quello perfetto - Kevin, 42 anni, single. Ho chiacchierato con lui per un po', e dopo un pochino mi ha chiesto di uscire! Beh, più precisamente, ha chiesto a mia madre di uscire. Ok! Tutto quello che dovevo fare in quel momento era convincere. Era sempre così pacata - sapevo che se le avessi semplicemente suggerito di uscire con uno sconosciuto, non sarebbe stata d'accordo. Così ho deciso di forzare un po’ la situazione. Sono entrata nella sua stanza e le ho detto: "Ciao, mamma. Ho fissato un appuntamento per te. E' domani, quindi dobbiamo prepararci!” Era scioccata, onestamente. Ma ha funzionato! La prima cosa che mi ha chiesto non riguardava l’appuntamento, ma quello che avrebbe indossato. Vedi? È una buona strategia: confondere il nemico e poi attaccare! Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mi è stato chiesto di fare da Babysitter a un Bambino. Ho Scoperto che era il mio Fratellastro
Mi è stato chiesto di fare da Babysitter a un Bambino. Ho Scoperto che era il mio Fratellastro
2 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao, io mi chiamo Natalie e un anno fa nella mia famiglia tutto è cambiato ... ed è successo perché ho scoperto che mio padre aveva un figlio illegittimo! Un giorno, ero a casa mentre i miei genitori erano ancora al lavoro. E qualcuno ha bussato alla porta. Ho aperto e c'era una signora anziana e un bambino, avrà avuto 5 anni. Il bambino mi ha salutato con la manina ed è corso in casa. Ero basita, ma la signora mi ha spiegato che sarebbe rimasto solo qualche ora, e che i miei genitori sarebbero stati d'accordo se mi fossi occupata di lui. E io ero tipo "Cosa?", Ma questa misteriosa signora se n’è subito andata via. “D’accordo!” ...almeno, credo?! Il bambino si chiamava Joshua ed era molto simpatico e ben educato. Ho giocato con lui per un po’ e gli ho fatto un panino. Continuava a chiedermi "Quando tornerà a casa papà?". Io ero molto confusa. Ho chiamato i miei genitori e, all'inizio, non mi hanno risposto, ma poi, mio padre ha finalmente risposto e NON era felice di sapere quello che era successo. Dopo un po’, i miei genitori sono tornati a casa e guardavano il bambino come se fosse una specie di creatura mitica. Lo fissavano proprio. Poi, sono andati in cucina, ignorandolo completamente, e hanno iniziato a sussurrare. Mia madre era estremamente arrabbiata e mio padre era in preda al panico. Cercavano di non farsi sentire, ma era chiaro che stesse succedendo qualcosa di strano. A un certo punto Joshua è andato verso mio padre e gli ha chiesto: "Sei tu mio padre?". E ha continuato a fargli domande, ma papà continuava ... a fissarlo, era come se avesse paura di lui. La mamma si è coperta il viso come se si vergognasse. Joshua ... ha cercato di abbracciare mio padre, ma invece di abbracciarlo, papà era rigido e non gli rispondeva. Stava solo fermo. Joshua era arrabbiato, un po’ confuso e continuava a guardarci. Mi dispiaceva per lui, ma in realtà, stavo cercando di capire cosa stesse accadendo. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
La mia Migliore Amica ha detto a Tutti che sono Gay cosi il suo Fidanzato non è Geloso
La mia Migliore Amica ha detto a Tutti che sono Gay cosi il suo Fidanzato non è Geloso
2 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao gente! Io sono Kenneth e ho 16 anni. In circostanze normali non starei qui a parlarvi, ma il fatto è che la mia migliore amica, che adora questo canale, non mi parla più. Ho fatto qualcosa che non avrei dovuto ... So di essermi comportato come un deficiente. Quindi ho pensato, perché non raccontare la storia qui in modo che lei possa ascoltarla e dare alla nostra amicizia una seconda possibilità? Lilly e io siamo amici da sempre. E ha sempre vissuto di fronte casa mia, su una piccola via senza uscita. Non ricordo nulla della mia vita senza di lei. Quando avevamo 5 anni, abbiamo imparato ad andare in bicicletta e quando abbiamo compiuto 10 anni, insieme a mio padre, abbiamo costruito una bella casa sull'albero nel mio giardino. Quello che sto cercando di dire è che eravamo molto intimi, come una vera famiglia, ma non siamo mai stati una coppia. E poi è successa la cosa peggiore, almeno è quello che pensavo: ha incontrato un ragazzo, Rick. Questo circa sei mesi fa. E non puoi nemmeno immaginare quanto non mi piacesse: era uno di quei fidanzati che si faceva in quattro pur di impressionare i suoi genitori. Ma quando loro non c’erano, diciamo che era tutt’altro che un bravo ragazzo. Ad essere sinceri, penso che fin dal nostro primo incontro non ci siamo proprio piaciuti. Dato che io e Lilly eravamo così vicini, lei voleva che ci conoscessimo il prima possibile. Era sempre emozionata quando mi parlava di lui, e diceva "Rick è così figo perché mi apre la portiera della macchina" e "È così gentile, e ama i gatti come me" e cose del genere, così che ancora prima di conoscerlo mi stava già antipatico. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mia Madre mi ha Lasciata con una Strana Donna ed è Sparita
Mia Madre mi ha Lasciata con una Strana Donna ed è Sparita
2 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao a tutti. Io sono Rachel e ho 12 anni. Nell’arco di tutta la mia vita ho visto mia madre solo poche volte all'anno, quindi mi è sempre mancata. Ma non credevo che il suo ritorno avrebbe reso la mia vita un vero incubo. Beh, per quel che ricordo, ho sempre vissuto con mia nonna. La mamma tornava a casa più volte all'anno, ci dava dei soldi e se ne andava per tornare a lavorare. In pratica, è sempre stata via quando c’è stato un evento importante nella mia vita, non eravamo vicine e raramente ci telefonavamo. Ma io l’amavo comunque, perché è mia madre, e si guadagnava da vivere in modo che io potessi avere una vita normale. Inoltre, avevo sempre mia nonna su cui contare. In fondo, penso di aver avuto un'infanzia abbastanza normale. Ma poi tutto è cambiato. Era un'estate molto calda e mia nonna riusciva a malapena a sopportarlo. E una mattina è successo. La nonna non si è svegliata. Voglio dire ... è morta. Tutto quello che potevo fare era chiamare un'ambulanza, ma i dottori non potevano fare nulla. Ero devastata. L'unica persona che mi era stata vicina per tutta la vita era morta. Ho chiamato mia madre per dirle tutto. E sai, penso che mi aspettassi delle parole di conforto. E invece, è stata la chiamata più breve della mia vita. Mi ha solo detto: "Ho capito. Verrò domani e ti aiuto a sistemare tutto". Basta! Nessuna parola di sostegno, nessun dolore nella sua voce. E poi, la mattina dopo, tutto è diventato chiaro. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mio Fratello è Morto e io Mi Sono Messa alla Ricerca del Figlio Illegittimo
Mio Fratello è Morto e io Mi Sono Messa alla Ricerca del Figlio Illegittimo
2 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao! Io mi chiamo Francine, presto avrò diciotto anni e subito dopo, me ne andrò via da casa dei miei genitori ... Quasi sei anni fa mio fratello più grande fece lo stesso, ma non è andata bene. È morto sei mesi fa. E solo ora sono in grado di parlarne. Ma, stranamente, “dopo la tempesta arriva la quiete” ... Ed è di questo che parla la mia storia. Mio fratello si chiamava Roy. Come ti ho già detto, è uscito di casa circa sei anni fa per andare all’università, in uno stato vicino. Roy era un bravo ragazzo, un bravo figlio e un bravo fratello ... E mi manca così tanto. I miei genitori riponevano tutte le loro speranze in lui: era autosufficiente, aveva preso una borsa di studio, e dopo le lezioni lavorava part-time per pagarsi le bollette. Certo, quando un giorno chiamò nostra madre e le chiese, con voce molto agitata, di inviargli una grossa somma di denaro, i miei genitori si preoccuparono molto e chiesero a Roy se si fosse messo nei guai. Roy non ha né ammesso né negato, ma ha confessato di avere un debito che doveva essere pagato, altrimenti si sarebbe potuto mettere nei guai. Ed era vero, ma solo parzialmente. I miei genitori ... beh, a dire il vero, sono un po’ creduloni. Altri tipi di persone sarebbero andate a trovare Roy, o avrebbero chiamato la polizia per scoprire se era in pericolo o se fosse stato coinvolto in qualche tipo di attività criminale. Ma loro non hanno fatto nulla del genere, hanno semplicemente preso i soldi dai loro risparmi e li hanno inviati a Roy. Ma io ero diversa da loro, e conoscevo meglio mio fratello. Dopotutto siamo cresciuti insieme! Ho chiamato Roy e ho chiesto una spiegazione, minacciandolo che se non mi avesse detto la verità, sarei andata da lui con i suoi migliori amici, che vivevano ancora nella nostra città. E, insieme, avremmo sicuramente fatto in modo che Roy ci dicesse cosa era successo e lo avremo fatto ragionare. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
La mia Ragazza è Malata Terminale e Voglio Lasciarla. Ma non Posso!
La mia Ragazza è Malata Terminale e Voglio Lasciarla. Ma non Posso!
2 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao a tutti! Io mi chiamo Nick. Ragazzi, siete mai stati in una relazione da cui non potevate uscire? Beh, io ci sto passando adesso. Spero che possiate darmi qualche consiglio, perché sono in un vicolo cieco. Per tutta la vita ho sempre fatto tanti sport, quindi qualche ferita e le nottate in ospedale non mi hanno mai spaventato. Sono abituato a fratture, bende, punti e altre cose simili. Ed è per questo che quando pensavo di essermi rotto il naso, dopo una partita di hockey, e sono andato dal dottore, non ero molto agitato. Ma quella volta, in ospedale, è stato totalmente diverso da tutte le altre volte. Ho visto una ragazza, e beh, voglio dire, non era la prima volta che vedevo una ragazza in ospedale, ma quando ho visto quella ragazza in particolare, con la stessa benda sul viso, e si capiva chiaramente che si era fatta male al naso, mi sentivo come se lei fosse diversa dalle altre. Ricordo come stavo lì, sdraiato, ad aspettare per i controlli, cercando di fare una battuta divertente sui nostri nasi per prendere confidenza con lei mentre aspettavo che non ci fosse nessuno in giro. Non so perché, ma l'idea di parlare con lei mi rendeva nervoso, quando, in realtà, ero ben lungi dall'essere timido. Poi l'ho sentita piangere! Era la mia occasione per dirle qualcosa. Le ho chiesto come si era fatta male e mi ha detto che stava suonando il pianoforte, ed è caduta goffamente e ha colpito il naso sulla sedia. Le ho detto che doveva essere felice di non essersi ferita le dita, dal momento che il naso non le serviva per suonare il piano. Penso che questa battuta le sia piaciuta molto, oppure ero io che ero buffo, oppure non so. Ma mi ricordo il suo sorriso e come mi ha guardato, ed è così che è cominciata la nostra storia d’amore. Tutto sembrava così perfetto, e quando ci hanno dimesso dall'ospedale, abbiamo passato, praticamente, ogni singolo minuto insieme. Andavo ai suoi concerti di musica classica e lei veniva alle mie partite. Anche se avevamo interessi totalmente diversi, ero davvero felice, e Clarissa, così si chiama, mi ha detto che era felice di stare con me. Ma poi si è ammalata. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Non ho Risposto al Messaggio di Addio da Parte del mio Fidanzato. È Stato un Errore!
Non ho Risposto al Messaggio di Addio da Parte del mio Fidanzato. È Stato un Errore!
2 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao! Io mi chiamo Ava, e ho quindici anni. Mi piacerebbe condividere una storia che parla di una mia relazione amorosa. Non c’è il lieto fine, ma spero che la mia esperienza possa essere utile ad altre ragazze che si trovano in una situazione simile. Questa storia parla di come il mio ragazzo mi ha usata per nutrire il suo ego. L'ho incontrato a una festa che la mia amica del liceo, Emma, ​​aveva organizzato. Emma è una ragazza socievole, energica e semplice, con cui mi piaceva uscire. Mi ha invitata alla sua festa di compleanno, e lì ho incontrato il mio futuro ragazzo ... tuttavia, in quel momento, era il ragazzo di Emma. Ma non l'ho rubato alla mia amica! Lei era più che felice di cedermelo. Questo ragazzo si chiama Martin. E sai, era il protagonista di quella festa! Era carino e molto spigliato. Faceva battute divertenti, facendo ridere tutti, ballava molto bene, e ha fatto lo scemo prendendo il microfono e cantando una specie di canzone al karaoke ... E dal primo momento che l’ho visto mi è piaciuto subito! Mi sono avvicinata a Emma e le ho chiesto timidamente di presentarci. Emma ridacchiò in modo strano e mi disse che era il suo ragazzo, ma se mi piaceva, potevo prendermelo e sarebbe stata più che felice di liberarsi di lui. Ho pensato che fosse uno scherzo e ho riso educatamente, ma, in realtà, le parole di Emma sembravano così strane che mi sono sentita in imbarazzo e ho deciso di lasciare la festa il più velocemente possibile. Ma non sono andata molto lontano. Ha cominciato a piovere, e mentre cercavo l’ombrello mi sono resa conto che l'avevo lasciato a casa di Emma. E sono dovuta tornare indietro. Ed è stato lì che ho assistito a una scena molto strana: Emma stava sulla soglia della porta e gridava a Martin: “Vattene! Non voglio rivederti MAI più o sentirti, lasciami in pace!”. E poi, Emma tornò in casa e Martin se ne andò. Quando mi è passato vicino, ho visto che aveva il viso tutto bagnato, ma non dalla pioggia, bensì dalle lacrime! E neanche mi ha notato! Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Il mio Fidanzato Potrebbe in Realtà Essere mio Padre. Oh mio Dio! || Le Migliori Storie Animate
Il mio Fidanzato Potrebbe in Realtà Essere mio Padre. Oh mio Dio! || Le Migliori Storie Animate
2 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao! Io sono lana! E se pensi di essere tu quella che sceglie il tipo sbagliato, allora la mia storia ti dimostrerà che sono io la più sfigata. Ho solo 18 anni, ma ho già vissuto la storia d'amore più strana che si possa immaginare, così strana che mia madre ha buttato fuori casa il mio fidanzato subito dopo un funerale. E, in questo momento, non sono pronta per una nuova relazione. Tutto è successo durante la mia prima estate dopo il diploma. Ero così felice perché i miei genitori mi avevano permesso di andare via con gli amici, a fare un viaggio in Italia, prima di iniziare l’università. Non posso negarlo, mi sono innamorata. Jonathan era lì per un viaggio d'affari. Ci siamo incontrati quando ci siamo ritrovati a cenare nello stesso locale e ... Beh, oops! Si è rivelato essere molto più grande di me, ma era così bello e si comportava come un vero gentiluomo. Mi ha corteggiato in una maniera quasi fiabesca, con i fiori, le passeggiate romantiche e tutto il resto. E anche se sembra un cliché, dubito che ci sia una sola ragazza al mondo a cui non avrebbe fatto piacere. Quindi, non ci ho messo molto a innamorarmi di lui e il mio viaggio si è rivelato qualcosa di più di una semplice pausa estiva. Ma poi mia madre ha chiamata dandomi delle notizie devastanti. Ha detto che sua madre, mia nonna, era appena morta e che dovevo correre a casa. Ovviamente, era una notizia terribile. Ho iniziato a fare le valigie non appena ho attaccato con mia madre e non riuscivo più a smettere di piangere. Era strano, ma un paio di settimane prima, quando ero arrivata, mi sentivo più adulta, e ora tutto quello che volevo era che qualcuno mi desse sostengo, per prendere tutte le decisioni a posto mio. Jonathan è stato l'unico su cui ho potuto contare. Si è preso cura dei biglietti aerei e di altre cose e mi ha persino detto che poteva essermi di sostegno durante questo periodo, e io l'ho apprezzato molto. Ma appena siamo atterrati all'aeroporto, sono successe una serie di eventi alquanto ambigui. Dunque, mio ​​padre è venuto a prenderci per riportarci a casa. E quando ha visto Jonathan, era un po’ "sorpreso per la sua età", diciamo così. Insomma, avevo detto ai miei genitori che non tornavo a casa da sola, ma immagino che si aspettassero di vedermi con un ragazzo e non qualcuno che poteva essere mio padre. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Ho Vissuto con un Dollaro al Giorno e ora Sono una Leggenda Vivente || Le Migliori Storie Animate
Ho Vissuto con un Dollaro al Giorno e ora Sono una Leggenda Vivente || Le Migliori Storie Animate
2 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao! Sai, credo che i nostri genitori vogliano solo il meglio per noi, ma a volte i loro modi di educarci sono alquanto insoliti. E questa educazione ha un impatto sul nostro futuro, indipendentemente dal fatto che lo vogliamo o no. Ma solo noi possiamo decidere come usare ciò che abbiamo imparato da loro. Ascolta questa storia su come mi hanno educato e di ciò che ne ho tratto. Io mi chiamo Elon Musk e se pensi che la tua infanzia sia stata complicata, non sei il solo! I miei genitori sono divorziati, e sono cresciuto avendo come amici i miei libri. Ebbi delle difficoltà a scuola, e lavorai in un cantiere edile. Mio padre non aveva fiducia in me, e lontano da casa, sono sopravvissuto con un dollaro al giorno e sono quasi morto di fame. Ma tutto questo non conta realmente. Quello che ho capito, è quello che fai con ciò che ti insegnano i tuoi genitori. I primi otto anni della mia vita sono stati, in qualche modo, raggianti e felici. Vivevo con mia madre, mio padre e i miei due fratelli più giovani, in una città del Sud Africa. Ed eravamo a circa un'ora di auto dalla capitale. Entrambi i miei genitori erano persone impegnate, lavoravano sodo e non li vedevo molto. Ma si assicurarono che a me, mio fratello e mia sorella non mancasse nulla. E non ci mancava niente ... tranne l’affetto, forse. Non avevamo una tata, solo una governante che era lì per assicurarsi che non rompessimo nulla. Non ho mai fatto danni in casa; di solito, ero fuori a fabbricare esplosivi, a costruire razzi e a fare cose che avrebbero potuto uccidermi. Sono ancora stupito di avere tutte le dita! Inoltre mi piaceva leggere. Una volta, la mia famiglia è andata a fare shopping quando, durante la giornata, si sono resi conto che non c’ero più. Beh, mia madre ha preso mio fratello ed è venuta a cercarmi. Mi trovarono in una libreria, e me ne stavo lì seduto sul pavimento a leggere, ignaro di tutto ciò che stava accadendo. Quando sono cresciuto e la scuola terminava alle 14:00, io andavo in libreria e rimanevo lì fino alle 18:00, quando i miei genitori tornavano a casa dal lavoro. Leggevo libri, fumetti e anche romanzi. A volte mi cacciavano via dal negozio, ma di solito mi permettevano di restare. A un certo punto, ho finito i libri da leggere nella biblioteca della scuola, nella biblioteca del quartiere, e nelle librerie, e così ho iniziato a leggere le nostre enciclopedie. Ed è stato così utile! Ho scoperto che c’era un’infinità di cose da sapere. E mi sono reso conto di quante cose potevo imparare. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Ho Trovato una Lettera in Soffitta. È stata scritta da mia Madre || Le più Belle Storie Animate
Ho Trovato una Lettera in Soffitta. È stata scritta da mia Madre || Le più Belle Storie Animate
2 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Ho Buttato Fuori Casa la mia Migliore Amica Incinta e non me ne Pento
Ho Buttato Fuori Casa la mia Migliore Amica Incinta e non me ne Pento
2 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao! Vorrei raccontarti una storia, né più né meno, di come la vita può prenderti alla sprovvista. Non sarà una storia divertente perché ti racconterò di come ho tradito la mia migliore amica. Ma è solo un punto di vista, perché io vedo tutto da una prospettiva completamente diversa. A proposito, io mi chiamo Tonya e da poco ho compiuto diciassette anni. Tutto è iniziato all'incirca dieci o, forse undici anni fa, non ricordo esattamente. Ero una bambina e vivevo con i miei genitori in una piccola e accogliente casa, nella periferia di una piccola città. E avevo una sola amica: Olive. Aveva un anno e mezzo più di me e viveva vicino casa mia. I suoi genitori erano piuttosto poveri, quindi non possedevano una casa. Vivevano in una vecchia roulotte. Ma erano persone educate e gentili, quindi mia madre non aveva problemi se ero amica con Olive. A quel tempo Olive e io eravamo così inseparabili. E abbiamo persino fatto una specie di cerimonia per rafforzare la nostra amicizia. Ora capisco che fosse ridicolo e sciocco, ma per noi bambine, era estremamente importante. C’era una vecchia quercia vicino a casa e Olive ha suggerito di scolpire le parole: "Olive e Tonya, amiche per sempre!" sulla sua corteccia. Ricordo che Olive aveva rubato un coltello dal padre, ricordo che siamo state fortunate a non tagliarci le dita mentre intagliavamo quelle lettere, e ricordo persino che il mio nome era stato scritto male. Immagino che probabilmente anche tu hai dei bei ricordi con i tuoi amici d'infanzia, non è così? Ecco perché Olive e io eravamo terribilmente sconvolte quando mio padre trovò lavoro nella capitale dello stato in cui vivevamo e ci siamo rese conto che il nostro trasloco era inevitabile. Abbiamo pianto molto, a noi sembrava che quegli stupidi adulti ci stessero separando, separavano noi che eravamo sorelle! Per rendere le cose più facili, i miei genitori mi fatto avere un indirizzo e-mail e mi hanno suggerito di farne avere uno anche a Olive, cosi che avremmo potuto scriverci e tenerci in contatto. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mia Nonna Ha Fatto Un Rito Voodoo Contro Il Mio Amico. E ha funzionato! || Storie Vere Animate
Mia Nonna Ha Fatto Un Rito Voodoo Contro Il Mio Amico. E ha funzionato! || Storie Vere Animate
2 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao a tutti! Io sono Caleb e ho sedici anni. Sono nato e cresciuto a New Orleans, e ve lo dico perché c'entra molto con la mia storia. Vi racconterò infatti di un antico rituale voodoo e di come il mio migliore amico ne è rimasto vittima. Mmm, già vedo che non mi credete. Beh, nemmeno lui ci credeva, fino a che si è trovato gli zombi sotto la finestra ogni notte! Il mio migliore amico si chiama Henry. La sua famiglia si è trasferita a new orleans dal New Jersey, circa sei mesi fa, e Henry ha cominciato a frequentare la mia scuola. È un tipo simpatico e abbiamo fatto amicizia molto velocemente, abbiamo tante cose in comune. Henry non conosceva bene la mia città, qui per lui era tutto nuovo e tutto lo incuriosiva. “Perché il quartiere francese si chiama così? Perché i turisti vanno a vedere i cimiteri? Perché nei cimiteri ci sono quelle cripte enormi e non semplici tombe?” Devo ammetterlo, ho un futuro da guida turistica. Chissà, guadagnarmi da vivere mostrando ai turisti la mia città? Ma non è questo che importa adesso. Il fatto è che la mia famiglia ha un legame molto stretto con New Orleans, e me lo hanno inculcato fin da piccolo. La mia famiglia si stabilì qui già nel diciannovesimo secolo, e da allora nessuno ha mai vissuto altrove. Ma prima di arrivare negli USA, i miei antenati vivevano ad Haiti. Ecco, ora avete capito dove voglio andare a parare? Ve lo dico subito allora, nella mia famiglia c'erano dei veri stregoni voodoo. Sì sì, quelli che parlano con gli spiriti, celebrano riti magici, fabbricano amuleti e trasformano la gente in tremendi zombi. O almeno, è così che mi hanno raccontato. Naturalmente io non sono capace di fare cose del genere. Ma mia nonna Virginia lo è eccome! Lei ha un piccolo negozio di souvenir, dove i turisti comprano amuleti e cose del genere, le chiedono del voodoo e se anche lei sa fare riti magici. Sinceramente non ho mai dato molta importanza al lavoro di mia nonna, perché quello che per i turisti è molto esotico per me era vita quotidiana. Henry invece si mostrò molto interessato e mi faceva moltissime domande sulla nonna; ma non nel modo che mi sarei aspettato. Henry non faceva nulla per nascondere il suo scetticismo verso le convinzioni di mia nonna, e si tratteneva a stento dal dire direttamente che non faceva altro che truffare i turisti. Si tratteneva solo per non litigare con me. Ma io ero comunque molto offeso dal suo atteggiamento, perciò decisi di portarlo con me nel negozio della nonna così avrebbe visto coi suoi occhi cosa sapeva fare. Henry accettò e venne al negozio di nonna Virginia portandosi dietro anche sua sorella Gill, che aveva un anno meno di lui. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
La Famiglia del mio Fidanzato mi Odia perché NON sono Incinta
La Famiglia del mio Fidanzato mi Odia perché NON sono Incinta
2 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao! Quanti anni hai? Dieci? Dodici? Quindici? Beh, io mi chiamo Ashley e di recente ho compiuto diciotto anni. E sono completamente sopraffatta da tutti questi PROBLEMI DA ADULTI! Vuoi un esempio? Bene, ad esempio, la famiglia del mio fidanzato mi odia perché non sono incinta. Che ne pensi? Quest'anno ho cominciato l’università e lì ho incontrato Kevin. Ha solo un anno più di me, ma sembra molto più maturo. É così sicuro di sé ed è un ragazzo autonomo, beh, non è un ragazzo, ma un uomo! Non ha nulla in comune con i ragazzi che conosco, ed è stata, almeno credo, la cosa che mi ha colpita di più di lui. Eh sì, mi sono innamorata. Quindi non ero affatto imbarazzata quando, dopo un paio di settimane, Kevin mi ha invitata a casa sua ... in modo da poter conoscere la sua famiglia! E mentre andavamo da loro, per circa dieci volte, credo, mi ha ripetuto che avevamo una relazione molto seria e che dovevo fare di tutto per compiacere i suoi genitori. A quel tempo non ci ho prestato molta attenzione, nemmeno al fatto che gli desse così tanta importanza, o che andava così tanto di fretta. Ora penso che stesse solo cercando di risolvere tutti i suoi problemi a mie spese. Beh, però ora voglio dirti tutto in ordine. La famiglia di Kevin era perfetta. Sembrava che i suoi genitori fossero appena usciti da un film degli anni '50, e quando parlammo fui completamente affascinata dai loro manierismi. E c'era anche la sorella minore di Kevin, Samantha, che assomigliava a una bambolina. Adoravo la loro grande e bella casa, il loro bel cane di razza e il cibo gustoso che la madre di Kevin aveva preparato. Quindi, ogni volta che Kevin mi chiedeva di rimanere per il fine settimana, accettavo ben volentieri. Inoltre, vivevano nella stessa città dove si trovava la nostra università, quindi non dovevo fare lunghi viaggi con i mezzi pubblici. E attraverso le lenti dell’amore…tutto sembrava così magnifico. In realtà, non avevo capito come mi percepivano. Ma, col passare del tempo, ho tolto quegli occhiali. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Ho Avvelenato una Torta per il Compleanno della mia Matrigna
Ho Avvelenato una Torta per il Compleanno della mia Matrigna
3 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao ragazzi! Io mi chiamo Molly e ho quattordici anni. Su questo canale ho visto molte storie che parlavano di matrigne malvagie che hanno reso infelice la vita di chi narrava. La mia storia riguarda la mia matrigna, Regina, ma c’è qualcosa che potrebbe sorprenderti e persino scioccarti! Il punto è che Regina è andata in ospedale a causa di un mio errore e la sua vita era in pericolo. Ma io non volevo che ciò accadesse! Beh, forse lo volevo ... ma non avrei mai fatto nulla per far si che accadesse, ve lo giuro. Regina è entrata nella mia vita poco più di tre anni fa. E vedete ... non ci siamo subito prese. I miei genitori sono divorziati ma non faccio parte di quel gruppo di ragazzi che non hanno sofferto per la separazione. Dopo il divorzio, sono rimasta con mio padre. Mia madre è la migliore e parlo con lei su Skype ogni giorno e trascorro quasi tutti i fine settimana con lei, ma non riesce a camminare e può spostarsi solo su una sedia a rotelle. E quando lei e mio padre si separarono, ero ancora una bambina, quindi mio padre decise che per mia madre sarebbe stato troppo difficile prendersi cura di me, quindi decisero che sarebbe stato meglio per me stare con lui. Quindi, per alcuni anni sono stata sola con mio padre, ed è stato un bel periodo. Guardavamo i cartoni animati tutte le sere, andavamo in mezzo alla natura e passavamo un po’ di tempo nel bosco, camminavamo nel parco dove giocavamo insieme a facevamo volare gli aquiloni ... Quando mio padre notò quanto mi piacesse stare all'aria aperta, mi promise un cane. Ma invece abbiamo "preso” Regina. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mia Madre Ha Cercato Nuovi Genitori Per Me Perché Ha Scoperto Che Morirà Presto
Mia Madre Ha Cercato Nuovi Genitori Per Me Perché Ha Scoperto Che Morirà Presto
3 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao! Io sono Phoebe e ho 15 anni. Non fatevi ingannare dal mio tono così allegro e ottimista. La storia che vi voglio raccontare è davvero triste, e strana. Beh sì, perché è la storia di come mia madre ha deciso di fare un vero e proprio casting... per trovarmi dei nuovi genitori. Tutto perché a mia madre resta poco tempo da vivere... Tutto è successo molto in fretta. Così, semplicemente: un brutto giorno, mia madre ha avuto un grave malore. Prima di quel giorno le capitava già spesso di sentirsi strana e debole, perciò mi ci ero abituata, non ci facevo nemmeno più caso. Era la nostra normalità. Inoltre, mia madre è sempre stata una di quelle persone diffidenti verso i medici e gli esami clinici. In altre parole, anche se stava male, molto difficilmente si rassegnava ad andare dal medico. Preferiva sempre risolvere ogni problema del genere nello stesso modo; riposandosi se era stanca, mettendosi a letto o a pisolare sul divano. Malgrado tutto però, arrivò il punto in cui mia madre non poteva continuare a far finta di nulla. Perdeva i sensi, ormai, e non soltanto a casa, ma anche a lavoro. La mamma lavora in grande ipermercato, con un'enorme quantità di roba in vendita e un vero labirinto di scaffali. Un giorno alcuni clienti diedero l'allarme, perché... avevano quasi investito mia madre col loro carrello. La mamma infatti era a terra priva di sensi, nel reparto del cibo per gli animali…il suo capo per giunta la rimproverò, e le ordinò di farsi degli esami medici completi. La mamma fece di tutto per evitarlo. Non solo perché non voleva farlo, ma anche perché non aveva mai rinnovato la sua assicurazione medica. Il suo capo però le disse che se non avesse fatto delle analisi, l'avrebbe licenziata. Perciò, non aveva più scelta, finalmente andò a farsi visitare dal medico. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mia madre mi ha costretto a fare un test di gravidanza. Non volevo che lei lo sapesse!
Mia madre mi ha costretto a fare un test di gravidanza. Non volevo che lei lo sapesse!
3 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao ragazzi. Mi chiamo Lisa, ho 16 anni e vi racconterò qualcosa di cui mi vergogno molto. Di recente ho dovuto dimostrare a mia madre che non ero incinta e per questo motivo ho dovuto rivelare un mio segreto Devo dire che non sono abituata a parlare di argomenti delicati come questo. I miei genitori sono persone molto conservatrici. Per tutta la vita, non mi è stato permesso di vestirmi come volevo, non mi è stato permesso di uscire con gli amici quanto volevo e, naturalmente, non mi è stato permesso di uscire con nessuno. Quindi, alle spalle dei miei genitori, ho iniziato a uscire con Jamie. L'ho nascosto nel miglior modo possibile, ma un giorno l'hanno scoperto. Oh, e poi ho avuto dei momenti difficili. Sono stata depressa per un mese e ogni giorno ho combattuto con i miei genitori. Ho chiesto di poter uscire con Jamie: è stato difficile, ma sono riuscita a convincerli. Abbiamo trovato un compromesso. Mi è stato permesso di vederlo, ma ho dovuto promettere di non fare nulla di stupido. Quindi Jamie e io «non abbiamo fatto niente di stupido» per un anno. Eravamo davvero vicini. Volevamo persino presentarci i nostri genitori ... Ma questa è un'altra storia triste, perché mia madre e mio padre non sopportavano i genitori di Jamie. Un'estate, i miei genitori volevano andare in vacanza e portarmi con loro. Sembrava forte, si trattava di un viaggio in Tailandia di tre settimane! Non potevo immaginare di passare quasi un mese senza Jamie, quindi abbiamo escogitato un piano geniale. Ha convinto sua madre e suo padre a trascorrere le vacanze nella stessa città e nello stesso hotel in cui eravamo! Immagina quanto siano stati sorpresi i miei genitoriquando hanno visto Jamie e la sua famiglia in hotel, eh! Ma eravamo così felici di vederci! Naturalmente mia mamma e mio papà volevano tenermi sempre d’occhio, ma volevano anche rilassarsi. Quindi sono stataspesso sotto la supervisione dei genitori di Jamie in modo che potessero riposare. Ha funzionato alla grande! Per noi è stata una vacanza da sogno. Ci siamo divertiti ogni giorno e abbiamo portato con noi tanti ricordi. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Ho preso il Telefonino del Fidanzato di mia Madre per Sbaglio. Oh. Mio. Dio.
Ho preso il Telefonino del Fidanzato di mia Madre per Sbaglio. Oh. Mio. Dio.
3 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao! Io mi chiamo Rosemary e ho sedici anni. Non ho nulla da nascondere! E ti racconterò questa storia per rivelare quale cosa terribile ha fatto mia madre... e sono sicura che pagherà, vedrai. E spero che capirai la mia situazione. Fino a poco tempo fa vivevo sola soletta con mia madre nella nostra grande casa, anche se tanto tempo fa avevo una famiglia felice. Ma cinque anni fa circa, tutto è cambiato, quando, per farla breve, mia madre ha mandato via mio padre. Beh, non ho idea di come abbiano fatto a innamorarsi l’uno dell’altro! Mia madre è sempre stata una donna autoritaria. E se qualcuno non concorda con quello che dice lei, significa che ha torto. E mio padre è completamente diverso. È gentile, attento ... ascolta sempre, ed è felice di dare il suo supporto a chi ne ha bisogno. In realtà, avrei preferito vivere con mio padre, ma vedi, mi ero abituata a questi alti standard di comfort, e mio padre ... Beh, dal punto di vista di mia madre, mio ​​padre è un rammollito e un perdente che all’età di quarantacinque anni non si è costruito nulla. Odio ammetterlo, ma in un certo qual modo mia madre ha ragione. Quando si separarono, mio ​​padre si trasferì in un quartiere umile, in una specie di ghetto, dove ha preso in affitto un minuscolo appartamento. Riesce a malapena a permettersi quel buco e deve anche condividerlo con un amico. Quindi, vivere con lui non era un'opzione. Man mano che crescevo, mia madre mi prestava sempre meno attenzione. Pensava che nel momento in cui sarei stata in grado di prepararmi la cena, lavarmi i vestiti e avere voti decenti a scuola, i suoi doveri genitoriali sarebbero stati assolti. Inoltre, mi ha insegnato la disciplina, punendomi severamente per disobbedienza ed errori, quindi la mancanza di attenzione da parte sua non era affatto male. Anche se, a volte, mi mancava parlare con lei, sai, come fanno spesso le madri e le figlie. Quasi ogni sera mi preparavo la cena e mangiavo da sola in una sala da pranzo vuota. Si, era deprimente. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
La Mamma è Entrata in Camera mia Senza Bussare. Mi Dispiace, Mamma….
La Mamma è Entrata in Camera mia Senza Bussare. Mi Dispiace, Mamma….
3 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao ragazzi! Io sono Katherine. Adesso ho 16 anni, ma sono stata costretta a lasciare casa e a trasferirmi dall’altra parte del paese. Mi sento come un’orfana, che ha ancora i genitori, ed è abbastanza pesante. Tutto è successo e a causa dell'amore, o meglio, a causa delle mie preferenze romantiche. Il fatto è che sono lesbica. In realtà, quando ho iniziato a capire che ero attratta dalle ragazze, era del tutto inaspettato e molto strano. È successo qualche anno fa, quando avevo 12 anni o giù di li. Sono andata al campo sportivo con alcune ragazze della classe di ginnastica e una di loro, che era la mia migliore amica, mi ha fatto capire che eravamo attratte l’una dall’altra. Fu scioccante e spaventoso, ma soprattutto perché, improvvisamente, capii che provavo dei sentimenti per lei. Non mi è mai piaciuta la ginnastica artistica, specialmente a livello agonistico, dove le ragazze assomigliano più a dei pali, anche se sono davvero flessibili. Allora, perché ho dedicato 8 anni della mia vita a questo sport, ti starai domandando? E la mia risposta è che mio padre ha insistito perché lo facessi. Vedi, ha sempre voluto avere un maschio per crescerlo come un atleta di successo. Ma ha avuto una femminuccia e ci è rimasto parecchio male. Tuttavia, non ha mai rinunciato al suo sogno di essere il padre di un campione olimpico. E la ginnastica era uno dei suoi sport preferiti. Papà era severo e totalitario, e io ero troppo giovane per ribellarmi, e la mamma (e lo è ancora) era troppo innamorata di mio padre per contraddirlo. Sicuramente, non ero un’atleta di talento. Ma papà continuava a dire che se ci avessi messo tutta me stessa era sicuro che, alla fine, avrei ottenuto quella medaglia d'oro. Ma sono riuscita a ottenere solo pochi premi di consolazione, un paio di fratture, il naso rotto e, qualcosa di totalmente inaspettato, la scoperta della mia sessualità. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mio Padre è Riapparso nella mia Vita dopo Tanti Anni. Ma Voleva il mio Fegato, non il mio Amore!
Mio Padre è Riapparso nella mia Vita dopo Tanti Anni. Ma Voleva il mio Fegato, non il mio Amore!
3 mesi fa
★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 Ciao! Io sono Jennifer. E sai qual è la parte peggiore nelle relazioni? La delusione. Quando ti fidi e pensi che qualcuno è in buona fede ma poi ti rendi conto che voleva solo usarti. E quando questo accade con le persone a cui sei legato o con la tua famiglia, fa veramente male. Questa storia è successa l'anno scorso. All'epoca, avevo appena compiuto 18 anni, mi ero appena diplomata e avevo trovato un buon lavoro nel supermercato locale quando mia sorella maggiore, Stefany, mi ha chiamato per dirmi che la mamma era in ospedale. Naturalmente, ero davvero preoccupata, ma il primo pensiero che mi è venuto in mente è stato “Per favore, fa che la mamma stia BENE perché non possiamo permetterci le cure." Fammi spiegare. Mia sorella e io siamo state cresciute da una mamma single. Abbiamo avuto una vita piena di alti e bassi e la maggior parte delle volte non avevamo molti soldi. Ad essere onesti, ci potevamo permettere poche cose. So che mia madre ha sempre cercato di fare del suo meglio per mantenerci, ma fin da quando ero piccola ho sempre provato invidia verso gli altri. Ad esempio, quando tutti avevano l’ultimo modello di telefonino, io avevo solo un vecchio telefono usato. Cercavo di tenerlo sempre nascosto e di tirarlo fuori solo nei momenti di estremo bisogno. E, di tanto in tanto, acquistiamo i nostri vestiti dal negozio dell'usato. Una volta la mia compagna di classe Joana ha persino notato che portavo un suo vecchio vestito. Non si è comportata da amica quando ha detto a tutti che il mio vestito era il suo, e non sono stata così brava a negarlo. Alcune persone mi hanno creduto ma altre no, ed ero così imbarazzata. Ho dovuto anche modificarlo per poterlo rindossare. Beh, almeno so cucire. Per sapere come va a finire, guarda il video! I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Il mio Incubo era in Realtà una Storia Enigmatica del mio Passato ||Le Migliori Storie Animate
Il mio Incubo era in Realtà una Storia Enigmatica del mio Passato ||Le Migliori Storie Animate
3 mesi fa
Ciao, io sono Oliver, ho 15 anni e ... qualcosa di strano è successo quando ero un bambino e vorrei che tu mi aiutassi a capirlo ... Sorprendentemente, tutto è iniziato quando ho visto "Breaking Bad". Beh, si vedono molti deserti e macchine, e tutto questo ha scatenato qualcosa dentro di me ... Mi sentivo strano mentre lo guardavo, come se qualcosa di cui mi ero dimenticato ritornasse nella mia mente. Era qualcosa che riguardava un deserto ... era molto strano e ... molto confuso. E poi ho fatto un sogno. Nel mio sogno, ero molto piccolo... tipo 3 o 4 anni, ed ero sul sedile posteriore di un'auto. Fuori c’era un deserto e sul sedile anteriore della macchina ... c'erano due uomini. E stavano in silenzio. Avevo in mano un cavallo blu o era un pony. Ricordo che lo stringevo forte per sopprimere la paura. E poi mi sono svegliato e sudavo freddo, stavo stringendo il cuscino come facevo con quel cavallo. Ero così spaventato che non riuscivo nemmeno a respirare. È stato terrificante e dopo ho cercato di riaddormentarmi, ma sono rimasto lì, a fissare il soffitto per un'ora prima di riuscire ad addormentarmi. Nei giorni che seguirono ci ho pensato costantemente, perché mi sembrava così ... reale. Alla fine, me ne sono dimenticato, e poi ho fatto di nuovo lo stesso sogno. E poi una terza e quarta volta, quindi, a quel punto non c'era modo di dimenticarmene o pensare che fosse nient'altro che un sogno. Chi erano quegli uomini e quello strano cavallo blu? Ho iniziato a pensare che forse ... forse, era un ricordo di qualcosa che mi ero dimenticato. Ho chiesto ai miei genitori di questo sogno e la mamma era visibilmente confusa. Ha detto che no, niente del genere era mai successo, ma mio padre ... mio padre si comportava in modo davvero strano. Mi ha detto che non era successo niente del genere, mentre scarabocchiava qualcosa su un pezzo di carta come faceva sempre quando era nervoso. E poi ha gettato il pezzetto di carta nella spazzatura. Più tardi l'ho raccolta, perché forse c'era qualche indizio, ma non era cosi, c'era solo qualche scarabocchio. Per sapere come va a finire, guarda il video! ★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mio fratello ci ha tolto dei soldi. Gliel’ho fatta pagare!
Mio fratello ci ha tolto dei soldi. Gliel’ho fatta pagare!
3 mesi fa
Ciao! Mi chiamo Penny, ho quindici anni. La mia storia sembrerà probabilmente incredibile, persino scioccante, e sono sicura che molti di voi che la ascolteranno mi giudicheranno per quello che ho fatto. Alcuni mesi fa ho denunciato mio fratello alla polizia. Presto si è trovato ad affrontare una sentenza in tribunale e, no, non mi pento di ciò che ho fatto. Come molte altre storie, la mia è iniziata con una tragedia nella mia famiglia. Due anni fa mio padre morì in un incidente lasciando sua moglie ... mia madre, sola con due figli: io e mio fratello maggiore, Sam. Sam ha tre anni più di me e da quel giorno era l'unico uomo nellanostra famiglia. Non eravamo ricchi, nemmeno prima dell'incidente, e ora avevamoun debito significativo, quindi mia madre ha dovuto trovare un lavoro dignitoso per crescere i suoi figli e mantenere la sua casa. Il lavoro di mia madre le toglievaquasi tutto il suo tempo. E anche se capisco che stava facendo tutto per me e Sam, penso che sia stato un suo errore e che semplicemente non ci abbia prestato molta attenzione. Forse è in parte colpa sua - cosa è successo con Sam? Sam e io non eravamo mai vicini. Dopo la morte di nostro padre ci siamo allontanati ancor di più. Lui parlava a malapena con me e mia madre, ma allo stesso tempo si fece molti amici sospetti. Sembrava che a Sam non importasse di me o di mia madre. Invece di darci il suo sostegno in questo momento difficile, mio ​​fratello sembrava sentire questo tipo di libertà che rasentava il fare tutto ciò che voleva. Anche quando non aveva ancora raggiunto la maturità, dormiva spesso da qualche altra parte, a volte scompariva per diversi giorni, ma la cosapeggiore era che aveva iniziato a chiederea mee mia madre dei soldi! Quando ho perso mio padre, ho pensato aquanto sarebbe stato difficile per nostra madre, speravo che Sam potesse trovare un lavoro ediniziare ad aiutare la famiglia ... Pensavo che fosse giusto almeno fino al momento in cui la mia età mi avrebbepermesso di lavorare. Sam, invece di aiutarci, ha tolto i soldi da mia madre con la"paghetta" senza mai chiedere se lei li avesse per le spese familiari. Inoltre, non si è mai capito per cosa spendesse i soldi. Giravano voci nel vicinato che Sam frequentasse cattive compagnie. Per sapere come va a finire, guarda il video! ★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
I miei Genitori mi hanno Abbandonato, Ma sono Sopravvissuto e sono diventato una Stella
I miei Genitori mi hanno Abbandonato, Ma sono Sopravvissuto e sono diventato una Stella
3 mesi fa
Ciao a tutti!La mia infanzia potrebbe scioccarti, ma allo stesso tempo, potrebbe aiutarti a cambiare idea su come è la tua vita. Quando ti lamenti perché non hai molto, o ti senti giù, devi ricordare che ci sono tante altre persone in questo mondo che hanno molto meno di te. E che puoi comunque riuscire, se sei determinato ... e grazie anche a una piccola dose di fortuna. Beh, ascolta la mia storia. Voglio cominciare dall’inizio. Ovviamente, non me lo ricordo, ma quando l'ho saputo, ero triste e felice allo stesso tempo. Presto capirai il perché, ma lascia che ti spieghi. Vedi, la mia famiglia era così povera che quando sono nato mia madre e mio padre non potevano permettersi di pagare il dottore che ha aiutato mia madre a partorire. Riesci a credere a una cosa simile? E sai che cosa è successo dopo? Il dottore suggerì di lasciarmi con lui ... come pagamento per i suoi servizi. Posso solo immaginare che cosa che avrebbe fatto di me. Fortunatamente per me, mio ​​padre è riuscito a farsi prestare un po’ di soldi e ad ammucchiare i soldi necessari per tenermi con loro. Ero un bambino molto energico e, per sfruttare questa energia, mio ​​padre mi svegliava all'alba e praticavamo insieme le arti marziali. Praticavamo il Kung- fu e mi ha anche insegnato a fare delle semplici acrobazie come le capriole e i salti mortali. Ma quando le mie capacità di combattimento e le acrobazie iniziarono a prendere forma, le mie capacità accademiche non furono all'altezza. Ero dislessico e non riuscivo a scrivere correttamente, quindi mi sono ritrovato in prima elementare quando tutti i miei compagni di classe stavano già in terza. Così, mio padre decise di iscrivermi all’Accademia delle Arti Drammatiche in un teatro locale. Che fortuna, non è vero? Ricordo ancora quando sono entrato in quella vecchia e ammuffita scuola, stringendo forte la mano di mio padre. Le mie paure scomparvero nell’istante in cui ho visto gli occhi di dozzine di bambini che mi fissavano, alcuni avevano la mia età e altri erano più grandi, e facevano capriole e giocavano con spade e bastoni. Mi sembrava la mia versione incantata di "Disneyland". E non ci ho messo molto a lasciare la mano di mio padre e ad aggrapparmi alla mano del mio nuovo "Maestro". Per sapere come va a finire, guarda il video! ★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Ho Incontrato Una Strega E La Mia Vita è Diventata Un Film dell'Orrore
Ho Incontrato Una Strega E La Mia Vita è Diventata Un Film dell'Orrore
3 mesi fa
Ciao a tutti! Io sono Brenda e ho tredici anni. Oggi finalmente ho trovato il coraggio di raccontare a tutti la storia più strane e misteriosa che mi è mai successa. A voi è mai capitato di vivere situazioni davvero strane? Nel senso, proprio delle cose inspiegabili? Nel mio caso è cominciato tutto quando la mia famiglia si trasferì in una piccola città in Tennessee. Non vedevo l'ora di conoscere i miei nuovi compagni di scuola e di ricominciare in un posto nuovo. Sembrava un posto dove non potesse capitare nulla di brutto. E invece... I miei compagni di classe erano tutti simpatici. Mi portavano in giro per conoscere la città e fare amicizia… tutti simpatici tranne Aidan. Lui era tremendo. Stava sempre zitto, sulle sue, e mi lanciava delle occhiate che mi facevano sentire sempre a disagio. Cominciai a chiedere di lui ai miei nuovi amici, e risultò che era davvero un tipo strano. Non andava d'accordo con nessuno, ma fin qui era tutto normale. Solo che mi dissero anche che si interessava a strane cose, faceva strane collezioni che non lasciava vedere a nessuno. A dirla tutta, all'epoca ero molto interessata agli argomenti strani ed esoterici, perciò ero curiosa. Un giorno i miei compagni di classe ebbero la “grande” idea di rubare la borsa ad Aidan e scoprire finalmente cosa collezionasse. L'idea era questa: qualcuno avrebbe dovuto distrarlo, mentre io gli sottraevo la borsa. Al momento di agire, le cose però non andarono come previsto. Aidan si accorse di me e si infuriò. Cominciò a urlare come un matto, lanciandomi maledizioni! Io mi spaventai così tanto che scappai a gambe levate. Mentre correvo senza mai voltarmi lo potevo ancora sentire urlami cose tipo: "Te ne pentirai, amaramente!" poco dopo, nel momento in cui finalmente scoprimmo tutti cosa tenesse Aidan nella borsa, restammo scioccati. C'erano robe tipo sassi, piume, rami secchi e persino uccelli morti o resti di gatti morti. Io però mi sentivo mortificata, mi tenevo a distanza. Avevo davvero paura della reazione di Aidan. Poi però, il giorno dopo e quello dopo ancora filarono via lisci, perciò cominciai a lasciarmi alle spalle la storia. Per sapere come va a finire, guarda il video! ★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Ho Lasciato il mio ex e lui ha Pianificato una Terribile Vendetta
Ho Lasciato il mio ex e lui ha Pianificato una Terribile Vendetta
3 mesi fa
Ehi ragazzi! Io mi chiamo Sonya. E classificherei questa storia come una storia dalle molteplici perdite. E alcune delle perdite non sono state così importanti, per così dire. Tutto è iniziato poche settimane prima del mio diploma alla scuola superiore. Frequentavo Nick da più di un anno. Stavamo sempre insieme, sempre e ovunque: a scuola, dopo le lezioni, in palestra ... E insisteva che lo seguissi a tutti i suoi allenamenti di football e, ovviamente, non mi sono mai persa una partita. Avevo persino rinunciato a uscire con le mie amiche perché, sai, a Nick non piaceva quando andavo da qualche parte senza di lui. Ma a me non importava. Tuttavia, più si avvicinava il diploma, e meno tempo avevamo a disposizione. E anche gli esami di fine anno si stavano avvicinando. Quindi, a un certo punto, visto che stavo studiando, inviando domande alle università, trascorrendo tanto tempo a scuola per ottenere dei voti alti, non riuscivo a seguire gli allenamenti di Nick. Non stavamo più cosi tanto tempo insieme, tipo giorno e notte, e questo rendeva tutto più difficile. E cosi abbiamo iniziato a litigare. Di solito, ero io a cedere, mentre Nick continuava a comportarsi come il maschio alfa, per così dire. Una mattina sono stata svegliata da mia madre. È venuta nella mia stanza con gli occhi pieni di lacrime e ha detto che la mia bisnonna era appena stata ricoverata in ospedale per problemi di salute. Ovviamente, mi sono preoccupata molto e siamo andate subito da lei. In realtà, non era nulla di cosi soprendente, visto che aveva 95 anni. Ma la nostra famiglia amava cosi tanto Nana ed eravamo abbastanza sicuri che questo sarebbe stato il suo ultimo viaggio in ospedale. Quindi ci dovevamo preparare psicologicamente. Per sapere come va a finire, guarda il video! ★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
La mia Ragazza Ha Fatto Finta di avere Un'Amnesia per Liberarsi di Me
La mia Ragazza Ha Fatto Finta di avere Un'Amnesia per Liberarsi di Me
3 mesi fa
Ciao. Non so perché sto per raccontare questa storia. Forse solo per farti capire quanto io sia infelice. Mi chiamo Arthur e ho 16 anni. La mia storia parla di una ragazza che amo e che non ricorda nulla di quello che è successo tra di noi. E non posso farci assolutamente nulla. Beh, ascolta la mia storia. Circa un anno fa, una nuova studentessa da Hong Kong è arrivata alla nostra scuola. Gli studenti di scambio stranieri sono una cosa abbastanza comune, motivo per cui nessuno ha dato tanta importanza al nuovo volto. Tranne che per il nostro capo classe, ovviamente. Mi ha chiesto di darle una mano per un po’ e aiutarla ad adattarsi all’ambiente. Vedi, ho dei voti abbastanza decenti e una buona reputazione. E, naturalmente, non volevo che le cose cambiassero, quindi ho accettato anche prima di incontrare questa studentessa. Il nome del nuovo ospite da Hong Kong era Lin. Facile da ricordare, vero? Non conoscevo il cinese, quindi ero un po’ nervoso, ma alla fine non c'era nulla di cui preoccuparsi, perché Lin conosceva perfettamente l’inglese! E non era l'unica cosa perfetta! Lin era bella. Voglio dire ... MOLTO bella! Nessuna mi era mai piaciuta quanto lei. E dopo che ho incontrato Lin, non riuscivo più a togliermela dalla testa. Dopo la scuola l'ho portata in giro per la città. Tipo una visita guidata personale, e le ho raccontato di come si vive nel Regno Unito. Lin non aveva mai viaggiato fuori da Hong Kong e molte cose qui la colsero di sorpresa e suscitarono la sua curiosità. Ad esempio, si chiedeva perché avessimo solo pochi grattacieli in centro. E ha detto che si sentiva strana a stare con una famiglia britannica in una piccola casa unifamiliare. Lin era cresciuta al trentaduesimo piano di un grattacielo a Hong Kong! Per sapere come va a finire, guarda il video! ★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mio Padre Studia Nella Mia Università E Tutti Pensano Che Ci Frequentiamo
Mio Padre Studia Nella Mia Università E Tutti Pensano Che Ci Frequentiamo
3 mesi fa
Ciao! Mi chiamo Cassidy, sono una studentessa universitaria ... e sono solo un anno avanti rispetto a mio padre. Sì, so che non c'è nulla di sorprendente al giorno d'oggi se gli adulti tornano a scuola. Ma quando il tuo vecchio risulta essere più interessante per i tuoi coetanei del college rispetto a te, è preoccupante. Tutto è iniziato quando ero solo una matricola. All'inizio, tutto per me era come per tutti gli altri - un pò spaventoso, un pò fastidioso, ma nel complesso eccitante. Anche se mi è sempre stato difficile avvicinarmi alle persone, sono riuscita a fare amicizia con un paio di ragazze, e abbiamo persino deciso di provare ad unirci al gruppo più popolare. Ma poi ho scoperto che mia madre aveva una malattia molto grave e stava per morire. Ovviamente, volevo stare con lei durante i suoi ultimi mesi. Inoltre, mio padre aveva bisogno di aiuto. Quindi, ho dovuto abbandonare l‘università dopo aver appena completato il mio primo semestre sai, per dedicarmi a mia madre nei suoi ultimi momenti. Non voglio parlare in dettaglio di quanto sia stato difficile accettare la sua morte. L'unica cosa che ha in comune con questa storia è che mio padre era completamente devastato, al punto che non riusciva a dormire o mangiare, e alla fine ho dovuto prendermi cura di lui. E a peggiorare le cose, abbiamo avuto alcuni problemi con il pagamento del nostro mutuo, quindi ho dovuto trovare un lavoro. Quello che sto cercando di dire è che non avevo nemmeno l'opportunità di continuare i miei studi al college per il successivo anno e mezzo. Ma il tempo passava e la vita con mio padre era migliorata e ad un certo punto ha iniziato a insistere perché tornassi all’università. Devo dire che è stato ancora più difficile diventare una matricola per la seconda volta. Tutti gli altri sembravano molto giovani e molto diversi da me, anche se avevo solo due anni in più. Mi sembrava che ci fosse qualcosa, come un gap generazionale, tra me e i miei compagni di classe. Certo, c'erano alcune persone con cui parlavo durante i pranzi o il lavoro di gruppo, ma non posso dire che siamo diventati davvero amici. Ero praticamente da sola. Per sapere come va a finire, guarda il video! ★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Il mio Fidanzato non Riesce a Togliere gli Occhi da mia Madre
Il mio Fidanzato non Riesce a Togliere gli Occhi da mia Madre
3 mesi fa
Ciao, io sono Sylvia e questa storia parla di una rivalità amorosa ... tra me e mia madre! Quando avevo 17 anni, ho iniziato a uscire con Paul. Lui aveva 18 anni, era un ragazzo eccezionale e mi piaceva molto. Mi divertivo tanto a uscire con lui e dopo poco tempo, ero già innamorata. C'era solo un problema: mia madre. È una donna molto bella e sembra avere 10/20 anni in meno rispetto alla sua vera età. All'inizio, con Paul andava tutto bene, ma poi l'ho presentato a mia madre. E lui ... la guardava in modo molto strano. Sembrava come se vedesse in lei una versione più bella di me. Per tutta la sera Paul ha chiacchierato e scherzato con mia madre, e a lei piaceva la sua compagnia. E io mi sono sentita un po’ esclusa. Non mi hanno nemmeno calcolata! Dopo quella sera, Paul mi ha ripetuto più volte quanto mia madre fosse meravigliosa. E ho iniziato a diventare paranoica: “al mio ragazzo piace mia madre?” “Ma può essere?”. Ma ho deciso di non pensarci più, Paul era un bravo ragazzo e forse voleva piacere a mia madre per il mio bene. Ma OGNI VOLTA che si incontravano, cose del genere succedevano di nuovo. Parlavano a lungo, e quando accennava al fatto che era tempo di andare via, Paul rimaneva basito. Una volta, avevo programmato di guardare con Paul un film a casa mia e lui ha deciso di invitare mia madre a guardarlo insieme a noi. E io sono rimasta seduta li, mentre loro parlavano e ridevano, e mi sono strafogata di popcorn. Per sapere come va a finire, guarda il video! ★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Mio Padre Voleva Liberarsi del Nostro Vecchio Cane. Ma poi Buddy gli ha Salvato la Vita
Mio Padre Voleva Liberarsi del Nostro Vecchio Cane. Ma poi Buddy gli ha Salvato la Vita
3 mesi fa
Ciao! Io mi chiamo Luna e ho quattordici anni. Abbiamo tutti sentito dire che un boomerang ritorna a chi lo lancia. Purtroppo mio padre e io abbiamo recentemente sperimentato questa cosa su noi stessi. E oggi, voglio condividere la mia storia. La mia famiglia viene dall'Iowa. Mio padre ha un'azienda agricola dove coltiva ortaggi e colture alimentari. E visto che questo è l'unico modo in cui ci guadagniamo da vivere, dobbiamo proteggere la nostra fattoria dai ladri. E per questo motivo abbiamo preso Buddy. È il cane più buono del mondo. Avevo solo quattro anni quando l'abbiamo preso, quindi sono anni che siamo inseparabili. Non è solo un bell’animale, ma è anche la migliore guardia che potessimo avere. Una notte, mi sono svegliata perché ho sentito un orribile rumore. Buddy stava abbaiando più forte che poteva. Sono corsa in camera dei miei genitori, ma mio padre era già in piedi e stava uscendo con in mano una pistola. Abbiamo aperto la porta appena in tempo per vedere che Buddy stava attaccando un ladro. Il complice era fuggito, ma non aveva preso niente. Questo è successo molto tempo fa e, da allora, Buddy è il mio eroe. Ma il tempo non è stato clemente con lui. Sono passati quasi nove anni, ed è diventato anzianotto, ma continua a tenere la fattoria al sicuro. Ho iniziato a notare che era diventato mogio e aveva perso l'appetito. Non si eccitava nemmeno quando gli portavo il suo cibo preferito. Mi stavo veramente preoccupando, ma mio padre mi ha detto che stava bene, e che era solo vecchio. A dire la verità, mio ​​padre non è mai stato un tipo molto sentimentale. Quindi, quando il cane è diventato anziano, si è arrabbiato, e questo perché pensava che Buddy non fosse più di grande aiuto. E io questa cosa non la capivo proprio! Un giorno, sono andata da Buddy e ho visto che se ne stava sdraiato lì e respirava pesantemente. Non si era nemmeno accorto della mia presenza. Sono corsa da mio padre e gli ho chiesto di portare Buddy dal veterinario. Ma si è rifiutato e ha detto che Buddy era stato un buon cane e qualcosa del genere, ma che tutto faceva parte del ciclo della vita, e che era molto più facile procurarsi un nuovo cane. Sono scoppiata in lacrime e l'ho supplicato per un'ora intera, ma non mi ha ascoltata. Poi ho detto che ci sarei andata da sola, a piedi! Soltanto allora si è arreso. Per sapere come va a finire, guarda il video! ★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Per Colazione, Pranzo e Cena Mangio Solo Hamburger
Per Colazione, Pranzo e Cena Mangio Solo Hamburger
3 mesi fa
Oii, ciao! Ti prego, dimmi che ti piacciono gli hamburger! Quei meravigliosi e soffici panini... quella succosa carne ... e il formaggio fuso ... mmm ... ti sta venendo l’acquolina in bocca, non è vero? Sì, anche a me piacciono gli hamburger. Ma hanno trasformato la mia vita in un inferno, e a causa loro ho commesso un crimine. Beh, io mi chiamo Stella, ho quattordici anni e questa è la mia storia. Tutto è iniziato circa tre anni fa quando avevo quasi undici anni. Sono passati solo tre anni, ma ero molto più piccola. Non solo di età ma anche per come ragionavo. E ti prego, non dare la colpa a mia madre! Mi ha dato alla luce poco dopo il diploma, e anche se ora ha circa trent'anni non aveva abbastanza esperienza per prevedere un evento simile. Accidenti, sto divagando. Allora, viviamo nella periferia di una grande città e, di solito, andiamo a fare shopping in un quartiere che non conosco molto bene. Ed è successo proprio lì. Dopo aver comprato tutto ciò di cui avevamo bisogno, mia madre è andata a prendere la macchina in modo da non dover camminare fino al parcheggio con tutte le nostre buste. Mi sono spostata dal marciapiede mentre la stavo aspettando. E poi ho visto che c'era una fermata degli autobus, e un autobus in partenza. E, improvvisamente, ho visto mia madre che saliva su quel bus! E non ho nemmeno avuto il tempo di pensare, e sono semplicemente salita, seguendola. Ed è stato solo quando ero a bordo che ho realizzato che la donna che pensavo fosse mia madre, non lo era! Le assomigliava, con gli stessi capelli e vestiti simili. Ero così scioccata che sono rimasta bloccata per qualche chilometro prima di scendere ... e mi sono trovata in un posto sconosciuto! Per sapere come va a finire, guarda il video! ★ VORRESTI VEDERE LA TUA STORIA ANIMATA? INVIALA a: [email protected] UN ATTORE PROFESSIONISTA E UN GRAFICO CREERANNO IL VIDEO! ★ Iscriviti a STORIE VERE bit.ly/2HdEi92 I nostri Social: Iscriviti a "Il Lato Positivo": goo.gl/LRxYHU Iscriviti a 5 MINUTI CREATIVI: goo.gl/TXK8uY Iscriviti a ENIGMI DI 7 SECONDI bit.ly/2wevtol Iscriviti a 5-Minuti Creativi RAGAZZE: goo.gl/fWbJqz 5 Minuti Creativi - Bambini: bit.ly/2ELAGtb Musica: Epidemic Sound: www.epidemicsound.com #storievere
Ghina Datinguinoo
Ghina Datinguinoo - 2 minuti fa
Yi posso capire
3LENN! !
3LENN! ! - 2 minuti fa
Nel dubbio, sto con ciccio
only dr4gon
only dr4gon - 3 minuti fa
Be il padre a ragione cazzo scappare con un bimbo di 7 anni di notte
Thomas Del Piero
Thomas Del Piero - 6 minuti fa
Viva la matematicaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa😍😍😍
only dr4gon
only dr4gon - 7 minuti fa
Hahaha assurdo il titolo
Giulia_ Patta_
Giulia_ Patta_ - 8 minuti fa
Min 3:00 macheca
Luca Aglan
Luca Aglan - 8 minuti fa
Hai fatto la cosa giusta
Sofia Soldaini
Sofia Soldaini - 11 minuti fa
0:02 AIUTO QUANTE DITA HA IN UNA MANO?! Ahahahahahahahah
Maria Del mondo
Maria Del mondo - 11 minuti fa
Ti amo storievere
Icephoenix95
Icephoenix95 - 19 minuti fa
*Secondo me, Leah ha fatto proprio bene (la madre si è comportata da str***a e da tr**a con entrambi gli uomini in questione), però in effetti se si faceva gli affari suoi e non avesse cercato di trovare l'anima gemella per la madre su Tinder sarebbe stato meglio. Le storie d'amore serie, solide e durature solitamente sbocciano più facilmente se inizi a frequentare un uomo incontrato nella vita reale e non su Internet. Ad ogni modo, è proprio vero il detto «Chi si fa i fatti suoi, campa cent'anni»...mai farsi gli affari degli altri U.U*
Criberemoji 99
Criberemoji 99 - 24 minuti fa
0:02, solo io ho stoppato per contare se le dita erano veramente 15?
primo cesarini
primo cesarini - 29 minuti fa
Scegli tuo padre
Arseus 07
Arseus 07 - 29 minuti fa
Per me é meglio che resti con il padre
Aurora Quadrio
Aurora Quadrio - 34 minuti fa
Raga ma è Archie Andrews (chi ha visto Riverdale può capire)
Frostyy BTW
Frostyy BTW - 38 minuti fa
Nome della prossima storia:Un alieno mi ha messo incinta e mia madre si è spaventata e mi ha detto che quello era mio padre ma poi scopro che è mio zio è che aveva l'ossessione di mangiare i peperoncini è che io in realtà sono lesbica ed ho partorito un biscotto gigante
ERMAN51 BLAMED
ERMAN51 BLAMED - 38 minuti fa
0:23 F o 6 deciditi
{ Alisøn }
{ Alisøn } - 39 minuti fa
Prossimo titolo: ho mangiato un riccio e ora godo troppo,Like se la hai capita😂😉😉😉😉😂
Sonia Tagliaferri
Sonia Tagliaferri - 40 minuti fa
Bravo hai fatto la scelta giusta
nicoldoraimonprevoluscion official
nicoldoraimonprevoluscion official - 40 minuti fa
All inizio ho visto più di 5 dita non so voi.
ineedminyoongi_
ineedminyoongi_ - 42 minuti fa
all'inizio il protagonista ha quindici dita.
Mr. SaaS
Mr. SaaS - 43 minuti fa
Viva l'M16
makimura yome
makimura yome - 58 minuti fa
MA PERCHÉ IL DOTTORE SI È BEVUTO IL SANGUE OMMIODDIO
Antonio Cortellucci
Antonio Cortellucci - Ora fa
ma il preservativo no ?
Claire Marie
Claire Marie - Ora fa
Non puoi mai abbandonare un figlio per trovare il vero io. Nessuna scusa è accettabile.
CHOUKRI ADAM
CHOUKRI ADAM - Ora fa
Anche io da grande voglio fare L ingegnere
1000 ISCRITTI E SENZA VIDEO !!
1000 ISCRITTI E SENZA VIDEO !! - Ora fa
Io amo sto canale!♥♥ Leggi il mio nome e fallo! :D
Angela Beggio
Angela Beggio - Ora fa
Siamo tutti con te!... Non ci pensare la vita va avanti 😁
Team sweet unicorns
Team sweet unicorns - Ora fa
Genitori pazzi ancora ! Ormai ci siamo abituati 😂
Super Youtuber. !!!
Super Youtuber. !!! - Ora fa
Miseria non mi vorrei trovare nella tua situazione Siccome io sono in difficoltà a scegliere tra un pasticcino e un bignè. 😂😂😂😂
Ale Crosilla
Ale Crosilla - Ora fa
Tua madre è un po’ stronza
Cristian Luzzani
Cristian Luzzani - Ora fa
Gli uomini alcune volte sono buoni altre volte no.
モネMonet
モネMonet - Ora fa
I genitori non dovrebbero mai rinnegare i propri figli...mai....povera Riley....
モネMonet
モネMonet - Ora fa
La nonna di Zoe si meriterebbe uno schiaffo
Cristian Luzzani
Cristian Luzzani - Ora fa
1:36 ma quel drago sembra zanna curva
ENDERNORMAL
ENDERNORMAL - Ora fa
5:13 IDIOTA IL LINFOMA NN E UN CANCRO
ENDERNORMAL
ENDERNORMAL - Ora fa
Figo pure io ho avuto linfoma di bulkit
forzutello99ッ
forzutello99ッ - Ora fa
Edit : minuto 0:02 Ma quante cazzo di dite ha all inzio mio dio ne ha 78?"😂
Dart Vender
Dart Vender - Ora fa
9:46 Yoda,Luke e Dart Sidious.
Donatella Fierro
Donatella Fierro - 2 ore fa
0:03 come mai ha circa 20 dita😂😂?
Dart Vender
Dart Vender - 2 ore fa
Sempre genitori belli eh🙄
Mauro Ferlini
Mauro Ferlini - 2 ore fa
4:15 carisma 9 power 71 intelletto -100000000 destrezza 40 magia 2 bellezza-100000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000
Chloe Moon
Chloe Moon - 2 ore fa
Prima di tutto non ci si può dare la colpa se una persona viene presa sotto..la colpa è di chi guida, che dovrebbe rispettare i limiti..visto che in prossimità di strisce si deve rallentare.. La colpa è stata lasciarlo perché lo dicono gli amici..Non mi pare una cosa sensata..ognuno ha la propria testa e bisogna imparare ad usarla da soli. Gli amici veri vogliono la tua felicità..Una relazione con un disabile non è difficile..è una relazione come tutte le altre.
krasimir andonov
krasimir andonov - 2 ore fa
Anche tu guardi Marion Blue?
Zaghor 76
Zaghor 76 - 2 ore fa
per me mandali tutti e 2 a fanculo e stai con una persona che ti vuole bene (tua zia)
Giulia Cafiero
Giulia Cafiero - 2 ore fa
0:03
Pietro Calluso
Pietro Calluso - 2 ore fa
Ma quanti like avrebbe questo commento se tutti mettessero like??
•❀Aʟʏ~Nᴇᴋᴏᴄʜᴀɴ❀•
•❀Aʟʏ~Nᴇᴋᴏᴄʜᴀɴ❀• - 3 ore fa
Credo che restare con il padre sia stata la scelta migliore. Anche il padre ha sbagliato, ma d'altra parte lui non ha mai abbandonato suo figlio. La madre non solo l'ha abbandonato, ma non si è fatta nemmeno sentire per ben 5 anni. E poi ritorna con tutte le lettere del figlio a cui non ha mai risposto solo per aver un pretesto di portarlo via con sé. Lel. Ovviamente non so se le storie siano vere o false. Ma mi piace farmi i film mentali :)
Conny Scialla
Conny Scialla - 3 ore fa
Chi lo guarda pk non è andato a scuola?! 💖
Amanda Shehu
Amanda Shehu - 3 ore fa
Hai fatto bene a rimanere con tuo padre fidati👍👍
Matteo Farina
Matteo Farina - 3 ore fa
Io sceglierei il povero padre visto che è malato e ha bisogno di supporto e poi tua madre ti ha abbandonato
Skull Company
Skull Company - 3 ore fa
brett??? brett pitt....
Martina Dicarolo
Martina Dicarolo - 3 ore fa
ma e' stupido partorire un bambino quando si e' adolescenti.
Tommaso Bianchi
Tommaso Bianchi - 3 ore fa
Io sceglierei il padre, ok magari non è perfetto ma è comunque la persona che ti ha cresciuto
Sebastian Hillary
Sebastian Hillary - 3 ore fa
2:56 ci sono i personaggi di altre storie
Federico Giannotta
Federico Giannotta - 3 ore fa
Like chi non a scuola
Dani Spina OwO
Dani Spina OwO - 3 ore fa
Che brutto avere una madre così
Cristiano Partinico
Cristiano Partinico - 3 ore fa
Non mi sembra molto cattivo il padre ansi
FBI – Federal Bureau of Investigation
FBI – Federal Bureau of Investigation - 3 ore fa
Video: 1% presentazioni 4% depressione 95% STRONZATE *stonks*
SB gamer
SB gamer - 4 ore fa
Sei stata un po troppo affrettata
Monika
Monika - 4 ore fa
Oddio che bella la voce che gli avete dato al ragazzo
il king sapio
il king sapio - 4 ore fa
Io non ho uno smartphone
Luca Ligorio
Luca Ligorio - 4 ore fa
Anche oggi una storia felice domani metti like a sto commento se oggi nn sei andato a scuola: per malattia sospensione o avete marinato scuola oppure avete fatto finta di essere malati mettiii likeeeeeee
꧁Kriss_ Kate꧂
꧁Kriss_ Kate꧂ - 4 ore fa
Il padre in versione Yoda è assolutamente da incorniciare 😂
YF_DarkGamer
YF_DarkGamer - 4 ore fa
Like per chi la pensa come me
YF_DarkGamer
YF_DarkGamer - 4 ore fa
Secondo me la nonna è la madre fanno così perché vogliono che le loro figlie non abbiano un compagno
Chiara Simonetti
Chiara Simonetti - 4 ore fa
Se davvero voleva bene al figlio, perché non ha risposto alla lettera del figlio invece di darle al suo avvocato!
Hornshadow 123
Hornshadow 123 - 4 ore fa
Ma esiste una cosa chiamata servizi sociali, ma non lo so, sapete me ne ha parlato un mio amico, ma non credo che stia dicendo la verita', mah?chi lo sa'?boh
Chiara Marcellino
Chiara Marcellino - 4 ore fa
PERSONE CHE NON SONO A SCUOLA...
La bella Hiba
La bella Hiba - 4 ore fa
15cesima
Alice sarelli
Alice sarelli - 4 ore fa
Ciao persone ammalate come me che oggi non sono andate a scuola 😂🤧🤒
Ray X
Ray X - 4 ore fa
11esimo
jokerwolf
jokerwolf - 4 ore fa
Non scrivere primo
bylona_official Bazhura
bylona_official Bazhura - 4 ore fa
Chi tra le 50 visualizzazioni?
info sandiwa
info sandiwa - 4 ore fa
Bel video
_gacha_ _ely_
_gacha_ _ely_ - 4 ore fa
3 visua e 18 like...
Federico Fabrizio
Federico Fabrizio - 4 ore fa
terzo
Aurora Marangi
Aurora Marangi - 4 ore fa
Primo
Luni 88
Luni 88 - 4 ore fa
22222222
Martin David Music
Martin David Music - 4 ore fa
3
Asmae Sima
Asmae Sima - 4 ore fa
2
What Does Doggo Mean?
What Does Doggo Mean? - 4 ore fa
E anche oggi c'è una storia con almeno un genitore pazzo o stronzo
anna ronni
anna ronni - 4 ore fa
Grande
Marta Incarbone
Marta Incarbone - 4 ore fa
1 mettete like se nn sei andato/a a scuola 😖
Blackmoon Lilith
Blackmoon Lilith - 5 ore fa
Io sono stata adottata da quando avevo 1 mese, i miei genitori me l’hanno detto fin da subito che ero stata adottata, adesso a 30 anni, mi chiedo chi siano i miei veri genitori, ma alla fine la mia famiglia è chi mi ha cresciuta e dato amore, non chi mi ha abbandonata
Ilenia Rosa
Ilenia Rosa - 5 ore fa
Avete mai provato a mandare la vostra storia a STORIE VERE?
Selena Cautieri
Selena Cautieri - 5 ore fa
Sempre e soltanto divorzi! Ahahha
sante brun
sante brun - 6 ore fa
Io giuro che dal titolo pensavo che si fosse innamorata del padre
DEBIA
DEBIA - 6 ore fa
È una stronza infame
Capo Branco
Capo Branco - 6 ore fa
Si ma il doppiaggio magari riguardatelo. perché fa veramente schifo, impegnatevi un po' di più!
Antonio Federico
Antonio Federico - 6 ore fa
Il cornuto è l'ultimo a sapere le cose
Maria Alessia Jirillo
Maria Alessia Jirillo - 7 ore fa
Ma che madre é questa 😠😠😤😤
Gjërgj Kastrioti
Gjërgj Kastrioti - 11 ore fa
FBI OPEN UP
Milton DeHaan
Milton DeHaan - 12 ore fa
Tutti i video sono storie vere di persone che lo hanno vissuto?
Bb Nn
Bb Nn - 12 ore fa
😂 e poi ci sono io ce mi sono inamorata😍 del figlio del migliore amico di mio padre ma i miei mi inpediscono di stare con lui😭
Arthur Morgan
Arthur Morgan - 13 ore fa
Basterebbe organizzare un incontro con la nonna della ragazza
Diana Elsayed
Diana Elsayed - 13 ore fa
Va bene tutto ma un po’ stronza lo sei stata eh
Not set
Not set - 14 ore fa
Solo io dalla copertina ho pensato che la ragazza stava guardando.. Avete capito...
alearalelink
alearalelink - 14 ore fa
questa che sta ad ascoltare tutto quello le dicono la nonna e la madre
avakin diavla
avakin diavla - 14 ore fa
prossimo titolo: sono un fazoletto e mio padre l'ha scoperto!
Hater di Jok3rofficialtube BMCHEGIOCAAFORTNAIT
Hater di Jok3rofficialtube BMCHEGIOCAAFORTNAIT - 14 ore fa
E poi c'è la gente come me che invece di non uscire per giocare gioco perché non esco